Gli USA Impongono Rastrellamenti di Ucraini Emigranti in Tutto il Mondo

di Manlio Lo Presti
Come requisito di incasso dell’ultimo finanziamento di circa 60 miliardi di dollari all’Ucraina, gli Usa impongono rastrellamenti di ucraini emigranti in tutto il mondo per incrementare l’esercito nazionale.
Inghilterra e Polonia hanno iniziato subito a respingere gli ucraini con passaporto scaduto. Giunge da poco la notizia che l’attore ucraino abbia firmato nei giorni scorsi un decreto che ordina il blocco dei rinnovi dei passaporti di oltre dieci milioni di ucraini emigrati all’estero.
La conferma di tale infausta decisione è arrivata dalla dichiarazione del ministro della difesa polacco che ha anche confermato di aver iniziato a rastrellare ucraini senza passaporto rinnovato per respingerli in Ucraina…

Vai all’articolo

La Morte di Navalny

di Davide Malacaria
Il decesso di Navalny nel carcere siberiano arriva a pochi giorni dall’intervista di Tucker Carlson a Putin, oscurandola. Nuovo ossigeno per la propaganda anti-russa e per la guerra ucraina.
La morte di Alexei Navalny ha fatto il giro del mondo. Incarcerato dopo il suo ritorno in Russia a seguito di un asserito avvelenamento per il quale era stato trasferito in Germania (con il consenso di Mosca), è morto oggi in un carcere siberiano.
La Morte di Navalny, l’Intervista di Putin e la Guerra Ucraina
La sua morte giunge come una manna per la propaganda anti-russa che negli ultimi tempi stava arrancando. L’intervista di Tucker Carlson a Putin, “probabilmente l’evento di informazione più visto della storia”, come scriveva Ron Paul, aveva rilanciato l’immagine dello zar nel mondo.
La morte di Navalny avrà l’effetto di oscurare quell’intervista, se non di sommergerla con effetto tombale. E chiunque si azzarderà a parlarne in termini elogiativi o a rilanciarla sarà bollato come lacché del dittatore che ha fatto morire un dissidente in un gulag (sempre che vada bene)…

Vai all’articolo

Gli Usa Approvano il Bilancio Senza Aiuti per Kiev

di Thomas Röper (a cura di Alessia C. F. – ALKA)
Il presidente americano Biden ha varato la nuova legge di bilancio, che non prevede più aiuti a Kiev. In generale, le notizie degli ultimi giorni sono state catastrofiche per Kiev.
Il Senato degli Stati Uniti ha approvato la nuova legge di bilancio con 87 voti favorevoli e 11 contrari. Nella legge i repubblicani americani assicuravano che nessun nuovo aiuto americano a Kiev sarebbe stato approvato. La legge impedisce lo shutdown e garantisce la solvibilità degli Stati Uniti fino al 19 gennaio 2025. Poco dopo la Casa Bianca ha emesso un comunicato stampa in cui conferma che il presidente degli Stati Uniti Biden ha ha firmato la legge. Poiché gli aiuti statunitensi all’Ucraina precedentemente approvati sono praticamente esauriti, Kiev rimarrà senza aiuti finanziari e militari statunitensi per almeno due mesi.
Ma questa non è l’unica brutta notizia per Kiev. Qui riassumo le ultime novità…

Vai all’articolo