Analizzati i vaccini: peggio del previsto!

di Marcello Pamio
I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note, perché coperte dall’inviolabile segreto industriale, quasi a livello militare. Ma dietro a sigle e acronimi si celano materiali che potrebbero giocare un ruolo prioritario nell’eziologia di gravissime e incurabili patologie neonatali e non solo.
Da oggi il quadro generale sta prendendo forma… decisamente una forma molto inquietante. Ad accendere il lumino e portare luce nella tenebra più oscura ci ha pensato il “Corvelva”, il Comitato veneto che da oltre vent’anni si occupa di fare corretta informazione nell’ambito delle libertà vaccinali.
A proprie spese hanno infatti commissionato l’analisi delle contaminazioni biologiche e le verifiche delle sequenze genomiche. Le motivazioni di tali analisi ce le spiega Nassim Langrudi, una responsabile del Corvelva: “siamo stati costretti a farlo, dal momento che si sente ripetere da tutti che i vaccini sono i farmaci più sicuri ed efficaci al mondo; che non presentano effetti collaterali, senza però averne mai avuto una dimostrazione tecnico-scientifica. Abbiamo voluto verificare empiricamente se queste affermazioni fossero fondate o meno”

Vai all’articolo

Le specie viventi sono nate tutte insieme. Lo dimostra uno studio genetico

di Maurizio Blondet
Praticamente tutte le specie animali oggi esistenti, compreso l’uomo, sono apparse sulla Terra allo stesso tempo: fra i 100 mila e i 200 mila anni fa, in un periodo geologicamente breve.
È la stupefacente conclusione cui sono giunti due genetisti, David Thaler dell’università di Basilea, e Mark Stoekle della Rockefeller, analizzando il DNA mitocondriale di 100 mila specie, attualmente viventi nei continenti e negli oceani del globo, e dopo aver esaminato 5 milioni di “codici identificativi” delle suddette specie. Una messe enorme di dati, che rende il risultato indiscutibile.
Questa immensa campionatura, è stata resa possibile da una recente metodologia d’indagine, che esamina il DNA mitocondriale, più facile a decodificare rispetto al DNA del nucleo della cellula, che è proprio di ogni individuo, coi suoi tre miliardi di paia di molecole organizzate in migliaia di geni…

Vai all’articolo

La Vecchiaia avanza quando il “Gene Spazzino” smette di funzionare

La vecchiaia avanza quando il “Gene Spazzino” smette di funzionare.
Una ricerca guidata dall’Università “Tor Vergata” ha scoperto il ruolo del “gene Adh5”. Quando l’organismo invecchia, alcuni geni smettono di funzionare. Tra questi  c’è l’Adh5, su cui si è concentrata l’attenzione dei ricercatori dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” che, in collaborazione con il Danish Cancer Society Research Center di Copenhagen (Danimarca), hanno condotto uno studio pubblicato su Pnas.
Il gene Adh5 è responsabile della produzione della “proteina S-nitrosoglutatione reduttasi” (Gnsor), che ha una importante funzione anti-invecchiamento. Questo enzima si occupa infatti di “ripulire” l’ossido nitrico, la molecola che altrimenti modificherebbe funzioni e caratteristiche delle proteine a cui si lega. Con l’età la produzione di Gnsor diminuisce e l’ossido nitrico può operare indisturbato, producendo proteine nitrosilate – cioè da lui modificate – che si accumulano, divenendo col tempo sempre più faticose da smaltire per la cellula…

Vai all’articolo

Nato il primo bambino con il DNA di tre persone

La madre risultava portatrice della “Sindrome di Leigh”, una malattia fatale che colpisce il sistema nervoso in via di sviluppo e aveva già visto morire due figli in passato, a causa della patologia.

Ha richiesto dunque l’aiuto di John Zhang e del suo team al New Hope Fertility Center di New York City. Il bambino ha il Dna di tre persone, ma i genitori sono comunque due. Sembrava un obiettivo ancora lontano e invece è nato in Messico, il primo bimbo al mondo concepito grazie ad una nuova tecnologia, che unisce il patrimonio genetico del padre, della madre e di una terza donna. Il piccolo è nato il 6 aprile 2016, come scrive la rivista New Scientist

Vai all’articolo

La strada che ci porterà ai “bambini geneticamente modificati”

ll primo febbraio 2016, per la prima volta in Europa un grupo di ricercatori, del Francis Crick Institute di Londra, è stato autorizzato a manipolare embrioni umani per scopi scientifici.
Il via libera è arrivato dallo Human Fertilisation and Embryology Authority (Hfea), l’ente britannico responsabile degli studi sulla fertilità. Sarà utilizzata la tecnica Crispr-Cas9, che nel corso del 2015 ha rivoluzionato le prospettive dell’editing genetico. La possibilità di usare questa tecnica su embrioni umana è però molto contestata. Lo spiega un articolo tratto da Technology Review Italia

Vai all’articolo

Polli d’allevamento

di Dinaweh
Riporto quello che sta accadendo a livello mondiale, messo in atto da organizzazioni che sembrerebbe abbiano a cuore la salute della popolazione dell’intero pianeta: una pianificazione estesa e capillare, che servirà per rendere dipendenti a vita dai farmaci, tutti gli esseri viventi che “razzolano incoscienti” su Gaia: dai polli agli esseri umani, almeno di quelli che della loro umanità hanno così poca coscienza, da perderla quasi senza accorgersene!
Quale differenza infatti tra i poveri bipedi piumati e i bipedi implumi ormai? Sempre fiduciosi e obbedienti ai loro carnefici, le vittime ringrazieranno, e sentendosi protette e amate dai loro aguzzini, un giorno non lontano si prostreranno davanti al nuovo vitello d’oro, dimenticando di essere persi in mezzo ad un deserto sterile e mortifero…

Vai all’articolo

Dopo 2 ore nella natura, i nostri ormoni e il nostro DNA si trasformano

Una passeggiata nella natura oltre a liberarci la mente e mettere in moto il corpo cambia i percorsi neuronali, in modo da migliorare nettamente la nostra salute mentale. Se ci fai caso quando devi trovare una soluzione cominci a camminare avanti e indietro.
Sicuramente camminare è utile per la perdita di peso, la prevenzione di malattie cardiovascolari e per un migliore metabolismo. In pochi sanno, però, che camminare ci rende più creativi e felici. Non è un guru a dircelo ma uno studio dell’Università di Stanford.

Purtroppo la maggior parte di noi vive in città e spende pochissimo tempo nel verde e nella natura, rispetto a quanto avveniva alcune generazioni fa. Diverse ricerche mostrano che chi vive nel grigio della città, ha un rischio maggiore di vivere disturbi…

Vai all’articolo

Usa: scienziati provano a cambiare per la prima volta il Dna di un paziente

Usa, scienziati provano a cambiare per la prima volta il Dna del paziente per curare una malattia.

Il paziente soffre della “sindrome di Hunter”, una malattia metabolica che porta alla morte in giovane età. Chi ne soffre manca di un gene che produce un enzima che scinde alcuni carboidrati.

Un esperimento mai tentato prima e solo fra tre mesi si saprà se il trattamento è riuscito o meno. Scienziati americani hanno reso noto di avere provato per la prima volta a modificare i geni di una persona direttamente all’interno del suo corpo per cambiarne il Dna in modo permanente con l’obiettivo di curare una malattia. L’esperimento è stato realizzato lunedì ad Oakland (California) su Brian Madeux, un 44enne affetto da una rara malattia metabolica. La…

Vai all’articolo

Cimatica, suono che “in-forma” la materia

di Sara Siani – Redazione Holystica
Vi è una vera e propria scienza, la Cimatica, che indaga l’effetto di alterazione che le onde sonore esercitano sulla materia.
È straordinario poter assistere ad esperimenti anche semplici, che rendono visibile tale fenomeno, perché ciò rimanda immediatamente a considerazioni sul nostro corpo fisico: se il suono ha influenza sulla materia, quale influenza esercita allora sulla materia che costituisce il nostro corpo, sulle nostre cellule?
“In principio era il Verbo, e il Verbo era con Dio, e il Verbo era Dio. Tutte le cose sono state fatte grazie a lui, e nessuna cosa venne fatta senza di lui…” , recita l’incipit del Vangelo di Giovanni, l’inno che evoca il potere divino creativo del Verbo, del suono…

Vai all’articolo

Gli scienziati vogliono clonare Gesù: la ricerca sul DNA del Messia è iniziata!

di George Busby
Per la prima volta nella storia, un uomo di fede e un uomo di scienza stanno collaborando per ricercare il DNA di Gesù.
Utilizzando i più recenti progressi nella tecnologia del DNA, di un genetista dell’Università di Oxford e di un biblista, si stanno studiando le più famose reliquie del mondo tra cui la “Sindone” di Torino, il “Sudario o Telo di Oviedo” e le ossa di recente scoperta di un cugino di Gesù, Giovanni il Battista. Con l’analisi di campioni di ciascuna di queste sante reliquie, sperano di recuperare un campione di DNA che forse apparterrebbe a Gesù o a un membro della sua famiglia.
In questo momento, gli esperti stanno cercando di “estrarre” il codice genetico della famiglia di Gesù Cristo. Ma cosa succederebbe se potessimo…

Vai all’articolo

Le Onde Scalari si possono trasferire al DNA Umano

Onde scalari

La ricerca ha dimostrato che il controllo mentale è effettuato tecnicamente per mezzo della fisica occulta delle onde scalari. Questo tipo di onde, se si confrontano con le onde elettromagnetiche hanno qualità molto diverse.
“Le onde scalari si possono trasferire al DNA umano”, queste le parole del Dr.Konstantin Meyl, Professore di Elettronica. Meyl afferma che la scoperta delle onde scalari magnetiche, può essere utilizzata per il bene o per il male. E ‘loro’ la stanno utilizzando per il male.
Che cosa sono le onde scalari? Le onde scalari non si deteriorano nè con il tempo nè con la distanza! Le onde scalari immagazzinano energia ed informazioni in una dimensione che sta ‘fuori del nostro spazio tridimensionale’ e l’energia immagazzinata può essere liberata ‘chiudendo il circuito’ nella nostra terza dimensione…

Vai all’articolo

Vaccini e linee cellulari fetali. Attacco alla genetica umana?

Vaccini e linee cellulari fetali. Attacco alla genetica umana?

Sugli effetti collaterali dei «farmaci pediatrici» chiamati vaccini, non ci sono dubbi, se non nei cervelli di quelle persone profondamente analfabete e ignoranti che si informano tramite la televisione e i giornali, e da parte di quel mondo scientifico e corrotto collegato a doppia mandata con le lobbies della chimica e farmaceutica.
Moltissimi autori, ricercatori e medici onesti intellettualmente, descrivono che la causa degli effetti avversi starebbe non tanto nella parte antigenica (virale o batterica che sia), quanto negli adiuvanti e conservanti usati dalle industrie: sostanze neurotossiche (sali di alluminio e mercurio, ecc.), cancerogene (formaldeide, ecc.), antibiotici, ecc. Tutto estremamente corretto. Ma forse c’è dell’altro…

Vai all’articolo

Imparate a parlare poco… il DNA sente tutto!

Il DNA sente tutto

Le chiacchere ci fanno perdere molta energia, soprattutto se si tratta di chiacchere accompagnate da emozioni.
Quando nella tua vita sta succedendo qualcosa, prova una pratica: non dirlo a nessuno, anche se dovessi sentire un forte prurito per la voglia di raccontarlo. Quando succede qualcosa, conservalo in te, allora conserverai la tua forza e il potenziale di ciò che accade. Anche quando qualcuno cerca di coinvolgerti nei suoi racconti: conserva la calma e controlla le emozioni, non permettere agli altri di controllarti attraverso le emozioni. Questo tuo atteggiamento sarà notato; avrai allora un’aureola di forza…

Vai all’articolo

Quel Lampo di Luce che si verifica durante il concepimento!

Lampo di Luce nell'istante del concepimento

di Massimo Fratini
Un team di ricercatori della Northwestern University di Chicago (USA), ha catturato immagini sensazionali, relativi a veri e propri “fuochi d’artificio” che si verificano quando uno spermatozoo entra nella cellula uovo (o ovulo), vale a dire nel momento preciso in cui inizia una nuova vita umana.

Gli scienziati hanno scoperto che nel momento esatto in cui avviene il concepimento, si manifesta un “lampo di luce”. Secondo lo studio pubblicato sulla rivista ‘Scientific Reports’, questo flash di luce sarebbe causato da una reazione chimica, ovvero, si…

Vai all’articolo

Emozioni e DNA

dna ed emozioni

La ricerca ha dimostrato che le emozioni esercitano un’influenza diretta sul funzionamento delle cellule del corpo umano.
Nel ‘900 alcuni scienziati che collaboravano con l’esercito USA, svolsero una ricerca per verificare se il potere delle emozioni continuavano ad avere un effetto sulle cellule viventi, in particolare sul DNA, anche quando quelle cellule non facevano più parte dell’organismo umano.
Seguendo la linea di pensiero tradizionale, i tessuti, la pelle, gli organi o le ossa, una volta rimossi dal corpo umano, non dovrebbero avere più alcun collegamento con esso. Questo esperimento ci mostra invece come ciò che accade sia esattamente il contrario. In una ricerca pubblicata sul periodico Advances nel 1993, l’esercito americano riferisce di aver condotto esperimenti per stabilire con precisione il collegamento emozione/DNA dopo una separazione…

Vai all’articolo

DNA e Iper-comunicazione

dna e ipercomunicazione

Recenti ricerche hanno dimostrato che il DNA e le nostre cellule sono in diretta comunicazione con le emozioni che proviamo, rispetto alle nostre esperienze di vita e all’atteggiamento che abbiamo verso di esse.
Per ogni emozione, il corpo fisico crea una risposta chimica corrispondente, attraverso il rilascio di ormoni e neurotrasmettitori che affermano la vita, come il DHEA (deidroepiandrosterone), o che la negano, come il cortisolo.
In questo modo, sperimentiamo una chimica dell´amore o dell’odio. Sappiamo che la gioia e la gratitudine hanno un influsso positivo sul nostro organismo e ci fanno sentire pieni di energia e leggerezza, mentre la rabbia e la paura ci fanno l’effetto opposto.
In questo modo, sperimentiamo una chimica dell´amore o dell’odio. Sappiamo che la gioia e la gratitudine hanno un influsso positivo sul nostro organismo e ci fanno sentire pieni di energia e leggerezza, mentre la rabbia e la paura ci fanno l’effetto opposto.
Alcune tradizioni olistiche arrivano addirittura ad affermare che malattie come il cancro siano espressione di rabbia, rancore e complessi di colpa irrisolti, che emergono dalle parti del corpo in cui sono stati immagazzinati anni prima o persino in vite precedenti. Ha molta importanza, quindi, trovare un modo per trasformare ciò che ci ha ferito in una nuova esperienza capace di aiutarci…

Vai all’articolo

Editing dell’embrione: che cos’è e perché fa paura

La manipolazione del Dna è la nuova frontiera della genetica e c’è chi chiede una moratoria a questo genere di ricerca. Ecco in sei punti che cos’è e perché spaventa.

Aggiungere i geni buoni e cancellare quelli cattivi, con un taglia e cuci (o un copia-incolla, per dirla con un’altra metafora) del DNA: è il cosiddetto editing del genoma, una tecnica innovativa che diversi laboratori al mondo utilizzano per intervenire sul materiale genetico nella speranza di correggere i difetti all’origine di alcune malattie.

Ma se fosse applicata direttamente all’embrione? Un articolo su…

Vai all’articolo

“Stare bene” seguendo la Dieta Nutraceutica

di Francesco Marchionna 
La nutraceutica studia gli estratti di piante, animali, minerali e microrganismi accomunati da una funzione benefica sulla salute dell’uomo.
Nutraceutico, è un termine che viene coniato solo alla fine degli anni Ottanta (1989), dal dottor Stephen De Felice. Ognuno di noi è unico nella sua specificità e la dieta nutraceutica è in grado di intervenire per prevenire determinati disturbi, ma soprattutto per ripristinare un corretto stato di salute psico-fisica.
Gli alimenti funzionali e nutraceutici
Prima di parlare di alimenti nutraceutici, definiamo i…

Vai all’articolo

Epigenetica, cancro e ambiente: qualcosa che dovresti sapere

Epigenetica

Dr.ssa Patrizia Gentilini

Nel 1971, il Presidente Nixon firmò il National Cancer Act, un ambizioso progetto con cui si delineava la strategia della “guerra al cancro”, guerra che gli Stati Uniti erano decisi a combattere e ovviamente a vincere. Erano gli anni in cui l’uomo era arrivato sulla luna, la fiducia nelle potenzialità della scienza era pressoché illimitata e si riteneva che con poderosi finanziamenti ogni traguardo potesse essere raggiunto. Erano anche gli anni in cui prendeva corpo l’idea che il cancro fosse una malattia “genetica” e che nascesse da una singola…

Vai all’articolo

Le piante OGM sono in grado di trasferire il dna OGM agli esseri umani che le mangiano

di Edoardo Capuano
In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Public Library of Science (PLoS), i ricercatori sottolineano che ci sono prove sufficienti che i frammenti di DNA derivati dal cibo trasportano geni completi che possono entrare nel sistema circolatorio umano attraverso un meccanismo sconosciuto. 

Mi chiedo se gli scienziati di queste aziende biotech abbiano già individuato questo metodo. In uno dei campioni di sangue analizzati la concentrazione relativa di DNA vegetale è risultata superiore al DNA umano. Lo studio è basato sull’analisi di oltre 1000 campioni umani

Vai all’articolo

Un DNA umano di 400 mila anni fa manda in tilt gli antropologi

Un-Dna-di-400-mila-anni-manda-in-tilt-gli-antropologi_h_partb

di Sabrina Piergostini

È il più antico DNA umano mai trovato. Lo hanno estratto da un femore scoperto in una grotta spagnola. Ma anzichè aiutare nella comprensione dell’evoluzione umana, questo reperto aggiunge nuovi interrogativi e misteri: risale infatti a 400 mila anni fa e presenta una sequenza genetica non prevista.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Nature. All’inizio, quell’osso era stato attribuito ad un Uomo di Neanderthal – la specie umana più diffusa in Europa fino al 30 mila a.C., quando si estinse per motivi ancora tutti da accertare. Invece…

Vai all’articolo