Due vermi congelati da 40 mila anni tornano a vivere e a mangiare

Due “nematodi” vissuti 40 mila anni fa sono stati trovati in alcuni campioni di permafrost raccolti in Siberia dai ricercatori russi: una volta ‘scongelati’ a 20 gradi per qualche settimana, i vermi hanno ricominciato a vivere e a mangiare. Si tratta di un’importante scoperta che apre nuovi dibattiti sul tema della criopreservazione.
Due nematodi (vermi cilindrici) di migliaia di anni fa (tra i 30 e i 40 mila anni fa) sono tornati in vita dopo essere stati ‘scongelati’ da un permafrost raccolto dai ricercatori russi: si tratta di un’importante scoperta che apre nuove riflessioni sulla reale possibilità della criopreservazione e, in generale, sulla preservazione dei nostri tessuti a bassissime temperature. Lo studio, intitolato “Viable Nematodes from Late Pleistocene Permafrost of the Kolyma River Lowland”, è stato pubblicato sulla rivista Doklady Biological Sciences

Vai all’articolo

HAI MAI DATO UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SEZIONE DEI LIBRI SUPER-SCONTATI?

Cancro: i medici dovrebbero evitare di dire “cancro” per diagnosi minori

La parola cancro dovrebbe essere eliminata da alcune diagnosi mediche, perché può spaventare le persone facendo pensare a trattamenti invasivi di cui non hanno bisogno.
Secondo alcuni ricercatori australiani la parola cancro può causare un’ansia pericolosa nel paziente. I ricercatori australiani chiedono una revisione radicale delle diagnosi di cancro, per ridurre il sovra-trattamento nocivo. Eliminare l’etichetta “cancro” da condizioni a basso rischio, tra cui carcinomi mammari allo “stadio 0”, potrebbe proteggere molti pazienti da trattamenti aggressivi non necessari e conseguenti disagi, sostengono i ricercatori dell’Università di Sydney e della Bond University, che hanno pubblicato la loro analisi sul British Medical Journal

Vai all’articolo

L’ipotesi rettiliana: ”Dinosauri intelligenti sono sopravissuti all’estinzione e si sono evoluti in civiltà interstellare”

Sorprendenti evidenze scientifiche durante questo secolo e lo scorso, hanno portato alcuni ricercatori a credere che una razza dell’era dei dinosauri non si sia mai completamente estinta: questa razza di rettili, la più intelligente, sarebbe sopravvissuta.
Questi esseri altamente adattabili e astuti potrebbero essere sopravvissuti all’impatto dell’asteroide nello Yucatan milioni di anni fa e al conseguente massiccio cambiamento climatico. Sarebbero i predecessori di quelli che, secondo alcuni scienziati, sono diventati poi una razza evoluta e intelligente, i rettiliani. 
Costoro avrebbero creato tecnologie avanzate con tanto di navi interstellari e sviluppato una super-scienza e una conoscenza molto vasta. Nel corso del tempo, avrebbero potuto esplorare e colonizzare altri pianeti, creando una rete di società anche al di fuori della Terra.
Alcuni ricercatori che studiano i casi di “contatti extraterrestri”, sostengono che molti degli incontri di oggi con ET, non sono alieni di un altro mondo, ma dinosauri evoluti del nostro pianeta. La razza dei dinosauri avrebbe verosimilmente visto l’umanità evolversi nel corso di milioni di anni, spingendola sottilmente e segretamente verso certi obiettivi utili al loro tornaconto… un’agenda misteriosa, forse terrificante, che solo loro conoscono…

Vai all’articolo

Un mondo in bianco e nero

di Massimo Mazzucco
Si sta instaurando ormai a tutti i livelli, nel pubblico confronto, un meccanismo per cui la verità diventa qualcosa di “liquido”, immediatamente “reversibile” nel suo opposto, grazie ad una semplice dichiarazione contraria.
Facciamo qualche esempio: Luigi Di Maio accusa l’ex-ministro Calenda di avere mal condotto la gara che ha portato all’offerta di Arselor-Mittal, per l’acquisto dell’ILVA di Taranto. Risposta di Calenda? “Totali idiozie”, e liquida così con due parole l’accusa del ministro che lo ha rimpiazzato.
Oppure: L’ex presidente della camera Pietro Grasso viene condannato a risarcire il PD per 80 mila euro che non avrebbe mai versato nelle casse del partito, durante la sua militanza piddina. Risposta di Grasso? “Parole infamanti, è una ritorsione”, liquidando così in due parole una sentenza emessa dalla magistratura italiana.
Oppure ancora: la corte europea condanna Google a pagare 5 miliardi di multa per aver violato le regole con il loro sistema Android. Risposta di Trump? “Ve l’avevo detto! L’Europa vuole approfittarsi di noi”.
Ormai stiamo assistendo ad una brutale semplificazione del pubblico dibattito, a qualunque livello esso si svolga. Mi accusano di questo? Sono dei coglioni. Dicono questo di me? Parole infamanti. Hanno fatto questo? È solo perchè non ci vogliono bene…

Vai all’articolo

L’Antidoto di Seneca per calmare l’ansia ed eliminare le preoccupazioni

La maggior parte di noi non riesce ad evitare di pensare in termini di perdite o guadagni, di buono o di cattivo. Il nostro pensiero è dicotomico e di conseguenza abbiamo bisogno di catalogare tutto in fenomeni opposti.
Pensiamo che tutti gli eventi siano benefici o dannosi, e perdiamo la maggior parte del tempo preoccupandoci della possibilità che si verifichino eventi negativi o perdite potenziali.
L’ansia moderna si basa, fondamentalmente, su preoccupazioni per cose che non accadranno mai. L’avvento di internet, inoltre, ha peggiorato questa situazione: l’essere costantemente connessi, sapere ciò che accade in tutti gli angoli del mondo, genera, infatti, un’ansia difficile da gestire…

Vai all’articolo

Marchionne… la vera storia!

di Carlo Formenti
Marchionne guadagnava 453 volte lo stipendio medio dei suoi dipendenti (escluse le stock option): Scandaloso? No, replicano i menestrelli di regime, chi si adonta per queste disuguaglianze è un invidioso che rinnega il principio del merito: a decidere chi guadagna quanto, sono i “mercati”.
Non è il solo: la morte di un altro boss dell’industria contemporanea – il guru della Apple Steve Jobs – è stata celebrata con lodi funebri degne d’un faraone egizio. Ma Jobs non era uno “stinco di santo”. Al contrario: è stato un manager cinico e spietato, pronto a calpestare tutto e tutti pur di realizzare i propri obiettivi ma, almeno, ha inventato prodotti innovativi che hanno segnato un’epoca.
L’uomo di cui stiamo parlando, al contrario, non ha inventato nulla: si è limitato a rispolverare pratiche di repressione antisindacale che nel nostro Paese non si vedevano dagli anni Cinquanta, aggiornandole con i metodi importati dagli Stati Uniti, mentre l’altro suo “merito” è stato pompare denaro pubblico italiano, per poi scippare al Paese il controllo sulla più grande impresa che il nostro sistema economico abbia mai generato…

Vai all’articolo

Aquarius, l’ultima tragica umiliazione per la Ong: “Cancellata dal registro di Gibilterra”

Le navi delle Ong sono letteralmente scomparse dal mar Mediterraneo.
Soprattutto nel canale di Sicilia non c’è più traccia della Aquarius, l’imbarcazione della Sos Mediterranée e Medici senza frontiere, ormai rientrata a Marsiglia, dopo una serie di scontri al vetriolo per il blocco di fatto dei porti imposto dal governo italiano, Matteo Salvini in testa.
I guai si sa non vengono mai soli, anche per le “anime pie” delle Ong. E non fa eccezione l’Aquarius, che un tempo batteva bandiera di Gibilterra, almeno finché a inizio agosto le autorità portuali non hanno annunciato l’intenzione di rimuovere la nave dai propri registri.
Come scrive il Fatto quotidiano, l’armatore non ha presentato alcun ricorso per sospendere la procedura – la scadenza era il 20 agosto – e quindi la Aquarius è tornata a battere bandiera tedesca, come in origine. Il 22 agosto poi i responsabili di Sos Mediterranée hanno chiarito: “In questo momento la Aquarius non è in mare senza bandiera. I nostri team stanno lavorando per trovare una soluzione che permetterà alla Aquarius di continuare la sua missione vitale nel Mediterraneo centrale e di ripartire al più presto per salvare vite dopo il cambio equipaggio. Il processo è ancora in corso e sarete informati per tempo della situazione”

Vai all’articolo

Consigli per mangiare sano e spendere poco

“Il cibo sano e biologico costa troppo, non me lo posso permettere”, questa è l’affermazione più comune da parte di chi, giustificandosi, molto probabilmente segue uno stile alimentare tutt’altro che sano e di conseguenza anche poco ecosostenibile.
Quali sono i giusti consigli per mangiare sano senza doverci svenare economicamente? Per prima cosa dobbiamo intenderci su cosa significa mangiare sano.
Cosa significa mangiare sano
Mangiare sano non significa solo acquistare prodotti biologici al supermercato. Sarebbe riduttivo. Mangiare sano significa scegliere una varietà di alimenti freschi e naturali o poco elaborati. Certo meglio se con certificazione biologica, ma chi ha la possibilità di rivolgersi a piccoli produttori, può verificare l’origine degli alimenti al di là delle certificazioni.
Mangiare sano significa anche alimentarsi con cibi naturali e preparati nel rispetto della natura. I metodi di allevamento intensivi non lo sono, e non mi riferisco solo alla carne, ma anche al latte e alle uova. Anche le coltivazioni intensive non sono sane, perché fanno uso di concimi chimici e pesticidi che si depositano su frutta e verdura. Indovinate da dove arriva la maggior parte dei prodotti della grande distribuzione?…

Vai all’articolo

Italia: mari esplosivi!

di Gianni Lannes
Crimini contro l’umanità ad un soffio dalla catastrofe ecologica: la colonia Italia è circondata da un mare di bombe alleate che disperdono in acqua il loro micidiale contenuto. Armi per lo sterminio di massa, che uccidono senza dare nell’occhio a distanza di generazioni. Un’altra pagina di verità negata. E nessuna traccia sui libri di storia.
Le navi nordamericane cariche di iprite affondate nel 1943 e nel ’45 a Bari, gli arsenali gettati sempre dagli alleati anglo-americani nel Golfo di Manfredonia, nel Golfo di Napoli e dinanzi all’isola di Ischia, e poi le testate chimiche inabissate dai soldati tedeschi tra Fano e Pesaro. Ma ci sono anche ordigni NATO che pullulano nell’Adriatico e nel Tirreno, sepolti dall’oblio…

Vai all’articolo

7 segni che ti dimostreranno di aver vissuto molte vite passate

Molte persone e culture in tutto il mondo, credono nella reincarnazione e nella rinascita.
La convinzione è che ogni essere umano abbia un’anima immortale che continua a rivivere in nuove forme di vita, mentre si muove sul suo cammino karmico, per raggiungere uno stato di “perfetta illuminazione”. Sempre che ci si riesca!
Se si raggiunge questo obiettivo, l’anima cessa di rinascere perché ha compiuto il suo cammino evolutivo, e non ha più bisogno di accumulare esperienze in questa dimensione-sogno.
Hai mai sentito che esistono anime antiche, cioè quelle anime che si sono reincarnate moltissime volte? Sappi che tu potresti essere una di loro. Questi sono alcuni segni convincenti, che ti diranno se sei qui da molte vite…

Vai all’articolo

I danni dell’Alcool: non esiste una quantità sana!

di Roberto Todini
La ricerca proveniente dalla Scuola di salute pubblica dell’università di Washington e pubblicata su The lancet, è molto categorica e lascia poche speranze a popoli come il nostro o quello francese, che hanno la cultura del vino tra quelle più radicate nella propria tradizione.
Lo studio indaga i danni da alcool e conclude che non esiste una quantità “sana” di alcool sotto la quale il rischio è zero. In altre parole, ferme restando le proprietà benefiche di alcune delle componenti del vino già note da tempo, l’alcool è un veleno che non ha effetti positivi. Alcune ricerche precedenti affermavano che al di sotto di una certa quantità, il veleno diventa praticamente innocuo e dunque i benefici delle altre componenti del vino portavano decisamente in area positiva il bilancio tra effetti positivi e negativi…

Vai all’articolo

Scientificamente provata l’esistenza di Chakra e Meridiani

Finalmente convalidata anche dalla scienza la presenza dei principali punti energetici chakra e dell’agopuntura.
Utilizzando una nuova tecnica di cattura delle immagini e di tomografia computerizzata (PET tomografia a emissione di positroni), i ricercatori hanno osservato dei punti concentrati dentro a strutture microvascolari, che corrispondono chiaramente ai punti su cui lavorano gli esperti di medicina energetica da quasi 2000 anni.

Nello studio, pubblicato dal Journal of Electron Spectroscopy and Related Phenomena, i ricercatori hanno usato una tecnica di immagine di contrasto sia sui punti dell’agopuntura che sulle principali ghiandole endocrine del nostro corpo, che circa 5000 anni fa venivano denominate “chakra” nei testi vedici…

Vai all’articolo

La “putrefazione” politica della Sinistra

Come regalare altri milioni di consensi e voti all’odiato “populismo”, e come al contempo riuscire nell’ardita impresa di farsi odiare visceralmente da quel “popolo” con cui non si hanno più relazioni, né umane né tantomeno politiche?
Ce lo sta mostrando in questi giorni la “sinistra”, o almeno una parte rilevante di questa, intruppatasi a difesa dei Benetton e del capitalismo privato. Le immagini e le parole nauseabonde urtano ogni sensibilità popolare, collaborando col nemico pur di salvaguardare la propria rendita intellettuale messa in crisi dal populismo di governo.

Michele Prospero (foto sotto), ad esempio, ovvero il prototipo più conseguente del baronismo universitario, legato mani e piedi al regime “democratico” post-comunista, così scrive dalle colonne del…

Vai all’articolo

La prima terapia anti tumore con cellule del paziente arriva in Europa

La cura per i tumori chiamata “Car T”, che prevede l’uso delle cellule del paziente “addestrate” a riconoscere quelle tumorali, è arrivata in Europa. La Commissione Ue ha infatti approvato il “tisagenlecleucel”, la prima terapia basata su questa tecnica, per due neoplasie.
Il via libera, spiega il comunicato dell’azienda Novartis che l’ha messa a punto, è arrivato per la leucemia linfoblastica acuta (LLA) a cellule B nei pazienti pediatrici e fino ai 25 anni di età e il linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) negli adulti, e in entrambi i casi va usata per le forme che non rispondono alle terapie tradizionali.
La “Cart-t therapy” consiste nel prelevare i “linfociti T” del paziente, un tipo di cellule del sistema immunitario, modificandoli perché riconoscano le cellule tumorali e quindi reinserendoli dopo averli fatti replicare…

Vai all’articolo

Il Potenziale Quantico del Cervello

Perché alcune persone riescono nella vita, hanno successo e altre no?
Riuscire nella vita, non è sempre dovuto alla fortuna, all’intelligenza o alla dedizione: spesso ciò che fa la differenza è la capacità di sfruttare l’intero potenziale nascosto del proprio cervello.
Fin da quando nasciamo, il nostro cervello accumula “programmi mentali”: istruzioni che ci dicono cosa fare e pensare in ogni situazione e che, con il tempo, iniziano ad essere eseguite in modo automatico (a livello inconscio). Un meccanismo straordinario che ci permette di imparare e fare sempre più cose. C’è un solo problema: se nel nostro cervello girassero le istruzioni sbagliate?…

Vai all’articolo

Il Suono del Sole

di Sara Venturi
Dopo anni di osservazioni, per la prima volta abbiamo la possibilità di ascoltare il Sole con le nostre orecchie. Tutto grazie alla conversione in suono di dati raccolti in vent’anni di osservazioni dalla sonda Soho dell’Esa e della Nasa.
I dati raccolti per oltre vent’anni dal Solar and Heliospheric Observatory (Soho) dell’Esa e della Nasa, hanno catturato il moto dinamico dell’atmosfera del Sole. Grazie alle informazioni ottenute, possiamo oggi ascoltare il “movimento” del Sole – le sue onde, i suoi anelli e le sue eruzioni – con le nostre orecchie. Il suono ha aiutato gli scienziati a studiare ciò che non può essere osservato a occhio nudo…

Vai all’articolo

Gli esseri umani facevano il pane già 4.000 anni prima di diventare agricoltori

Scoperti in Giordania i primi forni di cacciatori-raccoglitori per cuocere il pane fatto con cereali selvatici.
I resti carbonizzati di una focaccia cotta in un forno da un gruppo di cacciatori-raccoglitori più di 14.000 anni fa, e scoperti nel nord-est della Giordania da un team di ricercatori dell’università di Copenaghen, dell’University College London (Ucl) e dell’università di Cambridge, potrebbero rivoluzionare la storia dell’alimentazione umana.
Infatti lo studio “Archaeobotanical evidence reveals the origins of bread 14,400 years ago in northeastern Jordan” appena pubblicato dai ricercatori danesi e britannici su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas) illustra quella che è la più antica testimonianza di come già 4000 anni prima dell’avvento dell’agricoltura si facesse il pane. Nonostante la sua importanza nella cucina moderna, le origini del pane sono state finora ampiamente sconosciute. In passato si pensava che le persone dell’età della pietra (neolitico) potessero essere state le prime a fare il pane circa 9,000 anni fa, dal sito di Çatalhöyük in Turchia…

Vai all’articolo

Sessualità biologica o immaginaria? Siamo alla follia!

di Patrizia Stella
L’ultima trovata dei profeti della Teoria Gender: “curare” la “disforia di genere” (patologia inventata).
In un periodo di ferie come quello estivo dove la gente vorrebbe pensare solo positivo per potersi ritemprare dalle varie preoccupazioni, non è stata data sufficiente importanza a uno dei provvedimenti più gravi e pericolosi di sempre, voluti dal Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB) riguardo la liberalizzazione dell’uso di un farmaco dagli effetti devastanti che è la triptorelina, ormone che ha la possibilità di bloccare la pubertà in preadolescenti, cui sarebbe stata diagnosticata la cosiddetta “disforia di genere”, cioè l’incertezza riguardo alla propria sessualità, per metterli poi in grado di decidere “con cognizione di causa!” a quale sesso o categoria appartenere!…

Vai all’articolo

Stop Islamizzazione: No al villaggio islamico!

Gli uomini, le culture, le religioni, sono tutte degne di rispetto, ma non sono intercambiabili l’una con l’altra.
I militanti emiliani di “Azione Identitaria” hanno affisso, nella serata di Sabato 12 Maggio scorso, uno striscione con scritto: “NO al villaggio islamico – Stop Islamizzazione”, sul ponte della ferrovia nei pressi dell’ex mattatoio di Veggia di Casalgrande (RE), luogo prescelto dalla Associazione Islamica immigrata di Sassuolo, per edificare un enorme “cittadella islamica”, un centro polifunzionale a metà tra una scuola coranica, un centro ricreativo, un mercato… e ovviamente una moschea, nonostante le ambigue rassicurazioni del Comune e dell’associazione islamica in questione.
I militanti emiliani di “Azione Identitaria” hanno affisso, nella serata di Sabato 12 Maggio scorso, uno striscione con scritto: “NO al villaggio islamico – Stop Islamizzazione”, sul ponte della ferrovia nei pressi dell’ex mattatoio di Veggia di Casalgrande (RE), luogo prescelto dalla Associazione Islamica immigrata di Sassuolo, per edificare un enorme “cittadella islamica”, un centro polifunzionale a metà tra una scuola coranica, un centro ricreativo, un mercato… e ovviamente una moschea, nonostante le ambigue rassicurazioni del Comune e dell’associazione islamica in questione.
Il messaggio è stato ribadito con l’affissione di diversi volantini nell’area, con scritto “NO al villaggio islamico a Veggia”…

Vai all’articolo

La Chiesa ancora dalla parte degli stranieri: borse di studio per i figli degli immigrati

di Ismaele Rognoni
A Castel Volturno, la diocesi e la Caritas hanno inventato un modo per donare soldi agli extracomunitari che sono giunti in Italia e vogliono laurearsi; tale progetto, ovviamente, non è rivolto agli italiani.
Borse di studio e un piccolo campus universitario per i ragazzi di Castel Volturno (Caserta), figli di immigrati, che hanno l’ambizione di laurearsi.
È il progetto denominato “Centro Studi Internazionali” che la Diocesi di Capua sta realizzando in collaborazione con la Caritas e la “Fondazione Migrantes” al Centro Fernandes, struttura inaugurata nel 1996, che a Castel Volturno ospita stranieri in difficoltà, tra cui molte donne tolte dalla strada. Il progetto, che non possiamo che definire “razzista”, ovviamente non prende in causa figli di italiani in difficoltà conomiche, i quali potrebbero aspirare anch’essi a laurearsi…

Vai all’articolo

Gli USA alle prese con la mortalità infantile

La mortalità infantile negli Usa è superiore a quella di Cuba e dai dati dell’Agenzia federale per il controllo e la prevenzione delle malattie, emerge anche un divario razziale… che “dice molto”.
Gli Stati Uniti vantano alcuni dei più famosi centri medici di eccellenza al mondo. Molto conosciuti sono ad esempio la Mayo Clinic a Rochester, nel Minnesota, e il Johns Hopkins Hospital a Baltimora, nel Maryland. Altrettanto famose sono anche alcune strutture pediatriche, come il Children’s Hospital a Boston, Massachusetts, e il Children’s Hospital Medical Center a Cincinnati, Ohio.
Ciononostante, nella prima economia mondiale il tasso di mortalità infantile [1] è superiore a Paesi come Australia, Canada, Cuba, Francia, Germania, Giappone, Nuova Zelanda o Regno Unito. Infatti, per quanto riguarda l’anno 2015 – con 5,90 decessi per ogni 1.000 bambini nati vivi – il tasso è negli USA circa il doppio rispetto all’Italia (approssimativamente 3 per ogni 1.000 nati vivi)…

Vai all’articolo

Turismofobia

di Eugenio Benetazzo
Esiste un modo di dire tipicamente inglese, ossia “life & knife”, in riferimento al tipo di vacanza che si desidera fare e condividere. Per spiegarvi questo gioco di parole all’inglese è necessaria tuttavia una premessa introduttiva.
Per l’italiano medio quando si pensa alle tanto sospirate vacanze estive, solitamente si immagina una qualche località costiera di turismo di massa, in cui si affitta un appartamento o una camera d’albergo praticamente a ridosso della spiaggia, in genere “first from the sea” o “primera linea de playa”.
Si tratta pertanto di una vacanza full immersion nella movida di una qualche località di balneazione, con il vantaggio di avere il mare e la sua spiaggia praticamente sotto casa, la possibilità di fare passeggiate sui vari lungomare disponibili e la disponibilità di molteplici attività di intrattenimento, svago e distrazione.
Questo è quello che in teoria ci si dovrebbe almeno aspettare. In pratica il quadro a consuntivo muta considerevolmente. La maggior parte degli italiani infatti si può permettere di andare in vacanza durante il mese di agosto o quando va bene nell’ultima settimana di luglio. Questo comporta che le tanto sognate località di mare, si trasformano durante tali periodi dell’anno in carnai umani a cielo aperto, in cui tutto quello che una vacanza dovrebbe offrire e dare rimane solo una effimera chimera…

Vai all’articolo

La Svezia va alla “guerra civile”: il governo si prepara a schierare l’esercito nelle “No-Go-Area”

di Carmenthesister
Il fenomeno delle gang islamiche sta cambiando il volto delle pacifiche e ordinate società del nord Europa. In particolare la Svezia, che da anni affronta un gravissimo problema di governo di alcune zone off limits nelle grandi città, dominate da gang di giovani immigrati di religione islamica.
A quanto riporta “Zero Hedge”, la situazione è così esplosiva che il governo svedese si sta organizzando già da inizio anno per dispiegare l’esercito e distribuire manuali di autodifesa ai propri cittadini.
Per la prima volta dalla seconda guerra mondiale, la Svezia si sta preparando a distribuire un opuscolo sulla difesa civile a circa 4,7 milioni di famiglie, avvertendole sul possibile insorgere di una guerra. Secondo quanto riportato dal FT, l’opuscolo servirà come un manuale di “auto-difesa” in caso di guerra e fornirà dettagli su come garantirsi i bisogni di base come acqua, cibo e riscaldamento…

Vai all’articolo

Gli egoisti…

di Selvaggia
Nascono con i rami secchi nel cuore e giardini spogli di colori, sono terreni aridi di amore per gli altri, soli congelati nei freezer dell’anima, e stelle spente di notti profonde.
Camminano nelle strade della propria esistenza senza avvedersi dell’umanità che li circonda, del mendico che elemosina calore e sorrisi, dei fulmini che stanno colpendo l’amico, il vicino, il fratello. Sono figli unici, senza madri né padri, per loro deliberata scelta, così da non sentirsi mai costretti ad occuparsi di qualcuno se mai dovesse far capolino nei loro cuori un briciolo di coscienza.
Dinanzi all’Universo che tracolla sono sordi e distanti e mentre attorno si scatena l’inferno, portano lo sguardo altrove, spostano l’attenzione, cambiando direzione ai pensieri; si assentano, svaniscono,”escono fuori dalle stanze” in cui sta per compiersi la tragedia e permettono che quel che era evitabile invece si compia, così che mentre le fiamme divorano i cieli ed incendiano gli oceani, loro si sono parati il culo salvandosi la pelle…

Vai all’articolo

Dal Burqa all’Utero in affitto

Un mondo di violenze diverse, violenze che potremmo definire “politicamente scorrette” che riflettono la fragilità femminile di fronte a un mondo che, ancora oggi, non sa riconoscere a pieno la dignità e diversità della donna.
Donne usate per l’utero in affitto

Si tratta di donne a volte ingannate, a volte forzate, a volte portate dalla povertà a prestarsi alla fecondazione e alla procreazione conto terzi. Si sottopongono a cicli di fecondazione artificiale dolorosi e dannosi e portano avanti gravidanze che terminano con l’adozione del loro figlio. È una pratica che le rende macchine da procreazione e che lede la loro dignità (oltre che il diritto dei nascituri a non essere procreati per essere poi dati in adozione e allontanati dalla madre naturale).

In Italia, non vi…

Vai all’articolo

“Workaholic”, la dipendenza da lavoro che distrugge tutto il resto

di Salvatore Bonfiglio
Negli Usa l’incidenza della “work addiction” è del 10 per cento, di poco inferiore alla dipendenza da nicotina e paragonabile a quella dall’alcol.
“Mi dica… signor Felice… qual è il suo problema?”
“Il problema è che non vedo l’ora che arrivi lunedì”.
“Non capisco… Si spieghi meglio”.
“Dottore… Sento sempre amici e colleghi che odiano il lunedì perché inizia una nuova settimana di lavoro. Ebbene, io non vedo l’ora che arrivi lunedì perché riprendo a lavorare. Io amo lavorare. Il lavoro è come l’aria che respiro, ne ho bisogno”.
Il signor Felice è un paziente che ho incontrato presso il mio studio ed è affetto da una forma di dipendenza di cui si comincia a discutere sempre di più ultimamente, cioè la dipendenza da lavoro…

Vai all’articolo

Stiamo perdendo!

di Stefano Montanari
L’operazione finanziaria basata sui vaccini ha cominciato ad aumentare di peso già anni fa, ma ora sta raggiungendo livelli impensabili…

Per tanti anni, fino a che le gambe hanno retto dignitosamente, ho indossato pantaloncini e canottiera e ho gareggiato come maratoneta. In quelle gare il numero di partecipanti oscilla abitualmente per ordini di grandezza tra le centinaia e le decine di migliaia, il che significa che, statisticamente, si hanno poche probabilità di vincere, cosa che fece notare ai Corinzi pure San Paolo.

È così che io ho imparato a digerire le sconfitte o, meglio, le mancate vittorie, perché un maratoneta all’arrivo ha vinto comunque. E ora vedo con serena obiettività che stiamo perdendo.

L’operazione finanziaria basata sui…

Vai all’articolo

“Tai Chi”: benefici per la mente e per il corpo

di Claudio Schirru
Il Tai Chi o Tai Chi Chuan è una pratica di origine cinese le cui radici si ritiene affondino nel diciassettesimo secolo. Sviluppatasi come corpo di tecniche marziali, finalizzate alla difesa personale, col tempo ha assunto sempre maggiori connotazioni salutistiche.
Le attività del Tai Chi (o anche Taiji quan) non sono vincolate agli spazi interni. Al contrario, sono piuttosto diffusi corsi che prevedono la sua pratica all’aria aperta, più a contatto con la natura e l’ambiente che ci circonda.
Cos’è?
Il Tai Chi fa affidamento su movimenti lenti e consapevoli, con l’obiettivo di ottenere attraverso l’armonia del corpo quella dello spirito. La loro esecuzione servirà a comporre le varie “forme”, sequenze che mimano il combattimento con un ipotetico…

Vai all’articolo

Toscani, Benetton e i “Maletton”

di Marcello Veneziani
Fanno la morale e poi lucrano senza scrupoli. Sono il simbolo del capitalismo allo sfascio. E il fotografo è il loro profeta.
I Benetton non hanno prodotto solo maglioni e gestito autostrade, ma sono stati la prima fabbrica nostrana dell’ideologia global. Sono stati non solo sponsor ma anche precursori dell’alfabeto ideologico, simbolico e sentimentale della sinistra. Sono stati il ponte, è il caso di dirlo, tra gli interessi multinazionali del capitalismo global e dell’americanizzazione del pianeta, coi loro profitti e il loro marketing e i messaggi contro il razzismo, contro il sessismo, a favore della società senza frontiere, lgbt, trasgressiva e progressista.

Le loro campagne, affidate a Oliviero Toscani, hanno cercato di unire il lato choc, che…

Vai all’articolo

Il Cambiamento arriverà quando realmente voluto

Dott. Pasquale Saviano
Nella nostra vita l’impatto dell’inconscio su come agiamo è forte. Ma da cosa scaturiscono, in realtà, i nostri comportamenti?
I nostri comportamenti sono mediati da ciò che sono i vissuti, dalle emozioni, dalle nostre aspettative ecc., ma soprattutto dalla nostra mente. Quando infatti la mente conscia (che rappresenta le nostre aspirazioni, gli obiettivi di vita, i desideri, ecc.) e la mente inconscia (in cui si trovano le abitudini, le credenze, le esperienze, i programmi comportamentali che abbiamo acquisito dagli altri) sono allineate, esse lavorano insieme e la prima trae forza dalla seconda. Tuttavia, quando le due sono in conflitto, e questo capita spesso, quella che domina è sempre la mente inconscia.
Sarà quindi facile capire, che se desideriamo qualcosa che non riusciamo ad ottenere, molto probabilmente è perché esiste in noi un conflitto interno, che in alcuni casi si configura come blocco emotivo e che influenza il nostro modo di porci e comportarci nella quotidianità. Questo perché la maggior parte delle decisioni che prendiamo è profondamente influenzato da quelli che sono gli schemi comportamentali che ci hanno inculcato gli altri e che abbiamo fatto nostri, senza rendercene conto…

Vai all’articolo