FDA rilascia ultimo Faldone di Documenti Pfizer relativo al Covid-19 su Ordine del Tribunale

di Davide Donateo

La Pfizer era a conoscenza dell’ADE indotto dal vaccino e ha collaborato per coprire il tutto.

Il faldone di oltre 11.000 pagine di documenti, pubblicato il 1° aprile, rivela che Pfizer e la FDA erano a conoscenza dell’ADE indotto dal vaccino e hanno collaborato per coprirlo, rilasciando la falsa dichiarazione: “non sono stati sollevati nuovi problemi di sicurezza”. Fidati della scienza…

E, come di consueto, il grande pubblico non ha avuto modo di sentire una sola parola dai media mainstream sulle ultime rivelazioni dai documenti non redatti. Qui tutti i documenti (https://www.icandecide.org/pfizer-documents/).

Tra il 2021 e l’inizio del 2022 abbiamo pubblicato numerosi articoli evidenziando il rischio elevato di ADE. In particolare questo studio (LA CATASTROFE ALLE PORTE. STUDIO SUL THE JOURNAL OF INFECTION: RISCHIO ALTO DI ADE PER I VACCINATI) avrebbe già da solo dovuto destare la preoccupazione dell’intera comunità scientifica e dei media che invece restarono in silenzio. Anzi furono moltissimi gli articoli di Fact checking miranti a depotenziare la gravità della notizia.

Questo studio ha rivelato al mondo notizie terrificanti:

Il potenziamento dell’infezione dipendente da anticorpi (ADE) è un problema di sicurezza per le strategie vaccinali. In una recente pubblicazione, Li et al. (Cell 184: 1-17, 2021) hanno riferito che gli anticorpi che aumentano l’infezione diretti contro il dominio N-terminale (NTD) della proteina spike di SARS-CoV-2, facilitano l’infezione da virus in vitro, ma non in vivo. Tuttavia, questo studio è stato eseguito con il ceppo Wuhan/D614G originale (mai isolato tra l’altro).

Tuttavia, nel caso della variante Delta, gli anticorpi neutralizzanti hanno un’affinità ridotta per la proteina spike, mentre gli anticorpi facilitatori mostrano un’affinità sorprendentemente aumentata.

Pertanto, l’ADE può essere una preoccupazione per le persone che ricevono vaccini basati sulla sequenza di picco del ceppo di Wuhan originale (mRNA o vettori virali).

L’Antibody Dependent Enhancement (ADE) è il peggior incubo di ogni virologo. Significa che il vaccino fa l’opposto di quanto previsto.

“Nel potenziamento dipendente da anticorpi, gli anticorpi subottimali si legano sia ai virus che ai recettori gamma espressi sulle cellule immunitarie, promuovendo quindi l’infezione di queste cellule”. In altre parole, le cellule immunitarie stesse DIVENTANO infette e trasportano il virus.

Gli anticorpi vaccinati saranno un cavallo di Troia che consente al virus di entrare nelle cellule. TUTTE LE CELLULE. L’intero corpo umano. Vedremo malattie e morte tra i vaccinati. I booster probabilmente peggioreranno ulteriormente la situazione.

Insomma ora si scopre che la possibilità di ADE è effettivamente realtà. Poiché l’ultimo round di documenti riservati di Pfizer, pubblicato il 1 aprile 2022, conferma che sia Pfizer che la FDA sapevano che la malattia potenziata associata al vaccino è una possibile conseguenza delle iniezioni di mRNA Covid-19 e che avevano già le prove del suo verificarsi, inclusi diversi decessi, ma hanno pensato bene di tenere tutto nascosto sotto il tappeto affermando che “non sono stati sollevati nuovi problemi di sicurezza”.

Questo potrebbe spiegare perché Pfizer e la FDA hanno voluto nascondere i dati interni relativi ai sieri genici COVID-19 per 75 anni. Ma per fortuna… ll giudice stabilisce che la FDA non può mantenere segreti i documenti sui vaccini “fino al 2096”.

Tra i documenti rilasciati stiamo analizzando quello che sembra essere un (neanche tanto) nuovo pericolo legato al siero genico. A prima vista, sembra che lo studio confermi che avvicinarsi ai vaccinati possa comportare seri rischi per i non vaccinati, ma senza voler creare preoccupazione ci riserviamo di approfondire nei prossimi tempi.

Questo è un articolo relativo alla tecnologia esistente e al grande interesse di Gates e Darpa per l’auto-diffusione dei “vaccini”: DARPA E BILL GATES TRA I FINANZIATORI DEI VACCINI AUTO-DIFFONDENTI. COSA POTREBBE ANDARE STORTO?

Articolo di Davide Donateo

Fonte: https://www.databaseitalia.it/fda-rilascia-ultimo-faldone-di-documenti-interni-pfizer-covid-19-su-ordine-del-tribunale-erano-a-conoscenza-dellade-indotto-dal-vaccino-e-hanno-collaborato-per-coprirlo/

COVID: IL VIRUS DELLA PAURA
I paladini dello stato di emergenza - Nuova edizione aggiornata
di Giulio Tarro

Covid: il virus della paura

I paladini dello stato di emergenza - Nuova edizione aggiornata

di Giulio Tarro

La fallimentare gestione dell'emergenza COVID, resa possibile anche dalla supina accettazione di tanti "esperti" proni ai loro sponsor, rischia di riproporsi con la fantomatica prospettiva di un "ritorno dell'epidemia" prefigurando una società fatta di assurdi divieti e di vaccini obbligatori.

In questo libro l'analisi della passata emergenza e della società - costellata da assurdi divieti e vaccini obbligatori che ci stanno prospettando.

Dalla quarta di copertina

Continuano a terrorizzarci annunciando che dovremmo "convivere con il virus".

E così, mentre molti paesi tornano alla piena normalità, in Italia si prevedono mascherine per i bambini a scuola e vaccini per tutti. Lo impongono gli stessi che, pur di farci stare chiusi a casa per mesi, ci hanno terrorizzato raccontandoci di un virus 28 volte più letale di quello che era in Germania e impedendo che si sapesse che, già a marzo, i contagiati in Italia erano milioni.

Gli stessi che hanno impedito l'assistenza medica domiciliare obbligando così i malati a morire di infezioni ospedaliere (che, ogni anno in Italia, si portano via 50.000 persone). Gli stessi che hanno trasformato gli Italiani in ipocondriaci e in burattini manovrati da "esperti" in TV.

Questo libro, oltre a documentare su aspetti scientifici dell'epidemia (travisati da TV e giornali), analizza le menzogne, le incongruenze, gli errori, le inadempienze, le diffamazioni... che hanno trasformato una emergenza in una ecatombe e che ancora gravano sul nostro futuro.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *