• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

Gli Usa Approvano il Bilancio Senza Aiuti per Kiev

di Thomas Röper (a cura di Alessia C. F. – ALKA)

Il presidente americano Biden ha varato la nuova legge di bilancio, che non prevede più aiuti a Kiev. In generale, le notizie degli ultimi giorni sono state catastrofiche per Kiev.

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato la nuova legge di bilancio con 87 voti favorevoli e 11 contrari. Nella legge i repubblicani americani assicuravano che nessun nuovo aiuto americano a Kiev sarebbe stato approvato. La legge impedisce lo shutdown e garantisce la solvibilità degli Stati Uniti fino al 19 gennaio 2025. Poco dopo la Casa Bianca ha emesso un comunicato stampa in cui conferma che il presidente degli Stati Uniti Biden ha ha firmato la legge. Poiché gli aiuti statunitensi all’Ucraina precedentemente approvati sono praticamente esauriti, Kiev rimarrà senza aiuti finanziari e militari statunitensi per almeno due mesi.

Ma questa non è l’unica brutta notizia per Kiev. Qui riassumo le ultime novità.

Diminuzione del Sostegno Occidentale

Il 10 novembre, Bloomberg ha riferito che l’UE non consegnerà il milione di proiettili di artiglieria promesso a Kiev entro marzo 2024. Anche gli aiuti finanziari dell’UE sono in pericolo. Poiché la Commissione europea ha già speso i soldi del bilancio valido fino al 2027, non è chiaro come l’UE intenda mantenere le promesse finanziarie fatte a Kiev per il 2024. La Commissione europea ha chiesto agli Stati membri di aggiungere 50 miliardi al bilancio comune, ma ha ottenuto poche risposte e persino un veto annunciato da parte dell’Ungheria.

L’11 novembre, Borrell ha invitato i membri dell’UE a compensare gli aiuti statunitensi a Kiev se gli aiuti statunitensi non saranno arrivati. Tuttavia, poiché l’UE e i suoi membri hanno già difficoltà a mantenere le promesse fatte a Kiev, questa idea rischia di essere illusoria. Ciò è stato confermato il 13 novembre, quando Reuters ha riferito che alcuni Paesi dell’UE si stavano opponendo a un piano presentato da Borrell a luglio per fornire all’Ucraina cinque miliardi di euro di aiuti militari ogni anno per quattro anni. Quindi non si prospetta un aumento degli aiuti di Bruxelles a Kiev, ma una riduzione degli aiuti.

Il 13 novembre, Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha dichiarato che la capacità del governo degli Stati Uniti di sostenere Kiev sta diminuendo: “Ogni settimana diventa più difficile per noi finanziare interamente ciò che crediamo di dover fornire all’Ucraina, vale a dire gli strumenti e le risorse di cui ha bisogno per difendere il suo territorio e la sua offensiva. Siamo ancora in grado di fornire il sostegno militare richiesto dall’Ucraina, ma se fossimo completamente finanziati potremmo farlo su una base più sostenibile”.

Sullivan ha affermato che la “finestra di opportunità” per il governo degli Stati Uniti si sta chiudendo, ma la Casa Bianca non è in grado di fornire una data specifica in cui tutte le risorse di Washington per sostenere Kiev saranno spese: “Posso dirvi che questo sta già influenzando la nostra capacità di fornire all’Ucraina tutto ciò di cui ha bisogno. E questo effetto non potrà che aumentare nel tempo“.

I “burloni russi” hanno recentemente parlato al telefono con i capi di governo occidentali, questi hanno riferito che le cose si stavano mettendo male per l’Ucraina. Il primo ministro italiano Meloni ha detto loro che in ottobre c’era “grande stanchezza da tutte le parti” nei confronti dell’Ucraina. E il 14 novembre hanno pubblicato che il ministro degli Esteri lettone ha detto loro: “Li abbiamo aiutati a ricostruire. Li abbiamo aiutati con le armi. Li abbiamo aiutati con tutto ciò che potevamo. Aiuti umanitari, medicine, tutto, tutto. E non ne siamo contenti, ma non vediamo altra scelta”.

Dato che i paesi baltici sono tra i sostenitori più radicali di Kiev nell’Unione europea, è particolarmente sorprendente che questa affermazione provenga dalla Lettonia. Il 16 novembre, l’Ukrainiskaya Pravda ha riferito che il rappresentante speciale degli Stati Uniti aveva dichiarato durante una visita a Kiev che non ci sarebbero più stati aiuti dagli Stati Uniti.

Il 17 novembre il Pentagono ha evitato di rispondere alla domanda su quanto sarebbero durati i fondi per l’Ucraina. Lo stesso giorno, il Wall Street Journal ha riferito che i funzionari occidentali non vedono più alcun vantaggio strategico nella vendita di armi a Kiev. Di conseguenza, ritengono che “nessun sistema d’arma consegnato all’Ucraina abbia finora portato risultati strategici sul campo di battaglia”. Allo stesso tempo, affermano che in questo momento è fondamentale che le forze armate ucraine aumentino le truppe e le munizioni. L’Ucraina non ha né l’uno né l’altro, e l’Occidente non è stato in grado di “tenere il passo come la Russia nella produzione di armi”.

Il Wall Street Journal scrive inoltre che al Pentagono restano attualmente circa cinque miliardi di dollari per continuare a fornire armi all’Ucraina. Tuttavia, i fondi riservati per l’approvvigionamento delle forze americane durante la consegna di armi a Kiev ammontavano solo a 1,1 miliardi di dollari, ha sottolineato il giornale. Di conseguenza, i pacchetti di aiuti militari si stanno riducendo. I pacchetti, annunciati ogni 14 giorni circa, variano tra i 300 e i 500 milioni di dollari. Tuttavia, l’aiuto annunciato il 3 novembre ammontava a soli 125 milioni di dollari.

La Catastrofica Situazione Militare

È noto che la controffensiva ucraina è stata un fiasco. L’Ucraina ha perso gran parte delle armi occidentali e circa 100.000 soldati. Tuttavia, il reclutamento dei sostituti è lento. Il 9 novembre, il New York Times ha riferito che l’Ucraina si è quindi mossa per inviare più donne in prima linea. The Economist ha riferito il 13 novembre che gli Stati Uniti stimano che l’Ucraina abbia perso 190.000 soldati tra morti e feriti.

Il 16 novembre anche il Segretario generale della NATO ha ammesso che la situazione è peggiore del previsto: Dobbiamo riconoscere che la situazione sul campo di battaglia è difficile. La Russia non sta pianificando la pace, anzi, vediamo che la Russia sta lanciando operazioni offensive, ad esempio attorno ad Avdeevka. Ma il fatto che la situazione sia più difficile del previsto non è un argomento contro gli aiuti, ma piuttosto a favore di ulteriori aiuti all’Ucraina. Non possiamo permettere che il presidente Putin vinca, sarebbe un male per la NATO. (…) Sono convinto che gli Stati Uniti continueranno a fornire assistenza all’Ucraina. Viaggio attraverso i paesi della NATO e ricevo lo stesso messaggio di sostegno. Solo negli ultimi giorni la Germania ha annunciato nuovi aiuti, e anche altri paesi della NATO hanno promesso aiuti”.

Stoltenberg cerca ancora di diffondere ottimismo, ma poche ore dopo gli Stati Uniti hanno approvato il nuovo bilancio senza aiuti all’Ucraina. Anche i segnali provenienti dagli altri paesi della NATO difficilmente saranno così rosei come lui afferma, come dimostrano le dichiarazioni di Italia e Lettonia. Che la Germania voglia fornire qualche miliardo in più non ha più alcuna influenza, perché la Germania non può supplire alla mancanza di aiuti statunitensi.

Il 17 novembre Zelensky ha ammesso che l’Ucraina ha una carenza di granate da 155 mm. Lo ha giustificato con il conflitto in Israele: “Ora mi sto concentrando su come ottenere aiuto dall’Occidente. L’attenzione dei paesi occidentali si sta spostando a causa della situazione in Medio Oriente. Senza il loro sostegno dovremo ritirarci“.

Lo stesso giorno un importante consigliere dell’amministrazione presidenziale ucraina si è lamentato del fatto che le poche armi ancora potenti che provengono dall’Occidente arrivano tardi in Ucraina: “Se abbiamo concordato determinati strumenti per le operazioni di combattimento, questi strumenti dovrebbero essere disponibili in 7-10 giorni, quanto necessario per la logistica, ma non in 90 o 120 giorni”.

Nessuna Adesione all’UE?

Il capo della Commissione europea von der Leyen ha raccomandato agli stati dell’UE di avviare i negoziati di adesione con Kiev. Ma c’è resistenza a questo proposito. L’Ungheria, ad esempio, vuole offrire all’Ucraina solo una sorta di status di partner privilegiato e si rifiuta persino di discutere l’adesione dell’Ucraina all’UE in occasione del prossimo vertice.

EUobserver ha riferito il 16 novembre che anche altri stati dell’UE sono contrari all’adesione dell’Ucraina e ha citato una fonte dell’UE come segue: “L’Austria si opporrà sicuramente, ma si nasconderà dietro l’Ungheria (…) Nonostante la sua nuova retorica, la Francia non vuole veramente l’Ucraina nell’UE e la Germania sta giocando un gioco cinico. Loro [la Germania] vogliono imporre modifiche al Trattato UE in nome dell’allargamento, come un voto a maggioranza qualificata. I cambiamenti daranno a Berlino più potere, ma i tedeschi non credono davvero che l’Ucraina aderirà”.

Kiev Deve Rinunciare al Territorio?

Sembra esserci un consenso in Occidente sul fatto che l’Ucraina debba cedere territorio alla Russia in cambio di un cessate il fuoco o di un trattato di pace, cosa che Kiev stava già facendo dietro le quinte dalla fine di ottobre. Ciò è stato indirettamente confermato anche dall’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen, che ha suggerito di ammettere l’Ucraina nella NATO senza i territori controllati dalla Russia. La proposta è irrealistica, come ha dimostrato l’ultimo vertice della NATO, ma dimostra ancora una volta che l’Occidente è giunto alla conclusione che l’Ucraina ha perso questi territori.

Anche un presentatore di The Hill ha fatto un commento simile: “Sapevamo che ci saremmo trovati in questa situazione”, ha detto il presentatore. “Una situazione in cui Russia e Ucraina dovranno negoziare e [in cui] entrambe le parti dovranno fare concessioni. L’Ucraina potrebbe dover fare una concessione territoriale“.

Eugene Rumer, ex membro del Consiglio di sicurezza nazionale del presidente americano Bush senior, è stato ancora più chiaro sul Wall Street Journal del 16 novembre. Il titolo diceva tutto: “È ora di smettere di pensare alla magica sconfitta della Russia”.

Zelensky Verrà Rovesciato?

Zelensky si è finora opposto radicalmente a qualsiasi forma di concessione alla Russia ed è discutibile se sopravvivrebbe politicamente cambiando la sua rotta radicale e negoziando con la Russia. Ora ha dichiarato di temere che in Ucraina si possa preparare un nuovo “Maidan” per rovesciarlo, dando naturalmente la colpa alla Russia.

Recentemente, i media ucraini hanno riportato ampiamente i disaccordi tra gli ambienti dominanti del paese. In particolare, si è trattato di una disputa tra Zelensky e i rappresentanti del più alto comando militare, compreso il comandante in capo delle forze armate ucraine, il generale Valery Zaluzhny, che da tempo si dice abbia ambizioni per la presidenza.

La posizione dell’Occidente non è chiara in questo caso, perché Zaluzhny è stato appena descritto dai media occidentali come l’istigatore che di fatto ha ordinato lo distruzione del Nord Stream. Se questa dovesse diventare la versione ufficiale dell’Occidente, Zaluzhny difficilmente potrebbe ricoprire la carica di presidente ucraino e sperare nel sostegno dell’Occidente.

Anche la morte del più stretto collega di Zaluzhny solleva interrogativi. Morì nell’esplosione di una bomba a mano, anche se la versione ufficiale (e poco credibile) è che l’abbia ricevuta come regalo di compleanno, l’abbia scambiata per un souvenir e si sia fatto esplodere. Che si tratti di un’operazione dell’SBU, il servizio segreto controllato da Zelensky, per mettere in guardia Zaluzhny dalle sue ambizioni, è una speculazione, ma data la situazione di tensione a Kiev, non si può escludere.

Cosa Succederà?

È difficile dire cosa succederà dopo. Ciò che è certo è che gli aiuti occidentali stanno diminuendo drasticamente e che probabilmente l’Ucraina non sarà in grado di resistere militarmente ancora a lungo. Nessuno sa se e quando la Russia lancerà un’offensiva su larga scala. Non è chiaro nemmeno se e quando Kiev cederà alle pressioni e chiederà a Mosca un negoziato. Inoltre, non è chiaro se Zelensky rimarrà in carica o se verrà rovesciato, dato che l’insoddisfazione nei suoi confronti sta crescendo da tutte le parti.

Probabilmente gli Stati Uniti preferirebbero che l’Ucraina continuasse a combattere fino all’ultimo ucraino e che l’UE la sostenesse militarmente e finanziariamente, mentre loro si ritirano dalla costosa avventura ucraina, cosa che sta realmente succedendo. Ciò costerebbe decine di migliaia di vite ucraine e decine di miliardi di denaro dei contribuenti europei, ma agli Stati Uniti non potrebbe importare di meno.

Le prossime settimane mostreranno probabilmente cosa succederà, perché senza il sostegno degli Stati Uniti, sia l’UE che il governo ucraino saranno sottoposti a forti pressioni per agire.

Articolo di Thomas Röper (a cura di Alessia C. F. – ALKA)

Fonte originale: https://www.anti-spiegel.ru/2023/usa-beschliessen-haushalt-ohne-hilfen-fuer-kiew/

Fonte: https://www.orazero.org/gli-usa-approvano-il-bilancio-senza-aiuti-per-kiev/

I MONDI DEL PENDOLO
Nuova edizione a colori
di Markus Schirner

I Mondi del Pendolo

Nuova edizione a colori

di Markus Schirner

Un manuale completo ideato per la pratica diretta ed immediata, molto adatto ai principianti.

Anche gli esperti vi troveranno un gran numero di nuove informazioni, identificando le particolari sensibilità personali verso le emanazioni, le vibrazioni, le sensazioni, le impressioni che per mezzo del pendolo si possono percepire. Il pendolo è un amplificatore che evidenzia le percezioni del radiestesista, ossia del rabdomante, colui che utilizza il pendolo.

Il radiestesista è allo stesso tempo emittente e ricevente.

Radiestesia significa sensibilità alle radiazioni ed è una capacità di tutte le specie viventi (umana, animale, vegetale).

L’autore si propone di risvegliare questa sensibilità alle radiazioni, spiegandoci che la radiestesia è un’arte e applicarla è una scienza.

Praticata all’interno dei monasteri delle più diverse tradizioni (Indù, Cristiana, Buddista) questa scienza è nota anche a livello popolare grazie a persone particolarmente dotate che hanno messo al servizio della comunità la loro capacità di individuare sorgenti d’acqua o di soddisfare diversi tipi di esigenze.

Oltre 75 tavole tematiche di grande formato, con diagrammi, schemi e illustrazioni, permettono di avvicinare materie diverse e fino ad ora inesplorate alla luce dei rilevamenti effettuati con il pendolo.

Alcune tavole riguardano:

  • Acqua. Clima.
  • I Chakra. Meridiani.
  • Fiori di Bach. Fiori Californiani.
  • Oli eterici. Alberi. Fumigazioni.
  • Diagnosi. Terapie. Omeopatia.
  • Sali di Schüssler.
  • Vitamine. Sali minerali.
  • Erbe medicinali europee, cinesi e indiane. Colori.
  • Pietre preziose. Tecniche di meditazione.
  • Reincarnazione. Enneagramma.
  • Questioni esistenziali. Rune.
  • Totem e Ruota di Medicina.
  • I Ching. Astrologia. Tarocchi.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *