Alcuni segni indicano se intorno a te c’è dell’Energia Negativa. Scopri come eliminarla…

In alcune culture, lo chiamano “malocchio”. La psicologia moderna può chiamarla depressione. È vero che non abbiamo tutte le risposte, ma una cosa è certa, a volte sperimentiamo un’ondata di emozioni negative, pensieri circolari ed esperienze stressanti, a cui il nostro corpo, la mente e l’anima reagiscono, senza sapersi dare una spiegazione.
Diamo, quindi, un’occhiata ad alcuni segni che le persone spesso sperimentano quando si trovano attorno energie negative e ai sistemi per rimuoverle.
L’energia negativa può avere molte fonti, che è quindi importante scoprire per rimediare al problema e prendere provvedimenti per correggere tutti i possibili problemi sottostanti.
Non possiamo cambiare gli altri, ma possiamo cambiare noi stessi. Con questo in mente, vediamo come identificare la negatività:
1. Il denaro non scorre facilmente e non sai dove stanno andando a finire tutti i tuoi soldi. Una stagnazione della prosperità è un segno che il percorso di crescita è bloccato…

Vai all’articolo

Cos’è il Sapere Innato?

di A. Rotondo
Il Sapere Innato, molto semplicemente, è un sapere che non si apprende, un sapere che è parte di noi.
Molti lo definisco talento, altri intuizione geniale, altri ancora  lo ritengono un sapere che appartiene solo a pochi saggi. Da il segno più tangibile della sua esistenza in noi, fin dai primi istanti del nostro concepimento, quando di certo non avevamo saperi appresi dalla vita o circostanze favorevoli che ci agevolassero e nonostante ciò, ciascuno di noi, è riuscito a vincere la sfida di arrivare prima a quell’ovulo e di conquistare la vita. Nessuno spiegò o insegnò qualcosa a quello spermatozoo per vincere la gara tra 60 milioni di suoi simili, né tanto meno fu favorito da circostanze esterne…

Vai all’articolo

Liberarsi dalle Influenze Negative

In che modo le “influenze negative” agiscono su di noi? Perché siamo influenzabili dall’ambiente o da altre persone?
Se siamo influenzabili da un ambiente o da certe persone, significa che quell’ambiente e quelle persone vibrano alla stessa nostra frequenza e, finché siamo in quella frequenza, non possiamo distaccarcene e sperare di non esserne influenzati.
Le influenze negative appartengono alla frequenza dell’ego. Come mai, malgrado la nostra buona volontà riescono a contagiarci? A che cosa si attaccano, quale aggancio stiamo offrendo loro? Forse una scarsa opinione di noi stessi, forse un’autosvalutazione, forse un senso di vittimismo… insomma si possono agganciare e influenzarci perché trovano in noi una “rispondenza”, un terreno che le accoglie…

Vai all’articolo

Come evitare che le Persone ci rovinino la giornata e… la Vita

di Ana Maria Sepe
“Apprezzare ciò che siamo e ciò che abbiamo, è il primo passo verso la Felicità”. Eduard Leon Word
Vi capita spesso di svegliarvi pieni di energia, pensando che oggi tutto è possibile e poi appena mettete un piede fuori casa, incontrate della gente che vi rovina la giornata? Può essere il vostro capo, una telefonata, il vicino… beh, c’è sempre qualcuno disposto a rovinare il nostro legittimo desiderio di vivere una giornata felice.
A questo punto, vorrei fare una pausa per ricordare una storia raccontatta da David J. Pollay, autore del libro “Come smaltire la spazzatura emotiva”. Egli racconta che un giorno aveva piuttosto fretta e il treno che prendeva di solito era in ritardo di mezz’ora, così che non ci pensò due volte e prese un taxi. Mentre il taxi cercava di lasciare la corsia preferenziale, un’auto sbucò fuori all’improvviso e l’autista dovette frenare di colpo: in pochi secondi che a David sembrarono eterni, il taxi riuscì a frenare e, per pochi centimetri, non si verificò un incidente…

Vai all’articolo

L’Ansia dà spettacolo e noi applaudiamo

di Giada Cipolletta
Lei è lì, camuffata dai filtri di Instagram, idolatrata nei testi delle canzoni, vaporosa e calda nel respiro corto di una reazione che si fa attendere, timida nel suo vorrei ma non posso.
Non siamo formati per questa costante sovraesposizione, non siamo abituati a questa convivenza digitale che ci porta a spartire le nostre vite con persone che prima, almeno, l’occhio non vedeva o la vita selezionava.
Certo, anche ora possiamo non esserci, è vero. Possiamo scegliere chi seguire, dove e quando. Ma non prendiamoci in giro: la nostra natura curiosa è lì che spia, vuole capire, indagare ed esplorare. Lo facevamo prima e lo facciamo, a maggior ragione, oggi con la facilità degli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione.
Ma non siamo pronti. No, non siamo pronti a tutta questa umanità che ci cade addosso e invade il nostro microcosmo. Ci opprime, ci soffoca, ci fa salire l’ansia. Troppe cose da vedere, troppe cose da invidiare, troppi consigli da seguire, troppa diversità da metabolizzare…

Vai all’articolo

L’Amore Incondizionato è la risposta a tutto

di Maria
L’amore incondizionato è la risposta a tutte le domande, a tutte le sfide e a tutte le situazioni che si presentano lungo il nostro cammino, perché è in grado di dissolvere le emozioni negative e di guarire il nostro cuore.
Siamo tutti qui per imparare alcune “lezioni dell’anima” e siamo tutti qui per imparare l’amore incondizionato, che rappresenta la legge fondamentale e la forza più potente dell’universo. L’amore incondizionato non è limitato da confini di tempo e di spazio, è il nostro legame con la vera guarigione del cuore e dell’anima.
Se decidiamo di risolvere i problemi e le piccole incomprensioni che si verificano quotidianamente, riversando più amore in tutte le situazioni e non cercando sempre di avere ragione, saremo in grado di creare legami d’amore e d’affetto profondi e duraturi.
Scegliamo quindi di far scorrere l’amore incondizionato tra noi e gli altri…

Vai all’articolo

Esiste una forza invisibile che collega le anime simili

di Sergio T. – HTM
Stiamo vivendo tempi veramente difficili, siamo continuamente “bombardati” da brutte notizie. Basta accendere la TV o leggere qualche quotidiano per rendersene conto.
Basta guardarsi in giro, anche quando incrociamo le persone mentre passeggiamo, travolte dai loro problemi, gli sguardi cupi senza sorriso, le paure di ogni genere, da quella economica a quella per la sicurezza, per l’incertezza del futuro ecc…
La maggior parte delle persone, di cui comunque faccio parte anch’io, vive una situazione di sfiducia e paura, così facendo se potessimo vedere l’energia che si produce, la potrei paragonare ad una nuvola scura che tutto avvolge…

Vai all’articolo

Nutriamoci con i cibi della Felicità: ecco quali sono

Ebbene sì, anche i cibi possono farci felici, ma non solo perché ci piacciono e ci soddisfano nel momento in cui li mangiamo, ma anche perché contengono sostanze in grado di stimolare il buonumore e tranquilizzarci.
Quali sono i portatori di felicità nascosti nei cibi? Le sostanze della felicità nel nostro corpo sono tre: la serotonina, la dopamina e la melatonina, che agiscono sui neurotrasmettitori, cioè i conduttori di informazioni al nostro sistema nervoso e al nostro cervello.
Queste tre sostanze sono fondamentali. Regolano l’umore e lo stato d’animo, la memoria, l’apprendimento, il comportamento e il sonno. Se nel nostro corpo scarseggiano, ce ne accorgiamo subito: ansia, stress ed emozioni negative si impadroniscono facilmente di noi. Conduttrici di buonumore sono anche le vitamine: B1,B12, C, E, e l’acido folico; i sali minerali: magnesio, selenio, calcio, zinco e gli acidi grassi essenziali omega3…

Vai all’articolo

Collasso dei Sistemi e salvezza dell’Anima

Una struttura complessa di controllo e sfruttamento dell’energia connaturata all’essere umano è in atto. Il quadro complessivo che emerge dalle sedute di ipnosi eterica condotte da alcuni validissimi ricercatori indipendenti, è al contempo coerente e convincente.
Tanti sono i soggetti che ne beneficiano, tutti caratterizzati da carenze, mancanze, menomazioni. Tali soggetti sono possessori di tecnologie incredibilmente avanzate, ma assai poveri in spirito e privi di emozioni ed energie.
Le emozioni umane sono proprio il loro cibo più desiderato, soprattutto quelle a bassa frequenza come odio, disperazione, rabbia. Essi attingono con i mezzi più disparati all’enorme ammontare energetico prodotto dalle sollecitazioni esterne verso gli esseri umani, giungendo persino a creare eventi artificiali pur di godere dell’energia sprigionata da un’emozione di massa. Pensiamo ad esempio ai fatti dell’11 Settembre ed al ritorno, in termini energetici, che tali esseri abbiano potuto ottenere…

Vai all’articolo

Contenere le emozioni e l’energia

Una volta lessi un libro di Eiji Yoshikawa sul famoso guerriero samurai Musashi. È uno dei libri più straordinari che io abbia mai letto. Racconta di come Musashi divenne il più famoso samurai della storia del Giappone. L’intero libro, lungo più di mille pagine, narra di come egli imparò a sviluppare un grado sempre più profondo di centratura.
Durante questo percorso imparò a mettere da parte la rabbia, ad accettare la tristezza e il dolore come parte della vita, e a rimanere centrato, senza farsi scuotere o distrarre dalle emozioni, dall’avidità o dall’ambizione. Il suo potere derivava non tanto dalla sua abilità di guerriero, ma dal suo sviluppo interiore. Veniva dalla sua capacità di contenere l’energia…

Vai all’articolo

Non scaricare le frustrazioni sui propri figli

Prima di riversare la vostra ira sui vostri figli, dovete rendervi conto che essi non sono colpevoli dei vostri problemi e che bisogna evitargli inutili sofferenze che potrebbero minarne l’autostima.
I nostri figli non meritano di ricevere tutto il nostro stress, le nostre ansie, le nostre paure causati dalle brutte esperienze che possono capitarci di tanto in tanto. È facile urlare loro contro, arrabbiarsi e persino, punirli senza alcuna ragione. Non ci rendiamo conto, però, che non sono colpevoli di ciò che ci è andato storto nel corso della giornata o per quanto, ad esempio, ci sentiamo frustrati per i problemi con il nostro partner. Nessuno è colpevole di ciò che vi succede, men che meno loro…

Vai all’articolo

Ogni emozione influisce sull’organismo determinandone lo stato di salute

Ogni emozione influisce sull'organismo determinandone lo stato di salute

di Daniele Lisi
Ogni emozione, o stato d’animo è legato con un organo e ne determina lo stato di salute. Ecco come gioia, dolore, rabbia, ansia ecc. influiscono sull’organismo.
Lo stato emotivo di una persona condiziona anche lo stato di salute. I danni, ad esempio, che lo stress può arrecare all’organismo sono molteplici, e in alcuni casi anche gravi, e chi ne soffre ne è testimone in prima persona. La Medicina Tradizionale Cinese, che vanta una conoscenza che ha radici molto lontane nel tempo, si basa su diversi cardini fondamentali, uno di questi è appunto l’associazione organi-emozioni. In pratica, ogni emozione, ogni stato d’animo differente è legato a filo doppio con un organo del corpo umano e ne determina in qualche modo lo stato di salute…

Vai all’articolo

Come i telegiornali instillano la paura

di Carlo Brevi
Essi creano solo degli stati d’animo. Ho guardato il telegiornale questa sera, nonostante sia ben consapevole che la salute ne risenta enormemente, e la mente si logori, a volte in modo irreversibile.

Ho guardato il telegiornale, ed ho avuto per un attimo la sensazione che tutto sia perso. Si è materializzata una immagine dinanzi a me, ho visto decine di avvoltoi librarsi in volo dopo aver abbandonato il corpo di una ragazza rimasta immobile per 17 anni, avvoltoi di nuovo affamati in cerca di nuovo cibo.

Vedevo volti di plastica che parlavano di aggressioni, di…

Vai all’articolo

Il significato emotivo specifico di 22 dolori fisici comuni

Dolori collegati allo stato emotivo

I dolori, principalmente muscolari e alle articolazioni, elencati di seguito sono, come ogni altro sintomo fisico, connessi ad una situazione dolorosa mentale ed emotiva. Questo non deve sorprendere più di tanto, sia perché è da sempre risaputo fin dagli albori della medicina, sia perché il corpo e la mente sono davvero un’unica entità, che esprime e modella se stessa in rapporto con l’ambiente che la circonda.

Le spiegazioni fornite sono un invito ad indagare dentro di sé e scoprire che effettivamente quel dolore è sorto dopo un determinato fatto e che è il risultato di una…

Vai all’articolo