La Spaventosa Campagna Elettorale Carica il Clima Guerrafondaio Occidentale

I leader politici occidentali stanno scavando una fossa più profonda per il loro eventuale collasso.

Gli stati occidentali stanno affrontando una crisi politica acuta in cui i loro partiti e leader al governo stanno lottando per la sopravvivenza in un contesto di grave perdita di legittimità agli occhi dei loro elettori.

Negli Stati Uniti, il presidente in carica Joe Biden è in lizza per la rielezione a novembre con i sondaggi storicamente più bassi di sempre per un occupante della Casa Bianca. Nel frattempo, in tutta l’Unione Europea, i partiti e i leader al governo sono pronti a subire una sconfitta a causa delle elezioni parlamentari di giugno.

Le radici di questa perdita di legittimità senza precedenti tra le istituzioni politiche occidentali sono molteplici. Ma sicuramente una delle cause è l’ipocrisia dei leader occidentali, che ora è stata messa a nudo. Come possono le figure politiche aspettarsi di avere autorità morale quando vengono viste come bugiarde incallite e spudoratamente corrotte?

I governi occidentali con i loro servili discorsi mediatici sulla “democrazia”, sui “diritti umani” e sul rispetto della “legge e dell’ordine”, affermano di essere motivati ​​da tali principi nel sostenere l’Ucraina contro la presunta aggressione russa. Eppure questi stessi governi sono complici del genocidio dei palestinesi a Gaza attraverso il loro incrollabile sostegno al regime israeliano.

I leader occidentali sono stati fatalmente esposti e compromessi dal conflitto in Ucraina e Gaza. La contraddizione è terminale.

Questo non è solo a causa dei palesi doppi standard e della doppiezza. Gli elettori occidentali sono sempre più disgustati dall’incessante sostegno finanziario e militare incanalato in Ucraina per sostenere un regime truffatore composto da ideologi neonazisti. Sotto Joe Biden e i politici europei in carica, l’Occidente ha inondato l’Ucraina di armi e centinaia di miliardi di dollari in quello che è il più grande racket di guerra mai realizzato. Questo mentre le popolazioni, i lavoratori, gli agricoltori e le imprese occidentali sono messi a dura prova da numerosi oneri sociali ed economici.

I partiti di governo occidentali sono giustamente visti come elitari e al servizio di potenti interessi oligarchici minoritari come il nesso militare-industriale-aziendale-finanziario. Le loro promesse dichiarate sulla democrazia sono uno scherzo spregevole.

La guerra in Ucraina è sempre più considerata dagli elettori come una disastrosa guerra per procura, voluta dagli obiettivi imperialisti degli Stati Uniti e dell’Occidente per affrontare la Russia.

Nonostante lo sperpero di denaro pubblico per propagare la guerra, l’asse NATO guidato dagli Stati Uniti ha perso il suo “grande gioco”. La guerra per procura ha devastato l’Ucraina, causando fino a 500.000 morti militari in due anni, oltre a destabilizzare il resto d’Europa a causa dell’aumento della migrazione, dell’impatto fiscale, della deindustrializzazione e della distruzione delle industrie agricole.

Le popolazioni occidentali sono furiose con i loro leader politici per aver causato tale caos e spreco di risorse – oltre ad aver provocato ingiustamente tensioni nelle relazioni internazionali con la Russia. I politici occidentali hanno spinto il mondo sull’orlo di una guerra totale tra le potenze nucleari. Tutta questa follia sensa senso si basa su menzogne ​​e inganni totali, come illustra l’orrore di Gaza e la complicità occidentale.

In questo calderone di rivolte elettorali, i leader politici occidentali stanno solo scavando una fossa più profonda per il loro eventuale collasso.

Il presidente americano Joe Biden, nel suo discorso sullo stato dell’Unione di questa settimana, ha fatto un discorso falso agli elettori. Ha descritto il mondo come di fronte ad una crisi esistenziale causata dalla “tirannia” russa e allo stesso tempo ha affermato che il destino della democrazia americana era minacciato dal suo rivale elettorale Donald Trump.

Con una mossa pericolosa e disperata, Biden sta confondendo Trump con la presunta aggressione russa. Il presidente democratico sta lottando per la sopravvivenza politica contro il presunto candidato repubblicano Trump, principalmente perché Biden è profondamente impopolare tra i cittadini americani. Per aumentare le sue prospettive elettorali, Biden sta facendo capire che il paese si trova ad affrontare un “punto di flessione” che richiede il rifiuto di Trump perché si sta “inchinando” alla Russia.

Trump e molti all’interno del Partito Repubblicano si oppongono infatti alla continuazione della guerra per procura in Ucraina, riconoscendo che è inutile.

Biden e i democratici, che sono più allineati con l’establishment della politica estera statunitense, stanno quindi cercando di basare le elezioni su una “difesa esistenziale della democrazia e della pace mondiale“. Biden ha affermato nel suo discorso sullo stato dell’Unione che se gli Stati Uniti non forniranno all’Ucraina altri 60 miliardi di dollari in aiuti militari, la Russia invaderà il resto dell’Europa. Biden ha persino invocato il ricordo di Roosevelt che presumibilmente aveva sconfitto la Germania nazista nel 1941.

Nel frattempo, in Europa, lo stesso stratagemma guerrafondaio ad alto rischio viene portato avanti dal presidente francese Emmanuel Macron. Macron chiede lo spiegamento di truppe di terra della NATO in Ucraina per impedire una vittoria russa e una presunta minaccia per il resto dell’Europa.

Nelle ultime settimane il capo di Stato francese è diventato quasi isterico con i suoi discorsi sulla guerra. Questa settimana ha detto ad altri leader politici francesi che non ci saranno “limiti” al sostegno della Francia all’Ucraina contro la Russia.

Ciò che si nasconde dietro la retorica belligerante di Macron sono i suoi timori di una sconfitta politica da parte dei partiti di opposizione nelle prossime elezioni parlamentari europee. Non è solo Macron ad essere ansioso. Tutti i leader europei in carica temono una prevista rivolta diffusa da parte dell’elettorato.

Questo è il motivo per cui il presidente francese e la sua classe dirigente come la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il cancelliere tedesco Olaf Scholz stanno cercando di dominare la narrativa pubblica con discorsi di guerra e il presunto pericolo dell’espansionismo russo.

L’ironia è che più le istituzioni occidentali perseguono il militarismo e la guerra in Ucraina, più i loro stati peggiorano a causa della cattiva gestione economica e più la loro legittimità sprofonda nel fango. Sono visti sempre di più come una cricca guerrafondaia che non ha un briciolo di preoccupazione etica a causa della loro sconsiderata azione guerrafondaia in Ucraina e della loro spregevole complicità nel genocidio di Gaza.

Le elezioni negli stati occidentali sono sopravvalutate. Come si suol dire, se il voto avesse cambiato qualcosa, sarebbe stato vietato anni fa.

L’insieme delle attuali figure dell’opposizione e dei partiti che si trovano ad affrontare i governanti non fornirà alcuna soluzione ai problemi endemici del fallimento sistemico occidentale. Tuttavia, le prossime elezioni presidenziali americane e quelle parlamentari europee si preannunciano come un duro colpo di ripudio per le istituzioni politiche.

Per contrastare il giorno del giudizio politico, i leader ciarlatani occidentali come Biden, Macron, Scholz e Von der Leyen stanno facendo del loro meglio per parlare di guerra con la Russia e di “minaccia alla democrazia” come un modo per lucidare i loro sforzi elettorali. Ma tale cinismo non sta mettendo il turbo alle loro prospettive. Si ritorcerà contro.

La guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti in Ucraina si trova ad affrontare una debacle storica a causa della sconfitta. Ma ciò rende la reazione disperata da parte degli operatori occidentali in carica che si affrettano per la sopravvivenza politica nei prossimi mesi.

Fonte originale: https://vk.com/strategicculture

Traduzione: Luciano Lago

Fonte: https://www.controinformazione.info/la-spaventosa-campagna-elettorale-carica-il-clima-guerrafondaio-occidentale/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *