Come i mancini vissero nei secoli: geni o “mano sinistra” del diavolo?

Secondo i dati, una persona su dieci sarebbe mancina. Nel corso del tempo i mancini si sono sempre dovuti adattare alla società e forse per questo hanno una mente più reattiva.
È opinione comune che i mancini siano abbastanza rari nelle popolazioni del mondo. Se ci fate caso, però, con ogni probabilità avete già incontrato qualcuno che predilige l’uso della mano sinistra anziché della destra nelle azioni di tutti i giorni; forse sono mancini anhe alcuni dei vostri amici e forse esistono sinistrorsi anche all’interno della vostra famiglia. Niente di strano, quindi, perché in termini di numeri si è scoperto che circa una persona su dieci è mancina. E sembra che anche in passato – qualsiasi periodo storico si prenda come riferimento – ci siano stati mancini tra la popolazione, e con lo stesso rapporto di circa un mancino ogni nove “destri”…

Vai all’articolo

La Spiritualità è nascosta nello spessore della corteccia cerebrale

La Spiritualità è nascosta nello spessore della corteccia cerebrale

Un gruppo di ricercatori fa un passo avanti nella scoperta delle basi biologiche della religione che, spiegano, potrebbe proteggere dalla depressione.
La spiritualità è un aspetto della vita quotidiana difficile da studiare con un metodo scientifico. Eppure oggi un gruppo di ricercatori del New York State Psychiatric Institute e della Columbia University sembrano essere riusciti a identificare almeno in parte le sue basi biologiche. Secondo i risultati dei loro studi, pubblicati su ‘JAMA Psychology’, l’importanza che un individuo attribuisce alla religione potrebbe dipendere dallo spessore della corteccia cerebrale, lo strato più superficiale del cervello.

La scoperta, già di per sé interessante, lo diventa ancora di più quando se ne scopre un ulteriore dettaglio. I suoi…

Vai all’articolo