Agente della CIA Confessa sul Letto di Morte: “Ho Ucciso Bob Marley”

di Baxter Dmitrij

Bill Oxley, un ex agente della CIA, ha affermato di essere stato spesso utilizzato come sicario per assassinare individui che potevano rappresentare una minaccia per gli obiettivi dell’agenzia.

L’ex agente della CIA confessa sul letto di morte: “Ho ucciso Bob Marley”

Un ufficiale in pensione di 79 anni della CIA, Bill Oxley, circa un anno fa fece una serie di confessioni sorprendenti dopo che fu ricoverato presso il Mercy Hospital nel Maine e gli fu detto che gli restavano ancora poche settimane di vita. Affermò di aver commesso 17 omicidi per conto del governo americano tra il 1974 e il 1985, incluso quello dell’icona della musica, Bob Marley.

Il signor Oxley, che ha lavorato per la CIA per 29 anni come agente con autorizzazioni di sicurezza di alto livello, affermò di essere stato spesso utilizzato come sicario dall’organizzazione. Addestrato come cecchino e tiratore scelto, il signor Oxley aveva anche una significativa esperienza con metodi non convenzionali per infliggere danni agli altri, come veleni, esplosivi, attacchi cardiaci indotti e cancro.

L’agente, 79 anni, affermò di aver commesso gli omicidi tra il marzo 1974 e l’agosto 1985, in un periodo in cui, secondo lui, la CIA “era una legge a sé stante”. Disse che faceva parte di una cellula operativa di tre membri che commetteva omicidi politici in tutto il paese e occasionalmente in paesi stranieri.

La maggior parte delle vittime erano attivisti politici, giornalisti e leader sindacali, ma confessò anche di aver assassinato alcuni scienziati, ricercatori, medici, artisti e musicisti, le cui idee e influenza “rappresentavano una minaccia per gli interessi degli Stati Uniti”.

Affermò di non aver avuto problemi a portare a termine l’assassinio di Bob Marley, perché Ero un patriota, credevo nella CIA e non mettevo in dubbio le motivazioni dell’agenzia. Ho sempre capito che a volte bisogna fare dei sacrifici per il bene comune”.

Ma il signor Oxley confessò che Bob Marley rimane unico tra le sue vittime, poiché era l’unica vittima per cui “provava qualcosa”: Gli altri erano degli stronzi. Bob Marley era Bob Marley. Allora non ero più vicino all’hippy dai capelli lunghi di quanto lo sia adesso, ma devo ammettere che la musica di Bob mi ha commosso. Aveva un certo potere su di me”. Affermò di provare “sentimenti contrastanti” riguardo alla morte di Bob Marley.

Da un lato, Marley era “un brav’uomo, un’anima bella” con profondi doni artistici” che non meritava che la sua vita fosse stroncata. Ma secondo Oxley Bob Marley metteva in pericolo anche gli obiettivi della CIA e minacciava l’esistenza degli Stati Uniti: Stava riuscendo a creare una rivoluzione che utilizzava la musica come uno strumento più potente di proiettili e bombe. Bob Marley nel 1976 rappresentava una minaccia molto seria per lo status quo globale e per i mediatori di potere nascosti che implementavano il loro piano per un nuovo ordine mondiale.

Per quanto riguardava l’agenzia, Bob Marley aveva troppo successo, troppo famoso, troppo influente… Un rastaman giamaicano che iniziò a usare i suoi fondi e la sua fama per sostenere cause in tutto il mondo che erano in diretto conflitto con la CIA… A dire il vero, lui ha firmato la propria condanna a morte.”

“Non è che non lo avessimo avvertito. Mandammo alcuni ragazzi a sparare alla sua casa a Kingston”, dice il signor Oxley, riferendosi a una sparatoria nella residenza di Marley che lasciò il cantante con un braccio e il petto feriti. “Avevamo un messaggio per lui. Gli abbiamo fatto capire la gravità della situazione in cui si trovava. Non ci ha ascoltato“. “Due giorni dopo, in montagna, l’ho infilzato con lo spillo.”

Come Bob Marley è Stato Assassinato dalla CIA

Due giorni dopo che Bob Marley fu colpito al braccio sinistro da uno dei tre uomini armati che avevano teso un’imboscata al cantante e ad alcuni membri della sua troupe nella sua casa di Kingston, e dopo un breve periodo in ospedale, Bob Marley si recò sulle protettive colline delle Blue Mountains e trascorse del tempo nel punto più alto della Giamaica, provando per un prossimo concerto.

Il signor Oxley, usò le credenziali della stampa per ottenere l’accesso a Bob Marley durante il suo ritiro sulle Blue Mountains. Si presentò come un famoso fotografo che lavorava per il New York Times e fece un regalo a Bob Marley.

“Gli regalai un paio di Converse All Stars. Taglia 10. Quando ha provato la scarpa giusta, ha gridato “OUUUCH”. “Questo è tutto. La sua vita era finita proprio lì e in quel momento. Il chiodo della scarpa era contaminato da virus e batteri cancerosi. Se gli perforava la pelle, cosa che è avvenuta… buonanotte”.

“C’erano stati una serie di omicidi di alto profilo di personaggi della controcultura negli Stati Uniti tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta. Quando arrivò il momento di Bob Marley, pensavamo che la sottigliezza fosse all’ordine del giorno. Niente più proiettili e cervelli schizzati”.

Il signor Oxley affermò di aver mantenuto stretti contatti con Marley durante gli ultimi anni della sua vita, assicurandosi che i consigli medici ricevuti a Parigi, Londra e negli Stati Uniti avrebbero accelerato la sua morte piuttosto che curarlo“. Morì di cancro nel maggio 1981. Aveva solo 36 anni.

L’ultima foto di Bob Marley, giorni prima della sua morte

L’ultima volta che ho visto Bob prima che morisse si era tolto i dreadlocks e il suo peso stava cadendo come un macigno”, dice. “Era molto riservato, incredibilmente piccolo. Si stava rimpicciolendo davanti a noi. Il cancro aveva fatto il suo lavoro“.

Il giorno della sua morte a Miami è stato sicuramente uno dei momenti più difficili della mia carriera. Mi sono sentito davvero male. Per molto tempo non mi sono sentito a mio agio per aver preso parte alla sua morte. Ma alla fine ho capito che doveva essere fatto, per l’America”.

Articolo di Baxter Dmitrij

Fonte originale: https://thepeoplesvoice.tv/cia-agent-deathbed-bob-marley/

Fonte: https://sadefenza.blogspot.com/2024/04/lagente-della-cia-confessa-sul-letto-di.html

L'ENNEAGRAMMA UNIVERSALE
Quaderni di lavoro su di sé
di Corrado Malanga

L'Enneagramma Universale

Quaderni di lavoro su di sé

di Corrado Malanga

Un quaderno per andare in profondità e lavorare su di te.

In questo breve quaderno-libricino il Professor Corrado Malanga condensa i concetti essenziali dell’Enneagramma e mostra come questo sia un simbolo destinato all'evoluzione della coscienza umana.

Uno strumento che contribuisce al raggiungimento della Conoscenza di Sé e degli altri e allo sviluppo della Consapevolezza

  • Cos'è l'Ennegramma?
  • Quali sono le sue radici storiche?
  • Quali sono le sue applicazioni sia dal punto di vista teorico che pratico?
  • In che modo può elevare la nostra Consapevolezza?

L'Enneagramma è uno strumento dalle molteplici qualità e funzioni, utilizzato sia in ambito psicologico, religioso che esoterico. Per esempio, in psicologia descrive in modo preciso differenti aspetti dell'esperienza umana e nove diversi tipi di personalità, ciascuno con un suo preciso modello mentale, emotivo e sensoriale.

Il Professor Malanga, ricercatore sul rapporto tra scienza, coscienza e consapevolezza di Sé e autore di numerosi libri di successo, ci accompagna così in un percorso alla scoperta di uno degli strumenti più importanti a nostra disposizione per comprendere noi stessi e la realtà che ci circonda.

Formalmente, l'Enneagramma è rappresentato da un cerchio che include un triangolo equilatero intersecante una figura a sei lati. I punti che toccano il cerchio sono numerati da uno a nove in senso orario e sono collegati da linee e frecce. Si tratta dunque di un simbolo caratterizzato da nove postazioni in cui primeggiano tipologie di "caratteri umani".

Ci sono delle frecce, come fossero percorsi di interconnessione, che sembrano far capire come si possa migrare tra una personalità e l'altra. Esistono dei numeri che indicano le nove personalità esistenti e caratterizzanti gli esseri umani in modo del tutto generale e generico. Alle singole personalità, sono assegnati anche dei colori.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *