Alain Soral: avanza la dittatura mondialista sulla Francia

Il 13 Dicembre 2017, la pagina di Facebook del famoso filosofo e scrittore francese Alain Soral, è stata rimossa senza preavviso, così come una pagina del suo movimento “Égalité et Réconciliation”, sul quale si sono postati  più di 288 mila utenti.
La motivazione di chiusura delle pagine (non il blocco e la distruzione senza il diritto al ripristino) è stata la seguente: “FB non consente l’incitamento all’odio”. In un’intervista con Geopolitics.ru, Soral ha fatto notare che le pagine sono state cancellate senza commenti e spiegazioni dettagliate.
“Questo era il mio profilo personale, la pagina Facebook della mia associazione – Égalité et Réconciliation – e della casa editrice Kontre Kulture. Il pretesto era che presumibilmente le pubblicazioni su queste pagine contraddicevano alcune mitiche ‘regole di Facebook’, che in realtà non esistono”

Vai all’articolo

UNA REGOLARE ATTENZIONE AL TUO RESPIRO TI APRE UN UNIVERSO DI POSSIBILITÀ!
Molte persone non sanno respirare correttamente e finiscono per perdere vitalità e ammalarsi.
Le efficaci tecniche di respirazione raccolte in questo libro novità da Markus Schirner, docente esperto di kinesiologia, "Brain Gym" e "Touch for Health", sono di semplice esecuzione e ti donano immediatamente maggiore energia e salute.
Leggi il libro: ti accorgerai che cambiare il respiro trasforma totalmente la tua vita!
Ad esempio, prendere coscienza del proprio respiro è il modo più semplice e veloce per riportare i nostri pensieri al qui e ora.
Se il tuo respiro è inquieto, sarai dominato dalle emozioni e dai pensieri. Invece un respiro tranquillo ti restituisce il controllo.
Il libro, oltre alle 35 Tecniche di Respirazione per rigenerarsi, accuratamente spiegate, contiene anche una pratica tabella riepilogativa che puoi consultare per scegliere la tecnica di respirazione più adatta a te, che ti sarà utile per superare diversi disturbi a livello fisico, emotivo ed energetico...›››

L’ultima della UE: il web senza immagini (e senza idee). Si chiama censura. Io non ci sto. E tu?

di Marcello Foa
Ci stanno provando in tutti i modi da tempo, negli Stati Uniti e, soprattutto, in Europa.
Chi segue il mio blog sa come la penso: da quando l’establishment ha perso il controllo della Rete e soprattutto dei social media, veicolando idee non mainstream e favorendo l’affermazione di movimenti alternativi, quelli che vengono sprezzamentemente definiti “populisti”, ogni pretesto è buono per favorire misure per limitare la libertà di pensiero. Ci hanno provato usando l’ariete delle “Fake news” e il tentativo è ancora in corso, in queste ore stanno usando un altro grimaldello, il copyright.
Come ha denunciato, in perfetta solitudine, Claudio Messora su Byo Blu la Commissione Affari Legali del Parlamento europeo, su proposta dell’immancabile commisario tedesco Oettinger, ha dato il primo via libera alla legge sul Copyright, che di fatto, se verrà approvata anche in Aula, permetterà di introdurre misure censorie…

Vai all’articolo