Dallo Spid a “It Wallet”: Cosa Cambierà nel 2024

di Alessandro Ferro

Negli anni della transizione digitale ecco le novità sull’introduzione del portafoglio digitale: cos’è “It Wallet” e quale sarà il destino dello Spid.

La parola d’ordine è “identità digitale” con una transizione che giorno dopo giorno si fa sempre più forte e concreta grazie ai potenti mezzi messi a disposizione dalla tecnologia. In questo senso ecco che il governo sta pensando al lancio di It Wallet, un portafoglio digitale che conterrà tutti i nostri documenti, dalla patente alla carta d’identità o passaporto così come la tessera sanitaria, tutti rigorosamente digitali e consultabili con pochi e semplici clic (e già… non aspettavamo altro… questa sì che è la soluzione a tutti i nostri problemi! – nota di conoscenzealconfine.it)

Cosa Accadrà nel 2024

Non dimentichiamo, però, che milioni di italiani utilizzano quotidianamente lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) che ha avuto un’impennata specialmente negli ultimi anni con un rallentamento fisiologico nell’ultimo periodo: secondo le stime del Politecnico di Milano è usato da 36,4 milioni di persone ma è ancora molto distante dall’obiettivo dei 42,5 milioni “richiesti” entro il 2025. Anche la Cie (Carta d’identità elettronica) conta già quasi 40 milioni di persone ma la crescita non aumenta.

Tra i due sistemi, come detto, ecco It Wallet che sarà “totalizzante” nel prossimo futuro.

Come Funziona il Wallet

A gennaio-febbraio sarà pronto e pubblicizzato il wallet. Avrà all’interno la carta di identità elettronica ma anche tessera sanitaria digitale, licenza di guida, carta europea della disabilità”, ha dichiarato recentemente Vincenzo Fortunato, alla guida del Comitato interministeriale per la transizione digitale. La data del “debutto” è stimata per la prima parte del 2024 (entro i primi sei mesi): una volta collaudato, It Wallet sarà destinato a ospitare anche la patente di guida, la tessera elettorale e documenti di vario tipo. “Sul progetto It Wallet siamo sostanzialmente in linea con il piano iniziale e contiamo di poter consegnare il wallet ai cittadini nel prossimo anno, ha dichiarato Alessio Butti, Sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Innovazione tecnologica.

La Fine dello Spid?

Ma come farà questo sistema a coesistere con Spid: saranno “amalgamabili” o l’uno esclude l’altro? Butti, come scrive il Corriere, ha anche dichiarato che bisogna “cominciare a spegnere lo Spid e a promuovere la carta d’identità elettronica come unica identità digitale, nazionale e gestita dallo Stato”. In questo caso, però, si tratta di dettagli di non fondamentale importanza (adesso) per i cittadini.

Quel che si sa, è che l’App IO potrebbe essere la candidata numero uno per accedere a It Wallet accedendo sempre con lo Spid (due livelli di sicurezza) o con Cie (ben tre livelli con Pin finale). Come si può vedere, lo Spid potrebbe tranquillamente coesistere ma nulla è stato ancora deciso.

“È stato già ultimato il prototipo concettuale per valutare, in fase pre-decisionale, le potenzialità di sviluppo, attraverso la cooperazione tra Dipartimento per la Trasformazione digitale, PagoPa e l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato”, ha sottolineato Butti.

Nel frattempo, anche l’Inps ha promesso di snellire le sue operazioni e rendere servizi sempre più efficienti a cittadini e imprese utilizzando, nel prossimo futuro, i “benefici” derivanti dall’intelligenza artificiale (ovvero: la “prigione” digitale sta alzando le sue sbarre – nota di conoscenzealconfine.it).

Articolo di Alessandro Ferro

Fonte: https://www.ilgiornale.it/news/cittadini/dallo-spid-it-wallet-ecco-cosa-cambier-nel-2024-2260740.html

STICAZZI
La suprema via della leggerezza
di Andrea Pietrangeli

Sticazzi

La suprema via della leggerezza

di Andrea Pietrangeli

Lo Sticazzi non è filosofia di vita, è vita pura in azione. La lettura ideale (ed efficace!) per chiunque voglia imboccare la suprema via della leggerezza..

Sticazzi è l'antica e potente formula che da secoli permette di distaccarsi dalle gravose pesantezze del quotidiano. Se sai come usarlo, lo Sticazzi si rivela infatti l'efficace rimedio anti-gravità che ti consente di sciogliere conflitti interiori ed esterni, sgretolare sensi di colpa e superare paure, vergogne, blocchi e ferite.

Adoperato nel modo corretto, diviene un'espressione di saggezza e liberazione, una parola sacra che ti potenzia, protegge e libera da ogni catena.

Con allegra profondità e irriverente puntualità, queste pagine ti svelano il potere segreto insito nello Sticazzi, indicandoti in che modo il sapiente utilizzo di questa portentosa parola possa realmente migliorarti la qualità della vita nei più svariati ambiti, dalla famiglia ai social, dai soldi alla malattia, dal cibo a Dio.

"Lo Sticazzi non è una filosofia di vita, è vita vera in movimento, è amore in azione. Un'espressione che t'illumina, una parola sacra che ti protegge da ogni tuo mostro, da ogni catena, da ogni blocco, da ogni ferita".

In un mondo sempre più pesante, dove ogni cosa ha acquisito una gravità tale da schiacciare ogni impeto alla vitalità e alla gioia, Andrea Pietrangeli indica al lettore la suprema via della leggerezza e lo accompagna, con allegria e irriverenza, ma anche con profondità e puntualità, a scoprire il potere insito nello "Sticazzi".

Tutto va sempre bene nel magico mondo dello Sticazzi, perché non è mai un vero fregarsene, ma uno scegliere coscientemente da cosa ci si vuole ripulire e Andrea mostra – esperienza personale alla mano – in che modo lo Sticazzi possa davvero migliorare sensibilmente la qualità della vita nei più svariati ambiti: dalla famiglia ai social, dai soldi alla malattia, dal cibo a Dio.

Una lettura piacevole e illuminante, una vera boccata d'aria fresca in un mondo sempre più rinchiuso dentro mura asfissianti. Provare per credere! No? Sticazzi!

"Lo Sticazzi richiama l'azione, chiede di mettersi in gioco, scegliere, decidere, fidarsi del buio, del nuovo, dell'ignoto, mostrarsi al mondo, permettersi di cambiare, disobbedire a papà e mamma, far rimanere male chi già stava male, credere solo in se stessi per imparare a fidarsi di tutto e di tutti".
Andrea Pietrangeli

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *