Ora è chiaro quando scoppierà la Nuova Crisi Finanziaria Mondiale

Dalle recenti dichiarazioni dei rappresentanti dei principali istituti finanziario-monetari internazionali, si capisce che domina il panico.
La Banca mondiale ha effettuato una previsione dei ritmi di crescita del commercio a livello globale, secondo cui quest’anno si osserverebbe un calo dal 2,6% all’1,5%. La direttrice del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, invece, ha previsto una crisi economica persino peggiore di quella del 2008.
700 miliardi in questione
“La crescita dell’economia mondiale di fatto si è interrotta”, ha dichiarato la direttrice del FMI, Kristalina Georgieva, in occasione della riunione annuale dei vertici della Banca mondiale e del FMI, che si è tenuta a inizio ottobre a New York. Stando alle stime del FMI, verso la fine dell’anno il PIL mondiale è in perdita dello 0,8%, ossia di 700 miliardi di dollari. Di conseguenza, per il 90% dei Paesi, i ritmi di crescita economica subiranno un rallentamento e saranno i peggiori degli ultimi 10 anni….

Vai all’articolo

Georgieva, candidata dell’Ue all’Fmi, è un’amica di Soros

La bulgara Kristalina Georgieva è ufficialmente la candidata dell’Ue per la guida dell’Fmi.
La scelta è arrivata al termine di una maratona negoziale e un voto serrato tra i 28 Paesi membri: un voto che ha mostrato le profonde divisioni tra i 28 Paesi ed è stato complicato fino all’ultimo nonostante il fatto che, tra il 3 e 4 gosto, si fosse ridotta a due la lista dei candidati che comprendeva. Oltre all’economista bulgara, c’era l’olandese Jeroen Dijsselbloem. Si erano ritirati dalla corsa l’attuale presidente dell’Eurogruppo, il portoghese Mario Centeno; il ministro ad interim dell’Economia in Spagna, Nadia Calvino, e infine il governatore della banca centrale finlandese, Olli Rehn.
Georgieva, amica di Soros
Come scrive IlGiornale.it, la nomina Ue di Georgieva è una vittoria non solo di Macron ma anche del finanziere liberal George Soros…

Vai all’articolo

“Basilea III”: l’ennesima Rivoluzione passata inosservata

di Aleksandr Khaldey
Le vere rivoluzioni hanno luogo nel silenzio degli uffici e non nelle piazze, ed è per questo che nessuno si è accorto della rivoluzione mondiale che ha avuto luogo il 29 marzo 2019.
Solo un piccolo sussulto ha attraversato la periferia dei mezzi di informazione, e quell’istante è subito svanito, in quanto l’evento è stato descritto in termini poco chiari alle masse.
Nessuno dei capolavori del populismo mondiale, tipo “Libertà, uguaglianza, fraternità”, “Patria o morte” o “Potere ai consigli, pace al popolo, pane agli affamati, fabbriche al lavoratore e terra ai contadini”, è stato usato. Ed è per questo che quello che è successo è stato compreso in Russia solo da poche persone. E ne sono stati fatti commenti tali che le masse o non li hanno ascoltati per niente, o non li hanno letti fino alla fine. Oppure hanno ascoltato fino alla fine, ma non hanno capito niente…

Vai all’articolo

Di rigore si muore. Lo sanno… e quindi insistono!

“Pura idozia? No, peggio: è sadismo. Sanno benissimo che i tagli sono una catastrofe, ma insistono col rigore di bilancio: è il loro unico programma, il loro dogma”.
Lo ricorda la “bocconiana redenta” Ilaria Bifarini, autrice del saggio “Neoliberismo e manipolazione di massa”. “I danni dell’austerity sono noti allo stesso FMI” scrive su Twitter. “Il consolidamento del debito aumenta il livello di disoccupazione di lungo termine e il tasso di disuguaglianza. Eppure continuano a prescrivere la stessa letale ricetta. È come somministrare un farmaco letale a un paziente moribondo”, dichiara l’economista, intervistata da “Lospeciale”…

Vai all’articolo

Silenzio! Nessuno deve sapere che l’Islanda è in pieno boom economico senza Euro!

Islanda: boom economico fuori dall UE e senza Euro

La storia recente dell’Islanda è semplice quanto interessante. In Islanda è arrivato il salvataggio del Fondo monetario internazionale: un piccolo prestito, ma a condizioni molto severe. Gli islandesi non hanno accettato tali condizioni e il paese non ha ripagato il debito estero. Così l’Islanda è uscita dalla crisi facendo pagare i costi ai responsabili della crisi stessa.
Vi riassumiamo questa storia di seguito:

C’era un paese che aveva nei confronti delle potenti banche estere un debito di diversi miliardi, pari a decine di migliaia di euro di debito a carico di ciascun…

Vai all’articolo