I Paesi dove nessuno (o quasi) muore di Tumore

di Roberto Stanzani
Oggi voglio parlare di quei paesi dove nessuno muore di malattie tumorali. Se stai pensando di lasciare l’Italia per un’altra nazione, potrebbe esserti molto utile sapere quali sono i luoghi dove non si muore di cancro.
Quello di trasferirsi in un altro paese, non è affatto un progetto semplice da portare a termine e chiama in causa vari aspetti, alcuni dei quali sono legati alla sfera economica, come il costo della vita, la tassazione, il livello di disoccupazione ecc… Ci sono poi alcuni argomenti che il più delle volte si trascurano e a cui non viene data la giusta considerazione.
A me personalmente incute parecchio timore pensare di spostarmi in regioni della terra in cui è molto alto il rischio sismico. Conosco poi diverse persone che non si trasferirebbero mai in un paese dove i diritti umani non sono perfettamente tutelati (libertà di stampa, libertà di religione, schiavitù, pena di morte, diritti della donna…). Ancora, ci sono ragazzi e ragazze che amano la vita di mare e vorrebbe trasferirsi dove l’acqua è davvero incontaminata.
Dopo un lungo ed appassionante lavoro, ho selezionato tutti gli aspetti-chiave per la vita di un espatriato, ho raccolto i dati per ognuno dei 196 Stati del mondo e ho scritto un e-book intitolato “Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre”. Ed è proprio da questo e-book che ho preso i dati per scrivere l’articolo di oggi. Infatti, un capitolo dell’opera, è dedicato specificatamente alle malattie che colpiscono i vari paesi del mondo…

Vai all’articolo

Gli effetti della flora batterica sul nostro comportamento

di Enrica Gaetano
Uno studio di Johnson e Foster dell’Università di Oxford, pubblicato su Nature Reviews Microbiology, offre una nuova prospettiva sulla relazione mente-corpo, investigando i legami tra cervello, flora batterica e intestino.
Una crescente mole di studi sta documentando gli effetti dei microrganismi intestinali, il cosiddetto microbiota, sul cervello e sul comportamento, tanto da coniare un termine per descrivere questa relazione: asse microbiota-intestino-cervello (Rhee, Pothoulakis & Mayer, 2009).
Per esempio, studi sugli animali hanno mostrato come il trapianto del microbiota fecale da un ratto ad un altro, possa far sì che i tratti comportamentali del ricevente si accomunino con quelli del donatore (Bercik et al., 2011), o come i Lactobacilli e Bifidobatteri possano ridurre sintomi ansiosi e depressivi, sia negli animali che negli umani (Pinto-Sanchez, Hall et al., 2017)…

Vai all’articolo

Nutriamoci con i cibi della Felicità: ecco quali sono

Ebbene sì, anche i cibi possono farci felici, ma non solo perché ci piacciono e ci soddisfano nel momento in cui li mangiamo, ma anche perché contengono sostanze in grado di stimolare il buonumore e tranquilizzarci.
Quali sono i portatori di felicità nascosti nei cibi? Le sostanze della felicità nel nostro corpo sono tre: la serotonina, la dopamina e la melatonina, che agiscono sui neurotrasmettitori, cioè i conduttori di informazioni al nostro sistema nervoso e al nostro cervello.
Queste tre sostanze sono fondamentali. Regolano l’umore e lo stato d’animo, la memoria, l’apprendimento, il comportamento e il sonno. Se nel nostro corpo scarseggiano, ce ne accorgiamo subito: ansia, stress ed emozioni negative si impadroniscono facilmente di noi. Conduttrici di buonumore sono anche le vitamine: B1,B12, C, E, e l’acido folico; i sali minerali: magnesio, selenio, calcio, zinco e gli acidi grassi essenziali omega3…

Vai all’articolo

Ecco come le “Big Pharma” mettono fuori gioco le cure naturali

Mi sono documentato sulle cure naturali e su come il sistema delle Big Pharma, che hanno il controllo assoluto della sanità, della medicina e della ricerca, riescano a mettere fuori gioco le cure naturali.
È un tema così vasto, che meriterebbe la scrittura di un libro di 1.000 pagine, pertanto in questo articolo cercherò di riassumere i punti essenziali, fornendovi spunti per approfondire le ricerche, se vi interessa l’argomento.
Le cure proibite
Un ottimo modo per togliere di mezzo piante medicinali, è farle proibire. Farle mettere “fuori legge”, impedendone la diffusione. Per indurre i governi a proibire una determinata pianta, è sufficiente che questa sia ritenuta pericolosa per la salute.
Ci sono, ad esempio, potenti alcaloidi naturali che hanno spiccate doti curative, ma che se assunti in modo scorretto, possono nuocere. È una cosa “normale”, ovvia. Ma la pericolosità viene strumentalizzata per eliminare la pianta. Sarebbe come vietare il caffè, perché se ne bevi due litri rischi di morire.
Un medico ha analizzato numerose “piante proibite”, scoprendo che quasi tutte avevano spiccate proprietà terapeutiche…

Vai all’articolo

In Tibet la usano da 5000 anni: ecco la ricetta contro Artrite, Pressione Alta, Gastrite e Infiammazioni

In un antico monastero tibetano, è stata trovata la ricetta di un rimedio naturale che risale a circa 5.000 anni fa. È così potente che si è dimostrata efficace nel curare una vasta gamma di problemi di salute.
Questa incredibile ricetta richiede di utilizzare solo un paio di ingredienti. Inoltre, prendere quotidianamente qualche goccia di questo elisir è tutto ciò di cui hai bisogno per raggiungere un immediato sollievo da tantissimi problemi di salute e patologie.
I benefici dell’antica ricetta tibetana
Diamo un rapido sguardo ai benefici e agli incredibili aiuti che questa antica ricetta tibetana è in grado di offrire:

  • Si è dimostrata in grado di curare l’aterosclerosi, una forma di arteriosclerosi caratterizzata da infiammazione cronica delle arterie di grande e medio calibro che si instaura a causa dei fattori di rischio cardiovascolare, impedendo il normale flusso del sangue.
  • La ricetta è stata utilizzata da persone che soffrono di pressione alta, un problema che può aumentare notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari

Vai all’articolo

Il flash che cura l’Alzheimer

di Andrea Sperelli
Sintomi della malattia ridotti grazie a una luce stroboscopica.
Basta un flash per rallentare il decorso dell’Alzheimer. Lo hanno dimostrato i ricercatori del Mit e del Georgia Institute of Technology che su “Nature” hanno pubblicato i dettagli della loro sperimentazione.
Gli scienziati hanno esposto un gruppo di topi affetti da Alzheimer a impulsi luminosi intermittenti emessi da una luce stroboscopica. Con 40 flash al secondo di una specifica frequenza, i sintomi della malattia risultavano attenuarsi, con conseguente riduzione nel cervello di proteine beta amiloidi.
“Avevamo notato che nei topi malati di Alzheimer le onde cerebrali gamma sono più deboli, e questo fin nelle primissime fasi della malattia: anche prima dell’accumulo delle placche amiloidi e prima che i topi mostrino problemi di memoria”, spiega intervistata da Repubblica, Annabelle Singer, docente di ingegneria biomedica alla Georgia Tech University di Atlanta e coautrice dello studio…

Vai all’articolo

9 motivi per usare la Soia

di Antonio Colasanti
Glicyne max è la nomenclatura latina della soia, legume nato 3.000 anni fa in Cina, diffusosi in tutta l’Asia e oggi prodotto in tutto il mondo per uso alimentare umano, per il bestiame e come fertilizzante.
Dai semi, interi, macinati o fermentati, si ottiene la farina, l’olio o il latte che hanno un contenuto proteico importante, sono ricchi di grassi omega 3 e 6, scarsi glucidi e poco calcio. Dalla soia si ottengono dei derivati quali il miso, il tofu, il tempeh, il natto, il tamari. Molto usati i germogli e la lecitina, che si ottiene per emulsione.
Nella soia sono contenute delle sostanze simili agli estrogeni umani, chiamati “fito-estrogeni” quali genisteina, okasteina, ginestina.
Tali sostanze risultano protettive e curative per:…

Vai all’articolo

I Benefici psicofisici del Camminare

di Fabiana Latella
Sappiamo che camminare previene l’insorgenza di molte malattie. Con una media di 15.000 passi al giorno (quelli consigliati dall’Associazione Mondiale della Sanità) possimo evitare di incappare in problemi cardiovascolari (riducendo le probabilità di infarto), diabete di tipo 2 e problematiche legate al sovrappeso.
Anche i benefici psicologici di questa pratica sono tanti e con essa si può raggiungere il giusto equilibrio psicofisico. Camminare è un’attività semplice, rilassante, naturale e poco sfruttata. Nella società occidentale, purtroppo, le abitudini sono radicalmente cambiate e si sono imposti nuovi costumi, soprattutto riguardanti gli stili di vita.
Spostamenti: Oggi preferiamo le scale mobili a quelle normali, l’ascensore per fare uno o due piani, i rulli che negli aeroporti ci trasportano comodamente fino alla sala d’attesa del nostro volo. Abbiamo perso il sano piacere di camminare e di fare le scale.
Lavoro: Per non parlare dei lavori d’ufficio e di tutti quelli che comprendono l’uso del computer. Siamo abituati a stare seduti per oltre 8 ore al giorno, alzandoci solo per andare in bagno o per una pausa caffè di 5 minuti…

Vai all’articolo

Rigenera il fegato con il Cardo Mariano

Il Cardo Mariano libera da scorie e tossine il nostro organismo quando è affaticato e rinnova i tessuti logorati dagli eccessi di cibo.
Questa bella pianta delle “Composite”, usata fin dal Medioevo, deve il suo nome a una tenera leggenda: le macchie bianche che costellano le foglie inferiori, disposte a stella, sarebbero state formate dalle gocce di latte cadute dal seno della Madonna mentre allattava il piccolo Gesù.
Il cardo mariano cresce ovunque nel bacino mediterraneo, svettando i fiori piumosi color ametista sul lungo gambo fibroso. Usato fin dall’Alto Medioevo, il cardo mariano entra in tutti gli erbari come rimedio per le fitte al cuore e all’addome, contro le emorragie e i crampi infantili…

Vai all’articolo

5 miglioramenti che accadranno in te se elimini lo zucchero

Siamo stati abituati sin da piccoli a desiderare lo zucchero e per questo motivo quando si decide di smettere di assumerne in eccesso, si noteranno accadere diversi fatti positivi.
Prima di tutto chiariamo alcune cose. Ci sono vari tipi di zucchero presenti negli alimenti, ci sono, ad esempio, quelli naturali della frutta (alimento imprescindibile di una dieta sana), quelli presenti nel latte, ecc. Poi ci sono quelli raffinati, il cui sovradosaggio risulta deleterio per la salute; questi tipo di zuccheri sarebbero da scartare totalmente.
Ecco i benefici derivanti dall’eliminazione parziale o totale degli zuccheri raffinati:
1. La vostra energia aumenterà.
Quando siamo stanchi la maggior parte di noi ha la tendenza ad assumere zucchero attraverso bevande energetiche o contenenti caffeina. In realtà, in questo modo stiamo impedendo al nostro fisico di trovare un suo equilibrio nell’erogazione dell’energia, causando dei veri e propri alti e bassi energetici. Solo assumendo meno zucchero in eccesso, avremmo quindi un più costante flusso di energia per tutta la giornata…

Vai all’articolo

Rischio Tumore con i cibi “ultra-processati”

di Andrea Tosi 
I cibi “ultra-processati” come le merendine e le pietanze pronte da riscaldare, ma anche le bibite gassate, sono sempre più nel mirino della scienza per i loro potenziali e molteplici effetti negativi sulla salute dell’uomo.
Sono anni ormai che studi scientifici evidenziano legami tra il consumo di carni processate (come gli affettati, le carni in scatola, ecc.), di zucchero bianco raffinato e il rischio di sviluppare tumori.
Una nuova ricerca della Sorbona di Parigi e della Università di San Paolo in Brasile, e pubblicata sull’autorevole rivista scientifica British Medical Journal, chiarifica con rigore statistico il pericolo di incappare nella terribile malattia del cancro e le sue varianti, attraverso il consumo dei cibi classificati come “ultra-processati”…

Vai all’articolo

Vivere una vita alla grande

Intervista a Claudio Pagliara (Bellaria, RN, Convegno Il Mistero dell’Esistenza Umana)
La medicina olistica aumenta i poteri della medicina e delle persone. È quella medicina che si occupa del trattamento della persona in tutte le sue dimensioni.
Il vissuto e le emozioni di una persona sono dimensioni fondamentali nella nascita e nell’evoluzione della malattia.
Ci hanno fatto credere che il mondo esterno sia più reale del mondo interno. Invece, molti dei nostri problemi si risolvono ritrovando il contatto con noi stessi, con il nostro cuore e la nostra mente. Perdendo il contatto con se stessi, molte persone hanno perso il contatto con la propria vera potenzialità.
Ciascuno di noi è diverso e unico e ha un dovere: quello di scoprire e realizzare la propria missione.
L’amore non è innato, ma è una capacità che si deve e si può sviluppare. Imparare ad amare significa imparare ad assumersi la responsabilità e il piacere di voler sviluppare le potenzialità dell’oggetto d’amore.
Video dell’intervista:

Vai all’articolo

Fuga dalle città: la felicità è una casa nel bosco

Chi vive vicino agli alberi ha un cervello meno stressato.
Le persone che vivono in città mostrano un’amigdala più attiva di quelle che vivono nella natura. Il che significa che depressione, ansia e tensione vanno a braccetto con smog, traffico, rumore e affollamento urbano. Fuori dalle città, invece, si vive meglio e la prova si trova proprio nell’amigdala. Chi vive circondato da alberi, prati e fiori, lontano dall’inquinamento dell’aria e dai rumori del traffico, infatti, possiede un’amigdala meno attiva rispetto a chi convive con smog, frastuono, ecc…

Vai all’articolo

Cambiare Alimentazione: una sfida a favore della Salute

Ogni giorno, per tre volte al giorno, 7 giorni a settimana, ci sediamo a tavola per mangiare. Ma quante volte ci fermiamo a pensare cosa abbiamo nel piatto? Cosa stiamo facendo per costruire la nostra salute e quella dei nostri cari?
Sì, perchè, come dico sempre ai miei figli: “Noi siamo quello che mangiamo! Se costruiamo una casa con materiale scadente o non adatto, crollerà presto! Se invece utilizziamo dei buoni prodotti durerà a lungo nel tempo.”

Dobbiamo quindi prestare molta attenzione al cibo che mangiamo. Se non sarà quello giusto o sarà di qualità scadente, probabilmente non avremo una buona salute.

Sono ormai parecchi anni che leggo e studio libri e libri su cibo e salute, nel cercare cosa è meglio mangiare e cosa no. Alla fine, sono arrivata alla conclusione…

Vai all’articolo

Paraplegico cammina per 4 metri comandando le gambe con la forza del cervello

di Francesca Mancuso
Non camminava da 5 anni, ma grazie a un sistema di elettrodi esterni, il suo cervello ha comunicato coi muscoli, spingendoli a muoversi. Ed è così che l’uomo è riuscito a percorrere 3,66metri. Un piccolo tratto per chiunque ma per lui una vera e propria impresa.
Buona volontà, tanto allenamento e sofisticate tecnologie hanno permesso all’uomo, da tempo paraplegico, di camminare attraverso un sistema basato su un elettroencefalogramma (EEG).
Non un miracolo, né false promesse di immediata guarigione per chi ha subito traumi spinali. Ma pur sempre una speranza: è la prima volta che una persona con paralisi completa ad entrambe le gambe a causa di lesioni del midollo spinale, è in grado di camminare senza fare affidamento su arti robotici controllati…

Vai all’articolo

Camminare nella natura per curarsi

di Massimo Clementi
Il Dott. Robert Zarr è un pediatra dell’Upper Cardozo Health Center, che nutre un fortissimo interesse per i benefici che derivano dall’attività fisica che si svolge all’aria aperta.
È il medico simbolo del “Parks DC Rx”, un innovativo programma di salute pubblica creato con l’obbiettivo di combattere gli effetti negativi della vita urbana, attraverso la prescrizione di attività da svolgersi all’aria aperta.
Il Dott. Zarr quando parla di questo programma sanitario ha in mente moltissimi disturbi che stanno diventando un vero flagello per le popolazioni occidentali, come l’obesità, il diabete e i diversi disturbi legati all’ansia e alla depressione…

Vai all’articolo

I grassi buoni: una protezione efficace per il sistema vascolare

di Doris Fritzsche, Friedrich Bohlmann, Marlisa Szwillus
A lungo termine, l’alta concentrazione di grassi nel sangue porta alla calcificazione dei vasi sanguigni e all’aumento del rischio di infarto. La giusta quantità, insieme alla giusta qualità, dei grassi alimentari assunti, aiuta a riequilibrare il metabolismo dei lipidi.
Tra le più frequenti malattie collaterali del diabete di tipo 2, troviamo l’ipertensione e le dislipidemie (disturbi del metabolismo dei grassi). Entrambe rappresentano un ulteriore peso per l’apparato circolatorio. Per valutare il rischio individuale di malattie cardiocircolatorie, i medici misurano non soltanto la pressione arteriosa ma anche i seguenti valori lipidici nel sangue: i trigliceridi, nonché le lipoproteine HDL e LDL, responsabili del trasporto di lipidi e colesterolo. Le HDL sono lipoproteine ad alta densità, che trasportano il colesterolo dalle cellule al fegato; hanno una funzione purificante per il sistema vascolare e lo proteggono dalla calcificazione. Quindi, avere alti valori HDL, almeno 40 mg per 100 ml di sangue, è un buon segno…

Vai all’articolo

Creato in Giappone nuovo dentifricio che cura la carie

Una nuova scoperta rivoluzionaria nel settore dell’igiene dentale, è stata fatta dallo scienziato giapponese Kazuo Jmagashi.

Grazie a un nuovo dentifricio, sarà molto semplice e indolore curare i fori e fessure dentali e oltretutto esso potrà rigenerare lo smalto dei denti, senza la necessità di andare dal dentista.

Nella sua composizione è simile allo smalto dei denti e può essere applicato direttamente sulle carie dentali. Questo materiale è il risultato di molti esperimenti con idrossiapatite – principale composto del dente.

In principio, l’acido in questa sostanza scioglie facilmente la superficie dello smalto danneggiato. Dopo tre minuti, la pasta cristallizza e le sostanze artificiali sono incorporate nella struttura dello smalto naturale dei denti. Inoltre,…

Vai all’articolo

Chemioterapia in crisi: 6 farmaci su 10 autorizzati senza prove di efficacia e sicurezza

Due terzi dei farmaci antitumorali che hanno recentemente ricevuto l’autorizzazione per la messa in commercio da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco (European Medicines Agency – EMA), non introducono nessun miglioramento rispetto ai chemioterapici già in commercio, né in termini di incremento dell’aspettativa di vita, né di miglioramento della qualità di vita.
La ricerca condotta dal King’s College e dalla London School of Economics, ha preso in esame i trattamenti oncologici approvati dall’Agenzia Europea del Farmaco tra il 2009 e il 2013: su 48 trattamenti approvati per 68 diverse indicazioni, ben 39 di queste (il 57%) sono state ritenute inefficaci quanto a miglioramento della qualità della vita o della sopravvivenza dei malati.
Il coordinatore dello studio, dott. Courtney Davis, ha commentato: “Quando farmaci costosi che mancano di un’evidenza robusta sul beneficio clinico per il paziente vengono approvati e rimborsati dai fondi pubblici dei sistemi sanitari, si tratta di uno spreco di fondi pubblici e danno per i pazienti”

Vai all’articolo

Studio italiano sui super-anziani svela il segreto per una lunga vita

di Alessandro Nunziati
Il Cilento è una terra di longevità e di salute. In un piccolo paesino di poche migliaia di persone, Acciaroli, la densità di individui che superano il secolo di vita, è maggiore di quella raggiunta dalla studiatissima isola giapponese di Okinawa.

Con un’aspettativa di vita media di 92 anni per le donne e 85 per gli uomini (a fronte di una media italiana rispettivamente di 84 e 79), il paese di Acciaroli, in provincia di Salerno, ha una delle più alte concentrazioni al mondo di centenari, anche superiori a Okinawa, città del Giappone nota per la longevità dei suoi abitanti.

Lo studio pilota CIAO (Cilento Initiative on Aging Esito) guidato da Salvatore Di Somma, professore di Medicina Interna dell’Università La Sapienza di Roma, ha preso in…

Vai all’articolo

Il senso di fragilità personale: l’Ipocondria

di Simona Chiari
Cos’è l’ipocondria? L’ipocondria è un disturbo legato all’idea o al timore di avere una grave malattia, a volte anche mortale. Le persone che soffrono di questo disagio, tengono costantemente sotto controllo il loro organismo, verificando di continuo la presenza di eventuali segni di malattia.
La conoscenza produce forza, ma anche preoccupazione. I continui progressi della medicina scientifica ci hanno resi  più consapevoli dei mali che potrebbero colpirci, nel corpo e nell’anima. A dimostrazione di una cultura del presente che è però antica, in occidente siamo diventati ipocondriaci da almeno un paio di millenni: Ippocrate descrisse il concetto di ipocondria nel “Male degli ipocondrici”, come un disordine della mente e dello stomaco, che procurava problemi digestivi, grave melanconia e paura di morire. La connessione di stomaco e tristezza non ci sorprende: i greci pensavano, infatti, che nell’addome fosse situata la sede dei sentimenti e delle passioni umane…

Vai all’articolo

La tragedia silenziosa che sta colpendo i bambini di oggi

“Occorre fare dei cambiamenti nella vita dei nostri bambini prima che un’intera generazione vada sotto farmaci”.
“C’è una tragedia silenziosa che si sta svolgendo proprio ora, nelle nostre case, e riguarda i nostri gioielli più preziosi: i nostri bambini. Attraverso il mio lavoro con centinaia di bambini e genitori come ergoterapista (terapia occupazionale), ho visto questa tragedia svolgersi proprio sotto i miei occhi. I nostri bambini sono in uno stato emotivo devastante!” Inizia così un articolo di Victoria Prooday, una psicoterapeuta canadese (di origini ucraine) specializzata in terapia occupazionale e che lavora con bambini, genitori e insegnanti.

Come si legge nell’articolo (letto da 10 milioni di persone), negli ultimi 15 anni sono state pubblicate statistiche…

Vai all’articolo

Caffè d’orzo: proprietà, valori nutrizionali, controindicazioni

Cos’è il caffè d’orzo? Il caffè d’orzo è conosciuto in tutto il mondo. In Spagna e Sud America è il “Cafè de cebada”, in Giappone “mugicha” e nei Paesi anglosassoni potete chiedere il “coffee of barley”: sono tanti i nomi con cui è ormai conosciuta nel mondo quella che, per noi, è ormai una tipica bevanda italiana.
Citando il Verga che diceva che “In tempo di carestia pane d’orzo”, di fatto raccontiamo della storia di questo cereale sulle tavole degli italiani. Il caffè d’orzo fu dunque, una bevanda “da poveri e da carestia” che vide la maggior diffusione di questo surrogato del caffè durante la Seconda Guerra Mondiale, quando l’originale era introvabile e costosissimo, a causa degli embarghi e del protezionismo. Tra gli altri surrogati troviamo quello al tarassaco, alla cicoria, ai fichi, al malto e ai lupini “Bauernkaffee”, in Tirolo, caffè del contadino…

Vai all’articolo

Depurare il colon: cosa mangiare e cosa evitare

di Anna Pannico
Depurare il colon è un’azione che possiamo eseguire autonomamente, avvalendoci dei cibi e delle attività che in maniera naturale favoriscono tale attività.
Il colon è uno degli organi del corpo più sensibili e maggiormente esposto a disturbi e malattie, talvolta anche gravi. Siccome lo “stato di salute” del colon condiziona il benessere dell’intero organismo, è necessario depurare il colon dai veleni che ostacolano il corretto funzionamento del transito intestinale.
Come depurare il colon con i rimedi naturali
Il colon è la parte dell’intestino dove cominciano a formarsi le feci e nella quale avviene la sintesi delle vitamine e l’assorbimento dei liquidi (acqua e sali minerali). Non depurare il colon compromette queste funzioni.
Nella maggior parte dei casi il colon è danneggiato da una cattiva alimentazione oppure da uno stile di vita poco sano che, a lungo andare, lo indeboliscono nelle sue normali funzionalità…

Vai all’articolo

Mani che curano

Può trattarsi di una stretta di mano calorosa, di un abbraccio stretto, della sensazione della pelle sulla pelle nel rapporto intimo e perfino di un massaggio rilassante: il contatto fisico è una vera panacea, non solo per la nostra mente, ma anche per il corpo.
Sono numerose le ricerche scientifiche che dimostrano l’effetto della stimolazione tattile sull’organismo. Il contatto è in grado, infatti, di ridurre la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca; inoltre, aumenta l’efficienza del sistema immunitario e allevia il dolore. La tradizione cristiana attribuisce al contatto un potere ancora più strabiliante: toccando si può guarire. Nel Vangelo numerosi miracoli vengono realizzati dal Messia con l’imposizione delle mani; ad esempio, in un passo si legge: “Mosso a compassione, [Gesù] stese la mano, lo toccò e gli disse: “Lo voglio, guarisci!”. Subito la lebbra scomparve ed egli guarì” […](Vangelo secondo Marco 1,40-45)…

Vai all’articolo

Come il sistema immunitario interferisce nelle nostre relazioni sociali

Uno studio rivela l’esistenza di una relazione tra il nostro sistema immunitario e il nostro comportamento sociale.
Un rivoluzionario studio, pubblicato su una delle più importanti riviste del settore, Nature, svela l’esistenza di una relazione tra il sistema immunitario – vale a dire il complesso di organi, cellule e tessuti che lavorano insieme per difendere e proteggere dagli attacchi patologici il nostro organismo – e il sistema nervoso; o meglio, tra il sistema immunitario e il nostro comportamento sociale.
Studiare il comportamento sociale delle persone è un’attività molto complessa, che richiede una serie di competenze in differenti campi di studio, come la sociologia, la psicologia, l’etnologia, le neuroscienze e via dicendo. Ciò che ha permesso di comprendere questa ricerca, è stata l’importanza che assume un’ulteriore disciplina nell’analisi e nello studio delle azioni comportamentali umane, vale a dire l’immunologia…

Vai all’articolo

Mirko Busto: “L’olio di palma non fa male? Andatelo a dire ai bambini indonesiani”

di Mirko Busto
100.000 morti in un anno. E’ questo l’ammontare dei decessi causati dagli effetti diretti e indiretti degli incendi appiccati in Asia equatoriale nel solo 2015.
Lo rivela uno studio delle università di Harvard e Columbia, pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters. Secondo gli esperti in salute pubblica e modelli atmosferici, questi roghi, appiccati di proposito dalle multinazionali dell’olio di palma nelle foreste dell’Indonesia, sarebbero la causa di oltre 90mila morti premature in Indonesia, più di 6mila in Malesia e 2.200 a Singapore.
A questa già tragica realtà, si aggiungono 500 mila casi di infezione alle vie respiratorie, quasi 50 milioni di persone esposte a fumi tossici 24 ore al giorno per settimane, voli annullati, scuole chiuse anche a Singapore e in Malesia…

Vai all’articolo

“Litigare fa male alla salute”… imparate ad arginare le liti

di Enza Angela Massaro
Quante volte l’ho ripetuta a me stessa questa frase, quando mi trovavo davanti una persona che mi faceva arrabbiare, mi dicevo “mantieni la calma… conta fino a dieci” e poi puntualmente, mi ritrovavo a litigarci, a perdere tempo e a volte anche la salute.
Salute a parte… si fa per dire, a volte, mi è capitato di restarci parecchio male per qualche litigio o conflitto, che è poi sfociato nella rottura della relazione, sia amicale che parentale. Più si conosce una persona, più si dovranno, quindi, cercare di evitare litigi perenni che distruggono tutto.
Le liti sono come un fiume in piena, un concentrato di aggressività repressa, in alcuni individui è facile che tale aggressività venga fuori con maggior facilità, rispetto ad altri più miti, ma non è detto che i più calmi non reagiscano… a volte, anche peggio dei “nervosi”…

Vai all’articolo

Terapia Genica: cellule “riprogrammate” contro il tumore. Primo paziente al Bambino Gesù

Linfociti del paziente, affetto da leucemia linfoblastica acuta, manipolati e reindirizzati contro il bersaglio tumorale. Studio accademico dell’Ospedale pediatrico di Roma promosso da AIRC, Ministero della Salute e Regione Lazio.
Manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore… è quello che hanno fatto i medici e i ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma con un bambino di 4 anni, affetto da leucemia linfoblastica acuta, refrattario alle terapie convenzionali. Si tratta del primo paziente italiano curato con questo approccio rivoluzionario all’interno di uno studio accademico, promosso dal Ministero della Salute, Regione Lazio e AIRC. Ad un mese dall’infusione delle cellule riprogrammate nei laboratori del Bambino Gesù, il piccolo paziente sta bene ed è stato dimesso: nel midollo non sono più presenti cellule leucemiche…

Vai all’articolo

Saper leggere i segni del corpo

di Amadio Bianchi  
Alcune scuole indiane sostengono che il corpo è un’emanazione dell’anima…
Da molti anni studio la costituzione corporea: da giovane l’ho osservata con l’occhio dell’artista (facevo il pittore d’arte), in seguito, specialmente negli ultimi anni, come terapeuta giacché pratico e insegno il massaggio. Ho potuto constatare che un corpo reca indelebili e spesso inequivocabili tracce del vissuto e delle tendenze psicologiche. Bisogna tuttavia tener presente che il sistema nervoso è connesso al cervello e quest’ultimo è formato da due emisferi, ognuno dotato di peculiari specialità.

L’emisfero sinistro si distingue nella gestione di qualità considerate maggiormente maschili, come l’attività fisico-materiale o la razionalità, mentre il…

Vai all’articolo