Pandemia, ecco la “Fase 3”: l’Odio contro i “non vaccinati”!

di Paolo Gulisano
Con il proclama di Draghi del 22 Luglio è iniziata la terza fase della gestione della pandemia, che è quella dell’odio, della feroce intolleranza nei confronti dei non vaccinati, che diventano non solo dei cittadini di serie B, discriminati, derisi e perseguitati, ma addirittura additati come eventuali responsabili del permanere dell’emergenza pandemica.
Pur di umiliare i non vaccinati si vuole addirittura cancellare la deontologia medica. In realtà, se la pandemia non è finita è solo perché siamo ancora alla Tachipirina e vigile attesa dopo più di un anno.
Con il proclama di Draghi del 22 Luglio è iniziata la terza fase della pandemia. La prima scattò con lo stato di emergenza del 2020, con la strategia delle chiusure, e soprattutto con la narrazione di un virus mostruoso, invincibile, davanti al quale non c’era alcuna possibilità di cura. La seconda fase è iniziata il 27 dicembre 2020, con l’avvento del vaccino, sola ed unica salvezza, “Luce e speranza” come l’ebbe a definirlo papa Bergoglio nell’omelia di Natale.
Sono passati sette mesi, ed è ormai sempre più evidente che il vaccino non è il Messia annunciato…

Vai all’articolo

“Non Vaccinati”, sarete stanati e perseguitati…

di Diego Fusaro

Sempre più si andrà incontro a un vero e proprio scontro, se non anche ad una guerra civile, contro i “non vaccinati”, indicati dall’ordine del discorso come i responsabili della diffusione del virus.

Non vaccinati, sarete stanati e perseguitati: quello che sta accadendo con la variante Delta deve farvi temere il peggio. Il 40% dei contagiati dalla variante Delta del coronavirus coincide con soggetti che si sono già sottoposti alla doppia dose del vaccino Pfizer. A svelarlo è “Il Giornale” con un articolo del 29 giugno 2021. Alla luce di tale articolo, vi sono alcune domande che non possiamo esimerci dal porre e che dovrebbero indurre a una riflessione critica e a una problematizzazione delle verità inerziali coloro i quali non siano definitivamente in…

Vai all’articolo