Contro Green Pass “abietto” sindacati di Polizia, Finanza e Militari. Atto Congiunto tra Rappresentanti di Forze dell’Ordine e Forze Armate

Green Pass: “Una misura abietta, mortificante, discriminante e surrettizia che si prepone come obiettivo dichiarato quello di forzare l’adesione vaccinale, facendo leva sul diritto al lavoro e sulle libertà inviolabili dell’uomo”.
In alcuni miei articoli precedenti avevo sollevato dei dubbi sulla riuscita di questo regime autoritario e violento in atto nel nostro paese, tendente ad annullare la Costituzione e le leggi primarie rinforzate (regolamenti comunitari – UE), per proseguire a suon di decreti legge dispotici e distopici che sono contrari agli interessi del popolo e della nazione, ma funzionali all’élite finanziaria dominante, rappresentata a livello esecutivo da quest’oligarchia politico burocratica che ci governa e che non è eletta dal popolo e non lo rappresenta.
Tra i dubbi che ponevo vi era quello inerente la posizione che avrebbero assunto le Forze dell’Ordine e le Forze Armate, si sarebbero schierate per difendere la Costituzione sulla quale hanno giurato fedeltà e di conseguenza il popolo italiano, o si sarebbero asservite agli interessi oligarchici liberticidi? Questo presa di posizione costituisce una prima inequivocabile risposta.
Introduzione di Claudio Martinotti Doria…

Vai all’articolo

Il Governatore della Florida fa causa al CDC!

Prendiamo esempio dal patriota DeSantis. Potremmo portare questa idea anche in Italia.
DeSantis ha intentato una causa contro il Centers for Disease Control presso il tribunale federale, che mira a ritenere il CDC responsabile per aver inflitto danni economici alle imprese della Florida con misure di blocco draconiane.
Hai capito? DeSantis ritiene l’imposizione delle restrizioni anti-Covid-19 illegali, un danno all’economia delle aziende del suo Stato. Quando divevamo che la Costituzione italiana non permette allo Stato di chiudere delle attività private, non stavamo mentendo. Lo Stato non ha alcun potere per limitare la libertà di impresa, nemmeno in caso di emergenza pandemica. Non può limitare la libertà di impresa, non può limitare la libertà di circolazione. Qualcuno prima o poi, per queste decisioni, sarà severamente punito…

Vai all’articolo

Cunial alla Camera: “non ci sono più scuse, il vostro tempo è finito”

di Sara Cunial
Ecco il mio intervento del 2 novembre alla Camera, dopo le parole di Conte che annunciano il nuovo Dpcm, un’altra valanga di regole assurde e l’ennesimo affronto al popolo italiano.
“Mi auguro che i lauti ristori che sono già nei vostri conti siano sufficienti, perché non ci sarà una Sant’Elena che vi potrà mai ospitare. Nessuno vi potrà mai perdonare per tutto il male che state facendo all’Italia ed agli italiani.
Caro Presidente e cari Ministri, nessun fuoco può essere coperto, le piazze ve lo dicono a gran voce nonostante le “Forze Nuove” assoldate da parte dei servizi segreti inglesi e italiani siano sempre lautamente pagate dal sistema per nutrire il terrorismo di Stato.
Con i vostri falsi positivi non contagiosi, le mani sporche di amuchina, il vostro mondo sterile e i vostri cuori malati a tal punto da sacrificare sempre e solo i nostri figli, abbassate le vostre mascherine per fumare una sigaretta che nuoce gravemente alla salute, ma non permettete agli italiani una boccata di sano ossigeno…

Vai all’articolo

Prove di Regime

di Max Del Papa
Prove di Regime: i pieni poteri, l’intolleranza dei tolleranti, la ferocia dei “buoni”, il silenzio-assenso di Mattarella.
Ci sono gli aspetti eclatanti, costituzionali – anzi, anticostituzionali – di un regime in fieri: i pieni poteri, la reiterazione del terrore emergenziale, gli oppositori spediti a processo, la censura sulle risoluzioni del sinedrio virologico.
E poi ci sono le spie, i segnali che passano e vanno ma non sono meno gravi, meno allarmanti: questi propedeutici a quelli. Frutto apparente di sventatezza, di avventurismo ma forse è il contrario, una tortura sottile, autorigenerante, una pressione psicologica continua e metodica. Ci sono i marines spediti a pattugliare la spiaggia a Ventimiglia come fosse la Normandia, soldati in assetto contro pericolosissimi bagnanti; c’è la polizia calata nei sotterranei della metropolitana a intimidire, a multare quelli che negl’inferi surriscaldati non sopportano la mascherina e se la calano…

Vai all’articolo