Lo Schiavismo dei Buoni

L’immigrazione di massa integra chiaramente un caso di guerra tra poveri. Non solo perché lo è nei fatti – con milioni di persone a contendersi alloggi insufficienti, lavori sottopagati o di bassa manovalanza criminale, periferie anguste e i palliativi di un welfare centellinato dai tagli – ma anche perché così si vuole che sia, o quantomeno ce la si mette tutta affinché lo diventi.
Qualche anno fa, nei giorni in cui il Comune di Milano decideva di trasferire 400 euro al mese a chi accogliesse un profugo nella propria abitazione, nella stessa città moriva di stenti Giovanni Ceriani, un disabile di cittadinanza italiana che si manteneva con un assegno di 186 euro al mese e un bonus comunale di 1.000 euro all’anno. Non c’è bisogno di essere leghisti per capire che finirà male, malissimo, anche perché di casi simili se ne contano a bizzeffe.
In un sistema di finanza pubblica dove la scarsità di investimenti è postulata come un dogma, è inevitabile che i poveri e gli impoveriti si contendano le briciole e temano l’arrivo di nuove bocche da sfamare…

Vai all’articolo

L’enorme potere della Chiesa e i danni che ha prodotto all’umanità

La seconda guerra mondiale con i suoi oltre 71 milioni di morti ha segnato profondamente l’umanità, e rappresenta uno dei capitoli della storia recente più studiati, con una letteratura immensa disponibile. Eppure il ruolo ed i legami del Vaticano con il nazismo sono sempre trattati con marginalità, anche nei testi scolastici.

Dopo la fine della guerra ci furono ritorsioni verso sostenitori e fiancheggiatori del nazismo e del fascismo, talvolta anche con episodi di sangue. Ma per il Vaticano “no problem”… La chiesa da sempre sta dalla parte del potere, ed il fatto che tutti i governanti e persino i dittatori della storia fino ai governi attuali dei paesi di religione cristiana, debbano fare accordi e sopratutto pagare dazio alla Santa Sede, la dice lunga sul potere che ha…

Vai all’articolo

Thomas Sankara: l’ultimo discorso che gli costò la vita

30 anni fa, un piccolo uomo dalla pelle nera sfidò i potenti del mondo.

Disse che la politica aveva senso solo se lavorava per la felicità dei popoli. Affermò, con il proprio esempio personale, che la politica era servizio, non potere o arricchimento personale. Sostenne le ragioni degli ultimi, dei diversi e delle donne. Denunciò lo strapotere criminale della grande finanza. Irrise le regole di un mondo fondato su di una competività che punisce sempre gli umili e chi lavora. E che arricchisce sempre i burattinai di questa stupida arena. Urlò che il mondo era per le donne e per gli uomini, tutte le donne e tutti gli uomini e che non era giusto che tanti, troppi, potessero solo guardare la vita di pochi e tentare di sopravvivere.

Nel luglio del 1987, in occasione della…

Vai all’articolo

Gli interventi umanitari: la dottrina dell’imperialismo

Guerra a Mosul

di Petar Djolic
Le strutture ideologiche che provvedono a dare e sostenere la legittimazione per un più aperto e dichiarato esercizio del potere politico ed economico, sono manifestate attraverso la retorica dell’interventismo umanitario.

“L’inferno è colmo di buone speranze e desideri” (S. Bernardo di Clairvaux).

Definire il concetto di intervento umanitario è problematico e, quindi, l’implementazione della sua concettualizzazione è controversa. Da una parte, l’intervento umanitario è di regola inteso come un’azione di ultima spiaggia, presa da uno stato o da un gruppo di stati, per alleviare o far terminare palesi violazioni dei diritti umani per conto ed in favore di cittadini di una minoranza etnica dello stato-bersaglio, attraverso l’uso della forza militare….

Vai all’articolo