La Mancata Adesione dell’Argentina ai BRICS

di Federico Giusti

Il governo argentino ha revocato l’adesione ai BRICS.

Milei potrà oggi beneficiare dell’aiuto interessato degli Usa e la benedizione del FMI che accorderà prestiti in cambio di una manovra finanziaria lacrime e sangue tra licenziamenti, privatizzazioni e l’apertura del paese alla speculazione straniera, statunitense in primis.

Una scelta politica folle, se preferiamo una sorta di merce di scambio “obbligata”, suggerita dagli organismi finanziari e dalla amministrazione Biden che dall’indebolimento dell’alleanza dei Brics trarrà vantaggi e prestigio politico, respingendo la minaccia di un asse commerciale tra paesi del sud America con Cina e Russia.

Alcuni analisti vedono nella rinuncia di Milei l’inizio di una offensiva politica Usa finalizzata a normalizzare il Giardino di casa statunitense, in una fase storica nella quale gli scenari di guerra e di tensione imporranno sforzi rilevanti in campo militare ed economico, come si evince anche dal documento del Congresso sulla guerra globale.

Merita attenzione la lettera di revoca dal Brics inviata da Milei, in tempo utile per impedire l’adesione formale dal 1 Gennaio 2024, nella quale si annunciano provvedimenti che capovolgeranno innumerevoli decisioni assunte dai precedenti governi; al contempo Biden isola nel continente, il Brasile.

I paesi aderenti al Brics rappresentano il 42% della popolazione mondiale, il 23% del PIL globale, un terzo del territorio del pianeta e il 18% del commercio internazionale totale e solo due paesi della alleanza, India e Cina, rappresentano il 50% della crescita economica globale..

Un gesto di mera sudditanza quello del presidente Milei, obbligato dai prestiti promessi da Banca Mondiale e Fondo Monetario ma anche una risposta suggerita dagli Usa in ossequio all’ordine mondiale Nato e statunitense.

Non mancano le critiche a Milei anche da importanti settori economici argentini che avevano caldeggiato in questi anni l’adesione ai Brics augurandosi di attrarre investimenti cinesi e russi e aiuti tecnologici indispensabili per il funzionamento dell’economia nazionale, aiuti oggi vaporizzati e a al posto dei quali arriveranno le ricette liberiste del Fmi, con la svendita dell’Argentina al capitale speculativo.

Il rifiuto della collaborazione con la Cina avrà ripercussioni immediate sull’Argentina, ad esempio, al posto della costruzione di nuove case di edilizia popolare arriverà la svendita del patrimonio immobiliare pubblico, appetito dai magnati del mattone statunitense, si andrà poi rafforzando l’area del dollaro in un momento storico in cui ingenti scambi commerciali avvengono ormai con altra moneta.

Anche in campo agro alimentare il mancato supporto cinese si farà sentire, ad esempio, non saranno costruiti alcuni impianti atti a trasformare gli escrementi di pesce in fertilizzanti.

Alcuni analisi argentini hanno ricordato come una eventuale adesione ai Brics avrebbe permesso al paese di partecipare attivamente a progetti commerciali ed economici in paesi come Egitto ed Etiopia fino alle nazioni arabe. E a proposito dell’India il giornale “pagina 12” scrive: “L’India ha alcune nicchie tecnologiche utili per le aree meno sviluppate, il che le conferisce una leadership speciale, vendendo anche in Europa. Uno di questi, per noi molto utile, è l’utilizzo degli scarti dell’industria del legno e delle potature urbane e rurali, per generare energia elettrica nei piccoli centri, riducendo enormemente i costi di trasmissione.

L’industria lattiero-casearia indiana ha molto da ricevere dall’Argentina in termini di tecnologia, se il capitale nazionale che ancora rimane nel settore viene combinato con il prezioso capitale umano che attualmente è parzialmente inutilizzato. Si potrebbe continuare con esempi per le regioni povere del Brasile; con l’articolazione mineraria con il Sudafrica, che ci consente di aggiornare la nostra legislazione seguendo le loro orme.

Un’ultima osservazione. I paesi scelti per aderire ai BRICS non sono semplicemente il risultato di un maggiore potere negoziale. L’Etiopia e l’Egitto, come già accennato, fanno da tempo parte del progetto sino-arabo, con una certa partecipazione tedesca e canadese, per stabilire l’agricoltura su scala continentale in Africa. L’Arabia Saudita, gli Emirati e l’Iran combinano la produzione di energia e la capacità di investimento.

Infine, l’Argentina può integrare il Brasile in quello che rappresenta un processo di ricerca efficace per il miglioramento delle condizioni di vita in tutto il Sud America. Tutto ciò che è scritto può succedere e dovremmo celebrarlo”.

Alla luce di queste considerazioni possiamo concludere che le opportunità per l’Argentina derivanti dall’adesione ai Brics sarebbero stati assai maggiori degli “aiuti interessati” promessi dal Fmi e dagli USA.

Articolo di Federico Giusti 

Fonte: https://www.linterferenza.info/esteri/la-mancata-adesione-dellargentina-ai-brics/

QUANDO INIZIA LA FELICITà
Di domande, nascite e rinascite
di Gianluca Gotto

Quando Inizia la Felicità

Di domande, nascite e rinascite

di Gianluca Gotto

"Quando Inizia la Felicità" è un libro pieno di domande, riflessioni e spunti per vivere al meglio la tua vita.

Ѐ un libro rassicurante come una tazza di tè in un freddo pomeriggio di pioggia, il primo abbraccio dopo molto tempo, una chiacchierata con quell'amico che ti ascolta senza giudicare.

Un diario di viaggio scandito da domande su cui tornare più e più volte, per trovare un segnale, un'ispirazione, una motivazione a smettere di aspettare o inseguire la felicità, ma cercarla dove già siamo: qui e ora.

Gianluca Gotto, fondatore del blog "Mangia Vivi Viaggia" e scrittore di successo, ha saputo trasformare il viaggio in uno stile di vita, diventando il punto di riferimento per tutti coloro che si sentono "fuori posto" in una vita ordinaria.

"Le Coordinate della Felicità", il memoir ispirazionale in cui Gianluca racconta di come ha maturato la decisione di abbandonare Torino per diventare un nomade digitale, negli anni è diventato un vero e proprio "manifesto per sognatori, viaggiatori e ribelli": per chiunque voglia fare della propria esistenza una storia unica e quindi straordinaria.

In questo nuovo libro, Gianluca condivide le domande che lo hanno accompagnato nel corso della sua crescita personale per raccontare senza reticenze le esperienze vissute in questi ultimi anni.

I momenti difficili e le fragilità, ma anche la sua rinascita, i sogni realizzati, la consapevolezza acquisita attraverso il buddhismo, i tanti incontri che hanno illuminato la sua strada, l'amore smisurato per Claudia e la gioia, immensa, della paternità.

Lascia che questo libro sia per te come un segnale dall'Universo: questo non è il momento di ristagnare nella paura, vivi la tua rinascita con calma, saggezza e consapevolezza.

Riprendi il sentiero, riscopri te stesso e le tue verità, una domanda alla volta.

"Ogni mia grande rivoluzione personale, che fosse professionale, relazionale o spirituale, è iniziata non da una certezza assoluta, ma da una domanda. La ricerca di una risposta era l'unico modo per conoscere la verità. E quando non la trovavo subito, ero costretto a partire per cercarla. Nel mondo, dentro me stesso, nelle altre persone.

Questo libro è una raccolta delle domande che più di tutte hanno smosso qualcosa di profondo nel mio cuore e nella mia mente.

Sono domande inusuali, talvolta molto specifiche, in altri casi bizzarre. Portano alla riflessione, ma anche al desiderio di agire per cambiare le cose. Spesso risultano scomode, addirittura impertinenti, ma sono necessarie per far emergere dal caos interiore uno spunto, una consapevolezza, un frammento appuntito di verità da maneggiare con cura."

Gianluca Gotto

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *