L’Obesità ingrasserà “Big Pharma:” sei nuovi farmaci e un affare da 8,5 miliardi

di Corrado Fontana
Il mercato dei farmaci è in rapidissima espansione: per le imprese farmaceutiche una manna multimiliardaria. Sei molecole sono già pronte. Altre 253 sono in fase di sviluppo.
L’obesità è l’ennesimo capitolo di un sistema globale del cibo sempre più distorto. Un capitolo che, sul modello delle economie più ricche, si diffonde anche e soprattutto in Africa, nei Paesi in via di sviluppo e nelle economie in crescita (Cina in primis). E così le multinazionali del farmaco battono cassa: per loro, che sulla cura dell’obesità puntano moltissimo, le prospettive di mercato sono enormi.
L’obesità è infatti riconosciuta come una patologia cronica, con genesi spesso multifattoriale. È definita come la condizione clinica caratterizzata da…

Vai all’articolo

IL PERCORSO DI RINASCITA SPIRITUALE DI UN'ALLIEVA VICINA A MAMANI, CURANDERO ANDINO!
Hernàn Huarache Mamani, Curandero e grande divulgatore della cultura andina, ci ha lasciato importanti insegnamenti. Tra questi, il legame intenso con Pachamama (la madre Terra), la sacralità dell'elemento femminile, la donna come maestra dell'amore, la capacità di dirigere l'energia e la connessione con le proprie radici.
Lisa Corrao, l'allieva a lui più vicina, ripercorre in questo nuovo libro il proprio percorso di rinascita spirituale grazie agli insegnamenti del maestro.
È un percorso di iniziazione al seguito degli insegnamenti di Mamani.
È un invito, rivolto a tutti coloro che cercano la guarigione emotiva, mentale e spirituale, ad avvicinarsi al patrimonio di sapienza antica che costituisce la preziosa eredità ricevuta da Mamani... ›››

Marketing del Latte artificiale: “Pressioni fortissime”

Le pressioni delle multinazionali del latte artificiale e dei biberon sono fortissime ed i social network rappresentano la nuova frontiera del marketing aggressivo dei sostituti del latte materno.
Ci sono aziende, infatti, che regalano alle mamme ciucci, biberon, latte, pappe chiedendo in cambio di condividere su facebook o instagram una foto con il loro bambino che mangia o beve quel latte o quella pappa.
È quanto emerge dalla sesta edizione de il “Codice Violato”, il rapporto sulle violazioni del “Codice Internazionale OMS UNICEF” redatto ogni tre anni circa da da “Ibfan Italia” (International Baby Food Action Network), la rete di associazioni che da anni si batte contro le pratiche scorrette di commercializzazione dei sostituti del latte materno…

Vai all’articolo

I “No Vax” interrompono lo spettacolo di Beppe Grillo: “Buffone, ci hai tradito”

I “No Vax” interrompono lo spettacolo di Beppe Grillo a Milano: “Buffone, ci hai tradito”. Quello che fino alla campagna elettorale è stato un pezzo del “popolo del Movimento 5 stelle” si è rivoltato pubblicamente contro il suo (ex) guru.
Durante lo spettacolo “Insomnia” al teatro “Dal Verme” di Milano, un gruppo di attivisti no vax, anche se si rifiutano di farsi etichettare così, ha interrotto lo show del fondatore del Movimento 5 stelle, srotolando uno striscione: “Libertà di scelta” la scritta mostrata al pubblico in sala.
Immediatamente le maschere del teatro hanno fermato la protesta e gli attivisti, infuriati, hanno abbandonato la sala, sfogando poi davanti alle telecamere tutta la loro rabbia. Nel mirino la firma da parte di Beppe Grillo del “Patto per la scienza”, messo nero su bianco dall’immunologo Roberto Burioni, nemico giurato dei no vax…

Vai all’articolo

È molto probabile che tu stia bevendo caffè coltivato da schiavi

di Michela Marchi
“Non tolleriamo le violazioni dei diritti dei lavoratori e abbiamo sostenuto con forza che non ci fosse posto per la schiavitù lungo la nostra filiera. Sfortunatamente, il lavoro forzato è un problema endemico del Brasile”. (Nestlé)
“Nessun commerciante di caffè può essere sicuro che lungo la catena di approvvigionamento non ci siano violazioni dei diritti umani e lavoratori ridotti in schiavitù”. Chi parla è qualche oscuro portavoce della Nestlé (non riportiamo il nome, perché non lo fa nemmeno la nostra fonte, il Guardian che riporta un impreciso “Nestlé said”), che giustifica così l’ipotesi che tra i tanti fornitori della multinazionale più conosciuta al mondo, ci sia chi sfrutta i lavoratori, riducendoli in condizioni di schiavitù. E a noi viene subito da chiederci, possibile che una forza economica, politica e sociale come sappiamo tutti essere la Nestlé, non abbia la possibilità di scegliere i propri fornitori? Di scegliere… se non di intervenire. Ma per favore…

Vai all’articolo

Negli Usa arriva l’acqua artificiale: distillata, addizionata di sali e imbottigliata. Un’idea “smart” firmata Coca-Cola

di Elena Mattioli
“Glaceau Smart water” è un’acqua di rete distillata e poi addizionata di sali minerali a dosi non dichiarate, per dare un sapore perfetto e bilanciato al prodotto. È la nuova proposta firmata da The Coca-Cola Company che negli USA cerca di catturare l’attenzione di consumatori abituati a bere bibite zuccherate e poco avvezzi al sapore semplice dell’acqua minerale.

La campagna di marketing messa a punto è basata su un concetto molto diverso rispetto alle nostre abitudini di consumo. Da noi la migliore acqua è quella proveniente da fonti naturali sotterranee incontaminate, con quantità variabili di sali minerali e qualità specifiche in relazione alla composizione e alla provenienza.

La nuova bottiglia proposta da Coca-Cola, riporta in  evidenza…

Vai all’articolo

Otto milioni di euro da Coca-Cola a organizzazioni scientifiche spagnole per produrre articoli allineati con le sue strategie di marketing

di Beniamino Bonardi
Una ricerca accusa Coca-Cola di finanziare studi che servono i suoi interessi commerciali e infatti la compagnia ha versato otto milioni di euro, tra il 2010 e il 2017, a decine di organizzazioni mediche e scientifiche spagnole.
Lo scrive il quotidiano El Pais, sulla base dei dati della stessa società, da cui risultano finanziamenti alla Fundación Iberoamericana de Nutrición (835 mila euro), alla Fundación Española Del Corazón (640 mila euro) e alla Fundación Española de Nutrición (567 mila euro). Nella lista compare anche la Fundación SHE (Scienza, Salute ed Educazione), che ha ricevuto 363 mila euro ed è presieduta da un prestigioso cardiologo, Valentín Fuster.
Intanto, una nuova ricerca appena pubblicata dalla rivista della European Public Health Association, sostiene che gli studi scientifici finanziati dalla Coca-Cola “servono i suoi interessi commerciali e, in molti casi, sono in contrasto con gli sforzi per migliorare la salute del popolazione”

Vai all’articolo

Nestlé sotto accusa per lavoro minorile forzato nella raccolta del cacao

La Nestlé è sotto accusa per utilizzazione di lavoro minorile e induzione in schiavitù.
Nestlé si trova di fronte a una nuova azione legale collettiva negli Stati Uniti, accusata di impegnarsi in una iniziativa di marketing ingannevole, nascondendo il fatto che utilizzerebbe lavoro minorile e schiavistico nella raccolta del cacao, necessario per produrre la sua famosa cioccolata.
Nello specifico la proposta di class action è stata portata di recente in una corte distrettuale degli Stati Uniti, nel Massachusetts, da Danell Tomasella, il quale indica che Nestlé USA avrebbe ingannato i consumatori, omettendo di informare loro che i suoi marchi come Crunch e Butterfinger, potrebbero contenere cacao coltivato da minori costretti a lavorare forzatamente…

Vai all’articolo

Amaranto, il tesoro degli Inca, contro gli OGM Monsanto

Amaranto

di Marta Albè
Sarà l’amaranto, una pianta conosciuta fin dall’antichità, a contrastare l’operato della Monsanto?
La notizia è di qualche anno fa, ma prosegue attualmente a rimbalzare tra i Social Media. La Monsanto, intanto, sembra rafforzarsi, in particolar modo a seguito della firma apposta da parte del presidente Barack Obama al Monsanto Protection Act e successivamente alla conferma del divieto da parte degli agricoltori di aggirare i brevetti sulle sementi imposti dalla multinazionale, ribadita dalla Corte Suprema statunitense…

Vai all’articolo

La Sicilia si mobilita contro le Multinazionali e pianta il grano antico

Giuseppe Li Rosi, agricoltore Siciliano e convinto sostenitore del ritorno ai Semi Antichi

La rivoluzione dei contadini siciliani: 3.000 ettari di grani antichi contro le multinazionali. Il ritorno della biodiversità in agricoltura, parte dalle spighe del frumento locale. Per migliorare l’ambiente, l’alimentazione e la salute.

Pane e pasta fatti con questi grani hanno tutt’altro sapore ed un profumo che non vi permettono più di tornare alla pasta del supermercato fatta con grano OGM. Che è anche il motivo per cui la Celiachia ormai ce l’hanno in tanti e pure l’intolleranza al glutine.

I grani antichi in Sicilia tornano a riempire i campi, ricostituiscono…

Vai all’articolo

India: il colosso Coca Cola sconfitto dai contadini

In India i contadini si ribellano al colosso Coca Cola che saccheggia le falde acquifere.
Costretti a chiudere tre stabilimenti!! Il colosso Usa della Coca Cola annuncia di aver deciso la sospensione dell’imbottigliamento in tre impianti in India, incluso quello di Kaladera nel Rajasthan.

Da oltre 10 anni numerosi villaggi e comunità rurali in India si sono mobilitati, con proteste, manifestazioni, boicottaggi e liti legali, contro la Coca Cola e la Pepsi Cola, accusandole di derubare le risorse idriche destinate alle campagne, di usurpare le terre delle comunità contadine e di…

Vai all’articolo