Le sconvolgenti Dichiarazioni di un’Infermiera di un reparto di Terapia intensiva Covid

di Marcello Pamio
Ho avuto la possibilità di conoscere e intervistare Maria Maddalena, un’infermiera che lavora in un reparto di Terapia intensiva Covid. Il nome ovviamente è inventato per mantenere la privacy, ma le cose che afferma sono importanti e decisamente inquietanti.
D) Grazie Maria per aver accettato l’intervista, soprattutto perché sta rischiando molto. Cosa vuol dire personalmente e professionalmente lavorare in un reparto covid?
R) Dal punto di vista infermieristico lavorare in un reparto Covid significa prendersi cura in toto di una persona gravemente ammalata e dalle funzioni vitali compromesse, quindi cura dell’igiene, della postura e della sicurezza della persona, prevenzione delle lesioni da pressione, posizionamento e gestione presidi quali sondini nasogastrici, cateteri vescicali, sonde rettali, cateteri venosi periferici, collaborazione con il medico nell’esecuzione di esami strumentali anche invasivi, esecuzione prelievi per esami ematochimici, monitoraggio continuo parametri vitali, manovre rianimatorie, comunicazione e conforto al paziente quando questi è cosciente, sostegno nelle sue funzioni vitali giornaliere quali alimentazione ed eliminazione, agevolando i suoi contatti con i familiari…

Vai all’articolo

★ Creme, spray fluidi e spray trasparenti per un’abbronzatura naturale e sicura, anche per le pelli più delicate!
(+ in omaggio la crema solare viso antirughe) ★
L'estate si sta avvicinando e con essa la voglia di sole!
Mai come in questo periodo per non correre inutili rischi legati all'esposizione ai raggi UVA, UVB e IR è importante proteggere la propria pelle con un prodotto specifico, dalla formulazione naturale e delicata ma che al tempo stesso sia in grado di schermare efficacemente l'epidermide.
I prodotti naturali della linea solare di Nature's, sono una risposta concreta a tutte queste esigenze.
Le proprietà idratanti e antiossidanti di questi solari, li rendono dei preziosi alleati di ogni tipo di pelle, anche di quelle più delicate!
Agiscono infatti sui tre principali fattori di rischio per la pelle:
- UVA responsabili dei danni biologici al DNA e quindi dei danni a lungo termine della pelle
- UVB responsabili degli eritemi e delle scottature
- INFRAROSSI responsabili del foto invecchiamento
I filtri solari micro incapsulati (che offrono una protezione più duratura) e i principi attivi naturali, rendono questi prodotti una presenza indispensabile nella tua borsa del mare.
Una linea completa, per assicurare a ogni fototipo un'abbronzatura intensa e luminosa, anche per le pelli più delicate.
Provali subito!
PS: Se acquisti un prodotto solare Nature's su Il Giardino dei Libri riceverai in omaggio la crema gel viso solare antirughe spf 25. Promozione valida solo fino ad esaurimento scorte. ›››

È un’Influenza…

Testo estrapolato dal video in fondo all’articolo
Si suppone che il Covid sia diffuso ovunque nel mondo, ma come mai nessuno, in nessun laboratorio al mondo, ha mai isolato e purificato questo virus nella sua interezza?
“Ho un dottorato in virologia e immunologia. Sono uno scienziato di laboratorio clinico e ho testato 1500 campioni ‘presunti’ positivi di Covid 19 raccolti qui nella California del Sud.
Quando il mio team di laboratorio e io abbiamo eseguito i test attraverso i ‘postulati di Koch’ e l’osservazione al SEM (microscopio elettronico a scansione), non abbiamo trovato alcun Covid in nessuno dei 1500 campioni. Quello che abbiamo scoperto è che tutti i 1500 campioni erano principalmente influenza A e alcuni erano influenza B, ma non un singolo caso di Covid e non abbiamo utilizzato il Test PCR.
Abbiamo quindi inviato il resto dei campioni a Stanford, Cornell e ad alcuni laboratori dell’Università della California e anche loro hanno trovato gli stessi risultati che abbiamo trovato noi: niente COVID! Hanno trovato l’influenza A e B. Tutti noi abbiamo quindi parlato con il CDC e chiesto campioni vitali di COVID, che il CDC ha detto di non poter fornire in quanto non avevano campioni….

Vai all’articolo

2021: l’Umanità verso il “Grande Reset” o verso il “Grande Risveglio”?

di Cesare Sacchetti
La prima reazione che ha travolto molte persone di fronte alle immagini della lunga coda di israeliani che mostravano il loro certificato vaccinale per poter entrare in un centro commerciale, è stata certamente quella di disperazione e scoramento.
Molti hanno avuto la netta sensazione di assistere con i propri occhi al compimento del Grande Reset, ovvero l’accelerazione della crisi terroristica del coronavirus che deve portare nei piani delle élite al compimento del Nuovo Ordine Mondiale.
Lo scorso anno già diversi informatori presenti nei vari governi di tutto il mondo, in particolare quello canadese e francese, avevano rivelato il piano per schiavizzare l’umanità intera. Un informatore governativo su Reddit aveva anticipato esattamente quanto si è recentemente verificato in Israele. Il sistema aveva preventivato di rendere gradualmente obbligatoria l’esecuzione dei vaccini contro il coronavirus, fino ad escludere dalla società coloro che lo rifiuteranno…

Vai all’articolo

L’ultima Sparata del “filantropo” Bill Gates

di John Cooper
Bill Gates: “Per prossime pandemie test di massa su intera popolazione ogni mese, nuovi vaccini MRNA ed un sistema di allerta globale”.
In un nuovo video il noto “filantropo” Bill Gates spiega come verranno gestite le prossime pandemie basate su nuove varianti del Covid 19: da uno screening di massa globale, grazie a delle nuove metodologie di “mega testing”, dove si arriva a testare ben il 20% della popolazione a settimana, ovvero il 100% circa ogni mese o poco più, ad un nuovo sistema di allerta globale, dove squadre specializzate entreranno in azione in punti specifici, con una propria logistica e dei propri mezzi, infine conferma anche lo sviluppo di nuovi vaccini ad MRNA che saranno sviluppati in tempi molto rapidi…

Vai all’articolo

Spunta la Nuova Variante “più pericolosa”: il prossimo passo sarà farvi odiare la Libertà!

di Diego Fusaro
Ebbene sì, vi è una novità degna della massima attenzione che ça va sans dire, si iscrive nel registro narrativo del nuovo regime emergenziale terapeutico legato al Covid-19.
La notizia viene diffusa da tutti i principali quotidiani – non soltanto italiani – in data 16 febbraio 2021. Così ad esempio leggiamo su La Stampa: “Scoperta una ‘nuova’ variante inglese, stavolta potrebbe sfuggire ai vaccini: ecco quali sono le più pericolose. Vaccino AstraZeneca verso uso a 65 anni”.
Ecco dunque che, secondo quanto apprendiamo dal quotidiano sabaudo, abbiamo una variante della variante. Sì, perché già quella albionica d’Inghilterra era la variante del coronavirus. Una variante – ci dicevano – ancor più contagiosa rispetto a quella canonica, si diceva addirittura del 50% più contagiosa, come ricorderete.
Bene, come se ciò non bastasse, adesso abbiamo la variante della variante che, come si dice su La Stampa, potrebbe sfuggire ai vaccini, e quindi vanificare (aggiungiamo noi) l’intera opera di vaccinazione di massa che è partita già da dicembre 2020 su tutto il territorio europeo…

Vai all’articolo

Lockdown Totale senza vergogna! Chiesto dall’Ordine dei Medici

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio
“Lockdown totale, in tutto il Paese”. A chiederlo, alla luce dei dati, soprattutto quelli sui ricoveri in ospedale e nelle terapie intensive, è il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli, dalla pagina Fb della stessa Federazione.
“Considerando i dati di questa settimana come andamento-tipo e se li proiettiamo senza prevedere ulteriori incrementi, la situazione fra un mese sarà drammatica e quindi bisogna ricorrere subito ad una chiusura totale. O blocchiamo il virus o sarà lui a bloccarci, perchè i segnali ci dicono che il sistema non tiene ed anche le regioni ora gialle presto si troveranno nelle stesse condizioni delle aree più colpite. Con la media attuale, in un mese arriveremmo ad ulteriori 10mila decessi”. Lo afferma all’ANSA il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli…

Vai all’articolo

Guardate gli Zombi che ci “proteggono” dal Virus

di Max Del Papa
Abituati come siamo a vivere una normalità impossibile, ci siamo abituati agli zombi che comandano.
Ci pare logico perdere la libertà per mano di Di Maio, ex bibitaro oggi blindato e scortato, di Zingaretti, odontotecnico consacrato alla politica, di uno sconosciuto avvocato, creato in laboratorio da una società di profilazione dati, che fino a ieri viveva fra tribunale e bar del notabilato di paese. Ma metteteli in fila, uno per uno, ma guardateli…
Guardate il ministro della Salute, il suo grigiore sovietico e malaticcio, uno che ha fatto un libro per dire che guariremo dal morbo e il giorno stesso che è uscito l’ha fatto ritirare perché doveva dire che la pandemia è inarrestabile, che bisogna chiudere tutto. Guardate l’avvocatino del popolo, un vanesio clamoroso, bugiardo patologico, uno che va al festival dell’Ottimismo a dire che la situazione sta precipitando, che finirà malissimo. Guardate Gualtieri, il chitarrista di Bella Ciao, messo a far girare l’economia che è una ruota sgonfia e adesso che l’Europa non scuce un ghello non sa come fare…

Vai all’articolo

La nostra Civiltà distrutta da una “Pandemia di asintomatici”

di Ilaria Bifarini
Siete pronti? Stasera i media di regime vi comunicheranno (come sempre) con toni apocalittici un numero elevatissimo di nuovi contagi. Ovviamente ometteranno di dirvi che il 95% di questi sono asintomatici o paucisintomatici (cioè consintomi lievi) che, in altri tempi, non avrebbero destato alcuna preoccupazione.
Ma le pecore impaurite si uniranno al coro degli allarmisti e dei catastrofisti, che stanno distruggendo un’economia e una democrazia in modo irreparabile. Lo so che è l’effetto della suggestione che si propaga nelle masse e che la manipolazione mediatica è molto potente, ma ormai non ho più compassione di queste pecorelle ottuse che stanno contribuendo alla fine della civiltà e si illudono pure di avere una superiorità morale.
Ognuno di noi che non manifesta il proprio dissenso, ciascuno a seconda delle proprie possibilità e modalità, davanti al disegno criminale in corso, dovrà sentirsi responsabile di quanto accadrà…

Vai all’articolo