Strade sicure in Italia? Sembra una battuta!

di Vanessa Seffer
Si rivedono i militari per le vie delle nostre città. Sarà una nuova riedizione dell’operazione “Strade Sicure”? Ma neanche per sogno!
L’operazione “Strade Sicure” era iniziata il 4 agosto 2008, sulla base della Legge 24 luglio 2008, nr. 125, che prevedeva la possibilità di impiego di personale militare appartenente alle forze armate per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità, in aree metropolitane o densamente popolate. Esigenze di di prevenzione della criminalità, appunto. Il personale delle forze armate era stato posto a disposizione dei prefetti che poteva impiegare i militari per servizi di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, nonché in perlustrazione e pattuglia congiuntamente alle forze di polizia…

Vai all’articolo

Australia: Nuovo Disegno di legge per arrestare i “Teorici della Cospirazione” del Covid 19

Le manifestazioni attuali sono scoppiate in Australia, poiché gli australiani hanno sfogato le loro frustrazioni e hanno tentato di riprendere il controllo delle loro comunità dopo che un’ondata di casi di covid 19 ha spinto il governo a riattivare alcune delle misure di distanziamento sociale più draconiane del mondo.
E se c’è una cosa che terrorizza i governi sempre più tirannici, è una perdita di controllo della narrativa, motivo per cui il governo australiano sta facendo un salto nel frenare i cosiddetti “teorici della cospirazione” che osano diffondere informazioni che mettono in dubbio la paura da loro mercanteggiata, utilizzata per mantenere i cittadini australiani sotto chiave.
Si prevede che questa settimana un nuovo disegno di legge sarà discusso dal Victoria State Government nel parlamento statale. Questo darebbe alle autorità il potere di trattenere “con la forza” i “teorici della cospirazione” e le persone sospettate di diffondere probabilmente il covid, come i manifestanti anti-lockdown e i loro stretti contatti…

Vai all’articolo

Il Covid-19 come amplificatore del livello medio di “Rincoglionimento” degli italiani

di Elisabetta Scarpelli
Come ripeto da tempo, il Declino dell’Italia è prima di tutto nel cervello delle persone, non solo a livello di visione economica, sociale, politica, ideologica.
Come ripeto da tempo il covid-19 è stato un acceleratore di molti trend (vedi quello del Declino e della trasformazione in VenezuItalia) ma anche un amplificatore del peggiore “rincoglionimento” già presente nella maggioranza degli italiani. Per esempio, l’atteggiamento iper-protettivo da paranoidi nei confronti dei bambini, oppure il non accettare più la morte come qualcosa di naturale, pensando che la medicina possa risolvere sempre tutto, che lo Stato debba risolvere sempre tutto, che qualcuno possa risolvere sempre tutto…

Vai all’articolo

Gli scienziati scrivono al Governo: ”Clima terroristico, mettete fine all’Emergenza sanitaria”

di Cesare Sacchetti
Una lettera dettagliata nella quale si chiedono punto per punto chiarimenti precisi sull’intera gestione della crisi da Covid.
È l’iniziativa presa da scienziati e medici che hanno deciso di scrivere al presidente del Consiglio, al ministro della Salute e ai governatori delle Regioni per chiedere chiarimenti su molti punti controversi di questa situazione.
Nel gruppo dei firmatari ci sono il professor Pasquale Bacco, la dottoressa Antonietta Gatti, il dottor Mariano Amici, la professoressa Carmela Rescigno, il dottor Fabio Milani e la dottoressa Maria Grazia Dondini.
Nella missiva, si parte subito da un primo presupposto fondamentale. Il Covid-19 non è il mostro che è stato descritto all’opinione pubblica. Gli scienziati, a questo proposito, tendono subito ad evidenziare che questo agente patogeno non si è rivelato affatto più mortale dei precedenti virus influenzali…

Vai all’articolo