Il CDC classifica le persone decedute entro 14 giorni dalla vaccinazione come “non vaccinate”

Un nuovo studio dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie  (CDC) viene utilizzato dai media tradizionali per indurre gli americani a ricevere i vaccini contro il Covid.

Yahoo Finance ha pubblicato un articolo dal titolo: “I residenti di Los Angeles non vaccinati avevano 29 volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale con COVID-19: studio CDC”. Citando il rapporto settimanale sulla morbilità e la mortalità della contea di Los Angeles pubblicato martedì, anche i notiziari locali hanno promosso l’affermazione secondo cui “i residenti non vaccinati della contea di Los Angeles hanno 5 volte più probabilità di contrarre il COVID, 29 volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale”.

Guardando uno screenshot rilasciato dal CDC, si possono osservare le definizioni di ciò che considerano “completamente vaccinato”, “parzialmente vaccinato” o “non vaccinato”. Secondo il grafico “nella categoria ‘non vaccinati’ sono compresi anche coloro che hanno ricevuto da meno di 14 giorni la prima dose di 2, o la prima dose del vaccino a dose singola, o coloro di cui non sono disponibili dati nel registro delle vaccinazioni”.

Ciò significa che se qualcuno è stato ricoverato in ospedale, o peggio… ricoverato in terapia intensiva, o hanno applicato la ventilazione meccanica, o addirittura è morto entro due settimane dalla vaccinazione, costui viene catalogato come “non vaccinato”.

Sfortunatamente, poiché i dati non sono abbastanza specifici, non sappiamo quante persone veramente non vaccinate siano state ricoverate in ospedale o siano morte di Covid nella contea di Los Angeles, da maggio a fine luglio.

L’intero rapporto dunque può sostanzialmente essere gettato nella spazzatura grazie all’inclusione dei “vaccinati di recente” nella categoria dei “non vaccinati”.

Questi dati intenzionalmente fuorvianti vengono ora utilizzati per violare i diritti del popolo in tutti gli Stati Uniti, mentre gli obblighi di vaccinazione e i passaporti vaccinali vengono implementati a livello nazionale.

Qualcosa di analogo nella sostanza anche se diverso nella metodologia sta accadendo anche in Italia, dove i vaccinati ricoverati e positivi vengono spostati in reparti non covid. In questo modo appare che tutti coloro che vengono ricoverati sono “non vaccinati”, alterando così totalmente le statistiche (ndr).

Fonte originale: https://www.globalresearch.ca/trust-science-cdc-counts-people-dying-within-14-days-jab-unvaccinated/5754065

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.databaseitalia.it/il-cdc-classifica-le-persone-decedute-entro-i-14-giorni-dalla-vaccinazione-come-non-vaccinate-come-mai/

Libri e varie...
COVID
Il virus della paura
di Giulio Tarro

Covid

Il virus della paura

di Giulio Tarro

La fallimentare gestione dell'emergenza COVID, resa possibile anche dalla supina accettazione di tanti "esperti" proni ai loro sponsor, rischia di riproporsi con la fantomatica prospettiva di un "ritorno dell'epidemia" prefigurando una società fatta di assurdi divieti e di vaccini obbligatori.

In questo libro l'analisi della passata emergenza e della società - costellata da assurdi divieti e vaccini obbligatori che ci stanno prospettando.

Dalla quarta di copertina

Continuano a terrorizzarci annunciando che dovremmo "convivere con il virus".

E così, mentre molti paesi tornano alla piena normalità, in Italia si prevedono mascherine per i bambini a scuola e vaccini per tutti. Lo impongono gli stessi che, pur di farci stare chiusi a casa per mesi, ci hanno terrorizzato raccontandoci di un virus 28 volte più letale di quello che era in Germania e impedendo che si sapesse che, già a marzo, i contagiati in Italia erano milioni.

Gli stessi che hanno impedito l'assistenza medica domiciliare obbligando così i malati a morire di infezioni ospedaliere (che, ogni anno in Italia, si portano via 50.000 persone). Gli stessi che hanno trasformato gli Italiani in ipocondriaci e in burattini manovrati da "esperti" in TV.

Questo libro, oltre a documentare su aspetti scientifici dell'epidemia (travisati da TV e giornali), analizza le menzogne, le incongruenze, gli errori, le inadempienze, le diffamazioni... che hanno trasformato una emergenza in una ecatombe e che ancora gravano sul nostro futuro.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *