A Davos Dicono che le Elezioni nel 2024 Sono un Rischio…

Le elezioni nel 2024 sono un rischio perché le persone potrebbero eleggere “i leader sbagliati”.
Il moderatore di una tavola rotonda al World Economic Forum (WEF) di Davos ha affermato che “esiste il rischio che vengano eletti i leader sbagliati” nel 2024.
Haslinda Amin, corrispondente internazionale capo di Bloomberg News, ha dichiarato durante un dibattito intitolato “Rischi globali: cosa c’è in gioco?” che il 2024 è “un anno critico per il mondo”.
“Come valutiamo il rischio elettorale? C’è il rischio che vengano eletti i leader sbagliati. C’è il rischio che il mondo diventi ancora più frammentato” ha detto la giornalista che faceva da moderatrice al dibattito. Rivolgendosi a Douglas Peterson, presidente e amministratore delegato del colosso finanziario S&P Global, Amin ha chiesto: “Come vede la situazione come S&P?” Peterson ha risposto che…

Vai all’articolo

Un Altro Inganno Ben Congegnato

di Alberto Medici
“Non avete capito che voi siete parte del gioco e lo state ancora assecondando con una stupidità disarmante”.
Trovo online questo pezzo: “L’affollamento sui social di solidarietà per la morte della ragazza del nord Italia mi fa pena e ribrezzo. Un caso mediatico studiato ed amplificato a puntino per riprendere la propaganda contro il genere maschile, portando sui social addirittura individui a scusarsi per essere nati maschi. Tutti hanno abboccato e adesso, tra citazioni, scuse e minuti di silenzio, non c’è un profilo che non abbia speso una parola per questo fatto.
Non esiste più guerra, intelligenza artificiale, distruzione dell’economia, soggiogamento della popolazione alle ideologie green europee. Il modo in cui tutti quanti seguite la scia mediatica mi fa intristire: purtroppo i tempi sono ancora acerbi, ancora le vostre priorità sono quelle sbagliate, ancora non avete capito che voi siete parte del gioco e lo state ancora assecondando con una stupidità disarmante”. (Black Out)

Vai all’articolo

“Gli Assassini di Muammar Gheddafi vogliono insegnarci la Democrazia?”

Fred M’membe: “Il paese che ha ucciso tanti dei nostri leader in Africa e in altre parti del mondo vuole insegnarci la democrazia?”
Il leader dell’opposizione dello Zambia, Fred M’membe, durante la visita di Kamala Harris nel Paese il 31/03/’23, ha affermato: “Un paese che ha rovesciato così tanti governi in Africa, che ha condotto così tanti colpi di stato in Africa e in altre parti del mondo.
Il paese che ha ucciso tanti dei nostri leader in Africa e in altre parti del mondo. Gli assassini di Patrice Lumumba, gli assassini di Kwame Nkrumah, gli assassini di Nasser, gli assassini di Muammar Gheddafi verranno oggi a insegnarci la democrazia!?
“Un paese che ha rovesciato così tanti governi in Africa, che ha condotto così tanti colpi di stato in Africa e in altre parti del mondo.
Il paese che ha ucciso tanti dei nostri leader in Africa e in altre parti del mondo. Gli assassini di Patrice Lumumba, gli assassini di Kwame Nkrumah, gli assassini di Nasser, gli assassini di Muammar Gheddafi verranno oggi a insegnarci la democrazia!?

Vai all’articolo

UNESCO: Conferenza Globale contro la Controinformazione

Le elités si preparano a dichiarare guerra aperta alla controinformazione utilizzando la censura tecnocratica.
L’Unesco ha stilato le Linee Guida Globali per la Censura “Woke”
Il 22-23 Febbraio l’UNESCO ha organizzato una conferenza sulla “regolazione” dei social, in cui è stata discussa la seconda versione della bozza (https://unesdoc.unesco.org/ark:/48223/pf0000384031.locale=en) delle loro linee guida.
Se si legge oltre le finte belle parole messe lì per fare da specchietto per le allodole, si scopre un piano totalitario di censura. Si considera la faccenda covid come una “crisi dell’informazione” (p.12) e si sostiene che gli stati devono aumentare la “media and information literacy” (p 8, p 19-20), cioè insegnare ad evitare i canali di controinformazione per utilizzare solo le fonti autorizzate dal governo.
La controinformazione “mette a rischio la democrazia e il godimento dei diritti umani” e per questo bisogna investire sui “fact checkers” (p.10, p. 24) e fare un uso massiccio dell’IA (15-17). I social network devono mettere a disposizione dati per scopo di ricerca che riguardino “discorsi d’odio”, “disinformazione” e “violenza di genere” (p.18-19), e le norme della piattaforma devono essere redatte sulle basi dei desideri delle “minoranze”, che devono svolgere ruolo attivo nell’identificare i tipi di contenuti da rimuovere (p. 23)…

Vai all’articolo

Nel Mondo “Libero”

di Weltanschauung
Nel mondo “libero” non c’è spazio per dubbi, quesiti scomodi, confronti od opinioni divergenti da quelle “ufficiali”. Nel mondo libero, siamo schiavi della libertà.
Nel mondo libero, un medico non può sconsigliare ad un suo paziente di assumere un farmaco, altrimenti la sua condotta è passibile di segnalazione all’ordine professionale.
Nel mondo libero, chiunque si discosta dalla narrazione dominante, pur adducendo motivazioni valide a sostegno delle sue tesi, si involve inevitabilmente in un “no qualcosa”, da schernire pubblicamente e mettere alla gogna.
Nel mondo libero, i diritti un tempo intangibili si trasformano in concessioni, spesso a tempo determinato.
Nel mondo libero, è stato legittimato un lasciapassare per lavorare e vivere ed i bambini hanno vissuto mascherati come ladri per due anni, senza che nessuno facesse un fiato…

Vai all’articolo

Mattarella: Serve una Governace Globale per un Ordine Mondiale imperniato sull’ONU

Intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia dello scambio degli auguri di Natale e di fine anno con il Corpo Diplomatico (16/12/2022).
Serve una governance globale e un rilancio urgente di un multilateralismo efficace che contribuisca allo sviluppo di un “ordine mondiale”, imperniato sulle Nazioni Unite.
“Mai avremmo pensato di dover assistere all’immane disastro causato dalla guerra di aggressione scatenata dalla Russia contro l’Ucraina. Un’aggressione che ha fatto ripiombare l’Europa in un incubo che eravamo certi fosse destinato a rimanere nelle pagine più buie della nostra storia. Mai avremmo pensato che quell’incubo potesse ripresentarsi. E mai avremmo pensato che un Paese come la Russia, a noi così vicino per cultura e storia, potesse arrivare al punto di attaccare le infrastrutture civili dell’Ucraina, al fine crudele di privare la popolazione di luce, acqua e riscaldamento per tutto il lungo e rigido inverno di quei luoghi”

Vai all’articolo

La Lotta alle “Fake News” è una Trovata del Sistema Liberticida

di Redazione Lapekoranera
Chi decide se una notizia sia da considerare vera o falsa, e se il popolo meriti o meno di essere informato su cosa progetti il potere? Queste domande se le stanno ponendo in tanti, soprattutto a seguito della campagna planetaria occidentale contro le “fake news”.
Il “sistema” ovviamente non è italiano né tedesco o Usa, il “sistema” è quel gabinetto di poteri bancari europei ed occidentali che esercita i propri desiderata tramite azioni concrete di Nato, Onu, Ue e grande speculazione finanziaria (per esempio BlackRock e Goldman varie…).
Oggi le emergenze che preoccupano il “sistema” sono di due tipi, produttive e valutarie: nelle produttive insistono le politiche d’indirizzo sanitario ed ecologista, quindi ciò che fa l’uomo comune quando lavora in campagna e in bottega artigiana, se è propenso o meno ad aggiornare vetture, frigorifero, lavatrice e televisore, ed ovviamente tutti gli strumenti tecnologici obbligatori e collegati al lavoro (computer, sistemi per scambio di dati, pos di pagamento…); quelle valutarie riguardano il risparmio dei cittadini, l’uso che fa del danaro l’uomo di strada, e per questo motivo gradirebbero l’abolizione planetaria totale del contante, così che il “sistema finanziario” possa controllare ogni mossa dei comuni cittadini, bloccando eventualmente le manovre economiche di chi non politicamente gradito…

Vai all’articolo