Perché la Polizia francese è diventata la più violenta d’Europa?

di Salvatore (Turi) Palidda
Dopo il G8 di Genova, erano le polizie italiane ad essere considerate le più violente nell’Europa occidentale. Ma da allora, un po’ tutte le polizie hanno adottato modalità, tecniche e mezzi sempre più violenti.
Non affronto qui una comparazione con altri paesi europei, ma mi limito ad osservare che in nessuno di essi (almeno sinora) sono state adottate le flashball, le granate di désencerclement (dispersione), le griglie per spezzare i cortei e le “esfiltrazioni” da parte di tanti agenti senza divisa spalleggiati da quelli in divisa, più l’evidente incitamento a “dare una lezione” (come, tuttavia, fu già per il G8 di Genova).
Forse incide anche il fatto che è in Francia che sono cominciate per prima le esercitazioni di low intensity conflict, allo scopo di formare e addestrare (a Saint-Astier) un corpo poliziesco-militare (eurogendfor) adatto ai conflitti urbani del XXI secolo [1] (le “guerre a bassa intensità” che alcuni prevedono anche rispetto allo “spettro” che angoscia i dominanti che prospettano la tanatopolitica [2]).
La deriva verso pratiche violente da parte della polizia francese comincia con Sarkozy. Ciò appare evidente grazie ai diversi contributi al libro diretto da Laurent Mucchielli, “La frénésie sécuritaire”, in particolare di Christian Mouhanna, Serge Slama e Mathieu Rigouste, che è anche autore di “La domination policière, une violence industrielle”, in cui mostra la genealogia coloniale dei “BAC” (le famigerate brigate che nelle banlieues massacrano i giovani)…

Vai all’articolo

HAI GIÀ VISTO I NOSTRI WEBINAR GRATUITI?
Quante volte, leggendo un libro di crescita personale, hai pensato a quale piacere sarebbe stato approfondire gli argomenti direttamente con l'autore?
Per chi si è posto/a questa domanda, abbiamo deciso di dare vita a un progetto inedito, che ti permetta di conoscere il pensiero degli autori non solo attraverso le loro straordinarie pagine, ma direttamente dalla loro voce.
È nato così "Dialogo con gli Autori". Si tratta di webinar gratuiti, durante i quali inviteremo in studio un autore o un'autrice, presenti nel nostro sito, per parlare in esclusiva di un argomento legato alla crescita personale. Ogni mese troverai i tuoi autori preferiti, quelli le cui pubblicazioni aprono la mente e portano a riflettere, a porsi domande non banali e a trovare le giuste soluzioni! Al momento, in totale si sono iscritti ai nostri webinar ben 18.176 persone.
"Dialogo con gli Autori" è un progetto innovativo avviato con la consulenza della naturopata Daniela Nuti Ignatiuk, ed è dedicato a chi ci segue sempre con attenzione: siamo davvero entusiasti di questa nuova avventura e speriamo che anche tu amerai questo progetto come noi stiamo già facendo! ›››

12 Paesi in cui le donne sono trattate peggio degli animali

Pensiamo di sapere ormai tutto dei vari paesi che costituiscono il mondo, grazie alle innumerevoli informazioni che ci arrivano. Tuttavia, alcune cose sorprendenti e allo stesso tempo spaventose che riguardano ad esempio certe  vecchie “tradizioni” di quei luoghi, non le conosciamo affatto. Ce ne sono purtroppo di molto crudeli che ancora oggi vengono praticate, di cui sono vittime, ancora una volta, le donne.
Oggi affronteremo proprio questo argomento: paesi in cui le donne non possono far valere i propri diritti. “Diritti” che un essere vivente dovrebbe avere, in qualsiasi parte del mondo sia, uomo o donna senza alcuna distinzione. Le donne in questi paesi vengono quotidianamente esposte a violenze e trattate come merci e non come esseri umani. In questi paesi non tutti gli animali vengono trattati in egual modo, alcune specie vengono venerate ed altre denigrate, come se fossero dei rifiuti… il titolo dell’articolo nasce proprio da questo.
Guardate quindi i 12 paesi che trattano le donne peggio degli animali e, se possibile, evitate di visitare questi luoghi:…

Vai all’articolo

Una radicale teoria su di un Futuro più equo

Solo la distruzione apocalittica può eliminare il divario tra ricchi e poveri, afferma lo storico Stanford Walter Scheidel.
Uno non deve essere un genio per vedere che c’è molta ingiustizia sul nostro pianeta. I ricchi stanno diventando sempre più ricchi e le persone povere hanno spesso pochissime possibilità di migliorare la loro vita. Uno storico, a questo proposito, ha avanzato una teoria radicale che suggerisce che solo la distruzione apocalittica può eliminare il divario tra ricchi e poveri.
È una visione pessimista, ma perfino alcuni scienziati credono che questo sia l’unico modo per “salvare” il mondo. Nel suo libro “The Great Leveler: Violenza e storia dell’ineguaglianza dall’età della pietra al ventunesimo secolo”, Stanford Walter Scheidel sostiene che la violenza di massa e le catastrofi possono seriamente ridurre la disuguaglianza economica. Secondo Scheidel, i documenti storici mostrano che le società sono “livellate” solo da eventi enormemente distruttivi: la guerra di mobilitazione di massa, le rivoluzioni radicali, i fallimenti dello stato e le pandemie mortali…

Vai all’articolo

Capire significa Trasformare

di Jiddu Krishnamurti

Questi decenni molto importanti
hanno fatto emergere nella gente
l’idea delle rivoluzioni radicali.

La crisi è una crisi delle coscienze,
una crisi che non può far accettare le vecchie norme
i vecchi modelli, le antiche tradizioni.

E considerando quello che il mondo è oggi…
Con tutta la sua miseria e i suoi conflitti,
la sua sconcertante brutalità, le sue aggressioni e cosi via…

L’uomo è ancora come era in passato.
È ancora brutale, violento, aggressivo, avido, competitivo
e ha basato una società su queste linee guida…

Vai all’articolo

Propone un varicella party: travolta da ingiurie e minacce sul web

La figlia era pressoché guarita dalla varicella e, siccome doveva incontrarsi con amici il giorno dopo, una mamma milanese ha lanciato su Facebook la proposta scherzosa di organizzare un “varicella party”. Nel giro di poche ore è stata travolta da ingiurie e minacce.
Il legale: “Denunce per tutti gli autori dei commenti più gravi e violenti”. Una mamma milanese si è ritrovata, nel giro di poche ore, destinataria di ingiurie violentissime e di minacce gravi, dopo avere pubblicato su Facebook un post che proponeva un “varicella party” fra figli di amici, con i quali il giorno seguente avrebbe dovuto vedersi.
Tutto è iniziato il 30 aprile alle 20.25, quando L.C. pubblica sul suo profilo il post. “La mattina successiva hanno iniziato a moltiplicarsi i commenti ingiuriosi e minacciosi, che hanno avuto un’impennata intorno all’ora di pranzo del 1° maggio, con una violenza e una crudeltà inaudite”…

Vai all’articolo

Con l’aumento delle temperature terrestri… sale la violenza nel mondo

Global warming

di Valentina Ierrobino
Mentre i governi di tutto il Mondo sono impegnati, chi più e chi meno, a fermare i cambiamenti climatici e il global warming, uno studio pubblicato sulla rivista ‘Science’ informa che ben presto gli Stati dovranno combattere contro un altro aspetto legato all’aumento delle temperature terrestri: la violenza.
Dalla ricerca condotta da un gruppo di studiosi delle Università di Princeton e Berkley, è emerso che bastano pochi e piccoli aumenti della temperatura media, per far crescere il tasso di violenza tra le pareti di casa, fino all’aumento della violenza a livello nazionale e globale. Con il surriscaldamento globale la temperatura del Pianeta potrebbe aumentare di 2 gradi nei prossimi anni e questo, dati alla mano, potrebbe far crescere del 50% le guerre civili nel mondo…

Vai all’articolo

L’origine della Violenza

L'origine della violenza

di Mr. Loto
Ti sei mai chiesto quale sia l’origine della violenza? 

La violenza ha probabilmente sempre fatto parte della convivenza tra le persone. È sufficiente aprire un libro di storia per accorgersene, senza tener conto di tutte le piccole violenze, anche semplicemente psicologiche, che non vengono riportate nei libri o nella cronaca, ma che molti di noi hanno provato sul lavoro, in famiglia o durante la scuola.

Quando chiedo alla gente qual è l’origine della violenza le risposte sono molto varie e si va dalla povertà alla rabbia, dall’invidia alla cattiveria. Sebbene…

Vai all’articolo

Il Discorso di Capodanno del “Presidente della Terra”

distruzione

“Cari Terrestri tutti, umani ed altre creature senzienti, l’acqua ci sta arrivando alla gola”.
Il Pianeta è scosso da numerose guerre che coinvolgono grandi e piccole nazioni, ponendo spesso in confronto semi-diretto le maggiori potenze nucleari (USA, Russia, Israele, Francia, UK, Pakistan) e da zone di “surriscaldamento” in cui si stanno ammassando forze militari ingenti (Mar della Cina, Mediterraneo Orientale, Medio Oriente) per qualche motivo ben concreto.

Milioni di persone sono costantemente in fuga dalla loro case, città e nazioni a causa delle guerre e della miseria. Paesi ben…

Vai all’articolo