Il Fascismo torna nell’Europa orientale, tollerato dall’Occidente, in funzione anti-russa

di John Wight

L’accondiscendenza al fascismo negli anni ’30 è giustamente considerato il punto più basso della democrazia liberale occidentale. Lo stesso atteggiamento oggi è, quindi, imperdonabile.

Qualcuno molto più intelligente di me una volta ha sostenuto che la storia si ripete, prima come tragedia, in secondo luogo come farsa. Il fatto che attualmente stiamo vivendo una recrudescenza del fascismo nell’Europa orientale, in stati alleati con l’Occidente, è più che una tragedia e certamente non è una farsa.

In Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina occidentale e Polonia la celebrazione e l’abbraccio di idee, iconografie, storia e ideologia fasciste è tornata con una sinistra vendetta. È quasi come se il periodo più devastante e barbaro della lunga e torturata storia d’Europa, degli anni ’30 e ’40, non abbia mai avuto luogo. È come se i vasti campi di sterminio della Seconda Guerra Mondiale in cui morirono milioni di persone – le sue fosse comuni, le esecuzioni e i campi di sterminio nazisti in cui il sistematico genocidio degli ebrei fu tentato su scala industriale – fossero una parodia.

Perché non c’è altra spiegazione possibile per la spensieratezza con cui l’Occidente ha ignorato il mostro del fascismo che è stato covato nell’Europa dell’Est di recente, consumato invece con un animus anti-russo, a tal punto che il fascismo è considerato di non poca importanza o un prezzo che vale la pena pagare.

Libri e varie...

Quando capisci che questa dinamica ha permesso l’ascesa e la crescita del fascismo in Europa negli anni ’30, coinvolgendo classi dirigenti occidentali che corteggiavano attivamente il fascismo come contrappeso alla crescente marea del comunismo e delle idee comuniste tra i propri lavoratori, nel contesto di una globale depressione economica, e che agli occhi delle classi dirigenti occidentali oggi la Russia e l’Unione Sovietica sono la stessa cosa, il quadro si fa più chiaro.

Perché proprio come allora all’Unione Sovietica era stato accordato il ruolo di “altro” malvagio in Occidente, così alla Russia è stato assegnato lo stesso ruolo oggi. Indipendentemente dal fatto che oggi puoi volare a Mosca da Londra, Washington o Parigi e potresti passare la giornata a fare shopping di vestiti nelle stesse catene e mangiare lo stesso cibo negli stessi ristoranti che hai lasciato. In altre parole, la Russia oggi è capitalista come “noi”, il che significa che la minaccia ideologica del comunismo è una nota a piè di pagina.

Eppure, nonostante ciò, il mantenimento di Mosca come una minaccia esistenziale è promosso in Occidente con passione e con tanto entusiasmo come quando la falce e il martello sventolavano orgogliosamente sul Cremlino. Perché? Bene, qui è dove le cose diventano strane. La funzione, l’obiettivo di questo esercizio di elevare una non minaccia a una minaccia esistenziale, è di spaventare i “bambini”, cioè le persone che vivono in Occidente, al fine di vincolarli ai loro “genitori” per la protezione, cioè le classi molto dominanti. E lo chiamano “interesse nazionale”, quando in realtà è “il loro” interesse presentato come interesse nazionale.

Ritornando all’argomento, questa minaccia immaginaria proveniente dal nemico immaginario che è la Russia, si sta propagando fino all’esaurimento in Occidente. Le commemorazioni annuali che rendono omaggio a estoni, lettoni e lituani che hanno prestato servizio nei reparti “Waffen” delle “SS” stabiliti in ciascuno di questi stati durante la seconda guerra mondiale, sono ora un appuntamento fisso, che si svolge con l’imprimatur e il sostegno del governo.

Ecco Michael Goldfarb, che scrive: “La tolleranza ufficiale per le marce che onorano coloro che hanno combattuto con le SS, fa parte di una tendenza generale negli Stati baltici e lungo tutti i confini orientali dell’Europa: un abbraccio di una forma di nazionalismo di esclusione che appartiene al diciannovesimo secolo, piuttosto che al 21esimo globalizzato. È il tipo di nazionalismo che ha sostenuto la teoria di Hitler”.

Nell’Ucraina occidentale, nel frattempo, a cinque anni dal violento colpo di stato di Kiev, che è riuscito a rovesciare il governo eletto del paese, il fascismo si presenta vestito con l’uniforme del regime golpe del reggimento del battaglione Azov, molto vicina ad un’insegna delle SS.

Libri e varie...

Nel 2018, l’autore e giornalista statunitense Max Blumenthal rivelò che quattro suprematisti bianchi, sotto accusa da parte dell’FBI, si erano recati in Ucraina per allenarsi con il battaglione Azov, scrivendo: “Dopo un’ondata di violenza razzista in tutta l’America, culminata nel massacro di [11 persone] ebrei in una sinagoga di Pittsburgh, la rivelazione che i violenti suprematisti bianchi hanno viaggiato all’estero per addestramento e indottrinamento ideologico con una milizia neo-nazista ben armata, dovrebbero destare estremo allarme.”

Accompagnare questa rinascita del fascismo e dell’ideologia nazista nell’Europa orientale, è stata una tendenza crescente del revisionismo storico relativo alla seconda guerra mondiale. Sotto i suoi termini nocivi, siamo invitati a credere che non esistesse alcuna differenza intrinseca tra l’Unione Sovietica e la Germania nazista, a prescindere dal ruolo indispensabile svolto dal primo nel sconfiggere il progetto genocida di quest’ultimo come parte della Grande Alleanza con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti.

Questa storia revisionista è stata quanto mai evidente durante il centenario della “rivoluzione russa” del 2017, catalizzatore di una linea di produzione di libri, documentari e articoli, pompata con l’obiettivo di demonizzare l’evento e associare l’Unione Sovietica di allora con la Russia di oggi.

In che altro modo giustificare la nuova Guerra Fredda e la sempre fiorente rete di pensatori e fondazioni neoconservatrici e liberiste la cui stessa esistenza dipende da questo fatto? E in che altro modo giustificare un gigantesco bilancio militare statunitense e la sopravvivenza della NATO a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino?

Per fare un esempio di questo revisionismo del XXI secolo, prendo in considerazione un frammento tratto da un pezzo di Simon Sebag Montefiore, sul The New York Times per celebrare il centenario della rivoluzione russa: Senza Lenin non ci sarebbe stato Hitler. Hitler doveva gran parte della sua ascesa al sostegno delle élite conservatrici che temevano una rivoluzione bolscevica sul suolo tedesco e che credeva di poter da solo sconfiggere il marxismo. E il resto del suo programma radicale era ugualmente giustificato dalla minaccia della rivoluzione leninista. Il suo antisemitismo, il suo piano anti-slavismo per il Lebensraum e soprattutto l’invasione dell’Unione Sovietica nel 1941, furono sostenuti dalle élite e dal popolo, a causa del timore di ciò che i nazisti chiamavano ‘giudaico-bolscevismo’.

Quindi, qui abbiamo Lenin e la Rivoluzione russa accusati di essere la causa dell’ascesa di Hitler e  del fascismo quasi due decenni dopo. Non è astratto, ma un fatto innegabile, che Hitler non era un prodotto di Lenin ma del “trattato di Versailles”, che costrinse la Germania alla fine della guerra in un classico esempio di pace cartaginese.

No, la verità scomoda è che la “levatrice” del fascismo nel terzo decennio del XX secolo, fu l’egemonia occidentale e il libero sistema economico che lo sostenne, e oggi è di nuovo la sua “ostetrica” nella seconda decade del XXI secolo.

Churchill disse: “Una persona conciliante è come uno che dà da mangiare a un coccodrillo, perché spera che questo lo mangi per ultimo”. Nell’Europa orientale i coccodrilli hanno fame.

Articolo di John Wight  – giornalista per vari siti e giornali fra i quali Independent, Morning Star, Huffington Post, Counterpunch, London Progressive Journal e Foreign Policy Journal.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-i_coccodrilli_hanno_fame_il_fascismo_torna_nelleuropa_orientale_tollerato_dalloccidente_in_funzione_antirussa/5871_27771/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *