DDL Zan-Scalfarotto, Malan (FI): “Attacco frontale alla libertà d’espressione e religione”

“Quello presentato in Commissione Giustizia della Camera, dal relatore, l’Onorevole Alessandro Zan è un testo ideologico, che costituisce un attacco frontale alla libertà d’espressione, e alla libertà religiosa”, dichiara il senatore di Forza Italia, Lucio Malan.
E continua: “Un ulteriore grave peggioramento rispetto alla versione pubblicata dall’Espresso nelle settimane scorse, perché introduce la pena del carcere fino a quattro anni per la sola appartenenza o assistenza, a organizzazioni che siano contrarie alle adozioni e ai matrimoni per le coppie dello stesso sesso”.
Malan conclude così: “Viene poi introdotta l’inquietante strategia nazionale per la prevenzione delle discriminazioni, che nella sua versione 2014, ancora non giustificata da una legge, portò ad un piano per fare entrare nelle scuole le associazioni LGBT, inclusa quella intitolata ad un ideologo della pedofilia. C’è anche l’accettazione acritica dell’ideologia gender, definendo chiaramente il genere, come distinto dal sesso. Un testo obbrobrioso, che lo stesso relatore ha ammesso essere stato redatto in collaborazione con le suddette associazioni LGBT, in pratica sotto la loro dettatura”

Vai all’articolo

L’Universtà di Yale e la Propaganda LGBT

di Enrico Ildebrando Nadai
L’Università di Yale supporta e sostiene ancora una volta le folli richieste LGBT.
Non ha purtroppo fatto notizia la preoccupante decisione dell’Università, di non finanziare coloro che vogliono compiere uno stage presso organizzazioni che non piacciono agli attivisti Lgbt. L’ateneo ha poi deciso di precisare che la regolamentazione andrà a castigare gli universitari che presteranno servizio presso associazioni che rifiutano l’assunzione di omosessuali e trans. In altre parole, lo studente, prima di svolgere gli incarichi lavorativi, è tenuto a preoccuparsi del grado di tolleranza che le organizzazioni in questione dimostrano nei confronti di gay, lesbiche e trans.
Un esempio lampante di imposizione ideologica…

Vai all’articolo

I Governi finanziano George Soros e lui finanzia Migranti, Gender, Rom, Detenuti, Legalizzazione droga e Colpi di Stato nel mondo!

Le Istituzioni pubbliche nazionali ed internazionali sono Partners (finanziatori) della Open Society Foundation di George Soros. Governi, UE, ONU, OMS, UNESCO, UNICEF, e moltissimi altri enti, sono nella lista dei finanziatori.
Già con questa scandalosa e spudorata ammissione ufficiale bisognerebbe prendere atto dell’origine di moltissimi problemi nazionali e non. Ma andiamo oltre, nel nostro piccolo, per cercare di capire cosa ci fa con i soldi pubblici, George Soros e la sua Open Society Foundation. Aiuta i terremotati, i poveri, i disoccupati, gli emarginati, le famiglie? NO! 
– La Open Society Foundation di George Soros finanzia i ROM europei.
– La Open Society Foundation di George Soros finanzia, secondo La Stampa, Il Giornale ed altri quotidiani, le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l’Italia, come Médecins sans frontières, Save the children, Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Proactiva Open Arms, Sea-watch.org, Sea-Eye, Life boat…

Vai all’articolo