In che Modo l’Exchange di Criptovalute “FTX”, la Corruzione del DNC e gli “Aiuti all’Ucraina” sono Collegati?

di Davide Donateo
Ci sono motivi credibili riguardo alla possibilità che il regime di Kiev stesse usando i fondi donati attraverso FTX per incanalare denaro nelle casse del DNC (Democratic National Committee).
L’11 ottobre, FTX Group, il secondo più grande exchange di criptovalute al mondo, ha presentato istanza di fallimento negli Stati Uniti. Il CEO dell’azienda, Sam Bankman-Fried si è dimesso, portando a un crollo strabiliante di una delle principali entità nel settore delle criptovalute. La società ha affermato che Bankman-Fried, il fondatore di FTX, “rimarrà per assistere in una transizione ordinata”. Al suo posto subentrò John J. Ray III, l’avvocato che sovrintese alla liquidazione della Enron.
La caduta di FTX ha provocato onde d’urto in tutto il mercato delle criptovalute, poiché molti sono diventati cauti sul fatto che un crollo simile potesse accadere ad altre società del settore. Tuttavia, subito dopo il crollo, è diventato chiaro come esistesse una connessione inaspettata tra FTX, il Partito Democratico e i cosiddetti “aiuti all’Ucraina”, alimentando speculazioni su ciò che potrebbe aver veramente causato il crollo…

Vai all’articolo

Approccio Critico Analitico aggiornato a Quanto sta accadendo in Ucraina

di Claudio Martinotti Doria
Coloro che festeggiano il ritiro delle truppe e della popolazione russa dalla parte settentrionale dell’Oblast di Kherson temo non abbiano mai letto Sun Tzu: “L’arte della guerra”.
Probabilmente sono gli stessi che hanno ritenuto fosse una grande vittoria la conquista ucraina dell’oblast di Kharkiv un paio di mesi fa, che in realtà è stata possibile grazie a una ritirata russa, eseguita ordinatamente e con pochissime perdite di uomini e mezzi.
In estrema sintesi, il generale Sergey Surovikin (denominato Armageddon), fin da quando ha assunto il comando delle operazioni militari in Ucraina, aveva anticipato che avrebbe dovuto prendere decisioni difficili e facilmente equivocabili, cioè che avrebbero assunto il sapore della sconfitta.
Questo perché dallo studio della situazione sul campo, si era subito reso conto di come alcune posizioni fossero alla lunga indifendibili, soprattutto tenendo conto di alcuni fattori oggettivi…

Vai all’articolo