La Proteina Spike del Vaccino Covid mRNA compromette la Riparazione del DNA

Questo post non vuole fare terrorismo psicologico ma cerca di mettere in guardia le persone e spero che questo venga compreso.
Le notizie vengono diffuse perché chi spera di sopravvivere all’olocausto del vaccino, purtroppo sbaglia… perché è davvero una “bomba genetica” contro l’umanità.
Il vaccino, sopprimendo il meccanismo naturale di riparazione del DNA nel corpo – noto come NHEJ, o Non-Homologous End Joining – rende le persone altamente suscettibili a mutazioni cancerose devastanti, anche se esposte a livelli molto bassi di radiazioni ionizzanti come l’esposizione alla luce solare o la mammografia. Con il NHEJ soppresso dalla proteina spike, il corpo non può più riparare il suo DNA danneggiato e le cellule mutano senza controllo, devastando l’intero corpo e provocando la disintegrazione genetica dell’organismo…

Vai all’articolo

Erdogan “gravemente malato” 9 mesi dopo la puntura vax

di Maurizio Blondet
Il presidente turco Tayyip Erdogan ha ricevuto il suo vaccino contro il COVID-19 molto pubblicamente, davanti alle telecamere nel gennaio 2021, una mossa che un portavoce del suo partito AK ha detto che mirava ad alleviare qualsiasi dubbio pubblico sull’efficacia del siero.
Secondo i dati, “la Turchia ha iniziato a somministrare il  vax della cinese Sinovac agli operatori sanitari in Turchia, lanciando un programma di vaccinazione nazionale contro una malattia che avrebbe ucciso più di 23.000 persone nel paese”.
Ebbene. Nove  mesi dopo, Recypt Tayyip Erdogan, presidente della Turchia, è  visibilmente e “seriamente” malato di presunta insufficienza cardiaca del lato destro causata da microcoaguli di sangue: ciò afferma uno scoop di Al Turner Show e alcune foto rubate che lo vedono appoggiarsi a due  assistenti per camminare.
Effettivamente, Erdogan non ha partecipato al vertice sul clima di Glasgow, né soprattutto alla Conferenza di Parigi organizzata da Macron sulla Libia, dove ha interessi diretti e truppe. La malattia spiegherebbe tali assenze, non diserzioni ma impossibilità…

Vai all’articolo