Lettera a un “Covidiano”

di Margaret Anna Alice
Ogni aspetto delle normative che vengono rilasciate a livello globale è progettato per separarci, creando un sistema di apartheid che bandisca il dissenso e incoraggi la persecuzione di coloro che mettono in discussione il sistema e i governi.
Capisco che sei un “credente”. Hai una fede zelante e incrollabile nel Sistema. Ti fidi della “scienza”. Ritieni che tutto ciò che va oltre i margini della narrativa approvata sia disinformazione, teorie del complotto e notizie false. Indossi diligentemente il tuo distintivo di obbedienza. Mantieni la tua distanza sociale. Ti chiudi quando ti viene detto di chiuderti. Segnali altri per aver violato questi e altri dettami.
Eri il primo della fila a farsi iniettare. Eri il primo della fila a farsi re-iniettare. Hai pianto lacrime di gioia entrambe le volte. Non vedi l’ora di ricevere la tua iniezione di richiamo. Non ti sei però preso la briga di condurre ricerche indipendenti al di fuori delle ingannevoli vie autorizzate…

Vai all’articolo

La Guerra Soft

di Gino Pastore
Stiamo vivendo il più grande processo di sfruttamento, disumanizzazione, despiritualizzazione, falsificazione, condizionamento e plagio delle menti umane, delle coscienze, delle anime.
Tutto ciò avrà ripercussioni senza precedenti nella storia umana, conseguenze molto gravi e danneggerà collettivamente tutto il pianeta.
Una vera guerra “morbida”, che consiste nell’attaccare, abbattere e distruggere tutto ciò che è più prezioso, intimo e nobile nel cuore di tutti, e nella coscienza collettiva.
È urgente che tutti si oppongano personalmente a questo e che siano consapevoli di questo “Piano diabolico”, fatto di guerra psicologica, dispersione, divisione, imbroglio e distruzione degli inalienabili diritti umani personali e collettivi…

Vai all’articolo

L’ingiustizia degli “Algoritmi”

Intervista di Alessandro Longo a Virginia Eubanks
È possibile essere discriminati da un Software?
Gli algoritmi stanno facendo il loro ingresso nei servizi di welfare negli Stati Uniti e in numerosi altri paesi. Decidono a chi erogare i sussidi per la disoccupazione o addirittura quali bambini togliere ai genitori (in caso di maltrattamenti o di trascuratezza). In questo modo, ci siamo esposti al rischio di “automatizzare la diseguaglianza” e di usare la tecnologia per disempatizzare i nostri sentimenti nei confronti dei più poveri e deboli.
Parole di Virginia Eubanks, professore associato all’università di Albany (New York), che con il suo “Automating Inequality” ha toccato il nervo scoperto di una nazione. E non di una soltanto, come dimostra il suo tour di presentazione del libro in molti paesi: dalla Scandinavia all’India, fino in Australia. La particolarità del saggio (acclamato anche dal New York Times e dal Guardian) è l’aver raccolto “centinaia di testimonianze, da parte di persone che sono state soggette al trattamento algoritmico da parte del sistema pubblico: tutte riferiscono di essersi sentite disumanizzate da questo processo”, racconta a Le Macchine Volanti

Vai all’articolo

Questo testo dovrebbe leggerlo tutta l’umanità!

Benvenuto nel XXI secolo…
Benvenuto nel XXI dove il sesso è libero e l’amore è diventato una tasca piena di note. Dove perdere il cellulare è peggio che perdere i tuoi valori. Dove la moda è fumare e bere, e se non lo fai, sei obsoleto. Dove il bagno è diventato studio per foto osè da postare sui social.
XXI secolo, dove uomini e donne temono una gravidanza molto più che l’hiv. Dove il servizio di consegna della pizza arriva più veloce dell’ambulanza. Dove le persone muoiono di paura per terroristi e criminali e non amano più Dio. Dove i vestiti decidono il valore di una persona e avere soldi è più importante che avere amici o anche famiglia.
Secolo XXI, dove i bambini sono in grado di rinunciare ai loro genitori per il loro amore virtuale. Dove i genitori dimenticano di riunire la famiglia a tavola per una cena armoniosa, perché sono presi dal loro cellulare o trattenuti dal lavoro…

Vai all’articolo

Una sconnessione neuronale potrebbe spiegare la crudeltà umana

Anders Behring Breivik è stato l’artefice degli attentati del 22 luglio 2011 in Norvegia.

di Jaiza Martìnez
Secondo recenti studi la capacità dell’essere umano di commettere atrocità sarebbe attribuibile alla disfunzione di una rete di cellule cerebrali che impedisce di provare empatia verso gli altri.

Gli esseri umani sono in grado di commettere atrocità inaudite e atti orribili, inconcepibili. Perchè? Secondo i risultati di uno studio realizzato da alcuni ricercatori della Duke University e della Princeton University degli Stati Uniti, questo comportamento potrebbe essere scaturito dalla disfunzione di una rete neuronale deputata all’interazione sociale, che non…

Vai all’articolo