Ora l’Olanda punta all’Eutanasia per i bambini sotto i 12 anni

di Caterina Giojelli
Dopo gli anziani, i disabili, gli incapaci, i neonati e gli adolescenti, anche l’ultimo “paletto” sta per cadere: si discute l’introduzione dell’iniezione letale nell’ultima fascia d’età protetta dalla legge.
Anche i bambini sotto i 12 anni hanno diritto all’eutanasia: a fine settembre tre ospedali universitari olandesi hanno presentato alla camera bassa del parlamento, un rapporto che afferma che l’84 per cento dei pediatri olandesi ritiene necessario introdurre la morte assistita nell’ultima zona franca dell’esistenza, quella dagli 1 ai 12 anni. Si tratta dell’unica fascia di età dove l’eutanasia non è ammessa, in quanto i bambini non sarebbero ritenuti legalmente in grado di autodeterminarsi e optare consapevolmente per la morte.
L’ultima fascia “protetta” dalla legge
Oggi in Olanda “grazie” al “Protocollo di Groningen”, elaborato dal professor Eduard Verhaegen, sulla soppressione dei neonati “affetti da malattie gravi”, dal 2004 è possibile uccidere un bambino tra gli 0 e i 12 mesi (anche se ha una aspettativa di vita di 10 anni). Ed è possibile uccidere un bambino tra i 12 e i 16 anni previo consenso dei genitori. Ma la fascia d’età compresa tra 1 e 12 anni è sempre stata per i persuasori della buona morte una cortina dura da oltrepassare. Fino ad oggi…

Vai all’articolo

Protestantesimo Lgbt… avanti tutta!

di Dalmazio Frau
È una vecchia leggenda del Duecento, quella della “Papessa Giovanna”, donna inglese ma educata a Magonza, che travestita in abiti maschili, venne ordinata monaco col nome di Johannes Anglicus, per salire nel IX secolo al soglio pontificio, con il nome di Giovanni VIII.
Parrebbe anche che la Papessa fosse anche alquanto licenziosa e restata incinta partorì prematuramente durante la solenne processione di Pasqua, nei pressi della Basilica di San Clemente. Scoperto il segreto della sua vera natura, la papessa Giovanna fu lapidata dalla folla inferocita e sepolta in un luogo ignoto, tra San Giovanni in Laterano e San Pietro.
Oggi che il Medio Evo è finito, e con lui anche il Rinascimento, il Barocco e persino l’Età Romantica, ci ritroviamo invece la realtà femminista e rigorosamente Lgbt di Eva Brunne. Infatti costei è la prima donna vescovo, dichiaratamente lesbica, al mondo, consacrata tale dalla Chiesa Luterana di Svezia nel 2009 e sposata, in perfetta coerenza, con la donna pastore Gunilla Lindén…

Vai all’articolo

Assad: “Erdogan è un ladro. Ruba la nostra terra, fattorie, grano e petrolio”

Il presidente siriano Bashar Al-Assad ha definito il presidente turco Recep Tayyip Erdogan un “ladro”.
Lo riporta la Sana, riferendo della prima visita di Assad nella provincia di Idlib dallo scoppio del conflitto nel marzo del 2011, dove ha incontrato i militari dell’esercito di Damasco schierati al fronte.
“Erdogan è un ladro. Ha rubato fattorie, grano e petrolio. E oggi sta rubando la nostra terra”, ha scritto la Sana. “Tutte le zone della Siria hanno per noi la stessa importanza”, ha proseguito Assad, facendo riferimento all’offensiva lanciata lo scorso 9 ottobre dalle forze armate turche nel nordest della Siria…

Vai all’articolo

Ora è chiaro quando scoppierà la Nuova Crisi Finanziaria Mondiale

Dalle recenti dichiarazioni dei rappresentanti dei principali istituti finanziario-monetari internazionali, si capisce che domina il panico.
La Banca mondiale ha effettuato una previsione dei ritmi di crescita del commercio a livello globale, secondo cui quest’anno si osserverebbe un calo dal 2,6% all’1,5%. La direttrice del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, invece, ha previsto una crisi economica persino peggiore di quella del 2008.
700 miliardi in questione
“La crescita dell’economia mondiale di fatto si è interrotta”, ha dichiarato la direttrice del FMI, Kristalina Georgieva, in occasione della riunione annuale dei vertici della Banca mondiale e del FMI, che si è tenuta a inizio ottobre a New York. Stando alle stime del FMI, verso la fine dell’anno il PIL mondiale è in perdita dello 0,8%, ossia di 700 miliardi di dollari. Di conseguenza, per il 90% dei Paesi, i ritmi di crescita economica subiranno un rallentamento e saranno i peggiori degli ultimi 10 anni….

Vai all’articolo

Siamo nati per essere pigri e non disperdere le energie

di Cristina Monaco
L’attività fisica costa uno sforzo cognitivo che il nostro cervello vuole proprio evitare. Lo dice uno studio dell’Università della British Columbia.
Quante volte i nostri buoni propositi di fare sport (soprattutto in vista delle feste natalizie!) sono finiti nel dimenticatoio? Quante volte abbiamo preferito starcene in casa davanti ad un film piuttosto che uscire a fare una corsetta? Siamo perfettamente consapevoli dei benefici di una vita attiva e sportiva, ma qualcosa ci fa restare incollati al divano.
Uno studio dell’Università della British Columbia ha voluto dare una spiegazione scientifica alla pigrizia che inesorabilmente ci assale nel momento in cui decidiamo di dedicarci all’attività fisica. Da oggi in poi possiamo sentirci un po’ meno in colpa: la risposta risiede nel fatto che il nostro cervello è un pigrone di natura. È programmato per scegliere l’alternativa più facile che non faccia dispendere energie e vede l’attività fisica come uno sforzo aggiuntivo, che, se può, evita…

Vai all’articolo

Litigare provoca uno stress che triplica il rischio di morte per qualsiasi causa

Litigare non fa bene alla salute…
Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health ha dimostrato che le frequenti discussioni con partner, amici e familiari raddoppiano (e talvolta triplicano) il rischio di morire per qualsiasi causa nella mezza età.
I più vulnerabili sono gli uomini e le persone che non hanno un lavoro. Dati che indicano che reti sociali positive e relazioni di sostegno sono ottimi promotori della salute e del benessere generali. La ricerca ha intervistato quasi diecimila persone. Nello studio sono stati coinvolti uomini e donne dai trentasei ai cinquantadue anni di età, monitorati dal 2000 al 2011…

Vai all’articolo

A ciascuno il suo “Tallone d’Achille”: rischi diversi per la Salute di uomini e donne

A ciascuno la sua salute. Uomini e donne corrono infatti rischi diversi di contrarre alcune malattie.
Ad esempio, l’80% dei pazienti con patologie autoimmuni (lupus, artrite reumatoide, tiroidite di Hashimoto) è donna. E anche alcune malattie neurologiche, come il Parkinson e l’Alzheimer, mostrano significative differenze di incidenza nei due sessi: il Parkinson colpisce più gli uomini e l’Alzheimer maggiormente le donne. A ricordarlo sono i ricercatori dell’Istituto superiore di sanità (Iss) che, in uno studio pubblicato su Cell Death and Disease, hanno identificato alcuni componenti molecolari alla base della diversa risposta delle cellule maschili e femminili agli stress.
Ebbene, le donne – ricordano gli studiosi dell’Iss – hanno una maggiore incidenza di fratture al femore e sono a maggior rischio di depressione. Gli uomini, invece, hanno un rischio maggiore di mortalità per cancro e di essere colpiti da malattie cardiovascolari in più giovane età…

Vai all’articolo

La Nato si esercita alla Guerra Atomica

di Paolo Mauri
“Steadfast Noon” è il nome di un’esercitazione Nato coperta dal più assoluto riserbo che si tiene annualmente in Europa e che prevede l’addestramento all’utilizzo di armamento atomico.
L’edizione di quest’anno, cominciata venerdì 18 ottobre, ha sede in due basi dell’Alleanza Atlantica, rispettivamente in Olanda, a Volkel (nordest di Eindhoven), e in Germania, a Büchel (sudovest di Coblenza, Palatinato).
Come detto, Steadfast Noon è caratterizzata da una spessa cortina di segretezza, tanto da non comparire nemmeno nell’elenco ufficiale delle esercitazioni pubblicato sul sito della Nato, e possiamo capire bene il perché: l’esercitazione, come riportano anche storicamente tutte le fonti giornalistiche, è finalizzata all’addestramento all’utilizzo di armamento atomico tattico, rappresentato dalle bombe B-61 americane presenti sul suolo europeo…

Vai all’articolo

Italia: oltre 1 milione di bambini in povertà assoluta

di Milena Castigli
Negli ultimi dieci anni sono triplicati passando dal 3,7% del 2008, pari a 375 mila, al 12,5% del 2018.
In Italia sono oltre un milione e 260 mila i bambini che vivono in condizioni di povertà assoluta; negli ultimi dieci anni sono triplicati: passando dal 3,7% del 2008, pari a 375 mila, al 12,5% del 2018. Di questi bambini: 563 mila vivono nel sud, 508 mila al nord e 192 mila al centro. A denunciare la condizione dei minori in Italia è Save the Children nell’ “Atlante dell’Infanzia a rischio”, diffuso in occasione del lancio della campagna ‘Illuminiamo il futuro” per il contrasto alla povertà educativa.
Si tratta – viene spiegato nella pubblicazione curata da Giulio Cederna e dal titolo ‘Il tempo dei bambini’ – di un record negativo tra i Paesi europei che ha visto un peggioramento negli anni più duri della crisi economica, tra il 2011 e il 2014, quando il tasso dei bambini in povertà assoluta passò dal 5% al 10%. Stesso trend anche per quei bambini e adolescenti che fanno parte della cosiddetta “povertà relativa”: nel 2008 erano 1.268.000 e a 10 anni di distanza sono aumentati a 2.192.000…

Vai all’articolo

Il Polpo che sembra sognare (video)…

È stato visto milioni di volte e molto condiviso, ma alcuni ricercatori invitano ad andarci cauti prima di dire che i polpi sognano come noi.
Il video di una femmina di polpo che cambia colore mentre dorme nel suo acquario, è stato molto condiviso online nelle ultime settimane. Le immagini mostrano il polpo, Heidi, praticamente immobile, con i tentacoli raccolti, e la sua pelle che cambia di continuo colore come avviene di solito quando i polpi cercano di mimetizzarsi per non farsi notare dai predatori. David Scheel, un ricercatore dell’Alaska Pacific University, spiega nel video che l’animale sta probabilmente sognando qualcosa di molto drammatico. Ma possiamo davvero sostenere con certezza che Heidi stesse sognando mentre era ripresa?…

Vai all’articolo

Dall’invasione turca agli F-35, il Governo italiano complice di tutte le porcate NATO

di Giorgio Cremaschi
Trump ha appaltato ad Erdogan la guerra in Siria. Il presidente USA non si è ritirato da uno scenario di guerra promuovendo la pace. No Trump ha detto agli alleati NATO ed in particolare agli europei: fate la vostra parte nelle nostre guerre, noi spendiamo troppo per esse.
È in continuità con la richiesta di aumentare i contributi alla NATO fino al 2%, che per l’Italia vorrebbe dire 10 miliardi di spesa militare in più ogni anno. E Gentiloni a suo tempo disse sì a questa pretesa.
La delocalizzazione ed il subappalto delle guerre, è una componente fondamentale della strategia imperialista degli Stati Uniti, e a volte sostituisce l’intervento diretto, soprattutto quando, come in Afghanistan e in Medio Oriente, è già costato migliaia di vite umane e anche migliaia di miliardi di dollari.
Così Trump si è rivolto all’amico-nemico Erdogan e gli ha concesso di far fuori i curdi, che invece prima ha usato per combattere l’Isis. Naturalmente il capo turco ha colto al volo l’occasione, così invaderà il territorio siriano…

Vai all’articolo

Fenomeni sociali: adolescenti che dormono tre, quattro ore a notte

di Christian Raimo
Qualche anno fa ho avuto uno studente che dormiva in classe. Aveva vent’anni – era stato bocciato due volte – si faceva almeno due, tre ore di sonno pieno con la faccia sul banco. Non dormiva per noia – o insomma, credo, non solo. Era il sonno di chi arrivava a scuola distrutto, dopo una nottata in bianco. Non era l’unico…
Ogni volta che chiedo ai miei studenti – tra i 15 e i 19 anni – quanto dormono, ricevo una risposta abbastanza preoccupante: più della metà meno di sette ore; ma c’è chi mi dice che dorme anche cinque o tre ore. Le mie classi non sono un osservatorio privilegiato, né in positivo né in negativo. È l’impressione che hanno anche quei professori e quei genitori che osservano con attenzione ragazze e ragazzi, anche se questo interesse spesso manca. Nelle molte interviste che ho fatto in varie scuole superiori, ho capito che della questione non si parla quasi mai…

Vai all’articolo

Johanna Maggy: “Vi svelo i miei incantesimi di Benessere”

di Simona Acquistapace
Johanna Maggy, islandese trapiantata a Milano, è insegnante di Pilates e coach olistico. Nel suo primo libro, “Splendere”, racconta i piccoli gesti quotidiani che possono cambiarci la vita.
“Piccoli incantesimi per brillare ogni giorno”: è il sottotitolo del libro Splendere appena pubblicato con Mondadori da Johanna Maggy Hauksdottir. Insegnante di Pilates, health&life coach, guerriera del benessere, entusiasta dello yoga (come si autodefinisce nel suo profilo Instagram), la compagna di Fabio Volo ci racconta le sue strategie per uno stile di vita più consapevole e felice. La parola incantesimo è presente anche nel nome del tuo blog, mothersspell.com.
Che cosa intendi con questo termine?
“L’incantesimo fa parte della mia cultura nordica, nella quale elfi e fate sono all’ordine del giorno. Mi riferisco a qualcosa di magico, ma allo stesso tempo concreto: gli incantesimi sono le piccole cose da cui originano i grandi cambiamenti. Se desideriamo trasformare in meglio la nostra vita, non sempre è necessaria una rivoluzione: il primo passo verso il benessere può essere, per esempio, cominciare a prestare attenzione al respiro. È prezioso, naturale, vitale, ma nelle giornate faticose ci dimentichiamo di rilassare le spalle, di allungare il respiro, di approfondirlo e calmarlo…

Vai all’articolo

Sindrome di Asperger: come influenza la vita sociale

Iniziamo subito col chiarire che la “Sindrome di Asperger” non è un una malattia mentale. È una condizione genetica che comporta un funzionamento particolare del cervello. È considerata una forma di autismo.
A differenza dell’autismo però, le persone che hanno la sindrome di Asperger non soffrono di disabilità cognitive e sono perfettamente in grado di apprendere. Ad ogni modo, presentano i tre problemi tipici dell’autismo: relazioni sociali, comunicazione e attività ripetitive.
Il problema più grande che la sindrome di Asperger causa, sono le difficoltà a socializzare. I bambini con la sindrome di Asperger sono spesso presi in giro e visti come strani. In età adulta possono restare isolati e avere grosse difficoltà a fare amicizia o ad avere una relazione. A causa del fatto che molte professioni richiedono qualche forma di abilità sociale, non è raro chi ha la sindrome di Asperger abbia problemi a trovare e mantenere un lavoro…

Vai all’articolo

La Cosmologia Quantistica

La Cosmologia cerca di descrivere la nascita e la struttura dell’intero universo tramite le leggi fisiche conosciute.
Nel modello del “Big Bang”, che oggi è quello più comunemente accettato, l’universo ha avuto origine circa 13,7 miliardi di anni fa, a partire da un punto zero detto “singolarità iniziale”, costituito da densità e temperatura infinite.
Questa singolarità si sarebbe mantenuta per un tempo di durata infinitesimale, poi sarebbe iniziata un’espansione che appena 10-37 secondi dopo l’istante iniziale, avrebbe portato all’inflazione cosmica, cioè ad un allargamento rapidissimo ed esponenziale delle dimensioni dell’universo…

Vai all’articolo

Gola infiammata: cosa mangiare e cosa evitare

di Davide Racaniello
Cosa è meglio mangiare, cosa è meglio bere e quali cibi è meglio evitare quando si soffre di mal di gola?
Ecco una rapida e semplice guida per dare sollievo alla gola infiammata, portando in tavola i giusti alimenti a colazione, pranzo e cena. Durante i cambi di stagione è facile imbattersi in raffreddori e influenze. Il mal di gola in particolare è sempre lì dietro l’angolo, a rendere le nostre notti insonni e il momento dei pasti una vera e propria tortura. Ed è proprio a colazione, pranzo e cena che notiamo l’accentuarsi dei sintomi. A qualcuno potrebbe sembrare una coincidenza, in realtà non lo è!
Scopriamo, allora, quali alimenti e quali bevande possono realmente ridurre il fastidio della gola infiammata e quali invece sarà meglio evitare per non peggiorare la situazione…

Vai all’articolo

La Profezia di Ratzinger sulla Chiesa. Egli sapeva…

Riporto questo articolo affinché si sappia che la storica “Rinuncia” di Benedetto XVI non era giustificata da “forze fisiche e spirituali venute meno”, come dallo stesso diplomaticamente sostenuto, ma da una profonda consapevolezza sul destino futuro della Chiesa e il suo ineluttabile tracollo che doveva compiersi secondo le Scritture.
Lui sapeva che era venuto il tempo di mettersi in disparte ‒ sebbene non abbia mai smesso di essere papa, indossando la talare bianca e non solo, o firmando, come ultimamente ha fatto, i suoi “Appunti” con le iniziali P.P. (Pontifex Pontificum, sigla che solo il Pontefice massimo può usare) ‒ proprio per dar modo agli eventi ultimi di realizzarsi in base al Disegno divino descritto da Giovanni nell’Apocalisse.
Lui sapeva… tanto è vero che in una trasmissione del 1969, presso una radio tedesca, profetizzò come si sarebbe trasformata la Chiesa istituita più di due millenni prima da Nostro Signore…

Vai all’articolo

Darpa, Usa: Soldati-Ogm invulnerabili, con Dna modificato

Visto che non sarà possibile “produrre tanti vaccini e tanti antivirus per proteggere tutta la popolazione durante una guerra chimica o biologica”, perché non provare a trasformare il corpo umano in una “fabbrica” di anticorpi?
È la domanda, sconcertante, che aleggia attorno alle parole di Steven Walker, il direttore della Darpa, punta di lancia della ricerca applicata alla difesa statunitense. Il Pentagono, avverte l’avvocato neozelandese Darius Shahtahmasebi, sta infatti provando a varcare la frontiera naturale fisiologica. Obiettivo: “Alterare la biologia umana per offrire una adeguata protezione contro attacchi chimici e biologici”.
Secondo il giurista, esperto di questioni geopolitiche, “arriverà un momento in cui i film di fantascienza si scriveranno da soli: siamo già in una fase in cui forse è solo questione di tempo, e poi si metterà in pratica tutto ciò su cui stanno studiando alcuni scienziati finanziati dal governo per cercare di aiutare le forze armate Usa”. Il grande problema, per il Pentagono, sono le armi più esclusive, non convenzionali. Si domanda Walker: “Si riuscirà davvero a proteggere un soldato sul campo di battaglia, dalle armi chimiche e biologiche, controllando il suo genoma?”, ovvero “facendo cioè in modo che il suo genoma produca proteine ​​che lo proteggano automaticamente da fattori esterni?”

Vai all’articolo

Il silenzio del Papa sull’attacco di Erdogan ai curdi, all’Angelus nessuna parola di condanna

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano: Papa Francesco davanti alla grave decisione del presidente turco Erdogan di invadere la Siria e attaccare i curdi, ha evitato di condannare apertamente la decisione della Turchia. Allo stesso modo non ha menzionato le vittime, i curdi, che da cinque giorni sono oggetto della pesante azione dei militari di Ankara.
Un atteggiamento di sostanziale ambiguità diplomatica quello del pontefice, che è stato manifestato all’Angelus in piazza San Pietro, dopo la canonizzazione dei nuovi santi e che non è sfuggito a tanti osservatori.
“Il mio pensiero va ancora una volta al Medio Oriente”, ha detto, “e all’amata e martoriata Siria da dove giungono nuovamente notizie drammatiche sulla sorte delle popolazioni del nord-est del Paese, costrette ad abbandonare le proprie case a causa delle azioni militari: tra queste popolazioni vi sono anche molte famiglie cristiane”.
Il Papa ha poi proseguito: “A tutti gli attori coinvolti e alla Comunità Internazionale, per favore, rinnovo l’appello ad impegnarsi con sincerità, con onestà e trasparenza, sulla strada del dialogo per cercare soluzioni efficaci”

Vai all’articolo

Gaffe nucleare della Nato

di Manlio Dinucci
È un “segreto di Pulcinella”. Ma è anche la più madornale negazione della verità da parte dell’Alleanza Atlantica: bombe nucleari sono stoccate in Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia, in violazione del diritto internazionale.
Un membro dell’assemblea parlamentare della NATO l’ha scritto per errore in un rapporto che è stato poi immediatamente ritirato. Che gli Stati uniti mantengano bombe nucleari in cinque paesi della Nato – Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia – è provato da tempo (in particolare dalla Federazione degli scienziati americani) [1].
La Nato però non l’ha mai ammesso ufficialmente. Qualcosa tuttavia è andato storto…

Vai all’articolo

Pianeta Password

Ci hanno rimpinzato di password…
Per telefonare, per comperare, per vendere e gestire, per usufruire di un servizio frutto di un diritto. Ci sarà bisogno della password anche per comperare il pane?
Password ovunque, ovviamente tutte diverse e sempre più complesse, anche per scrivere, ricevere e inviare comunicazioni sincopate e sostanzialmente inutili.
Le motivazioni sono varie. Una è ovviamente quella di indurre la sensazione della necessità di ovviare all’uso delle password, sostituendole con lettori di parametri psico/fisici (iride, impronte, stato d’animo, timbro vocale) o meglio, di accedere ad ogni servizio tramite il mitico chip sottocutaneo di prossimo inserimento, il “marchio della bestia”…

Vai all’articolo

Zucchero o dolcificante? Quale alimento causa meno danni alla Salute?

Il dolcificante, verrebbe da dire. Ma la risposta non è così semplice, stando a quanto afferma il dottor Franco Berrino.
Secondo l’epidemiologo dell’Istituto dei Tumori di Milano, non dobbiamo assumere né zucchero raffinato né dolcificanti naturali come la stevia, che ora va tanto di moda, vanno bene. Nel video che potete vedere sotto, Berrino dice:“La stevia è 200 volte più dolce dello zucchero. Chiaramente i dolcificanti (naturali come la stevia e artificiali come l’aspartame, che fa male per molte altre ragioni) non ti possono far alzare la glicemia perché non c’è il glucosio, ma noi sentiamo il gusto dolce non solo in bocca, ma anche nell’intestino. E quando lì arriva qualcosa così dolce come la stevia, si aprono le porte per assorbire il glucosio”

Vai all’articolo

Non sei un loro simile

di ZeRo
Ho passato anni come un umano in borghese, gironzolando curiosamente in mezzo agli umani che sognavano fantasie spirituali sul divenire ciò che già erano.
Sapevo che ero nettamente diverso da loro. Sapevo che ci separava un abisso invalicabile, loro non erano come me, né io ero come loro… non ero più uno di loro, non ero un loro simile.
Sapevo che ero in grado di comunicare con loro solo nel senso più superficiale del termine. La mia comunicazione con loro si basava su ricordi che oramai erano in rapida dissolvenza: la loro lingua e le loro abitudini mi erano completamente estranee, a tal punto da sentirmi in imbarazzo – per loro, non per me – anche nelle circostanze più comuni. Sentivo il loro imbarazzo, lo stesso imbarazzo che un bruco prova di fronte ad una farfalla…

Vai all’articolo

Verso cervelli più potenti e con più memoria?

di Bruno Sebastiani
Dalla Cina giunge notizia di un inquietante esperimento biogenetico. A due gemelline è stato tolto un gene inibitore delle sinapsi in una determinata regione del cervello. Questo dovrebbe consentire ai soggetti in questione di acquisire più memoria e capacità intellettive.
Stiamo andando verso una generazione di esseri superdotati intellettivamente? Quali i rischi? Il Prof. Giuseppe Remuzzi, Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, ha pubblicato sul Corriere della Sera del 21 marzo 2019, un articolo dal titolo “Più intelligenti e con più memoria – Il caso delle gemelline nate in Cina dopo l’editing genetico“. L’intero articolo è consultabile nel blog de “Il Cancro del Pianeta”.
L’elemento più importante che emerge dallo scritto è che un particolare intervento di biogenetica sarebbe in grado di potenziare memoria e intelligenza. I soggetti sottoposti a questa pratica di “editing genetico” vengono privati della proteina CCR5 che è “porta d’entrata del virus dell’HIV ma anche inibitore naturale delle sinapsi, fra i neuroni di quella regione del cervello che ci aiuta a ricordare (ippocampo). Se togli questo freno potenzi le facoltà intellettuali”

Vai all’articolo

I “Biofotoni”: la Salute viene dalla Luce

di Marìca Spagnesi
Tutti gli esseri viventi, animali, piante, batteri ed esseri umani, emettono luce. I “Biofotoni” sono i “quanti” (minuscoli concentrati di energia) di luce che irradiamo e che hanno un ruolo decisivo nell’evoluzione dell’attività bioelettrica del cervello. In che modo possono esserci utili?
Gli impieghi possono essere diversi e importantissimi: dalla medicina per la diagnosi e il controllo di possibili patologie, all’agricoltura, al controllo delle proprietà degli alimenti e le qualità delle sementi, alla biologia e alle scienze ambientali. In particolare, i biofotoni potrebbero avere un ruolo determinante, e non invasivo, nella diagnosi precoce delle patologie tumorali. Tuttavia, nonostante se ne conosca l’esistenza dal 1923, sembra che la nostra società non sia ancora pronta a capire le implicazioni di profondo cambiamento che rappresentano.
Ne parliamo con il Prof. Paolo Manzelli, Professore ordinario di Chimica Fisica e Presidente di EGOCREANET (ONG), presso l’Incubatore dell’Università di Firenze…

Vai all’articolo

Transizione

Viviamo in un’epoca di transizione, chi può negarlo?
Potentissime e persistenti sono le operazioni di modellazione della biosfera in atto, in tutti i suoi aspetti. Incessante è la propaganda a favore dell’accoglienza, dell’accettazione del diverso, sia esso un essere umano di altro colore e provenienza, oppure con inclinazioni sessuali o religiose personalizzate. Inutile ricordare come questo sia vero razzismo, ma non fa nulla.
Poderose le operazioni a livello ambientale, della chimica della biosfera. Immissioni di materiale radioattivo sono da decenni una spaventosa realtà quotidiana. La farmacopea ha letteralmente ricoperto il pianeta di composti sorprendenti, mentre le scie chimiche saturano l’atmosfera di nanoparticelle di composizione ignota…

Vai all’articolo

Musulmani e Cristiani uniti: a Betlemme producono il “Vino della pace”

di Silvana Palazzo
A Betlemme il “Vino della pace”: musulmani e cristiani uniti, lavorano insieme nella Cantina Cremisan. “Qui sono tutti fratelli”, spiega l’enologo Riccardo Cotarella.
I salesiani hanno trovato un modo per unire popoli divisi da religione e politica. In Palestina, hanno costruito una cantina, dove lavorano operai musulmani e cristiani. Insieme producono il “vino della pace”.
La cantina Cremisan, nata da un convento costruito nel 1995 a Betlemme, è un luogo di convivenza pacifica. Non mancano le misure di sicurezza, ma sono soft. Il veneziano don Pietro Bianchi racconta al Corriere della Sera di essersi liberato “degli sceriffi con giubbotto anti proiettile che urlavano tutto il giorno“. Il clima deve essere sereno per produrre un vino che viene venduto anche a Gerusalemme…

Vai all’articolo

Big Pharma controlla Medici ed Enti Sanitari. Ai Pazienti va garantita totale trasparenza

Prof. Vittorio Agnoletto
L’allarme lanciato dall’Ema, l’Agenzia Europea del Farmaco, per il rischio che alcuni farmaci possano contenere sostanze potenzialmente cancerogene, ripropone ancora una volta al centro del dibattito pubblico, il complesso rapporto tra le multinazionali del farmaco e le istituzioni sanitarie.
Nelle stesse ore giungeva la notizia che in Italia in un anno, nel 2018rispetto al 2017, la spesa per i farmaci oncologici è aumentata di 659 milioni: oggi un ciclo di terapia con i nuovi medicinali antitumorali può arrivare a costare 100.000 euro. Tale prezzo non ha alcun rapporto reale con il costo di produzione e ricerca delle sostanze immesse sul mercato.
Questi fatti, tra loro differenti, evidenziano l’enorme potere e libertà d’azione che ha Big Pharma. Una forza che più di una volta è stata utilizzata per corrompere personaggi politici e dirigenti ministeriali in tutto il mondo, compresi gli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Fa un certo effetto scoprire che lo specialista, al quale hai affidato la cura della tua salute, ha ricevuto un compenso economico da una delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo…

Vai all’articolo

Il Grande Bluff dei prodotti da colazione integrali

di Lorenzo Misuraca
Il business del benessere a tavola ha sempre nuove eccellenze da posizionare sullo scaffale del supermercato, ma tra le mode che vanno e vengono, il fascino del cibo integrale resiste.
Sarà anche perché, a differenza di altri prodotti miracolosi solo sulla carta, l’integrale è davvero un ottimo aiuto per la salute, essendo ricco di fibre e poco processato. Purtroppo, però, in Italia le aziende hanno gioco sin troppo facile a scrivere la “parola magica” sulla confezione: non esiste infatti una percentuale minima di materia prima integrale obbligatoria, per definire tale un prodotto.
Nell’inchiesta che vi anticipiamo (nel numero in edicola del Salvagente)  abbiamo confrontato 13 confezioni di frollini e 10 di fette biscottate sotto la lente d’ingrandimento, alla ricerca del falso integrale. Il risultato complessivo lascia molto a desiderare per gli amanti dell’integrale: solo 7 prodotti su 23 possiedono tra gli ingredienti farine di tipo esclusivamente integrale, mentre gli altri usano un mix che include anche farine raffinate, che dal punto di vista quantitativo e qualitativo hanno un contenuto inferiore di fibra…

Vai all’articolo

Dalai Lama: attenzione ai 10 Ladri (vampiri) della tua Energia

Come sappiamo, tutti noi siamo fatti di energia. L’energia, grazie alla “Legge di Attrazione”, in seguito si trasforma in pensiero cosciente facendoci creare il mondo intorno a noi.
Capita a volte, di sentirsi giù di morale, stanchi, apatici e non più in linea con quello che desideriamo dalla vita. Questo accade perchè la nostra energia si abbassa. Il Dalai Lama ha riconosciuto i “10 ladri della nostra energia” e ha indicato come impedire loro di continuare a derubarci. Eccoli:
1 Lascia andare le persone che condividono solo lamentele, problemi, storie disastrose, paura e giudizio sugli altri. Se qualcuno cerca un cestino per buttare la sua immondizia, fa sì che non sia la tua mente.
2 Paga i tuoi debiti in tempo. Nel contempo cerca anche di riscuotere i tuoi crediti o scegli di lasciare perdere, se chi dovrebbe pagarti non può farlo.
3 Mantieni le tue promesse. Se non l’hai fatto, domandati perché… Hai sempre il diritto di cambiare opinione, scusarti, compensare, rinegoziare e offrire un’alternativa ad una promessa non mantenuta; ma non farlo diventare un’abitudine. Il modo più semplice per evitare di fare una cosa che non vuoi, è dire NO subito…

Vai all’articolo