Vivere a lungo: non dipende dagli anni che hai, ma da quanti ne dimostra il tuo cuore

di Catia Penta
L’indicatore più credibile per capire quanto a lungo (si spera) vivremo, è l’età del cuore. Non l’età anagrafica, dunque, ma l’età fisiologica del muscolo più importante.
La rivelazione è frutto di un’importante ricerca americana pubblicata dall’European Journal of Preventive Cardiology, secondo cui sapere l’età fisiologica del proprio cuore può diventare uno stimolo importante a svolgere attività fisica e condurre uno stile di vita sano.
La ricerca
Per ben 24 anni, dal 1991 al 2015, i ricercatori della Cleveland Clinic hanno analizzato i dati di 130.000 persone che si sono sottoposte ad un elettrocardiogramma sotto sforzo…

Vai all’articolo

Malati di farmaci

Per parlare dell’abuso di farmaci, prendiamo spunto dall’ultima puntata della stagione 2018-19 della trasmissione Presadiretta, che è stata dedicata proprio a questo argomento. Il servizio di Danilo Procaccianti è partito da un allevamento di maiali, nel quale un’intera stanza è dedicata ai medicinali per gli animali, tra cui molti, troppi antibiotici.

“Gli antibiotici consumati in Italia si consumano per lo più in zootecnia: il 70% del venduto è usato negli allevamenti, in misura tripla rispetto, ad esempio, a quelli francesi e sono usati non per gli animali malati, ma somministrati a tutti gli animali”, raccontava al giornalista, Simone, dell’associazione “Essere animali”.
Si danno antibiotici ai cuccioli più deboli, a quelli che sembrano più spossati, senza nessuna indicazione da parte di veterinari. L’abuso di antibiotici non avviene solo negli allevamenti di maiali, gli antibiotici si somministrano anche alle mucche, ai polli… ed è a causa di questo abuso che abbiamo creato il fenomeno della “antibiotico resistenza”

Vai all’articolo

Scuola e Vaccini, la nuova legge toglierà il Ricatto?

di Gioia Locati
L’antefatto: Eravamo scesi in piazza per questo. Per chiedere a gran voce che le malattie non si prevengano con il ricatto. È sleale – per non dire illegale – condizionare un diritto garantito dalla Costituzione (come il frequentare la scuola), alla completezza del libretto vaccinale.
Un diritto vive di vita propria, se lo concedi “sotto condizione …” lo snaturi, non è più un diritto. Tuttavia è successo. La legge 119/17 ha introdotto “la prevenzione sanitaria con ricatto” avvalorando un rapporto mercenario tra l’atto del vaccinare e l’ingresso a scuola. Se fino a due anni fa il medico suggeriva il meglio per noi – che poteva essere anche “ora quel vaccino no” – d’un tratto la politica ha deciso che lo Stato fa meglio del medico. Scordatevi il posto dell’accoglienza per antonomasia, la mano che sostiene le mamme lavoratrici: stop a nidi e materne se non prestate il braccio di vostro figlio a 10 punture. Do ut des, bellezza. È il mestiere più vecchio del mondo, occorre farsene una ragione

Vai all’articolo

Come ridurre l’Acidità corporea con la Dieta Alcalina

di George Luis
Parliamo di dieta alcalina e cibi acidificanti. Conoscere la differenza fra questi cibi è qualcosa di molto importante per il nostro benessere e la nostra vitalità. E anche se non alcalinizziamo al 100% il nostro corpo è importante farlo almeno al 60- 70%.
Ma vediamo un po’ che cosa sono i cibi alcalinizzanti e i cibi acidificanti. A seconda delle loro caratteristiche nutrizionali, tutti i cibi possono essere classificati in alcalini o acidificanti. Il metro attraverso il quale si può misurare l’alcalinità o l’acidità dei cibi è il pH. Il pH il è una scala di valori che va da 0 a 14 e viene usato anche per misurare l’acidità e l’alcalinità all’interno del nostro corpo. Come? Analizzando liquidi organici come il sangue, la saliva o l’urina.
Come facciamo a capire se l’ambiente all’interno del nostro corpo è acido o alcalino?
È piuttosto semplice come concetto:
– Se il pH all’interno del nostro corpo è compreso fra 0 e 7.06 l’ambiente all’interno del nostro corpo è acido.
– Se è uguale a 7.o7 è neutro.
– Se invece è compreso fra 7.o7 e 14.14 il pH si può definire alcalino o basico

Vai all’articolo

Prof. Franco Berrino: “Ci vogliono tristi e ammalati per far salire il Pil”

“Ci vogliono tristi e ammalati per far salire il Pil. Chi è felice, infatti, non consuma, non cerca cibo o abiti di cui non ha bisogno”.
L’epidemiologo Franco Berrino intervistato dal Corriere della Sera: “C’è bisogno della consapevolezza di non avere bisogno di consumare in eccesso, a dispetto dell’economia”. “Ci vogliono tristi per far salire il Pil. Ma io vi spiego come essere felici”, dice Franco Berrino, 75 anni, medico di lungo corso e epidemiologo, che per molti anni ha lavorato all’Istituto Nazionale Tumori di Milano.
Oggi Berrino promuove la corretta alimentazione, come prezioso strumento per prevenire le malattie e mantenersi in salute. In occasione dell’uscita del suo libro “La via della leggerezza” (Mondadori), il medico è stato intervistato dal Corriere della Sera…

Vai all’articolo

La Curcumina per combattere il Cancro: adesso è possibile!

di Zeina Ayache
Nella Curcuma c’è una sostanza, la “Curcumina”, che è in grado di bloccare le cellule del cancro e sconfiggere la malattia. I ricercatori sono riusciti a trovare il modo di far affluire la curcumina nel sangue, incrementando le possibilità di utilizzarla realmente come trattamento: ecco come funziona.
La curcumina, un estratto della “Curcuma longa”, è in grado di sconfiggere le cellule cancerose e adesso si può pensare seriamente ad una terapia, visto che i ricercatori sono finalmente riusciti a sciogliere il pigmento in acqua. Ma cosa significa?
La Curcumina contro il cancro
Precedenti studi avevano dimostrato che la curcumina è in grado di interferire con i processi biochimici delle cellule tumorali impedendone la proliferiazione. Ai tempi però i ricercatori dovettero fermarsi perché non si riusciva a trovare un modo efficace per permettere alla curcumina di entrare nel flusso sanguigno: veniva, infatti, espulsa troppo rapidamente per poter colpire le cellule malate…

Vai all’articolo

Rapporto Colesterolo totale e HDL: l’Indice di Rischio Cardiovascolare

Dott.ssa Federica De Santi
Il rapporto colesterolo totale e HDL, serve per determinare l’Indice di rischio cardiovascolare.
Lo so, la parola “rischio” ti ha messo su un po’ di paura, ma come suggerisce la parola stessa, il rischio è solo una possibilità. Non è detto che si verifichi, ma conoscere i propri livelli di colesterolo è il primo passo per iniziare una corretta prevenzione o per verificare l’efficacia di qualsiasi terapia a base di farmaci, integratori o alimenti. Solo così puoi iniziare a prenderti cura della salute del tuo cuore, dei vasi sanguigni e delle arterie.
Perché il colesterolo alto è pericoloso?
Per quanto demonizzato, il colesterolo è un elemento fondamentale per la salute di tutte le cellule, in particolare dei neuroni. Inoltre, questa sostanza è importante per la creazione di: ormoni steroidei, acidi biliari, vitamina D, ormoni sessuali… Insomma la sua parte di utilità c’è, ed è molto consistente!…

Vai all’articolo

Vaticano: Sì al farmaco per cambiare sesso

 di Riccardo Cascioli
Anche dal Vaticano arriva la benedizione per il farmaco blocca-pubertà, e nella Chiesa si grida allo scandalo.
Il placet è arrivato sotto forma di una intervista compiacente che il portale ufficiale vaticano Vatican News ha fatto alla filosofa del diritto Laura Palazzani, membro della Pontificia Accademia per la Vita e del Comitato Nazionale di Bioetica (Cnb). La Palazzani ha difeso la recente decisione dell’Agenzia del farmaco (Aifa), di inserire fra i medicinali erogabili a carico del Servizio sanitario nazionale, la molecola Trp-triptorelina, detta anche “farmaco blocca-pubertà”.
In pratica, agli adolescenti ritenuti affetti da disforia di genere, ovvero che hanno difficoltà a identificarsi con il proprio sesso, sarà possibile somministrare a spese del contribuente questo farmaco che bloccherà per qualche anno un evento fisiologico fondamentale, la pubertà, in attesa che l’adolescente decida di che “genere” voglia essere…

Vai all’articolo

La Spiritualità protegge il Cervello

La spiritualità, di qualsiasi tipo, sembra proprio che faccia bene al cervello. Aumentano le connessioni cerebrali e si riduce il rischio di depressione: lo dicono gli esperti della Columbia university.
Succede qualcosa nel cervello quando ci accingiamo a coltivare la nostra spiritualità. Aumenta la “sostanza bianca” e questo correla con un minor rischio di depressione. Ora arrivano gli scienziati della Columbia e New York State Psychiatry Institute a confermarlo: si vede attraverso la risonanza magnetica.
Gli effetti sul cervello
Più spiritualità, più religiosità, portano il cervello a sviluppare più connessioni cerebrali: questa è la tesi. Anche nelle persone ad alto rischio di depressione, per fattori genetici (genitori depressi), si vede che la pratica spirituale rende più spessa la corteccia del cervello nelle aree parietali e occipitali…

Vai all’articolo

Il Potere nascosto dell’Acqua

C’è un’azione che tutti noi compiamo quotidianamente, a qualsiasi età, senza conoscere il potere nascosto dietro ad essa. Sappiamo tutti quanto sia importante bere acqua in maniera sufficiente ogni giorno. La disidratazione e i problemi di salute sono, infatti, strettamente correlati. Tuttavia l’acqua può fare molto di più!
Una delle più importanti ricerche sull’acqua che il mondo abbia conosciuto, è stata fatta dallo scienziato giapponese Dr. Masaru Emoto, che ha studiato per più di 20 anni come la struttura molecolare dell’acqua si trasformi quando è esposta a parole, suoni, pensieri e intenzioni umane.
Le incredibili scoperte del Dott. Emoto sono documentate nei suoi libri best seller. In sintesi, egli dimostra come l’acqua esposta ad intenzioni umane positive: bontà, amore, benevolenza, gratitudine, compassione, ecc. porti alla formazione di meravigliose strutture molecolari nell’acqua, ovvero di bellissimi cristalli; mentre l’acqua esposta a intenzioni umane negative come la paura, la rabbia, la cattiveria, l’odio, ecc. si traduce in formazioni molecolari fisiche disconnesse, brutte, caotiche, disarmoniose…

Vai all’articolo

Curare le allergie in modo efficace

Per curare le allergie in un modo efficace, bisogna prestare molta attenzione ai fattori che l’hanno provocata. Curare esclusivamente i sintomi non è una soluzione.
Parliamo di fattori psicologici che possono provocare e allora anche curare allergia. L’allergia è una malattia legata al sistema immunitario. Spesso una persona che soffre di allergia, tende ad isolare se stessa da qualcosa o da qualcuno. In altre parole, la persona si sente aggredita e cerca di aumentare le autodifese.
Per curare allergia, dobbiamo combattere contro la negatività e l’ipersensibilità. L’ipersensibilità può essere dovuta alla troppo alta sensibilità del corpo sottile e dalla carenza di doti positive del carattere. In altre parole, alcune persone cercano di essere sensibili, ma non allo scopo di essere più buoni o pazienti, bensì per mascherare l’egoismo o l’arroganza. Queste persone richiedono di essere al centro dell’attenzione, ma non vogliono dare niente in cambio…

Vai all’articolo

13 milioni di euro nel 2016 da Glaxo a Istituto Superiore Sanità, ospedali, asl, università, medici e pediatri?

Pubblichiamo la presunta rendicontazione 2016, dei finanziamenti della GlaxoSmithKline.
Se il documento fosse confermato, si potrebbe teorizzare su coloro che vanno in TV o sui giornali a parlare sempre bene dei vaccini, negando l’inverosimile e spacciandosi per medici indipendenti e liberi, quanto meno, un notevole ed evidente conflitto di interessi.
Non abbiamo motivo di dubitare dell’autenticità del documento (in fondo all’articolo), visto che il finanziamento di Glaxo (e di altre case farmaceutiche) a società come FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) e SIP (Società Italiana di Pediatria), era stato già pubblicamente rivelato dagli inviati della trasmissione televisiva La Gabbia Open del 31/05/2017 su LA 7 e poi candidamente confermato dal Presidente stesso della SIP, il dott. Alberto Villani, lo stesso che ha recentemente ed arbitrariamente “deciso”, contro ogni logica scientifica, l’assoluta inutilità degli esami e dei controlli pre-vaccinali sui bambini…

Vai all’articolo

I migliori 9 oli vegetali da usare in cucina: caratteristiche e benefici

Molto utilizzati in cucina per varie preparazioni, di oli vegetali ne esistono di tanti tipi ed ognuno ha caratteristiche peculiari. Scopriamo quali sono i migliori oli da usare in cucina, le loro proprietà nutrizionali e i migliori utilizzi.
Negli ultimi anni si è avuto un aumento dei tipi di olio in vendita nei supermercato, e scegliere il più adatto per l’alimentazione diventa abbastanza complicato. Noi cercheremo di mettere a confronto quelli più utilizzati e di capire le differenze tra di loro. Gli oli vegetali possono essere benefici o, al contrario, nocivi a seconda di quanto ne consumiamo e dell’uso che ne facciamo.
Gli oli vegetali non sono altro che grassi liquidi a temperatura ambiente. 
Essi si ricavano attraverso spremitura o pressione a freddo o tramite estrazione con solvente, dai frutti o dai semi delle piante. Un olio di qualità è stato ricavato per spremitura a freddo, in quanto questo metodo di estrazione non altera le caratteristiche nutrizionali dell’olio. Quindi rimangono intatti gli acidi grassi, le vitamine e gli antiossidanti come i polifenoli, che hanno azione antinfiammatoria…

Vai all’articolo

Consumo quotidiano di Sale: quanto e come

di Giampietro Comolli
Il sale da cucina è un composto chimico formato da un reticolo di ioni sodio (Na+) e ioni cloruro (Cl-). In natura si può trovare sia allo stato solido, come cristallo nei giacimenti minerali (in questo caso è noto come “salgemma”), sia disciolto in acqua marina (conosciuto come “sale marino”).
Il sale marino è ottenuto per evaporazione dell’acqua di mare, in stabilimenti chiamati saline. Il salgemma viene invece estratto in grandi pezzi dalle miniere e ridotto in granuli commerciabili in seguito a macinazione. Il “sale marino integrale” contiene fino a 80-85 minerali ed oligoelementi essenziali in quantità variabili, a seconda dell’area geografica in cui si trova. Tra i più rappresentati troviamo calcio, magnesio, potassio, ferro, iodio e zinco…

Vai all’articolo

Il contatto con la Natura riduce i rischi di depressione e obesità

di Lorenzo Brenna
Il contatto con la Natura riduce i rischi di depressione e obesità. È quanto emerso dal più completo studio mai realizzato che analizza lo stretto rapporto tra ambiente e salute psicofisica.
La vicinanza di boschi, foreste o aree verdi ha un impatto positivo sulla nostra salute psicofisica, e questo non è certo un mistero. È ovvio che una passeggiata nel bosco non può sostituire un intervento chirurgico o una seduta da uno psicoterapeuta laddove ce ne sia bisogno, ma riesce a far evaporare stress, ansia e nervosismo con una rapidità quasi miracolosa, provare per credere. L’ennesima conferma arriva da un nuovo studio, secondo cui le persone che vivono vicino ad alberi e aree verdi avrebbero meno probabilità di essere obese, inattive, o dipendenti da antidepressivi…

Vai all’articolo

“Bisogna vaccinare i bambini volontari”: parola di Pierluigi Lopalco

di Marcello Pamio
Pierluigi Lopalco (epidemiologo dell’Università di Pisa): “Per mettere in commercio un vaccino servono da 8 a 10 anni di ricerca, questo significa che bisogna vaccinare i bambini volontari e bisogna vedere quanto il vaccino sia sicuro e quanto sia efficace”.
L’8 febbraio scorso all’Università di Modena e Reggio Emilia si è tenuta una giornata dal titolo “VacciniaMO”, un incontro rivolto agli studenti degli Istituti superiori di Modena. Si tratta del secondo appuntamento organizzato dalla facoltà di medicina e chirurgia Unimore, d’altronde per il Sistema risulta d’importanza vitale indottrinare le giovani coscienze e plasmare i loro freschi cervelli sul tema vaccinale. Voglio impedire che diventino esseri senzienti e soprattutto pensanti…

Vai all’articolo

7 Strategie (+1) per Mangiare Sano

di Paolo Panatta
Mangiare sano può essere un viaggio lungo, gustoso e senza fine. È alla base della nostra salute e influenza la qualità delle nostre vite.
Non è una privazione, ma un premio continuo per mente, corpo e anima. Impara come nutrirti adeguatamente ed ottenere il meglio dalla tua alimentazione. Mangiare sano è un investimento sicuro sulla propria salute a breve e lungo termine. Il cibo è la nostra fonte principale di energia: alimenta il nostro metabolismo, ci ricarica, ci permette di migliorare il nostro corpo e sentirci meglio. È uno dei tre pilastri per avere una salute d’acciaio; gli altri due sono attività fisica e un buon riposo.
Mangiare sano però non è facile per una precisa condizione presente nelle nostre vite: la mancanza di tempo. Non avendo tempo non possiamo: informarci, scegliere alimenti migliori, cucinarli come vorremmo, portarli con noi…

Vai all’articolo

Gli straordinari benefici della Spirulina

La Spirulina è spesso considerata uno degli alimenti più nutrizionalmente completo e ha innumerevoli usi come integratore per mantenere una buona salute e prevenire le malattie.
Questo perché contiene un’abbondante quantità di importanti nutrienti e antiossidanti, tra cui proteine, carboidrati complessi, ferro e vitamine A e K, così come il complesso B. È anche ricco di clorofilla, acidi grassi e nucleici e lipidi. La spirulina è anche ricca di acido gamma-linolenico o GLA, un composto presente nel latte materno, che aiuta a sviluppare bambini più sani.
La migliore fonte di beta-carotene
La spirulina fornisce una profusione di carotenoidi come il carotene migliore e le xantofille gialle. In realtà, la spirulina è il più ricco cibo in beta-carotene. Il beta-carotene presente nella spirulina è dieci volte più concentrato delle carote.
Ricca in ferro
Il ferro è essenziale per costruire un forte sistema interno, eppure è una delle carenze minerali più comuni (lo zinco è il più comune). La spirulina è ricca di ferro, magnesio e oligoelementi ed è più facile da assorbire rispetto agli integratori di ferro. Dieci grammi di spirulina possono fornire fino al 70% del fabbisogno giornaliero minimo di ferro…

Vai all’articolo

Come proteggersi dalle Onde Elettromagnetiche: accorgimenti e rimedi naturali

Le Onde Elettromagnetiche sono dappertutto e l’inquinamento elettromagnetico che ne deriva può essere molto pericoloso per la salute umana.
L’evoluzione della tecnologia sembra abbia puntato tutto sulla comodità d’utilizzo:computer, cellulari, tablet, connessioni ad internet che sfruttano la tecnologia wi-fi, tenendo poco in considerazione il problema relativo alle onde elettromagnetiche.
L’inquinamento elettromagnetico che deriva dall’emissione di onde elettromagnetiche è, in realtà, parecchio legato alla generazione di campi elettrici prodotti da queste tipologie di dispositivi e gli effetti dell’esposizione a lungo periodo possono essere molto dannosi per la salute ed il benessere psicofisico. Esistono, infatti, sul nostro pianeta innumerevoli campi magnetici ed elettrici che risultano essere innocui per l’uomo, ma per lo più si tratta di una produzione di onde derivante da fonti naturali. Ciò che invece dovrebbe allarmare è l’esposizione a questo tipo di inquinamento prodotto dall’uomo e i danni delle onde elettromagnetiche…

Vai all’articolo

L’Obesità ingrasserà “Big Pharma:” sei nuovi farmaci e un affare da 8,5 miliardi

di Corrado Fontana
Il mercato dei farmaci è in rapidissima espansione: per le imprese farmaceutiche una manna multimiliardaria. Sei molecole sono già pronte. Altre 253 sono in fase di sviluppo.
L’obesità è l’ennesimo capitolo di un sistema globale del cibo sempre più distorto. Un capitolo che, sul modello delle economie più ricche, si diffonde anche e soprattutto in Africa, nei Paesi in via di sviluppo e nelle economie in crescita (Cina in primis). E così le multinazionali del farmaco battono cassa: per loro, che sulla cura dell’obesità puntano moltissimo, le prospettive di mercato sono enormi.
L’obesità è infatti riconosciuta come una patologia cronica, con genesi spesso multifattoriale. È definita come la condizione clinica caratterizzata da…

Vai all’articolo

La capsula di allumino per caffè produce tonnellate di arsenico, titanio, cromo, piombo, vanadio, mercurio, furano

Per una tonnellata di alluminio vengono prodotte quattro tonnellate di residui sotto forma di arsenico, titanio, cromo, piombo, vanadio, mercurio. Sostanze che vanno ad inquinare l’ambiente.
“Sono una capsula di allumino con dentro 4 grammi di caffè. 4 grammi di caffè a 0,40 euro, fanno 100 euro al kg. Grazie ad una produzione di una tonnellata di caffè a settimana, sono la regina del mercato!
Il caffè che uso è quello che costa di meno. Quando le polveri tradizionali vengono torrefatte a 200/220° in 20 minuti per me la torrefazione è a 1000°C per 90 secondi. Anche questo per risparmiare

Vai all’articolo

Olio d’oliva nemico del tumore all’intestino

Il consumo quotidiano di olio extravergine di oliva, aiuta a prevenire e combattere i tumori intestinali.
La scoperta è del gruppo di ricerca di Antonio Moschetta dell’università degli Studi di Bari, grazie a uno studio sostenuto dall’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc), i cui risultati sono pubblicati sulla rivista Gastroenterology.
“L’olio extravergine di oliva – spiega Moschetta – è ricco di acido oleico, una sostanza in grado di regolare la proliferazione cellulare. In studi preclinici abbiamo potuto simulare geni alterati e stati di infiammazione intestinale, dimostrando che la somministrazione di una dieta arricchita di acido oleico, è in grado di garantire notevoli benefici per la salute. Questi effetti positivi sembrano essere dovuti anche alla presenza dell’enzima Scd1 nell’epitelio intestinale, che funziona quale principale regolatore della produzione di acido oleico nel nostro corpo”

Vai all’articolo

Marketing del Latte artificiale: “Pressioni fortissime”

Le pressioni delle multinazionali del latte artificiale e dei biberon sono fortissime ed i social network rappresentano la nuova frontiera del marketing aggressivo dei sostituti del latte materno.
Ci sono aziende, infatti, che regalano alle mamme ciucci, biberon, latte, pappe chiedendo in cambio di condividere su facebook o instagram una foto con il loro bambino che mangia o beve quel latte o quella pappa.
È quanto emerge dalla sesta edizione de il “Codice Violato”, il rapporto sulle violazioni del “Codice Internazionale OMS UNICEF” redatto ogni tre anni circa da da “Ibfan Italia” (International Baby Food Action Network), la rete di associazioni che da anni si batte contro le pratiche scorrette di commercializzazione dei sostituti del latte materno…

Vai all’articolo

Perché ci piace così tanto lo Zucchero

Lo zucchero è la prima sostanza che assaggiamo quando veniamo al mondo. Il latte della mamma, infatti, infonde un’ondata zuccherina nel neonato, donandogli un senso di appagamento e di pienezza.
La dolcezza degli alimenti è da sempre collegata ad un senso di piacere e di benessere interiore. Perfino i primitivi erano sempre alla ricerca di alimenti dal gusto zuccherino, perché probabailmente davano loro l’idea di fare il pieno di energia e vitalità.
In molti la casi la “la voglia di qualcosa di dolce” fa riferimento ad un bisogno di affetto, tuttavia, generalizzare così è riduttivo. Ci sono soggetti appagati dal punto di vista affettivo, che manifestano un desiderio irrefrenabile di dolci, allo stesso modo, tale comportamento può manifestarsi in persone magre e grasse, in persone depresse e felici. È difficile trovare un denominatore comune per tutti…

Vai all’articolo

I bambini vaccinati hanno da 2 a 5 volte più malattie e disturbi di quelli non vaccinati

Ecco le prove di un recente studio tedesco, pubblicato nel settembre del 2011.
Su circa 8000 bambini non vaccinati, di età compresa tra gli 0 ed i 19 anni, si è visto che i bambini vaccinati contraggono da 2 a 5 volte più malattie e disturbi rispetto ai bambini non vaccinati…
Il dato è confrontato con lo studio tedesco KIGGS, sulla salute dei bambini nella popolazione nazionale. La maggior parte dei partecipanti al sondaggio erano statunitensi.
I dati sono stati raccolti da genitori con bambini non vaccinati tramite un questionario via Internet di vaccineinjury.info e Andreas Bachmair, un medico tedesco omeopatico. Lo studio indipendente è auto-finanziato e non è sponsorizzato da una grande e “credibile” organizzazione sanitaria non-profit o del governo con conflitti di interesse politici e finanziari. Ognuno degli 8000 casi, sono casi reali con documentazione medica. Tre altri studi, inoltre, hanno avuto risultati simili secondo Bachmair e sono di seguito riportati:…

Vai all’articolo

Mangiare insetti? Occhio alle infezioni

di Federico Cenci
“La globalizzazione non arriverà sulle tavole degli italiani!”, parola di Ettore Capri, docente di Chimica agraria.
Se qualche anno fa fosse stato chiesto all’italiano medio di assaggiare una cavalletta o una locusta, probabilmente avrebbe reagito in maniera tutt’altro che accondiscendente. Oggi, stando ad un’indagine recente condotta dalla Doxa per conto di Rentokil Initial, il 40% degli italiani sarebbe pronto a mangiare insetti.
Dobbiamo dunque rassegnarci al dominio della globalizzazione, capace di sradicare anche un baluardo d’identità dei popoli come l’enogastronomia? In Terris lo ha chiesto al prof. Ettore Capri, docente di Chimica agraria presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, autore di vari libri tra cui, scritto insieme ad Antonia Corina, “Una sana informazione alimentare” (ed. Mattioli, 2016). Sul tema invita alla prudenza…

Vai all’articolo

I Segni che rivelano l’acidità del corpo e i modi per alcalinizzarlo rapidamente

Un corpo acido è un corpo malsano. Quando il corpo è acido prosperano malattie, batteri e lieviti. Per neutralizzare e rimuovere l’acidità, esso preleva minerali da organi vitali e ossa e di conseguenza importanti riserve minerali come calcio, sodio, potassio e magnesio saranno ridotte, provocando danni e acidosi.
La maggior parte degli alimenti che consumiamo favoriscono l’acidità, come latticini, cereali, carne e zucchero. Poiché il corpo accumula costantemente gli scarti acidi del metabolismo, questi rifiuti devono essere neutralizzati o espulsi in qualche modo. Al fine di neutralizzare gli acidi, il tuo corpo ha bisogno di cibi alcalini.
Nella seguente lista troverai vari sintomi causati dall’acidosi (squilibrio del pH):…

Vai all’articolo

Più consumi latte e più calcio perdi nelle ossa: parola del “British Medical Journal”

Al mondo non esiste alimento migliore del latte. Sì… ma quello della propria specie!
Questo importante alimento che il piccolo prende dalla madre è raccomandato da medici e nutrizionisti per il fabbisogno proteico e in particolar modo per l’apporto di calcio, fondamentale per la crescita ed il mantenimento della struttura ossea. Ma quello che in molti ancora non sanno, o non vogliono sapere, è che quel latte raccomadato è il latte della propria specie, non quello di altre…
Questo importante alimento che il piccolo prende dalla madre è raccomandato da medici e nutrizionisti per il fabbisogno proteico e in particolar modo per l’apporto di calcio, fondamentale per la crescita ed il mantenimento della struttura ossea. Ma quello che in molti ancora non sanno, o non vogliono sapere, è che quel latte raccomadato è il latte della propria specie, non quello di altre…
In questo caso si parla del tanto amato latte vaccino, alimento predisposto esclusivamente per la crescita dei vitellini. La premessa fatta è d’obbligo, perché ancora oggi c’è chi crede che questo tipo di latte faccia bene all’uomo. Questa confusione e questa informazione ingannevole sui benefici del latte vaccino, è naturalmente deleteria, a dir poco, per la salute umana, ma purtroppo ormai impressa nell’inconscio collettivo, per la gioia e i guadagni delle lobby alimentari e farmaceutiche…

Vai all’articolo

Succo di Barbabietola Rossa: 10 benefici importanti

È noto il fatto che la barbabietola rossa sia ricca di ferro e dunque un alimento fondamentale soprattutto per chi segue una dieta vegetariana o vegana. Ma non è questo il suo unico pregio.
Infatti le proprietà di questa “barba rossa” sono molte: contiene vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B, tra cui l’importante acido folico, utile per la gravidanza, ed importanti sali minerali. È ricca anche di ‘antociani’, in grado di combattere i radicali liberi, e quindi ottima in funzione antiage.
Oltre che mangiarla cotta, ancora meglio è gustarla cruda, ad esempio, rinomato è il “carpaccio di barbabietola rossa” (ricetta in fondo all’articolo), oppure, più facilmente, sotto forma di estratto o centrifugato, anche associata ad altre verdure crude e spezie salutari, come la curcuma e lo zenzero.
Scopriamo ora i 10 benefici più importanti per il nostro organismo nel bere del succo di barbabietola rossa…

Vai all’articolo

Il Pane che mangiamo ci sta facendo ammalare

Il pane che consumiamo oggi, non assomiglia minimamente come valore nutritivo, a quello che è stato per tanto tempo il simbolo per eccellenza della nostra alimentazione.
Il pane prodotto oggi, infatti, è una combinazione di sostanze chimiche che sono utili solo per chi lo vende e che danneggiano, invece, chi lo consuma. Ci hanno sempre raccontato che anticamente si sopravviveva a volte mangiando solo pane e cipolla, ma chi pretendesse di fare una cosa simile oggi, sarebbe un suicida. Eliminare il germe e la crusca, vuol dire far perder al pane quasi tutte le sue proteine, i grassi, le vitamine e i minerali.
Il pane che oggi portiamo sulle nostre tavole, è amido che non nutre e che, anzi, ci sovraccarica di calorie vuote e ci porta all’obesità e alla perdita di minerali. Chi non è a conoscenza che il pane bianco produce stitichezza? Quello che invece non tutti sanno, è che produce molte altre malattie tra le quali: obesità, cancro al colon, mancanza di minerali (osteoporosi, artrosi, etc.), emorroidi, colesterolo, diverticoli…

Vai all’articolo