Continua lo Spostamento del Polo Nord magnetico

Il polo nord magnetico “scappa” verso Nord e la navigazione è a rischio. Ha attraversato il meridiano di Greenwich, dirigendosi verso la Siberia.
La migrazione potrebbe mandare in tilt le app e i sistemi per la navigazione marittina. Alcuni esperti ipotizzano l’inversione tra polo nord e polo sud, avvenuta già 780mila anni fa. La “fuga” del polo nord magnetico verso la Siberia continua a preoccupare gli scienziati di tutto il mondo. Il fenomeno sotto osservazione da mesi rischia di mandare in tilt le app negli smartphone, nonché la navigazione marittima e aerea basata su programmi militari e civili.
Il fatto è che il polo nord magnetico è il punto della superficie terrestre dove le linee di flusso del campo geomagnetico, creato dal ferro fuso che si muove nel nucleo del pianeta, sono perpendicolari al suolo e dirette verso il terreno. Dalla sua posizione dipendono infatti le regolazioni di bussole e di sistemi di navigazione…

Vai all’articolo

Tempeste solari: il loro impatto sulla Coscienza umana

Il 27 agosto 2018 è avvenuta una tempesta solare molto importante (1). Com’è noto le tempeste solari rilasciano un’enorme quantità di energia, che a loro volta inducono variazioni del campo magnetico terrestre.
E la variazione del campo magnetico terreste influenza la nostra ghiandola pineale, con effetti molto differenti sull’uomo.
Secondo gli studi del Prof. Alexander Trofimov questo processo si manifesta in:
– cambiamento della memoria a breve termine e del comportamento emozionale;
– equilibrio tra attività dell’emisfero cerebrale sinistro e destro;
– cambiamento nella percezione del tempo;
– fenomeni di chiaroveggenza;
– telepatia;
– aumento delle capacità mnemoniche, aumento del QI e cambiamenti di attività elettriche nel cervello…

Vai all’articolo

Il Campo Magnetico Terrestre si sta indebolendo: misteriosa anomalia in Africa

di Andrea Centini
A circa 3mila chilometri di profondità sotto l’Africa meridionale, una vasta area di densissima roccia sta influenzando il ferro che genera il campo magnetico terrestre, provocando un indebolimento significativo della magnetosfera chiamato “Anomalia del Sud Atlantico”. Il fenomeno potrebbe essere alla base della futura e temuta inversione dei poli.
Una vasta area di densa roccia sita al confine tra il nucleo esterno (liquido) della Terra e il mantello soprastante, più freddo e rigido, sta indebolendo il campo magnetico del nostro pianeta, influenzando il ferro che lo genera.
Lo studio di questa misteriosa regione rocciosa, che si trova a 2.900 chilometri di profondità, potrebbe svelare i segreti di uno dei più grandi misteri della geologia, ovvero l’inversione periodica dei poli magnetici, un evento verificatosi già varie volte in passato e che potrebbe ripresentarsi nel prossimo futuro.
Gli scienziati sono preoccupati dal fenomeno per gli effetti potenzialmente catastrofici sulla vita…

Vai all’articolo

I “cinguettii” cosmici delle onde elettromagnetiche

Uccellini spaziali, grilli celesti: ora possiamo ascoltare i suoni prodotti dai flussi di particelle cariche delle Fasce di Van Allen, attorno alla Terra. Alcuni hanno un’aria quasi familiare…
La fascia di Van Allen interna (dai 1000 ai 6 mila km) e quella esterna (10 mila – 65 mila km): queste cinture di particelle altamente energetiche avvolgono la Terra.
Craig Kletzing, professore di Fisica all’Università dell’Iowa (Stati Uniti), si occupa da anni dello studio delle onde radio che circondano la Terra. Questa disciplina ha un aspetto molto serio e uno più giocoso. Il secondo è quello che tra poco vi faremo ascoltare: Kletzing ha tradotto parte dei dati raccolti in file musicali, che danno un’idea di come lo Spazio sia tutto, tranne che un luogo silenzioso.
Ne potete avere un assaggio qui sotto: …

Vai all’articolo