Il contatto con la Natura riduce i rischi di depressione e obesità

di Lorenzo Brenna
Il contatto con la Natura riduce i rischi di depressione e obesità. È quanto emerso dal più completo studio mai realizzato che analizza lo stretto rapporto tra ambiente e salute psicofisica.
La vicinanza di boschi, foreste o aree verdi ha un impatto positivo sulla nostra salute psicofisica, e questo non è certo un mistero. È ovvio che una passeggiata nel bosco non può sostituire un intervento chirurgico o una seduta da uno psicoterapeuta laddove ce ne sia bisogno, ma riesce a far evaporare stress, ansia e nervosismo con una rapidità quasi miracolosa, provare per credere. L’ennesima conferma arriva da un nuovo studio, secondo cui le persone che vivono vicino ad alberi e aree verdi avrebbero meno probabilità di essere obese, inattive, o dipendenti da antidepressivi…

Vai all’articolo

15 Consigli per una casa accogliente e piena di Energia Positiva

Incensi, animali e candele in casa possono influenzare l’umore degli esseri umani.
Secondo alcuni esperti, per stare bene con sestessi è essenziale che la casa in cui si abita sia piena di energia positiva e libera, invece, da quella negativa che ha effetti piuttosto dannosi sull’organismo: nella peggiore delle ipotesi, danneggia il DNA generando addirittura patologie più o meno gravi. Ecco perché è necessario che la propria dimora vibri ad alte frequenze e sia il più accogliente possibile. Ecco come riuscirci in poche mosse.
1. Incensi per purificare
Bruciare gli incensi sciamanici è una pratica che si perde nella notte dei tempi. Piante come cedro, cipresso, tabacco, salvia bianca, lavanda, rosmarino e ginepro, una volta ridotti in cenere, purificano l’aria, eliminando ogni impurità…

Vai all’articolo

I “Donatori di energia positiva”: gli opposti dei Vampiri energetici

I “Donatori di energia positiva”, ovvero gli opposti dei Vampiri energetici, hanno la capacità di rimanere sempre allegri e concentrati sulle cose positive che la vita ci può dare.
Come molti di voi che leggono sapranno, i “Vampiri Energetici” esistono e si alimentano delle nostre energie positive. Ci prosciugano. Esistono diversi modi per proteggersi ma non ne parlerò in questo articolo, perché adesso voglio sintonizzarmi su vibrazioni positive e quindi parlerò dei loro opposti, ovvero i “Donatori di Energia Positiva”.
I Donatori di Energia Positiva sono persone qualunque, proprio come i Vampiri Energetici, ma a differenza di questi ultimi, nonostante ciò che gli capita, hanno la forza e il potere di rimanere allegre e propositive comunque.
Sono persone comuni che vivono la loro vita come tutti gli altri, sentono il dolore e la tristezza ed hanno i loro problemi da superare. Non vivono vite idilliache e non sono insensibili. Semplicemente riescono a non farsi sottomettere dai sentimenti negativi, cercando di rimanere concentrati sulle cose positive della vita, soprattutto sulle cose più semplici.
Vi riporto alcuni comportamenti caratteristici di questo tipo di persone; abitudini che possiamo replicare e far diventare anche nostre per vivere meglio, sicuramente più felici…

Vai all’articolo

“Litigare fa male alla salute”… imparate ad arginare le liti

di Enza Angela Massaro
Quante volte l’ho ripetuta a me stessa questa frase, quando mi trovavo davanti una persona che mi faceva arrabbiare, mi dicevo “mantieni la calma… conta fino a dieci” e poi puntualmente, mi ritrovavo a litigarci, a perdere tempo e a volte anche la salute.
Salute a parte… si fa per dire, a volte, mi è capitato di restarci parecchio male per qualche litigio o conflitto, che è poi sfociato nella rottura della relazione, sia amicale che parentale. Più si conosce una persona, più si dovranno, quindi, cercare di evitare litigi perenni che distruggono tutto.
Le liti sono come un fiume in piena, un concentrato di aggressività repressa, in alcuni individui è facile che tale aggressività venga fuori con maggior facilità, rispetto ad altri più miti, ma non è detto che i più calmi non reagiscano… a volte, anche peggio dei “nervosi”…

Vai all’articolo

Ci hanno fatto credere che questo debba essere un premio per il sacrificio…

Messaggi di Risveglio

di Fabiano Rastelli
Tutti noi desidereremmo vivere in un posto così. E, invece, la massa lavora tutto l’anno per andare a rilassarsi 7 giorni in un luogo come questo.
Sapete perché? Perché noi non abbiamo bisogno di altro, a noi basta il sole, il mare, e una natura verde in cui vivere, con dei vestiti essenziali, lontano dai soliti obblighi del look, lontano dalle suonerie e dai computer.
L’essere umano ha bisogno di questo per essere felice, questo è vivere, questa è armonia.
Quello che non abbiamo capito è che l’intera vita dovrebbe essere una vacanza, vivere di quel poco che alla fine è indispensabile per la nostra felicità: il contatto con l’acqua del mare, la luce del Sole, la sabbia, insomma il massimo dell’esperienza dei sensi. Però ci hanno fatto credere che tutto questo deve essere un premio per il sacrificio, ci hanno fatto credere che l’unica realtà è il grigio dei marciapiedi, la puzza dei gas di scarico, il rumore del traffico, il rumore degli ingranaggi in fabbrica…

Vai all’articolo

Dalai Lama: 18 regole per vivere

Tenzin Gyatso, il 14 ° Dalai Lama

di Mauro Bertuletti
All’inizio del nuovo millennio, la 14° incarnazione del Dalai Lama, ha proposto le sue 18 Regole di vita: una serie di semplici indicatori filosofici ed etici, utili a seguire un cammino di vita appagante e utile. Chiunque si proponga di avere successo nella vita dovrebbe tenerli bene a mene.

“Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara”. Dalai Lama

Il Dalai Lama ha affascinato le persone di tutto il mondo e di tutte le fedi con il suo messaggio di gioia, pace e felicità. I suoi insegnamenti buddisti si…

Vai all’articolo

Vivere… alternativo

Casa sugli alberi nel bosco

di Marco Cedolin
L’ambizione d’intraprendere un percorso di vita alternativo, sembra contagiare un numero sempre maggiore di persone.
Che si tratti di una comunità di “ardimentosi equilibristi” che hanno scelto di vivere in case sospese fra gli alberi, come accade in Piemonte ed in molti paesi del nord Europa, oppure di semplici ecovillaggi all’interno dei quali sperimentare un’esperienza comunitaria a contatto con la natura, l’ambizione d’intraprendere un percorso di vita alternativo sembra contagiare un sempre maggior numero di persone.
Da un lato la recessione economica e la conseguente progressiva incapacità di costituire un reddito necessario al sostentamento proprio e della famiglia, dall’altro le condizioni sempre più disumane in cui versano le grandi città, soffocate dall’inquinamento e dalla delinquenza, con un tessuto sociale profondamente marcescente, non possono che indurre alla ricerca di una valida alternativa al di fuori delle città…

Vai all’articolo

Il silenzio ci fa vivere meglio: ecco perchè!

silenzio

di Elena Bernabè

Il silenzio non ci appartiene più. Siamo travolti da rumori di ogni tipo, continuamente per tutto l’arco della nostra giornata. In più spesso sono rumori assordanti, invadenti e disturbanti che minano il nostro benessere.

Provate a farci caso proprio in questo momento. Quali rumori sentite? Se non avete la fortuna di essere in mezzo ad un bosco, sulle rive del mare o durante una passeggiata in montagna, di certo i rumori che vi accompagnano durante la vostra vita saranno quelli delle automobili, dei telefoni che squillano, della televisione… Pensate a chi abita o…

Vai all’articolo

8 Pensieri da adottare ogni giorno per vivere meglio

10 things to drop from your life

Per vivere meglio devo… cambiare casa, lavoro, partner, risolvere questi problemi, avere meno stress e magari cambiare paese. Giusto? Non c’è dubbio che le condizioni esterne influenzino la tua vita, ma la verità è che il modo in cui stai vivendo è sempre, totalmente frutto dei tuoi pensieri.

I tuoi pensieri hanno plasmato la persona che sei oggi. Ricordi quando ti sei ripetuto che non ce l’avresti mai fatta, che non potevi e non ce la facevi più e non ce l’hai fatta? E quel giorno quando ti sei svegliato pensando che fosse una giornata meravigliosa e tutto è andato alla

Vai all’articolo