Il Kansas Accusa Pfizer!

La reazione a catena innescata dal Kansas e dagli altri Stati che lo hanno seguito è inarrestabile ed è destinata a travolgere tutti quelli che sapevano ed hanno taciuto.
Lo Stato del Kansas (il primo dei 5 Stati americani a fare causa a Pfizer) ha delineato le diverse accuse:
1. Pfizer ha ingannato l’opinione pubblica dicendo di avere un vaccino contro il COVID-19 “sicuro ed efficace”.
2. Pfizer ha affermato che il suo vaccino contro il COVID-19 è sicuro anche se sapeva che era collegato a gravi eventi avversi, tra cui miocardite e pericardite, gravidanze fallite e decessi. Pfizer ha nascosto al pubblico queste informazioni critiche sulla sicurezza.
3. Pfizer ha affermato che il suo vaccino contro il COVID-19 era efficace anche se sapeva che il suo vaccino contro il COVID19 diminuiva nel tempo e non proteggeva dalle varianti del COVID-19. Pfizer ha nascosto al pubblico queste informazioni critiche sull’efficacia…

Vai all’articolo

Uk: Pfizer protetta contro Azioni legali da danni per Vaccino anti-Covid

di Marcello Pamio
Il governo del Regno Unito si è piegato a novanta gradi dinnanzi al gigante farmaceutico Pfizer!
Nulla di nuovo all’orizzonte: lo avevamo già detto infatti che le lobbies sono preoccupate da azioni legali che potranno seguire ad eventuali danni del nuovo vaccino, per cui hanno chiesto e ottenuto indennità e protezione dal venire citati in giudizio!
Questo per consentire al vaccino contro il coronavirus di essere lanciato in Inghilterra già dal 7 dicembre. Il Dipartimento di Salute e Assistenza Sociale ha confermato che la Pfizer ha ricevuto l’immunità non dal virus, ma dalle azioni penali.
La domanda sorge spontanea: se il vaccino è così sicuro, come mai questa manovra?…

Vai all’articolo

Tutto quello che dovete sapere e non vi dicono sulla Pfizer

di Alba Tecla Bosco
Pfizer: piccola storia di scandali, cause legali sugli effetti dei farmaci, esperimenti in Africa, guerre, inquinamento…
Nel 2003, la campagna internazionale Boycott the war-Boycott Bush contro la guerra e l’occupazione dell’Iraq prendeva di mira varie multinazionali petrolifere, agroalimentari e farmaceutiche. Non mancava la Pfizer, per via del sostegno alla campagna elettorale del presidente in carica. Anche se, come tutta Big Pharma, i finanziamenti sono andati via via a candidati repubblicani e democratici.
Sempre sul fronte iracheno, dopo diversi anni Pfizer e varie sue sorelle (AstraZeneca, Roche, Johnson Johnson) vengono citate in giudizio dai familiari di soldati statunitensi uccisi in Iraq. Una stranezza che si spiega così: le aziende, per farsi largo su questo nuovo mercato, offrivano somme elevate a funzionari del ministero della salute, i quali però sarebbero stati legati con gruppi armati anti-Usa.
Nel 1996, Pfizer conduce su 200 bambini nigeriani affetti da meningite un test clinico non autorizzato con l’antibiotico Trovan (che può danneggiare il fegato con esiti mortali). Ben undici piccoli morirono e decine di altri ne riportarono danni permanenti…

Vai all’articolo