Tutti morti i Medici che hanno scoperto gli enzimi del Cancro nei Vaccini

Negli Stati Uniti c’è stato un alto numero di medici uccisi, molti dei quali si trovavano in Florida, USA. Gli scienziati condividevano tutti un tratto comune, avevano scoperto che la proteina dell’enzima Nagalase veniva aggiunta ai vaccini che venivano poi somministrati all’uomo.

L’Enzima Nagalase è ciò che impedisce alla vitamina D di essere prodotta nel corpo, che è la principale difesa immunitaria che l’organismo ha, per uccidere naturalmente le cellule tumorali. 

Secondo Thebigriddle.com, Nagalase è una proteina creata anche da tutte le cellule tumorali. Questa proteina si trova in concentrazioni molto elevate anche nei bambini autistici. E stanno mettendo l’enzima Nagalese nei vaccini.

Ciò impedisce al corpo di utilizzare la vitamina D necessaria per combattere il cancro e prevenire anche l’autismo. L’enzima Nagalese disabilita il sistema immunitario. È anche noto il fatto che causa il diabete di tipo 2. Quindi fondamentalmente… questi dottori non sono stati uccisi perché avevano trovato la cura per il cancro o stavano curando con successo l’autismo… ma perché avevano le prove che i vaccini iniettati ai bambini incrementavano il numero di bambini affetti da cancro e autismo.

La vaccinazione collettiva è stata eseguita nella totale consapevolezza degli effetti collaterali. I dottori che hanno ucciso in Florida si stavano preparando a rendere pubbliche le loro ricerche, attraverso un resoconto dettagliato.

Il Dr. Broer consapevole del pericolo che correva, in un intervista troncata a più riprese, presso uno studio televisivo, disse che non era assolutamente intenzionato a suicidarsi. Esisteva un video con un resoconto parziale di quell’intervista, una clip di 19 minuti, ma ovviamente è stato rimosso da Youtube.

Fonte originale: https://www.dcclothesline.com

Fonte: https://toba60.com/i-medici-che-hanno-scoperto-gli-enzimi-del-cancro-nei-vaccini-trovati-tutti-assassinati/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *