Registrata una misteriosa Onda Sismica globale che causa Terremoti

L’11 novembre scorso è stata registrata una misteriosa onda sismica che ha viaggiato per il mondo, durata più di 20 minuti. Da allora, ci sono stati una serie di terremoti multicontinentali, dall’Africa all’Asia e all’America.
Lo strano evento ha avuto inizio a circa 24 chilometri dall’isola francese di Mayotte, situata al largo della costa dell’Africa sud-orientale, dopo di che ha attraversato il continente africano e gli oceani, raggiungendo il Cile, la Nuova Zelanda, il Canada e le Hawaii. Nessun essere umano ha percepito il movimento tellurico, ma lo strano segnale è stato rilevato dai sismogrammi in tempo reale del US Geological Survey. (USGS).
La cosa curiosa è che nessuno specialista potrebbe spiegare perché queste onde sismiche si sono verificate. La bassa frequenza e diffusione globale le colloca, infatti, nel campo dell’inusuale…

Vai all’articolo

HAI MAI DATO UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SEZIONE DEI LIBRI SUPER-SCONTATI?

I suicidi di massa di pecore

Negli ultimi decenni avvengono sempre più spesso fenomeni ancora poco compresi nel regno animale: ogni anno da qualche parte nel mondo gli animali si suicidano in massa.
Il fenomeno riguarda moltissime specie, specialmente gli uccelli. Un evento tanto curioso quanto agghiacciante è il suicidio di massa di uccelli di Jatinga in India: incredibilmente ogni anno alla fine dei monsoni migliaia di uccelli (addirittura oltre 40 specie diverse) si alzano in volo per schiantarsi contro case, automobili e sulle strade, concentrando i suicidi in poche ore.
A cosa sono dovuti questi suicidi di massa? Beh, si possono fare solo supposizioni, perché gli studi in questo senso procedono a rilento. C’è chi pensa siano dovuti a onde elettromagnetiche anomale, generate dalla tecnologia dell’uomo che disturbano o alterano gli animali; qualcuno ipotizza che la causa siano i repentini cambiamenti climatici, come tempeste o il surriscaldamento globale; c’è poi chi pensa si tratti di patologie particolari che fanno letteralmente impazzire i soggetti…

Vai all’articolo

SCOPRI I BENEFICI DERIVANTI DALL'ASCOLTO DI MUSICHE RILASSANTI TERAPEUTICHE

Il Mistero del cadavere e della tomba di Napoleone Bonaparte

di Giovanni Zucconi
“Les Invalides”, a Parigi, è una delle mete obbligate per chi visita la capitale francese.
Un tempo era un ospedale-ospizio, sempre pieno di feriti e di mutilati che le numerose guerre sostenute dalla Francia producevano in continuazione. Adesso non è più frequentato da sfortunati soldati, ma da milioni di turisti che vengono, da ogni parte del mondo, a rendere omaggio alla tomba di Napoleone Bonaparte.
Tra questi turisti ci fu, in una triste mattina di giugno del 1940, anche Hitler, che si tolse il cappello davanti l’imponente tomba di porfido rosa, e fece un commosso atto di ossequio. Ma c’è chi sostiene che questa bellissima tomba non contiene le spoglie dell’Imperatore, ma quelle di un’altra persona, purtroppo non facilmente identificabile.
Lo storico francese Bruno Roy-Henri, afferma, in un suo libro, che il corpo di Napoleone fu sepolto dagli Inglesi nell’abbazia di Westminster. Un giornalista, Retif de la Bretonne, nel suo libro dal titolo “Inglesi, restituiteci Napoleone”, sostiene la medesima tesi, e cioè che il governo di Londra avesse emanato l’ordine, mai revocato, di portare in Gran Bretagna il cadavere di Bonaparte già all’inizio del suo esilio a Sant’Elena. Del resto, anche Napoleone, pochi giorni prima della sua morte, il 27 marzo 1821, scriveva: “Ho desiderato più volte la morte. Non la temo. Per me morire entro 15 giorni sarebbe una fortuna (…) La sola cosa da temere è che gli inglesi vogliano conservare il mio cadavere e seppellirlo a Westminster”

Vai all’articolo

Il mistero irrisolto di Nan Madol: le rovine che fanno sognare Atlantide

Leggende di città perdute come Atlantide e El Dorado hanno sempre affascinato l’umanità nel corso dei secoli, a causa del loro mistero. Ma al largo delle coste della Micronesia si trova una vera e propria città misteriosa chiamata Nan Madol.
Nan Madol rimane uno dei misteri veramente inspiegabili del mondo. Le rovine di questa città abbandonata, in parte sommersa, siedono sulla riva orientale dell’isola di “Pohnpei”, nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico meridionale. Pohnpei è una piccola isola che fa parte delle “Isole Senyavin”, che a loro volta fanno parte del più ampio arcipelago delle “Isole Caroline”.
Si tratta di un sito unico nel suo genere, in quanto è l’unica città antica conosciuta costruita in cima ad una barriera corallina e, soprattutto, per il modo in cui è stata edificata…

Vai all’articolo

Misteri irrisolti

Passo Dyatlov

Alcuni strani, inspiegabili, misteri che non hanno mai trovato una risposta.
Il misterioso incidente del Passo Dyatlov
Nel 1959, dieci studenti neo-laureati ed esperti escursionisti decisero di sfidare le pendici dei monti Urali. Durante il percorso uno di loro si fermò, per motivi di salute, nell’ultima zona abitata, mentre gli altri procedettero verso il monte Otorten, ‘il monte della morte’.
I nove ragazzi avanzarono verso la cima e il primo febbraio, vicini alla vetta, costruirono un campo base per trascorrere la notte. Durante la notte, furono però indotti (non si sa da cosa o da chi…) a lacerare la tenda e fuggire seminudi e senza scarpe, con una temperatura esterna di – 30°C. Si fermarono nei pressi di un albero a circa un chilometro e mezzo dal campo base, dove tentarono disperatamente di accendere un fuoco…

Vai all’articolo

Sarà pubblicato il Manoscritto Voynich, un libro che nessuno potrà leggere!

Sarà pubblicato il Manoscritto Voynich, un libro che nessuno potrà leggere!

È uno dei libri più misteriosi del mondo, un manoscritto medievale scritto in una lingua sconosciuta o in un codice che nessuno ha ancora decifrato.

Gli studiosi cercano da tempo di decifrare il manoscritto di Voynich, il cui intrigante mix di scrittura elegante e disegni di strane piante e donne nude, ha fatto credere a qualcuno che abbia poteri magici.

L’usurato libro è oggi al sicuro nella Biblioteca Beinecke di libri rari e manoscritti dell’Università di Yale (Stati Uniti) e usato solo raramente. Ora però, dopo 10 anni di richieste, la Siloe, una piccola casa editrice spagnola, si è assicurata i diritti per riprodurre il documento.

«Toccare il Voynich è un’esperienza», dice Juan José Garcia, il direttore della Siloe, «È un libro con una tale aura di…

Vai all’articolo

Cosa accadde nel 1561 nei cieli di Norimberga?

14 aprile 1561: il fenomeno celeste di Norimberga.

Il “fenomeno celeste di Norimberga” è un evento accaduto a Norimberga il 14 aprile 1561, quando, secondo le cronache del tempo, la popolazione vide comparire in cielo numerosi oggetti volanti, di varie forme, che ingaggiarono fra di loro una sorta di combattimento.
Da notare che qualcosa di analogo si verificò, cinque anni più tardi, anche a Basilea. Le cronache del tempo riportarono l’accaduto con dovizia di particolari, affinché della vicenda ne rimanesse chiara memoria. Inoltre, furono eseguite diverse incisioni su legno e stampe su carta. L’avvenimento durò circa un’ora e terminò quando diversi oggetti precipitarono al suolo, alla periferia della città, causando un incendio…

Vai all’articolo