Dottor Citro: “O sono ignoranti o Ordini Superiori volevano i morti”

di Denise Baldi
Il dottor Massimo Citro ha rilasciato un’intervista in cui elenca tutte le informazioni che le istituzioni hanno nascosto ai cittadini.
Massimo Citro è un medico chirurgo e ricercatore scientifico. Ha una specializzazione in Psicoterapia ed è il direttore dell’istituto di ricerca IDRAS. Tra le sue ricerche più significative troviamo il Trasferimento Farmacologico Frequenziale (TFF). È una metodica che permette di somministrare le proprietà farmacologiche di molte sostanze attraverso un circuito elettronico.
In una sua recente intervista, il dottor Citro non ha edulcorato i termini e ha iniziato il suo intervento dichiarando: “Questo secondo me è un colpo di Stato mondiale”. Il dottore ha affermato che l’infezione da SARS-CoV-2 è stata completamente stravolta dalla propaganda continua di istituzioni e giornali. Per lo psicoterapeuta le informazioni che il Ministero avrebbe dovuto passare agli italiani sono del tutto diverse da quelle che hanno generato paura, come i bollettini giornalieri della Protezione Civile…

Vai all’articolo

“Il Covid è come l’Hiv: non avremo mai il Vaccino”

di Emanuela Carucci
Le importanti dichiarazioni di Pasquale Mario Bacco che, con un team di medici, a febbraio aveva scoperto che il virus circolava già da ottobre scorso.
“Non ci sarà nessun vaccino”, lo dice senza troppi giri di parole Pasquale Mario Bacco, medico legale, che con un team di tredici colleghi, nel suo laboratorio con sede a Bari, studia il Covid-19 già da un po’ e già a fine febbraio, dati alla mano, aveva dimostrato che l’infezione polmonare circolava in Italia da ottobre scorso.
“A noi interessava capire l’incidenza laddove non si fosse manifestata la malattia”, dice a ilGiornale.it Bacco. Il gruppo di medici ha preso un campione di 7038 persone sane e senza sintomi, tutti dipendenti di aziende, ha effettuato i test sierologici a partire dal 25 febbraio scorso ed è stato scoperto che oltre il 30 per cento della popolazione italiana era entrata in contatto con il Covid-19, sviluppando gli anticorpi…

Vai all’articolo