Non sei un loro simile

di ZeRo

Ho passato anni come un umano in borghese, gironzolando curiosamente in mezzo agli umani che sognavano fantasie spirituali sul divenire ciò che già erano.

Sapevo che ero nettamente diverso da loro. Sapevo che ci separava un abisso invalicabile, loro non erano come me, né io ero come loro… non ero più uno di loro, non ero un loro simile.

Sapevo che ero in grado di comunicare con loro solo nel senso più superficiale del termine. La mia comunicazione con loro si basava su ricordi che oramai erano in rapida dissolvenza: la loro lingua e le loro abitudini mi erano completamente estranee, a tal punto da sentirmi in imbarazzo – per loro, non per me – anche nelle circostanze più comuni. Sentivo il loro imbarazzo, lo stesso imbarazzo che un bruco prova di fronte ad una farfalla.

Quel che però mi ci volle un po’ a capire, fu che la ragione per cui non ero più uno di loro, era perché ero davvero qualcos’altro, e che la differenza tra noi non era relativa ma assoluta. In qualche modo, avevo guadagnato l’ammissione ad una condizione del tutto nuova, ma fino ad allora non mi ero accorto di aver avuto accesso a quella condizione, poiché nessuno mi aveva spiegato che questa sottile e profonda consapevolezza era ciò che i “bruchi umani” intendono quando parlano del “volo della farfalla”, cioè di Liberazione, Illuminazione, Risveglio.

Tratto da: ZeRo, “Risveglio dal sogno planetario”

Fonte: https://www.animalibera.net/2019/09/non-sei-un-loro-simile.html

Libri e varie...
I QUATTRO STADI DEL RISVEGLIO
Una guida alla libertà totale
di Francesco Giacovazzo

I Quattro Stadi del Risveglio

Una guida alla libertà totale

di Francesco Giacovazzo

Che cos'è il risveglio? Che cos'è l'illuminazione? Sono la stessa cosa? Cos'è l'anima? Esiste un percorso di illuminazione o è la stessa ricerca a impedire la sua realizzazione? Perché certe dottrine spirituali sembrano contraddirsi tra di loro?

Gurdjieff diceva che bisognava costruirsi un'anima, Krishnamurti sosteneva che l'anima è solo un prodotto del pensiero. Gesù diceva di cercare il regno di Dio, Buddha diceva che Dio non esiste. Chi ha ragione? La risposta è: "entrambi". La differenza sta nel fatto che ognuno di loro si rivolgeva a persone con diversi livelli di consapevolezza.

Il processo alchemico di risveglio è composto da quattro fasi (Nigredo, Albedo, Citrinitas e Rubedo) che corrispondono a quattro differenti livelli di comprensione della realtà, e sono:

  • la Vittima,
  • il Guerriero,
  • il Mago
  • il Saggio.

Ogni livello è uno stato di coscienza con una propria sintassi, le proprie regole, le proprie iniziazioni e le proprie acquisizioni.

Più precisamente, il Guerriero sviluppa la Volontà, il Mago l'Intento e il Saggio l'Ispirazione. Sono queste tre qualità a rendere un essere umano completo.

Nel libro "I Quattro Stadi del Risveglio" sono contenute tutte le indicazioni per superare le varie iniziazioni, conquistare le tre grandi facoltà dell'anima e soprattutto raggiungere quella che i saggi chiamavano la Libertà Totale.

"Questo non è un libro di spiritualità, almeno non come la si intende normalmente. La spiritualità è ciò che ci permette di vivere pienamente questa realtà con amore, responsabilità e significato. Non c'è niente di più pratico della spiritualità, niente di più materiale e allo stesso tempo più elevato."
Francesco Giacovazzo

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *