DDL Zan-Scalfarotto, Malan (FI): “Attacco frontale alla libertà d’espressione e religione”

“Quello presentato in Commissione Giustizia della Camera, dal relatore, l’Onorevole Alessandro Zan è un testo ideologico, che costituisce un attacco frontale alla libertà d’espressione, e alla libertà religiosa”, dichiara il senatore di Forza Italia, Lucio Malan.

E continua: “Un ulteriore grave peggioramento rispetto alla versione pubblicata dall’Espresso nelle settimane scorse, perché introduce la pena del carcere fino a quattro anni per la sola appartenenza o assistenza, a organizzazioni che siano contrarie alle adozioni e ai matrimoni per le coppie dello stesso sesso“.

Malan conclude così: Viene poi introdotta l’inquietante strategia nazionale per la prevenzione delle discriminazioni, che nella sua versione 2014, ancora non giustificata da una legge, portò ad un piano per fare entrare nelle scuole le associazioni LGBT, inclusa quella intitolata ad un ideologo della pedofilia. C’è anche l’accettazione acritica dell’ideologia gender, definendo chiaramente il genere, come distinto dal sesso. Un testo obbrobrioso, che lo stesso relatore ha ammesso essere stato redatto in collaborazione con le suddette associazioni LGBT, in pratica sotto la loro dettatura“.

Pro Vita & Famiglia: “Ddl Zan-Scalfarotto è osceno. In piazza contro la dittatura”

Abbiamo finalmente letto il testo del progetto di legge, ed è osceno: con il ddl Zan-Scalfarotto possiamo affermare che la teoria del gender diventerà legge e che i bambini saranno obbligati a festeggiare l’identità transgender già dall’asilo, questo succederà in ogni scuola di ordine e grado. I genitori che vorranno opporsi all’indottrinamento rischieranno la galera o la multa. Signori, questa è la fine della libertà e l’entrata dell’Italia in una nuova dittatura: hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente Pro Vita e Famiglia onlus.

Avevamo sperato che la maggioranza e il Minculpop LGBT si rendessero conto dell’assurdità di certe iniziative e norme divisive e ad alto tasso di rischio ideologico, nonché della situazione critica economica del momento (che invece non ha impedito di stabilire fondi per 4 milioni di euro per le attività di prevenzione e il contrasto delle discriminazioni, come riporta il testo di Zan e Scalfarotto). Ma la maggioranza Pd-M5s ha deciso di invocare una legge violenta per tappare la bocca per sempre a chi dice che un bambino ha bisogno di papà e mamma. E questo è inaccettabile” hanno continuato Brandi e Coghe.

Non hanno ascoltato le tantissime voci che si levavano da tutta Italia – hanno poi concluso Brandi e Coghe – dalle femministe che non vogliono che nella legge ci sia un riferimento all’identità di genere, fino al mondo cristiano che con la Cei ha espresso il proprio parere negativo. Per questo scenderemo in piazza l’11 luglio in più di 100 città come stiamo organizzando attraverso il sito www.restiamoliberi.it, perché tornino il buon senso e la ragione e nessuno rischi di finire in carcere per le proprie idee e perché difende la famiglia! Non ci fermerà nessuno, in difesa di tutti”.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonti: www.vocecontrocorrente.itwww.provitaefamiglia.it

Libri e varie...
L'OSPITE INQUIETANTE
Il nichilismo e i giovani - Nuova edizione
di Umberto Galimberti

L'Ospite Inquietante

Il nichilismo e i giovani - Nuova edizione

di Umberto Galimberti

Un libro sui giovani, perché i giovani, anche se non sempre lo sanno, stanno male. E non per le solite crisi esistenziali che costellano la giovinezza, ma perché un ospite inquietante, il nichilismo, si aggira tra loro, penetra nei loro sentimenti, confonde i loro pensieri, cancella prospettive e orizzonti, fiacca la loro anima, intristisce le passioni rendendole esangui.

Le famiglie si allarmano, la scuola non sa più cosa fare. Solo il mercato si interessa di loro per condurli sulle vie del divertimento e del consumo, dove ciò che si consuma è la loro stessa vita, che più non riesce a proiettarsi in un futuro capace di far intravedere una qualche promessa.

Va da sé che, se il disagio non è del singolo individuo, l'origine non è psicologica ma culturale. Perciò inefficaci appaiono i rimedi elaborati dalla nostra cultura, sia nella versione religiosa perché Dio è davvero morto, sia nella versione illuminista perché non sembra che la ragione sia oggi il regolatore dei rapporti tra gli uomini.

Resta solo la "ragione strumentale" che garantisce il progresso tecnico, ma non un ampliamento dell'orizzonte di senso per la latitanza del pensiero e l'aridità del sentimento. C'è una via d'uscita? Si può mettere alla porta l'ospite inquietante?

Sì, se sapremo insegnare ai giovani l'"arte del vivere", come dicevano i Greci, che consiste nel riconoscere le proprie capacità e nell'esplicitarle e vederle fiorire secondo misura.

Se proprio attraverso il nichilismo i giovani, adeguatamente sostenuti, sapessero compiere questo primo passo capace di farli incuriosire e innamorare di sé, l'"ospite inquietante" non sarebbe passato invano.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *