Esiste una forza invisibile che collega le anime simili

di Sergio T. – HTM

Stiamo vivendo tempi veramente difficili, siamo continuamente “bombardati” da brutte notizie. Basta accendere la TV o leggere qualche quotidiano per rendersene conto.

Basta guardarsi in giro, anche quando incrociamo le persone mentre passeggiamo, travolte dai loro problemi, gli sguardi cupi senza sorriso, le paure di ogni genere, da quella economica a quella per la sicurezza, per l’incertezza del futuro ecc…

La maggior parte delle persone, di cui comunque faccio parte anch’io, vive una situazione di sfiducia e paura, così facendo se potessimo vedere l’energia che si produce, la potrei paragonare ad una nuvola scura che tutto avvolge.

Le vibrazioni sono talmente basse che la tensione sociale è quasi palpabile. Questo provoca in noi solo energie negative che si ripercuotono sia a livello psicologico, che a livello fisico… tutti ormai ci sentiamo stanchi e appesantiti e anche il clima non ci aiuta di sicuro.

Libri e varie...

Pensateci bene, quando vi alzate alla mattina non lo fate con un sorriso, come quello di un bambino, ma con il broncio, e già programmate l’intera giornata come delle macchine e questo si ripete ogni santo giorno… Pensateci bene, quand’è che state veramente bene e in pace con voi stessi?

Sono talmente pochi quei momenti, che quando accadono sembra di essere in un’altro mondo, quel mondo che dovrebbe esserci sempre e non così di rado. Quindi, vuol dire che la possibilità di vivere in un mondo migliore esiste, ma non ci stanno permettendo di viverlo.

Poi qualcuno di noi ha la fortuna di avere persone importanti nella vita con cui parlare e “sciogliersi”, confidarsi ed essere capiti ed emozionarsi. Esiste una sintonia tra queste persone, una frequenza che le collega. Nei momenti di difficoltà si cercano, perchè sanno che troveranno comprensione e buoni consigli che vengono dal cuore, senza secondi fini ma solo per un “amore” che viene da dentro.

Io ho la fortuna di conoscere una persona speciale e mi ritengo fortunato; è un’amicizia nata tanti anni fa per poi negli anni trasformarsi in un vero e proprio sentimento. Abbiamo vissuto emozioni uniche, ci siamo confidati, abbiamo sorriso e abbiamo pianto insieme.

Le nostre strade si sono incrociate, hanno preso direzioni diverse per certi periodi, ma poi si sono sempre incontrate di nuovo, come quelle strade che ad un certo punto si uniscono per diventare una sola. La nostra amicizia è particolare anzi unica direi, anche perchè questa persona è una donna, quindi, un’amicizia tra uomo e donna è possibile; noi ne siamo l’esempio vivente.

L’amore incondizionato in ogni sua forma, è l’accesso ad un mondo migliore. Ricordiamoci che i nostri pensieri creano la realtà che viviamo. Cerchiamo, allora, di pensare positivo anche se non è semplice, visto gli eventi negativi che ci colpiscono continuamente…

L’amicizia e l’amore sono l’unica cosa che conta in questo mondo, il resto è solo un’illusione. Non dobbiamo aspettare che qualcuno venga a “salvarci” da là fuori, la nostra “salvezza” è dentro noi stessi, basta crederci.

Articolo di Sergio T. – HTM

Fonte: http://www.hackthematrix.it/?p=19578

Libri e varie...
IL VIAGGIO DELLE ANIME
Uno studio sulla vita tra le vite
di Michael Newton

Il Viaggio delle Anime

Uno studio sulla vita tra le vite

di Michael Newton

Il resoconto sconvolgente di come la nostra vita non finisca qui ma continui nel mondo spirituale attraverso ventinove casi che ricordano il loro viaggio tra le vite.

Tradotto in più di venticinque lingue e con oltre 200.000 copie vendute solo negli USA, questo testo è diventato un classico nel suo genere ed è stato il primo a esplorare a fondo il mistero della vita tra le vite.

L'autore presenta il resoconto delle esperienze di ventinove persone, da lui poste in uno stato di "sovra coscienza", per scavare nelle loro memorie più profonde le vite dopo la morte fisica.

Ogni individuo narra in maniera emozionante e con dettagli straordinari le proprie esperienze nel mondo spirituale, soffermandosi sulle sensazioni al momento della morte, le percezioni subito dopo il trapasso, lo svolgimento della nuova vita e il ritorno alla manifestazione terrena il cui scopo diventa man mano più chiaro.

Dall'introduzione:

"Avete paura della morte? Vi domandate cosa ne sarà di voi al termine della vostra vita? Quando il corpo cesserà di esistere, lo spirito farà ritorno al suo luogo di origine o si tratta di una falsa speranza dettata dalla paura?

Gli uomini, a differenza di tutte le altre creature viventi, devono reprimere la paura della morte per poter condurre una vita normale. Eppure il nostro istinto biologico non fa che ricordarci il rischio a cui siamo inesorabilmente esposti e, con l'avanzare degli anni, lo spettro della morte si fa sempre più concreto e reale ai nostri occhi. Anche i credenti temono che la morte segni la fine dell'individuo in quanto tale. A tale pensiero si associa il timore dell'annientamento, che recide ogni legame umano e rende vano e inconsistente ogni proposito terreno."
Michael Newton

...

2 commenti

  1. Yessica Colombi

    Molto interessante l’articolo sul ritrovarsi attraverso i vari stati d’animo..io devo essere molto nera se non trovo nessuno.

  2. quegli incontri con persone affini, le ho sempre denominati ” Stati di grazia” Purtroppo ad oggi non ne ho avuto nessuno ed è come se mi sentissi orfana. Spero nel prossimo domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *