Tempeste solari: il loro impatto sulla Coscienza umana

Il 27 agosto 2018 è avvenuta una tempesta solare molto importante (1). Com’è noto le tempeste solari rilasciano un’enorme quantità di energia, che a loro volta inducono variazioni del campo magnetico terrestre.
E la variazione del campo magnetico terreste influenza la nostra ghiandola pineale, con effetti molto differenti sull’uomo.
Secondo gli studi del Prof. Alexander Trofimov questo processo si manifesta in:
– cambiamento della memoria a breve termine e del comportamento emozionale;
– equilibrio tra attività dell’emisfero cerebrale sinistro e destro;
– cambiamento nella percezione del tempo;
– fenomeni di chiaroveggenza;
– telepatia;
– aumento delle capacità mnemoniche, aumento del QI e cambiamenti di attività elettriche nel cervello…

Vai all’articolo

Il Cambiamento che terrorizza la Mente

di Claudio Guarini
Ciò che sto per dirti potrebbe non piacerti affatto. Tu non sei la tua mente! Ma saperlo a livello intellettuale, non ha grande utilità. Divenirne realmente consapevole ti permette, invece, di uscire dal disco incantato del dolore in cui la mente si identifica.
Perché non vuoi accorgerti che cerchi ancora la via breve, facile, indolore ma soprattutto che accontenti la tua idea di felicità? Non hai ancora capito che è proprio quell’idea che devi smantellare?
È un’illusione pensare che tutto sia perfetto e che dobbiamo lasciarlo così com’è. Se c’è un problema alla base, occorre andare all’origine o tutto continuerà a ripetersi. Basta con questa new age che dice che serve solo un pensiero positivo e il problema scompare. Il pensiero appartiene alla mente che poi genera l’emozione che a sua volta dà l’illusione di una reale percezione.La mente non va riprogrammata ma ripulita…

Vai all’articolo

Schiavi di un Sé Fantasma

di Daniela Di Gregorio
Abbiamo vissuto la nostra vita in modo del tutto inconsapevole. Ci hanno sempre detto come dovevamo essere, cosa dovevamo fare, come dovevamo vivere. Ci hanno programmati.
Ora abbiamo la possibilità di cambiare, di scegliere, abbiamo la possibilità di risvegliarci e riprendere in mano la nostra vita, con la possibilità di riscrivere la nostra storia… da adesso in poi.
“Vi ricordate chi eravate prima che il mondo vi dicesse chi dovevate essere?” (David Icke). 
È necessario abbandonare ciò che immaginavamo di essere e scegliere ciò che vogliamo essere. Perché noi non siamo ciò che ci è successo! Passiamo la vita a fare lavori che non sono i nostri, ad avere convinzioni che non sono le nostre…

Vai all’articolo

Tremate, tremate le coscienze son destate…

Risveglio delle coscienze

di Marcello Pamio
«Otto friulani su 10 consultano internet per cercare informazioni sulla propria salute e l’80% va alla ricerca di rimedi a disturbi o malattie anche gravi».
A lanciare questo gravissimo allarme è il dottor Guido Lucchini, presidente dell’ordine medici e odontoiatri di Pordenone. I medici sono bravi a fare le analisi, ma le sintesi forse sono impossibili per certe menti incastonate in un sistema rigido e cristallizzato.
La domanda che si farebbe un bambino è la seguente: se 8 friulani su 10 passano dalla medicina allopatica a quella naturale e complementare – cercando altre strade terapeutiche – ci saranno delle motivazioni o sono tutti squilibrati da internare? Sono tutti ignoranti?…

Vai all’articolo

Risveglio di Coscienze

Ragazzi che saltano

di Pierluigi e Melissa
Siamo Melissa e Pierluigi, 2 italiani che hanno scambiato una vita ordinaria con la libertà di un’alternativa nomade. In sella alle nostre bici giriamo per il mondo alla ricerca di conoscenza e libertà, riappropriandoci del nostro diritto alla vita.
Negli ultimi tempi ci siamo resi conto che l’essere umano sta attraversando un periodo di grandi cambiamenti, l’evoluzione non è mai stata così rapida e spesso ci invita ad un nuovo cammino, che ci sembra così lontano dal binario percorso sino ad oggi, da farci dubitare che sia davvero il nostro nuovo destino.
Sempre più gente si rende conto che la tanto ambita laurea, il posto in banca o nell’azienda X, non hanno nulla a che vedere con la propria vita, con il proprio talento e con la propria missione…

Vai all’articolo

L’identificazione con l’io: la porta dell’inferno

Ego

di Ajad Akaam
Essere una persona, non significa pensare di dover essere scollegati dal resto dell’universo, poiché invece se ne fa completamente parte. Essere una persona, non significa creare un io assetato di potere e ricchezza incolmabili.
Essere convinti che quell’io sia davvero reale, significa accecare la coscienza e metterla al servizio di un’illusione. E le conseguenze, in questo caso, saranno catastrofiche non solo per il singolo individuo ma per tutta l’umanità.

Immaginare di essere troppo piccoli per poter partecipare al cambiamento globale a favore di una nuova umanità, significa già essere intrappolati in quell’io, significa aver già spalancato le porte dell’inferno

Vai all’articolo

Appartieni a quell’1% della popolazione che spazzerà via le Elite globali?

light dark

Quando parliamo di Elite Globale pensiamo a quell’1% più ricco del mondo, che prospera grazie al consumismo globale.
A costoro non importa del risultato delle proprie azioni, fintanto che esse portano un enorme profitto. Hanno in programma la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale, con consumatori ipnotizzati che vivono in un governo mondiale. In questo modo possono rimanere al potere (il che significa che potranno continuare a portare avanti la loro attività) ed i loro consumatori saranno “soddisfatti” (dipendenti) dai loro prodotti, senza rendersi conto dei danni che potranno subire dal consumarli.
Tuttavia, in questo massiccio 99% della popolazione mondiale c’è un minuscolo 1% che potrebbe essere la chiave per ripristinare l’equilibrio del mondo 

Vai all’articolo

È il potere a fabbricare il terrore, ma il 30% non ci casca più

Kamikaze e fabbrica del terrore

La Terza Guerra Mondiale? Ci siamo già dentro, ed è cominciata l’11 settembre del 2001, con l’attacco alle Torri Gemelle e quindi le invasioni dell’Afghanistan e dell’Iraq. Da allora… solo guerra!
Non c’è davvero altro modo per definire lo scenario di inarrestabile e devastante destabilizzazione globale, con milioni di morti e popoli in fuga, in un’area vastissima: dall’Asia Centrale al Medio Oriente, all’Africa, fino al terrorismo finto-islamista che minaccia l’Europa.

La buona notizia – l’unica – è che un buon 20-30% dell’umanità di sta…

Vai all’articolo