La grande “credibilità” di Zingaretti e Di Maio

La totale, evidente mancanza di credibilità di questi due personaggi, la dice lunga su cosa dovremo aspettarci se veramente andranno a governare.
La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha appena pubblicato sulla sua bacheca facebook un video dove Nicola Zingaretti – suo omologo del Pd – confermava come non ci fosse alcuna possibilità di trattativa con il Movimento 5 Stelle. Quindi indicava come unica opzione la via maestra delle Elezioni ridando così voce al popolo.
Cosa diceva Zingaretti e cosa dice oggi
Di certo in questa fase si sta verificando l’esatto contrario delle sue parole. Anche le prese di posizione di Luigi Di Maio non danno adito a dubbi sulla volontà di siglare un accordo col PD, anche se pochi giorni fa affermava “mai con il partito di Bibbiano”

Vai all’articolo

Che ci fa un italiano nel Governo Francese?

Sandro Gozi, ex sottosegretario agli Affari europei nel governo Renzi, ha ottenuto ora lo stesso incarico nel governo francese. Secondo Di Maio e Meloni dovrebbe perdere la cittadinanza.
“Non ho nulla contro la Francia, ma bisogna valutare se togliere la cittadinanza a Sandro Gozi” ha detto ieri il ministro del Lavoro Luigi Di Maio, secondo cui l’ex sottosegretario agli Affari europei del governo Renzi, dovrebbe perdere la sua cittadinanza italiana per aver accettato un incarico di consulenza nel governo francese. Per quanto sia insolita la presenza di un cittadino italiano in un governo straniero, la proposta di Di Maio è con ogni probabilità impraticabile e, probabilmente, incostituzionale.
Ma partiamo dall’inizio: cosa ci fa Sandro Gozi nel governo francese? Gozi, 51 anni, è un ex funzionario del ministero degli Esteri, a lungo parlamentare e dirigente del PD (partito a cui è ancora iscritto). Tra il 2014 e il 2018 è stato sottosegretario agli Affari europei dei governi Renzi e Gentiloni, un incarico che serve a fare da punto di contatto tra il ministero degli Affari esteri vero e proprio e la presidenza del Consiglio…

Vai all’articolo

“Parigi Capitale d’Italia”. ​Bufera sull’intervista di Fazio a Macron

di Bartolo Dall’Orto
Polemiche sul lungo monologo del presidente francese. Ira della Meloni: “Fazio si faccia pagare dai suoi amici d’Oltralpe”.
Fabio Fazio intervista Emmanuel Macron ed è (ancora) polemica. Che il lungo faccia a faccia tra il conduttore e il presidente francese sarebbe finito al centro del dibattito politico italiano, lo si era capito dal giorno dell’annuncio. Ma ora a finire nel mirino, sono anche le domande scelte dalla redazione per l’inquilino dell’Eliseo.
Alla fine è stata un’intervista in cui Macron ha cercato di ricucire il rapporto con l’Italia e in cui si è proposto come maestrino in uno scontato spot pro-Europa. “Ci sono stati malintesi tra Italia e Francia ma bisogna andare oltre”, ha detto il presidente francese. “I malintesi e le peripezie più recenti non sono gravi, bisogna andare oltre: ci sono state affermazioni un po’ eccessive. Quello che dobbiamo ai nostri popoli è andare oltre”

Vai all’articolo