Perché in Florida non sono tutti Morti o in Ospedale?

di Wayne Allyn Root
Tutti devono conoscere la storia della Florida…
Il governatore della Florida, Ron DeSantis, dovrebbe essere il governatore eroe d’America. Ha tenuto duro di fronte alle massicce pressioni per far chiudere lo stato, bloccare l’economia e la gente, e ordinare di indossare mascherine. Ha rifiutato tutto questo e ha mantenuto la Florida aperta agli affari.
Ora si vedono i risultati sorprendenti della sua azione. L’economia della Florida è in pieno boom. La gente è felice. La qualità della vita è alta. E pochissimi sono malati. Ha funzionato!
Anche se in Florida è rimasto tutto aperto e la gente senza maschere per quasi un anno, anche se lo stato ha milioni di pensionati anziani, ha ancora meno morti e ricoveri in questo momento della maggior parte degli altri stati liberali saccenti che sono ancora chiusi e gestiti da governatori “democratici” autoritari…

Vai all’articolo

Una “Pandemia”… con mortalità pari allo 0,00000026% della Popolazione mondiale?

di Armando Siri
“State chiusi in casa a Natale, a Capodanno, all’Epifania. Fate sacrifici oggi per essere liberi domani…” Quante volte l’abbiamo sentito? Il punto è che “domani” non arriva mai!
E anche questa volta è arrivata puntuale la conferma. Ancora tutto chiuso, tutti chiusi, in casa. La verità è che nonostante i blocchi il Virus ha continuato la sua naturale curva di contagi.
Chiudere ristoranti, negozi, piscine, alberghi, impianti sportivi, e costringere in casa le persone non serve a salvare vite, ma di sicuro contribuisce attivamente ad “ammazzare” la nostra economia e alienare il nostro stato d’animo.
Quello che non vi dicono è che non esiste una vera e propria “pandemia” visto che siamo di fronte ad una mortalità pari allo 0,00000026% della popolazione mondiale, ma siamo di fronte allo sfacelo e all’inadeguatezza del sistema sanitario nazionale e in generale occidentale…

Vai all’articolo

Covid, la rivincita del “Modello svedese”: così Stoccolma ha salvato la sua Economia!

di Federico Giuliani
In un primo momento il “modello svedese” è stato da tutti considerato una vera e propria follia. Nei mesi in cui la pandemia di Covid imperversava in tutta l’Europa, l’esecutivo socialdemocratico guidato da Stefan Lofven, sceglieva di fare l’esatto contrario rispetto agli altri membri dell’Ue.

Due i pilastri seguiti da Stoccolma: niente rigidi lockdown e niente misure restrittive draconiane. In altre parole, la Svezia ha voluto preservare la normalità della vita quotidiana. Certo, la popolazione è stata avvisata di tutti i rischi, dell’importanza del distanziamento sociale, della necessità di lavarsi spesso le mani e di tutelare gli anziani. Eppure, oltre a questi consigli, nel Paese scandinavo sono scattati soltanto pochi divieti: bollino rosso per…

Vai all’articolo

J.P. Morgan: “l’avvio dei Lockdown non ha modificato il corso dell’Epidemia, ma ha distrutto milioni di mezzi di sussistenza”

di Andrea Ippolito
Mentre sentiamo spesso che i “blocchi” all’economia sono stati guidati da modelli scientifici e che esiste una relazione esatta tra il livello di attività economica e la diffusione del virus, questo non è supportato dai dati.
I blocchi della pandemia, che abbiamo chiamato tutti lockdown, hanno “distrutto milioni di mezzi di sussistenza”, afferma JP Morgan nel suo studio. Marko Kolanovic, ha affermato che i governi sono stati spaventati da “report scientifici pieni di errori”, e che hanno infine imposto dei lockdown che sono risultati “inefficienti” o, che addirittura “sono stati applicati troppo tardi”, risultando appunto poco efficienti, queste le spiegazioni dello strategist e fisico di JP Morgan.
“A differenza dei rigorosi test sui nuovi farmaci, i lockdown sono stati amministrati con scarsa considerazione del fatto che potevano non solo causare devastazioni economiche, ma potenzialmente provocare più morti rispetto allo stesso Covid-19”, ha affermato il fisico…

Vai all’articolo