L’Olocausto non è iniziato con i Campi di sterminio. È iniziato con Propaganda, Allarmismo, Capri espiatori e Segregazione

Le similitudini e i parallelismi dell’attuale accanimento politico e sociale contro i non vaccinati con la persecuzione degli ebrei al tempo del nazismo sono impressionanti e non possono essere negati o lasciare indifferenti.

A dirlo sono a volte gli stessi ebrei, come Maurice de Hond a sostegno del recente intervento pubblico di Thierry Baudet, leader del partito populista olandese Forum-for-Democracy (FFD), che ha paragonato le politiche discriminatorie del governo olandese nei confronti dei non vaccinati a quelle degli ebrei durante la seconda guerra mondiale, con tanto di documentazione tecnica di confronto. Ovviamente ha suscitato le solite reazioni di lesa maestà dell’establishment politically correct, ipocrita e ambiguo che reagisce compostamente come per noblesse oblige.

Che si indignino pure ma le cose stanno esattamente così, come potrebbe confermare qualsiasi storico dotato ancora di dignità e autonomia critica. Del resto della popolazione che di storia è solitamente di un’ignoranza spaventosa, non possiamo certo attenderci che lo capiscano, ma forse lo capiranno quando sarà troppo tardi anche per loro.

Anche nel caso della persecuzione degli ebrei tutto è iniziato gradualmente, a piccoli passi, con la propaganda martellante, inducendo la società a discriminarli con ostilità facendogli svolgere la funzione di capro espiatorio di ogni fallimento e difficoltà. Poi dopo alcuni anni sono stati rinchiusi nei ghetti e poi nei campi di concentramento e sterminio.

Il 94enne sopravvissuto ad Auschwitz, Marian Turski, in tutti i suoi interventi pubblici invita sempre a non essere indifferenti limitandosi a fare da spettatori passivi, ma intervenire per impedire che avvengano discriminazioni e per proteggere i diritti delle minoranze.

Quindi è più che giustificato citare quel periodo storico rapportandolo con il nostro. (Cav. Dottor Claudio Martinotti Doria – https://claudiomartinotti.blogspot.com/2021/11/lolocausto-non-e-iniziato-con-i-campi.html)

Thierry Baudet, leader del partito populista olandese Forum-for-Democracy (FFD), ha suscitato indignazione tra l’establishment quando ha paragonato le politiche discriminatorie del suo governo nei confronti dei non vaccinati a quelle degli ebrei durante la seconda guerra mondiale. In un post su Twitter di domenica scorsa, Baudet ha dichiarato: “La situazione attuale può essere paragonata agli anni ’30 e ’40. I non vaccinati sono i nuovi ebrei; gli esclusori ignoranti sono i nuovi nazisti e membri del NSB (Movimento nazionalsocialista nei Paesi Bassi). Ecco, l’ho detto”.

Le dichiarazioni di Baudet sono in risposta a una newsletter del sondaggista Maurice de Hond, in cui ha espresso preoccupazione per la proposta del governo di vietare luoghi specifici a tutte le persone non vaccinate. De Hond, che è ebreo, riconosce lo stesso modello di lenta e sistematica esclusione delle persone che imita “le esperienze dei miei genitori di un periodo che è la pagina più nera della nostra storia”.

Com’era prevedibile, la sinistra ha immediatamente lanciato attacchi contro il leader popolare. Il vice primo ministro uscente dei Paesi Bassi e ministro della Salute, Hugo de Jonge, ha definito le dichiarazioni di Baudet “disgustose, totalmente inappropriate e molto offensive per molte persone”. Inoltre, Sigrid Kaag, leader del partito di sinistra Democratici 66, ha commentato su Twitter, “danneggia gravemente l’autorità e la dignità della Camera. Mi vergogno per questo”. Per esemplificare ulteriormente la sconcertante verità nelle dichiarazioni di Baudet, molti hanno chiesto il suo arresto.

Disumanizzare i Non Vaccinati

È pericoloso qualificare le persone (i non vaccinati) come capri espiatori, fonti di malattie o profittatori, spiega il partito FvD. Storicamente, ci sono stati (e ci sono) esempi vasti e conclusivi del copione del genocidio che iniziano tutti con la disumanizzazione politica e sociale della popolazione “incriminata”.

Il partito di Baudet ha spiegato che prima e durante la seconda guerra mondiale, i tedeschi comuni furono così accecati dalla propaganda che in realtà incoraggiarono la caccia agli ebrei. Sono stati così severamente sottoposti a lavaggio del cervello che si sono sentiti moralmente obbligati ad aiutare a facilitare la lenta e miserabile scomparsa di persone e famiglie innocenti. I paralleli con le politiche di oggi sono scioccanti.

Secondo Hugo de Jonge, solo le persone vaccinate si assumono la responsabilità sociale. Le persone non vaccinate sono “antisociali” e quindi meritano di essere espulse dalla società. Inoltre, chiunque si lascia pungere lo fa disinteressatamente “per gli altri”. Chi non si lascia pungere “vive solo per se stesso”. Secondo la propaganda di stato, le persone non vaccinate uccidono i vaccinati occupando i letti d’ospedale, impedendo alle persone vaccinate di subire un intervento chirurgico.

Paralleli Scioccanti

Sei milioni di ebrei non hanno accettato di morire nelle camere a gas. È iniziato con piccoli passi misurati. Baudet ha confrontato l’esclusione sistematica dei non vaccinati con l’esclusione degli ebrei negli anni ’30 e ’40. Sorprendentemente, c’è molta somiglianza nel modo in cui gli ebrei sono stati trattati durante gli anni che hanno preceduto la guerra. C’è questa somiglianza anche nelle “misure” prese. Già il 1 aprile 1933 lo stato tedesco organizzò un boicottaggio di imprenditori e professionisti ebrei. Nel settembre 1935, lo stato approvò una legislazione completa e restrittiva sulla nazionalità e la cittadinanza. Gli ebrei sono stati collocati al di fuori della “comunità del popolo tedesco” con queste leggi.

Nei Paesi Bassi, iniziò quando agli ebrei fu proibito di lavorare nel servizio di protezione aerea il 1 luglio 1940. Questo fu seguito dal bando agli ebrei dal servizio governativo. Allora gli ebrei non erano più i benvenuti nei mercati di Amsterdam. A novembre è stata annunciata la sospensione dei dipendenti pubblici ebrei; sarebbero poi stati licenziati il ​​21 febbraio 1941. Il 7 gennaio, agli ebrei fu proibito di visitare i cinema. Pochi giorni dopo, tutti gli ebrei dovevano registrarsi. In vari luoghi pubblici comparvero cartelli con la scritta “Ebrei non graditi”.

Blocco per gli Ebrei…

Austria e Paesi Bassi hanno recentemente implementato blocchi solo per i non vaccinati. Allo stesso modo, in passato, i Paesi Bassi avevano solo blocchi per gli ebrei. Il partito FvD di Baudet ha dettagliato le misure che sono state prese contro gli ebrei prima della seconda guerra mondiale:

10 gennaio 1941: registrazione obbligatoria nei Paesi Bassi di tutte le persone “interamente o in gran parte di sangue ebraico”.

12 marzo 1941: gli studenti ebrei non possono più studiare all’università.Gli ebrei non potevano più avere una propria compagnia.

1 maggio: ai medici ebrei è stato vietato di curare i non ebrei.

1 aprile: agli ebrei di Haarlem non era più permesso di entrare in caffè, ristoranti, cinema, teatri, biblioteche e piscine.

31 maggio: agli ebrei era vietato visitare le piscine e le spiagge. Inoltre non potevano più affittare stanze in alcune località balneari o visitare luoghi pubblici in quelle zone.

1 settembre: agli studenti ebrei è stato proibito di frequentare le scuole regolari e le istituzioni educative.

15 settembre: agli ebrei era vietato visitare parchi, zoo, caffè, ristoranti, biblioteche, hotel, teatri, cinema e musei. Inoltre, agli ebrei non era più permesso di viaggiare o trasferirsi senza permesso. Da quel momento nelle strade apparvero i cartelli ‘Proibito agli ebrei’.

20 ottobre: il Consiglio ebraico è obbligato a registrare tutti gli ebrei nei Paesi Bassi. C’era anche un nuovo regolamento che vietava agli ebrei di esercitare determinate professioni.

Il 22 ottobre: ​​agli ebrei fu chiesto di lasciare associazioni e fondazioni non ebraiche.

5 dicembre: tutti gli ebrei non olandesi dovevano presentarsi per “emigrazione volontaria”.

9 gennaio: l’istruzione pubblica per gli ebrei è stata vietata a gennaio.

23 gennaio 1942: le carte d’identità degli ebrei furono contrassegnate con la lettera ‘J.’

3 maggio: introduzione della stella ebraica, che segna efficacemente il destino degli ebrei nei
Paesi Bassi.

5 giugno: divieto assoluto di viaggio per gli ebrei.

12 giugno: agli ebrei era proibito fare acquisti all’aperto in determinati orari e gli era permesso di entrare solo in un numero limitato di negozi. Inoltre non erano più autorizzati a praticare sport.

30 giugno: imposto il coprifuoco. Gli ebrei dovevano essere a casa tra le 20:00 e le 6:00.

6 luglio: agli ebrei non era più permesso di visitare i non ebrei.

Le somiglianze con le persone non vaccinate di oggi nei Paesi Bassi e in molti paesi del mondo sono scioccanti. Le leggi vengono cambiate esclusivamente per implementare politiche sui vaccini, mettendo le persone non vaccinate nella stessa terrificante posizione degli ebrei nell’Europa degli anni ’30.

I non vaccinati vengono già licenziati in molti paesi, cosa che anche il primo ministro olandese Mark Rutte sta cercando di attuare come legge. Le persone senza un pass per il vaccino, o “Passaporto verde” (come viene chiamato in gran parte dell’Europa), non possono più viaggiare con i mezzi pubblici. In Canada, ai non vaccinati non è nemmeno più permesso di lasciare il loro paese. L’Austria ha provato a imporre misure di blocco a circa due milioni di persone non vaccinate. Ora lo stato impone le vaccinazioni per l’intera popolazione. Guarda le seguenti clip di agenti di polizia austriaci che monitorano il rispetto del blocco per i non vaccinati:

 

Auschwitz non è caduto dal Cielo

All’inizio dello scorso anno, il 94enne sopravvissuto ad Auschwitz Marian Turski ha tenuto un discorso durante la commemorazione del 75° anniversario della liberazione del campo. Il polacco, che fu imprigionato nel campo nel 1944, lancia un avvertimento: riconosci i segni. “Auschwitz non è apparso dal nulla. Quindi si potrebbe dire, come si dice in polacco: non era una cosa ovvia implicita”.

Il campo nazista non è caduto dal cielo”, ha ricordato al suo pubblico, “ma è stato il punto di arrivo di un processo iniziato con l’esclusione: dalle panchine dei parchi, dai negozi di alimentari, dai cori, dalle piscine e dai circoli sociali. Una volta stabilita una nuova realtà di stigmatismo, segregazione ed esclusione, è stato un facile passo successivo quello di spogliare di ulteriori diritti, disumanizzare ed estinguere brutalmente quella minoranza“.

“Ma attenzione, attenzione, stiamo già cominciando ad abituarci a pensare che si può escludere qualcuno, stigmatizzare qualcuno, alienare qualcuno. E lentamente, passo dopo passo, giorno dopo giorno, è così che le persone gradualmente acquisiscono familiarità con queste cose. Sia le vittime che i carnefici e i testimoni, quelli che chiamiamo spettatori, iniziano ad abituarsi ai pensieri e alle idee, che questa minoranza che ha prodotto Einstein, Nelly Sachs, Heinrich Heine e Mendelssohn è diversa, che possono essere espulsi dalla società, che sono persone straniere, che sono persone che diffondono germi, malattie ed epidemie. È terribile e pericoloso. Questo è l’inizio di ciò che può svilupparsi rapidamente“.

Turski, insieme alla sua famiglia, è stato costretto nel ghetto di Lodz e successivamente deportato ad Auschwitz, ha invitato le persone a non rimanere indifferenti quando le persone vengono discriminate e “ogni volta che un governo viola i contratti sociali comuni già esistenti”.

Il sopravvissuto ha implorato le persone di rimanere fedeli al suo undicesimo comandamento: “non essere mai uno spettatore”. Si è poi rivolto alle figlie e ai nipoti, avvertendoli di “difendere la costituzione, difendere i vostri diritti, difendere il vostro ordine democratico, difendere i diritti delle minoranze” e, soprattutto, “non siate indifferenti”. Turski ha spiegato: “se diventi compiacente, prima che tu te ne accorga, una sorta di Auschwitz apparirà improvvisamente dal nulla e colpirà te e i tuoi discendenti“.

Guarda il potente discorso di Marian Tursk:

 

L’Olocausto non è iniziato con i campi di sterminio. È iniziato con propaganda, allarmismo, capro espiatorio e segregazione. Sfortunatamente, i confronti con la Germania nazista degli anni ’30 e ’40 sono validi. Non permettere a nessuno di dirti il ​​contrario.

Visto su: https://claudiomartinotti.blogspot.com/2021/11/lolocausto-non-e-iniziato-con-i-campi.html

Fonte: https://www.databaseitalia.it/lolocausto-non-e-iniziato-con-i-campi-di-sterminio-e-iniziato-con-propaganda-allarmismo-capri-espiatori-e-segregazione/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.