Info

info@conoscenzealconfine.it

L'ARISTOCRAZIA NERA
La storia occulta dell'èlite che da secoli controlla la guerra, il culto, la cultura e l'economia
di Riccardo Tristano Tuis

L'Aristocrazia Nera

La storia occulta dell'èlite che da secoli controlla la guerra, il culto, la cultura e l'economia

di Riccardo Tristano Tuis

Questo monumentale saggio unico nel suo genere tratta l'occulta firma storica dell'aristocrazia nera, ovvero le famiglie che da secoli controllano la guerra, il culto, la cultura e l'economia del pianeta, presentando alcuni eventi temporali circoscritti che hanno portato questa a incarnare le eminenze grigie dietro la politica mondiale.

La sanguinaria storia dell'aristocrazia nera che nel tempo prende le sembianze delle famiglie di banchieri europei legate alla Chiesa e ad alcune specifiche casate reali eurasiatiche, non sono realmente europee poiché provenienti da alcuni popoli noti come Kazari, Sarmati e Sadducei che a un certo punto conversero perlopiù all'interno di un gruppo noto come Askenaziti, mascherandosi come ebrei ortodossi o paladini della Cristianità, raggiungendo le più alte cariche in tutta Europa.

Queste famiglie iniziarono a spartirsi gli Stati europei, dando così vita a faide interne come quella dei guelfi e dei ghibellini e a uno scontro diretto con tutti i loro oppositori, fino a giungere all'attuale Nuovo Ordine Mondiale con il suo occulto controllo globale attraverso una rete di organi sovranazionali, congregazioni religiose, corporazioni economiche e di comunicazione di massa con uno specifico fil rouge simbolico che ne palesa la loro affiliazione all'agenda di questi occulti burattinai.

Quest'opera riesce a mettere a nudo alcuni dei più intimi segreti di questa oscura élite smascherando l'intricata rete che lega le religioni mondiali con le più piccole sette e movimenti, le società segrete con la politica e i servizi segreti e di come dietro a tutto ciò si celi un pyramidion di potere insospettabile cui la stessa aristocrazia nera ne incarna lo strumento.

...

Commenti chiusi