Rivoluzione consapevole: l’unica Rivoluzione possibile

Rivoluzione consapevole

di Salvatore Santoru
La tremenda crisi economica e finanziaria che stiamo attraversando ha convinto molte persone della necessità di un radicale cambiamento della situazione politica e sociale attuale.
In molti invocano una rivoluzione, spesso rifacendosi a credenze di stampo ideologico. Il punto è che ovviamente abbiamo bisogno di una Rivoluzione, ma non di una rivoluzione politica e sociale comunemente intesa. Non abbiamo bisogno di una rivoluzione eseguita nel nome di ideologie ormai obsolete o così via. La Rivoluzione che ci serve è di ben altro tipo.
Non abbiamo bisogno di sovvertire alcunché e non abbiamo bisogno di sostituire un sistema oppressivo con un’altro. La Rivoluzione di cui abbiamo bisogno deve partire prima di tutto dal livello individuale, e deve puntare a un reale miglioramento e cambiamento della società nel suo insiem…

Vai all’articolo

Italia, potenza scomoda: dovevamo morire!

Italia potenza scomoda

Sintesi del Prof. Nino Galloni
Una storia che dobbiamo sempre avere presente, per capire.
Italia, potenza scomoda. Il primo colpo storico contro l’Italia lo mette a segno Carlo Azeglio Ciampi, futuro presidente della Repubblica, incalzato dall’allora ministro Beniamino Andreatta, maestro di Enrico Letta e “nonno” della Grande Privatizzazione che ha smantellato l’industria statale italiana, temutissima da Germania e Francia.

È il 1981: Andreatta propone di sganciare la Banca d’Italia dal Tesoro, e Ciampi esegue. Obiettivo: impedire alla banca centrale di continuare a…

Vai all’articolo

I “Grandi Parassiti” che affamano l’umanità

L'Occhio che tutto vede sul dollaro

di Marco Giacinto Pellifroni
I tam tam dei media, in tutti questi anni sono riusciti a convincere le masse che il bilancio di uno Stato è equivalente a quello di una famiglia.
Mentre c’è una differenza sostanziale, e cioè che le famiglie prima devono accumulare dei soldi per poi spenderli; mentre gli Stati prima producono i soldi e poi li immettono nel circuito economico, costituendo la spesa pubblica. Quindi, una famiglia può spendere soldi risparmiati dal proprio reddito lavorativo o, se li spende prima di averli guadagnati, sulla base di un prestito (vero se fatto da un familiare o da un amico, falso se fatto da una banca), si indebita e deve poi lavorare per ripagarlo.
Ben diversa la logica di uno Stato degno di questo nome, e cioè che gode della sovranità monetaria…

Vai all’articolo