La Turchia si è presa la Pernigotti grazie all’aiuto dell’Unione Europea

di Mauro Indelicato
Non è soltanto una questione di affezione al marchio, così come di empatia verso le 120 famiglie a cui a breve rischia di mancare la propria fonte di reddito. La paventata chiusura della fabbrica della Pernigotti è un affare che evidenzia la penalizzazione dell’Italia.
Roma non sta soltanto, come oramai da 25 anni a questa parte, svendendo tutti i propri gioielli imprenditoriali, grandi o piccoli, il caso della Pernigotti dimostra la costante penalizzazione del nostro paese e dei nostri prodotti operata dall’Unione Europea.
Da dove nasce il caso Pernigotti
Lo stabilimento dei gianduiotti e dei cioccolatini di Novi Ligure, è un pezzo di storia del Piemonte ed uno dei tanti casi di successo della piccola e media impresa italiana. Paolo Pernigotti, figlio del…

Vai all’articolo

HAI MAI DATO UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SEZIONE DEI LIBRI SUPER-SCONTATI?

Cosmonauta russo rivela: “gli Extraterrestri sono già in Contatto Telepatico con gli Umani”

di Sergej Demkin
L’Intelligenza Extraterrestre è già entrata in contatto con noi tramite messaggi mentali.
“Oggi molti terrestri riconoscono l’esistenza di un Creatore o di una Mente Superiore e quindi anche la presenza nell’Universo di altri esseri intelligenti da esso creati, che siamo soliti definire extraterrestri. Essendo dotati di intelligenza, nel corso del loro processo evolutivo, devono aver trovato il modo di scambiare informazioni non solo con i propri simili, ma anche con i rappresentanti delle altre forme di vita che si trovano nel cosmo. Per ora l’umanità, a causa delle proprie limitate possibilità tecniche, non è ancora riuscita a fare lo stesso. Ma l’intelligenza extraterrestre è già entrata in contatto con noi, tramite messaggi mentali, telepatici”

Vai all’articolo

SCOPRI I BENEFICI DERIVANTI DALL'ASCOLTO DI MUSICHE RILASSANTI TERAPEUTICHE

Nei boschi trentini, la “Caporetto” dei Sionisti

Quella che pochi giorni fa si è schiantata sul suolo italiano non era solo una perturbazione, non era solo un ciclone, non erano solo nuvole, pioggia e aria a 150 chilometri orari, era una vera e propria “dichiarazione di guerra”.
Quello che ha colpito, principalmente il Trentino, ma anche il Veneto ed il Friuli in maniera particolare, è stata una perturbazione anomala, che solo chi ha degli interi prosciutti dinnanzi agli occhi può credere normale. Intere distese boschive rase al suolo, come la “piana della Marcesina” quasi del tutto sparita, i boschi della Val di Fiemme rovinati e intere vallate al buio per oltre 24 ore, allagamenti, frane, crolli, ecc. ecc.
Persino i fatti di Savona cercano di farceli passare come “normali”: centinaia di auto posteggiate vicine alla costa, sarebbero bruciate perché la mareggiata bagnandole gli avrebbe fatto esplodere le batterie(!?)…

Vai all’articolo

È guerra… senza se e senza ma!

di Tom Bosco
I resoconti mediatici sui disastri climatici di questi ultimi giorni, tra danni e vittime sembrano più che altro un bollettino di guerra. E con ogni probabilità proprio di una guerra si tratta, pur se condotta con armi non convenzionali.
Il 29 ottobre già di prima mattina circolava l’immagine satellitare che segue, che purtroppo mancando di qualunque riferimento, lascia il tempo che trova: ma se rappresentasse davvero la situazione meteorologica nelle prime ore della giornata, evidenzierebbe proprio l’utilizzo su ampia scala sulla nostra penisola di sistemi d’arma esotici (leggi: HAARP e/o tecnologie elettromagnetiche similari) con le conseguenze che ora sono sotto gli occhi di tutti.
Verso mezzogiorno un mio caro amico si trovava nei dintorni di Muravera, qui nel sud della Sardegna, e ha fatto appena in tempo a scattare la foto che segue, a testimonianza di un evento climatico estremo, accompagnato da un forte rovescio di pioggia mista a grandine (cosa già singolare di per sé), che a suo dire non aveva nulla di naturale, accompagnato com’era da scariche elettromagnetiche per nulla assimilabili ai classici fulmini che conosciamo…

Vai all’articolo

La storia della “manina” che ha provato a inserire 117 milioni a favore della Croce Rossa

Manlio Di Stefano: “La storia della manina che ha provato a inserire 117 milioni a favore della Croce Rossa, è la dimostrazione di quello che stiamo denunciando”.
“Ve la ricordate la polemica sul famoso audio di Casalino? Le leggete anche voi le quotidiane prese in giro che subiamo quando parliamo di “manine” nei ministeri, che remano contro il Governo del Cambiamento? Bene, è ora che tutta questa gente chieda scusa”. Lo scrive su Facebook il deputato del M5S e sottosegretario di Stato al Ministero degli affari esteri, Manlio Di Stefano, che spiega: “La storia di Roberto Garofoli e dello stanziamento di ulteriori fondi a favore della Croce Rossa, senza che nessun ministro l’avesse incaricato a farlo, è la dimostrazione di quello che stiamo denunciando”

Vai all’articolo

Bombardamento climatico sull’Italia. Un avvertimento al governo?

Come ben vediamo gli eventi meteorologici sono sempre più estremi e devastanti. Tutto ampiamente preannunciato dall’attivismo mondiale.
Eppure la massa dei beoti continua a non porsi ancora alcuna domanda. Il 29 ottobre scorso, l’Italia è stata BOMBARDATA CLIMATICAMENTE. Diverse le regioni devastate con danni da vera e propria guerra. Se andiamo a guardare le immagini satellitari, facilmente reperibili in rete, possiamo notare quanto sosteniamo. Non ci vogliono lauree o chissà quali conoscenze per evidenziare le fortissime anomali climatiche.

Teniamo a precisare che nei giorni precedenti al disastro, ci sono state fortissime operazioni di aviodispersione a bassa quota.

Di seguito le immagini satellitari dal sito della NASA, dal 22 al 31 ottobre 2018. Da notare l’irraggiamento…

Vai all’articolo

Benetton: nuova campagna di Toscani dedicata all’ “Integrazione”

Volti dell’Italia che studia e che lavora… nelle immagini di Oliviero Toscani per Benetton.

La prima rappresenta un gruppo di studenti universitari di medicina. Tra loro ci sono una nigeriana, un’indiana, un ciadiano, un anglo-srilankese e un italo-nigeriano, che stanno studiando per dare il loro contributo all’interno del sistema sanitario nazionale… wow!

La seconda foto ritrae un gruppo di professionisti. Ci sono un agente di polizia della questura di Enna, un assessore all’Istruzione del comune di Scandicci, un sacerdote della provincia di Pavia, un imam di Roma e un medico e un avvocato di Milano. Le loro origini sono in Camerun, Senegal, Indonesia, Togo, Repubblica Democratica del Congo. Tutti lavorano per costruire un’Italia migliore! Evviva, come siamo…

Vai all’articolo

Folkerts Landau: “L’Italia, è il paese più virtuoso in Europa”!

di Fabio Lugano
“L’Italia, è il paese più virtuoso in Europa”, almeno secondo l’economista Folkerts Landau, capo della Deutsche Bank a Londra.
Folkerts Landau, economista e capo della Deutsche Bank a Londra, interviene spesso, come commentatore della situazione economica e dei mercati, su Bloomberg TV. Il 18 ottobre scorso, nel suo intervento ha parlato anche dell’Italia, sempre sul medesimo canale.
Nel video sotto potere ascoltare direttamente il suo intervento in inglese, questa è la traduzione: “L’Italia ha un surplus, se non per il pagamento degli interessi. La cosa più straordinaria è che lo sforzo fiscale dell’Italia è oltre ciò che chiunque altro ha fatto in Europa, ed ha accumulato surplus primari per il 13% del PIL, mentre la Germania solo il 5%

Vai all’articolo

Argentina, con il neoliberista Macri la povertà colpisce 11 milioni di persone

Le politiche neoliberiste sono fallimentari e deleterie per quelle nazioni che hanno la sventura di adottarle.
La narrazione propinata dal circuito informativo mainstream, martella sulla presunta crisi umanitaria che starebbe vivendo il Venezuela, dove il popolo sarebbe letteralmente ridotto alla fame, a causa delle politiche di segno socialista adottate dal governo Maduro. Ovviamente si tratta solo di bassa propaganda, per mascherare gli effetti nefasti delle dure sanzioni unilaterali imposte dagli Stati Uniti al governo di Caracas.
La narrazione propinata dal circuito informativo mainstream, martella sulla presunta crisi umanitaria che starebbe vivendo il Venezuela, dove il popolo sarebbe letteralmente ridotto alla fame, a causa delle politiche di segno socialista adottate dal governo Maduro. Ovviamente si tratta solo di bassa propaganda, per mascherare gli effetti nefasti delle dure sanzioni unilaterali imposte dagli Stati Uniti al governo di Caracas…

Vai all’articolo

La Città dei Ricordi

di Mauro Vanzini
“Ci restano ancora poche occasioni, amico mio, anima del mio passato, prima che i nostri atomi si disperdano lungo le vie della città dei ricordi.
Vincere le lacrime per chiederti un abbraccio, sarebbe per me troppo difficile; dirti che ti voglio bene, quasi impossibile.
Milano ci ha abbandonati troppo presto, già in quegli anni di ragazzi tutto si sgretolava, con i nostri sogni che volavano veloci fuori dai cortili, attraverso androni e portoni, balzando sopra i lampioni delle nostre venerate poesie.
Viste dall’alto, le luci delle sere di allora, sembrano adesso le stelle di una notte ormai serena, una notte senza più paure.
Anima che mi hai sfiorato, in quegli anni di mondo, spero che ci ricorderemo di noi, spero che una sera riusciremo a sederci ancora allo stesso tavolo, alla luce di una candela, per unire finalmente i nostri occhi in un momento di eternità”.
Poesia di Mauro Vanzini

Vai all’articolo

Amore

di Mauro Vanzini
Amore, come quello di una madre che culla il suo bambino, amore come il vento, il soffio che viene da lontano, per ricordarci che il mondo è infinito.
Amore come i colori delle foglie, che in autunno cambiano veloci, come veloce è il nostro tempo, un lampo dentro vortici di emozioni e lacrime indescrivibili.
Amore è questo nostro volo verso l’alto, fino alle stelle di Dio, amore è questo sentiero pieno di errori, gelido come una neve perenne.
Amore è la speranza delle nostre anime, la ricerca del calore, la preghiera nella fede, amore sono i nostri occhi che cercano amore, quando non troviamo il nostro abbraccio di gioia.
L’amore è la nostra vera musica, la corrente di un mare irresistibile, che ci porterà finalmente sulle rive del nostro segreto continente eterno, liberi dalle paure, e liberi finalmente dalla morte

Vai all’articolo

Fuoco Interiore

di Mauro Vanzini

Camminavo sulla terra fredda, nel dolore, alla ricerca di una casa, una famiglia.

Era l’inverno perenne, senza più stagioni,

sulla mia pelle e dentro il mio cuore non c’era che il gelo.

Oggi mi basta la più piccola bacca in un bosco,

per avere un intero universo davanti ai miei occhi,

e pochi petali di un fiore colorato, per essere finalmente nella mia vera casa.

Il mio Fuoco Interiore è un immenso tesoro, immateriale, invisibile,

eppure così intenso da scaldare il mio intero creato,

così luminoso da scacciare anche la sola idea di tenebre.

Adesso è caldo dentro e fuori di me, adesso tutto è vivo.

Grazie mio meraviglioso Dio!

Vai all’articolo