Morbillo: anche in Germania vaccinare i figli sarà obbligatorio, multe salate per chi si rifiuta

Il provvedimento di legge al vaglio del Parlamento afferma che i bambini non coperti non potranno andare a scuola. Il ministro della Salute: “Obiettivo è debellare la malattia”.
Ci si vaccina, punto e basta. In Germania non si va troppo per il sottile, decidono le autorità. I genitori che rifiutano di immunizzare i loro bambini contro il morbillo vanno incontro a multe, anche salate. La sanzione può arrivare anche a 2.500 euro. Così prevede un disegno di legge federale presentato dal ministro della salute, Jens Spahn. L’obiettivo del governo è fare in modo che il provvedimento sia approvato dal Parlamento entro fine anno, così da averlo in vigore dall’1 marzo 2022.
Cosa prevede la legge

Vai all’articolo

Vaccini: la pericolosa perdita dell’immunità naturale

di Marcello Pamio
Secondo la visione corrente la tecnologia vaccinale rappresenta il trionfo dell’umanità sui disegni “difettosi” di Madre Natura. Peccato che a quella scienza autoincensatasi “non democratica”, va ricordato che l’evoluzione naturale non produce meccanismi difettosi, anzi.
L’allattamento al seno, per esempio, è il metodo di protezione immunologica specificamente adatto a tutte le esigenze del neonato. Oggi sappiamo infatti che numerosi componenti bioattivi contenuti nel latte materno, conferiscono una determinata e importantissima protezione immunologica. Come il latte in polvere non può competere con il latte materno dal punto di vista nutrizionale, così i vaccini non possono competere con il latte materno dal punto di vista dell’immunità…

Vai all’articolo

Radiazione del dottor Gava: torna l’Inquisizione in Italia

Dottor Roberto Gava

di Redazione InformaSalus.it
Roberto Gava fa ricorso contro la sanzione che gli è stata inflitta: “una radiazione ingiusta e arbitraria”. Il Codacons si schiera con lui e denuncia l’Ordine dei Medici di Treviso che ha “aperto la caccia alle streghe”.
Una guerra combattuta a colpi di provvedimenti tesi a limitare la libertà di scelta terapeutica, alimentata dalla pericolosa approssimazione e dall’allarmismo dei media, inasprita dalle persone schieratesi in quelle due assurde fazioni alle quali, nei fatti, è stato ridotto un dibattito su un tema così importante come la salute: i “pro vax” e gli “anti vax”.
Non sorprende, dunque, quell’appellativo di “medico antivaccini” affibbiato dai più al dottor Roberto Gava, sulle pagine della cronaca nazionale…

Vai all’articolo