• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

All’Onu Primo No ai “Killer Robots”

Con 164 sì e 8 astensioni l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la sua prima risoluzione – la L56 – presentata dall’Austria e sostenuta dall’Italia, sul contrasto alle armi autonome guidate dall’AI, un successo per la decennale campagna “Stop Killer Robots”. Vignarca: “Ora un trattato internazionale”.

Il 1° novembre 2023 la prima commissione (quella dedicata al Disarmo) dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato la prima risoluzione in assoluto mai discussa sulle armi autonome (i cosiddetti “killer robots” o LAWS) sottolineando la “necessità urgente per la comunità internazionale di affrontare le sfide e le preoccupazioni sollevate dai sistemi di armi autonome”. Dopo 10 anni di discussioni internazionali, in un contesto di rapidi sviluppi tecnologici, questo voto rappresenta un passo avanti fondamentale. Ed apre la strada alla negoziazione di una nuova norma internazionale sulle armi autonome.

Il mese scorso il segretario generale delle Nazioni Unite (UNSG) e il presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC) avevano lanciato un appello storico “per stabilire urgentemente nuove regole internazionali sui sistemi di armi autonome, al fine di proteggere l’umanità” entro il 2026. Pur non spingendosi fino alla richiesta di negoziati, questa risoluzione rafforza la fiducia in un percorso normativo internazionale e segnala la necessità di intraprendere un’azione politica urgente per salvaguardare dai gravi rischi posti dai sistemi di armi autonome.

La Risoluzione L56 è stata presentata dall’Austria e sostenuta da un gruppo eterogeneo di Stati interregionali, tra cui l’Italia che l’ha sostenuta come co-sponsor. Il testo riconosce “il rapido sviluppo di tecnologie nuove ed emergenti” e fa riferimento alle “serie sfide e preoccupazioni che le nuove applicazioni tecnologiche in ambito militare, comprese quelle relative all’intelligenza artificiale e all’autonomia nei sistemi d’arma, sollevano anche da prospettive umanitarie, legali, di sicurezza, tecnologiche ed etiche”. Esprime inoltre preoccupazione per “le possibili conseguenze negative e l’impatto dei sistemi d’arma autonomi sulla sicurezza globale e sulla stabilità regionale e internazionale, compreso il rischio di una corsa agli armamenti, l’abbassamento della soglia di conflitto e la proliferazione, anche verso attori non statali”.

La risoluzione chiede inoltre al segretario Generale delle Nazioni Unite di preparare un Rapporto che rifletta le opinioni degli Stati membri e degli osservatori sui sistemi di armi autonome e sui modi per affrontare le relative sfide e preoccupazioni che essi sollevano da prospettive umanitarie, legali, di sicurezza, tecnologiche ed etiche e sul ruolo degli esseri umani nell’uso della forza. Il Rapporto includerà anche le opinioni di altre parti interessate, tra cui le organizzazioni internazionali e regionali, il Comitato internazionale della Croce Rossa, la società civile, la comunità scientifica e l’industria. La risoluzione decide inoltre che l’ordine del giorno provvisorio dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del prossimo anno includa un punto all’ordine del giorno intitolato “Sistemi di armi autonome letali”, fornendo un’ulteriore piattaforma all’interno dei forum delle Nazioni Unite per gli Stati che intendono intraprendere azioni per affrontare questo problema.

Nel corso della seduta della Prima Commissionle del 1 novembre ben 164 Stati hanno votato a favore della risoluzione L56, solo 5 contro mentre sono state 8 le astensioni. La risoluzione porterà ora alla creazione di un processo che consentirà a tutti gli Stati di presentare le proprie opinioni sulle armi autonome e dovrebbe stabilire una chiara tabella di marcia per la negoziazione di un nuovo trattato sull’autonomia delle armi. Le discussioni per l’adozione di uno strumento giuridico sull’autonomia delle armi sono state precedentemente bloccate da una minoranza di Stati militarizzati. All’Assemblea generale delle Nazioni Unite questi Stati non hanno il potere di veto.

Le armi autonome suscitano profonde sfide legali, etiche, umanitarie e di sicurezza che devono essere affrontate con urgenza, dato che le armi con alcune funzioni autonome vengono già utilizzate nei conflitti. La disumanizzazione e l’uccisione di persone da parte delle tecnologie con Intelligenza Artificiale in contesti militari è inaccettabile e avrà conseguenze terribili nelle attività di polizia, nel controllo delle frontiere e nella società in generale.

Migliaia di esperti e scienziati di tecnologia e IA, la campagna Stop Killer Robots di cui anche Rete Pace Disarmo fa parte, Amnesty International, Human Rights Watch, il Comitato internazionale della Croce Rossa, 26 premi Nobel e la società civile in generale hanno sempre chiesto di negoziare con urgenza un nuovo strumento legale internazionale che affronti la questione dell’autonomia dei sistemi d’arma e garantisca un controllo umano significativo sull’uso della forza.

“I 164 voti a favore della risoluzione contro le armi autonome all’Assemblea Generale ONU sono un risultato clamoroso – sottolinea Francesco Vignarca, coordinatore campagne della Rete Pace Disarmo. Questa Risoluzione è un passo significativo verso la negoziazione di una nuova norma internazionale. Lo slancio politico è chiaro ed esortiamo ora gli Stati a fare un passo in più per impedire la delega di decisioni di vita e di morte alle macchine. Siamo poi particolarmente soddisfatti della posizione presa dall’Italia, sia nel voto finale sia con la decisione di sostenere la Risoluzione L56 presentata dall’Austria. È tempo di un nuovo Trattato internazionale vincolante che garantisca un significativo controllo umano sull’uso della forza: questo voto è un chiaro passo nella giusta direzione.”

Fonte: https://sbilanciamoci.info/allonu-primo-no-ai-killer-robots/

CERVELLO INTESTINO - UN LEGAME INDISSOLUBILE
Il ruolo del microbiota intestinale nelle nostre relazioni fisiche, mentali e psicoemozionali
di Stefano Manera

Cervello Intestino - Un Legame Indissolubile

Il ruolo del microbiota intestinale nelle nostre relazioni fisiche, mentali e psicoemozionali

di Stefano Manera

Una guida eccellente per le scelte alimentari.

Questo libro è fondamentale per capire come la salute del microbiota intestinale influisce sull’asse cervello-intestino e può aiutarti a prevenire e risolvere tantissime patologie.

Microbiota: un benefico amico. È assolutamente chiaro che il mondo in cui viviamo sia dominato dai batteri. I microbi abitano questo pianeta da centinaia di milioni di anni e quindi, da molto più tempo rispetto agli esseri umani. Non è mai esistito un tempo in cui il nostro corpo non sia stato abitato dai microbi e non ne sia stato influenzato.

Poiché ci siamo evoluti insieme al microbiota, sappiamo che esso svolge un ruolo chiave nella programmazione anche epigenetica di tutti gli altri sistemi corporei.

È molto interessante considerare che il nostro genoma ereditato è sostanzialmente stabile per tutta la vita dell’ospite, mentre il microbioma può essere molto dinamico e reattivo in relazione agli stimoli esterni e avere immense variazioni nel corso della nostra vita.

Tutto questo, naturalmente, può avere anche importantissime implicazioni terapeutiche.

Questo libro è fondamentale per capire come la salute del microbiota intestinale influisce sull’asse cervello-intestino e può aiutarti a prevenire e risolvere tantissime patologie.

“La chiave per un microbiota sano è una dieta che non dovrebbe includere i cibi altamente trasformati. Il libro fornisce un’eccellente guida per quanti sono interessati al benessere.” -(Ted Dinan)

Un’analisi completa e documentata sulle ultime scoperte relative al microbiota intestinale e al suo ruolo fondamentale sul sistema immunitario: ne emerge anche in pieno la sua azione di condizionatore e scambiatore di informazioni tra intestino e cervello.

La comunicazione tra i due è bidirezionale: cambiando la composizione del microbiota si possono ottenere effetti sulle malattie dell’organismo ma anche del cervello.

L’autore analizza la natura del microbiota fornendo informazioni, tra le altre, su:

  • l’essere umano come ecosistema ampio che include molti altri esseri viventi
  • interazioni tra microbiota e nervo vago e Sistema Nervoso Centrale
  • interazioni tra microbiota e sistema immunitario
  • il ruolo di cibo, movimento, inquinamento, stress ecc. sul microbiota e la sua comunicazione con il cervello
  • l’importanza del microbiota per la socialità, il superamento delle paure e il comportamento
  • malattie su cui si può intervenire con l’implementazione equilibrata del microbiota: (intestino irritabile, depressione, ansia, disturbo bipolare, dipendenze, obesità, dolore cronico, fibromialgia, Parkinson, Alzheimer, sclerosi multipla ecc...)

Completano l’opera un capitolo sui cibi fermentati a cura di Marco Fortunato e una sezione di ricette elaborate dalla chef Valentina Ferri.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *