Il “Cetriolo” di Schrödinger

L’OMS vorrebbe riconoscere la crisi climatica come un’emergenza sanitaria pubblica.

In un appello pubblicato su oltre 200 riviste scientifiche, scienziati di tutto il mondo chiedono che la “crisi climatica e naturale” venga dichiarata “emergenza sanitaria” perché le conseguenze della crisi climatica e la perdita di biodiversità devono essere combattute in modo concertato. In realtà dietro c’è qualcosa di completamente diverso.

In un appello coordinato, gli scienziati di oltre 200 riviste specializzate internazionali hanno chiesto che la “crisi climatica” venga riconosciuta come “emergenza sanitaria”. Il motivo è che le conseguenze della crisi climatica e della perdita di biodiversità rappresentano una minaccia anche per la salute, motivo per cui dobbiamo concentrarci sulla lotta a questi problemi.

Thomas Röper: “Chiediamo pertanto all’OMS di fare questa dichiarazione prima o durante la 77a Assemblea sanitaria dell’OMS nel maggio 2024“. Alla 77esima Assemblea sanitaria dell’OMS nel maggio 2024, l’OMS intende adottare il previsto trattato pandemico dell’OMS e le modifiche al regolamento sanitario internazionale che, secondo i critici del piano, renderebbero effettivamente l’OMS un governo mondiale.

La ragione di ciò è che dopo l’adozione delle modifiche, l’OMS potrebbe dichiarare un’emergenza sanitaria globale e avrebbe quindi un potere molto ampio per impartire istruzioni agli Stati membri.

Se la proposta che è stata avanzata venisse accettata, l’OMS potrebbe dichiarare un’emergenza sanitaria globale dovuta alla crisi climatica e alla perdita di biodiversità, acquisendo così il diritto di emanare direttive di ampia portata agli Stati membri dell’OMS, il che esautorerebbe i parlamenti degli Stati e abolirebbe di fatto la loro sovranità. L’OMS sarebbe quindi una sorta di governo mondiale. Dato che sembra abbastanza assurdo, lo spiegherò più in dettaglio.

Il RSI e il “Trattato sulle Pandemie”

Il Regolamento sanitario internazionale (RSI), entrato in vigore nel 1971, è una normativa vincolante dell’OMS ai sensi del diritto internazionale per prevenire e combattere la diffusione transfrontaliera delle malattie. È stato modificato e ampliato più volte. Più recentemente, è stato modificato nel 2005, a causa della crescente globalizzazione e della diffusione internazionale di malattie infettive come la SARS. Il RSI 2005 è stato recepito nel diritto tedesco nel 2013, attraverso la legge di attuazione dell’IGV.

La Germania si è quindi impegnata, ai sensi del diritto internazionale, ad attuare le misure raccomandate dall’OMS non appena dichiarerà una cosiddetta “emergenza sanitaria di rilevanza internazionale”. La decisione se un simile evento si sia verificato spetta al Direttore Generale dell’OMS, dopo aver consultato i suoi “esperti”. Presto, quindi, se la crisi climatica e la perdita di biodiversità venissero classificate come “emergenza sanitaria”, si potrebbe dichiarare l’emergenza molto rapidamente.

Tuttavia, il previsto trattato pandemico dell’OMS, che ha suscitato grande opposizione tra i critici dell’OMS perché conferirebbe all’OMS poteri molto ampi, dovrà ancora essere ratificato dai parlamenti degli Stati membri se verrà adottato in occasione della 77a Assemblea dell’OMS sulla salute nel maggio 2024, operazione che di solito può richiedere anni.

Ciò non si applica però alle modifiche al RSI, poiché la loro attuazione è già stata recepita nel diritto nazionale dagli Stati membri. Una volta adottato dall’Assemblea sanitaria dell’OMS, l’RSI modificato entrerebbe quindi automaticamente in vigore come “soft law” per ciascun Paese membro.

Per la sua adozione è sufficiente la maggioranza semplice degli Stati membri dell’OMSSecondo questo, se un Paese membro dell’OMS non volesse accettare questi cambiamenti, dovrebbe respingere esplicitamente le modifiche all’RSI entro dieci mesi dalla riunione dell’OMS del maggio 2024, altrimenti verrebbero automaticamente integrate nel diritto nazionale.

Il pericolo per la sovranità degli Stati deriva di conseguenza soprattutto dalle modifiche all’RSI, perché potrebbero essere adottate con la maggioranza semplice degli Stati membri dell’OMS ed entrerebbero in vigore quasi immediatamente. Il trattato sulla pandemia, invece, dovrebbe essere approvato con una maggioranza di due terzi e poi ratificato dagli Stati membri dell’OMS.

La critica alle misure previste dall’OMS riguarda esclusivamente il trattato sulla pandemia, mentre non si parla quasi dell’RSI. Ciò distoglie il focus della discussione dal pericolo reale e le modifiche al RSI potrebbero passare quasi inosservate mentre tutti discutono del trattato sulla pandemia.

L’RSI

Dal momento che il direttore generale dell’OMS e una piccola commissione di esperti dell’OMS decidono se e quando si verifica un’emergenza sanitaria internazionale o addirittura regionale, che costringerebbe gli Stati membri ad attuare le misure raccomandate dall’OMS, i critici sostengono che ciò minerebbe la sovranità degli Stati membri dell’OMS, minando così anche la democrazia. Inoltre bisogna mettere in discussione la composizione della commissione, perché ci sono lobbisti di ONG occidentali e aziende farmaceutiche che guadagnano miliardi da una pandemia, come ha dimostrato il Covid-19. Questi non sono quindi esperti neutrali impegnati solo nella salute globale.

I singoli Stati membri non hanno voce in capitolo nella decisione di dichiarare una pandemia. E altrettanto poco avrebbero voce in capitolo sulle contromisure da adottare dopo l’adozione del RSI e del trattato sulle pandemie. Ciò è stato spiegato dall’avvocato d’affari italiano Dr. Renate Holzeisen, critica delle riforme dell’OMS: “Nel nuovo articolo 12 del RSI è prevista l’estensione del meccanismo di emergenza internazionale alle sole presunte emergenze regionali, che possono essere stabilite dal Segretario Generale dell’OMS di propria autorità, senza che le autorità e il governo di quel Paese possano ancora prendere una decisione in merito a propria discrezione. Questo è l’impianto definitivo del meccanismo di autopotenziamento dell’OMS. Non ci sarà più un’autorità di controllo indipendente. In futuro, l’OMS potrà dichiarare lo stato di pandemia ancora più facilmente e costringere gli Stati membri a un regime di emergenza per un periodo ancora più lungo di prima – o in modo permanente“.

In totale sono previste oltre 300 modifiche al RSI. In sintesi, gli avvocati hanno descritto i tre punti chiave nel febbraio 2023 come segue:

  1. Ampliamento delle situazioni che costituiscono una PHEIC (PHEIC significa Emergenza Sanitaria Pubblica di Interesse Internazionale).
  2. Concessione di poteri all’OMS e alla sua Direzione Generale per l’Emergenza Sanitaria Legislativa Globale.
  3. Ampliare la portata dei poteri esecutivi di emergenza dell’OMS.

Se a questo si aggiunge il fatto che, secondo gli scienziati che hanno appena pubblicato l’appello in oltre 200 riviste scientifiche, l’OMS può anche usare la crisi climatica come pretesto per dichiarare un’emergenza sanitaria, allora diventa chiaro che si sta cercando un modo per istituire l’OMS come una sorta di governo mondiale. Dopo tutto, potrebbe dichiarare un’emergenza sanitaria senza che esista una malattia e dire agli Stati cosa fare in molti settori.

L’OMS

Chiunque pensi che l’OMS sia un’organizzazione neutrale e obiettiva, impegnata solo nell’assistenza sanitaria, si sbaglia. Negli ultimi anni l’OMS è stata “dirottata” dagli oligarchi occidentali, perché anche per l’OMS vale il detto: chi paga, ordina la musica.

L’OMS dispone di un budget annuale di oltre sei miliardi di dollari, anche se negli ultimi anni è cresciuto notevolmente, visto che nel 2015 era ancora intorno ai quattro miliardi. Secondo i dati pubblicati dall’OMS, gli Stati Uniti sono il principale donatore dell’OMS, rappresentando il 15% del budget, ovvero 624 milioni di dollari. La Fondazione Bill e Melinda Gates segue al secondo posto con quasi l’11% o 431 milioni di dollari. Il terzo maggiore donatore dell’OMS è GAVI, l’alleanza per i vaccini controllata anche da Bill Gates, che trasferisce 316,5 milioni di dollari all’OMS, ovvero quasi l’8% del budget dell’OMS. Ciò rende Gates il più grande finanziatore dell’OMS, poiché contribuisce con quasi il 19% al budget dell’OMS e quindi ha voce in capitolo nelle decisioni dell’OMS.

Dalla sua fondazione, la Fondazione Bill e Melinda Gates ha trasferito quasi 3,4 miliardi di dollari all’OMS. A ciò si aggiungono i suoi pagamenti indiretti, ad esempio tramite GAVI. L’influenza di Gates e di altri donatori occidentali sull’OMS è altrettanto grande, come ho mostrato in dettaglio nel mio libro “Inside Corona”.

Quando si tratta di combattere le malattie nei paesi poveri, l’OMS approva solo i medicinali delle aziende farmaceutiche occidentali, che ovviamente sono molto più costosi dei medicinali equivalenti provenienti, ad esempio, dall’India. Abbiamo visto la stessa cosa con il Covid, quando l’OMS ha approvato quasi esclusivamente vaccini occidentali per il suo programma di vaccinazione COVAX, dal quale Bill Gates, in quanto azionista dei produttori, ha guadagnato miliardi. I suoi versamenti all’OMS non sono donazioni generose, ma piuttosto investimenti molto redditizi.

La Preparazione

Bisogna capire tutto ciò, guardando l’attuale rapporto secondo cui il cambiamento climatico dovrebbe ora essere responsabilità anche dell’OMS, perché le aziende e le fondazioni occidentali hanno da tempo preso il potere nell’OMS. Dal 15 al 17 ottobre 2023, il World Health Summit 2023, durato tre giorni, ha riunito i massimi rappresentanti dell’industria farmaceutica globale per discutere di “Un anno cruciale per l’azione sanitaria globale”.

I media non ne hanno parlato, anche se la strategia mediatica nel “decisivo riallineamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità” è stata uno dei temi centrali della conferenza. Tra i relatori figurano oltre ai direttori di testate specializzate come The Lancet anche rappresentanti di Google e YouTube, che al World Health Summit hanno presentato le loro nuove strategie mediatiche per la salute. Ricordiamo tutti come, durante la pandemia, queste società internet abbiano censurato tutte le opinioni critiche nei confronti delle misure. Per inciso, tra i relatori c’erano solo pochi rappresentanti degli Stati, mentre alla conferenza erano presenti in gran parte ONG occidentali, fondazioni e aziende.

Nel periodo precedente al vertice, al presidente del vertice mondiale sulla sanità, Axel R. Pries, è stato chiesto in che modo il vertice sulla salute avrebbe contribuito a risolvere vari problemi che vanno dal “cambiamento climatico” alle “minacce alla democrazia”. Dalla sua risposta era chiaro che l’OMS sembra essere in procinto di portare tutte le questioni politiche ed economiche globali sotto la sua giurisdizione e di adattare di conseguenza la sua nuova agenda. La nuova agenda sarà poi attuata dai partner di cooperazione appena istituiti.

Pries ha detto: “Il vertice mondiale sulla salute riunisce le parti interessate e i decisori di tutti i settori rilevanti della politica, della scienza, del settore privato e della società civile in un’atmosfera amichevole. Ciò stimola la ricerca di nuovi approcci alle sfide future e crea nuove alleanze per la loro attuazione”. E queste alleanze sono difficili, come mostrano alcuni esempi.

+Le “Alleanze” e i Progetti

Nel marzo 2023 il portale austriaco tkp ha analizzato la versione allora attuale del contratto pandemico. Si è parlato anche di malattie che possono trasmettersi dagli animali all’uomo, scusa che è stata usata come pretesto per conferire all’OMS sempre più poteri nell’ambito del trattato pandemico. Tra le altre cose, si tratta anche di controllo sul cibo e sull’agricoltura.

In primo luogo, l’OMS dovrebbe acquisire il controllo sull’industria del pollame, afferma il rapporto tkp. Il pollame negli Stati contraenti dell’OMS dovrebbe essere controllato, monitorato e vaccinato in modo uniforme in tutto il mondo. Il nuovo trattato sulla pandemia stabilirebbe che la maggior parte delle malattie infettive nell’uomo sono causate dalla trasmissione del virus dagli animali.

Firmando l’accordo, un Paese riconosce che “la maggior parte delle malattie infettive emergenti hanno origine negli animali, compresi quelli selvatici e domestici, e poi si diffondono all’uomo”, cita il portale dalla bozza del trattato pandemico dell’OMS. Di conseguenza, le parti contraenti devono impegnarsi lealmente verso un “approccio One Health”, il cui ambito comprende la salute delle persone, degli animali e degli ecosistemi.

One Health è un argomento a parte perché è ancora una volta un progetto finanziato e controllato dalle società statunitensi. Entrare in questo ambito è eccessivo, ma si tratta anche di un progetto controllato dall’industria farmaceutica statunitense e da alcuni miliardari statunitensi, al quale devono sottomettersi gli Stati che firmano il trattato sulla pandemia.

Nell’aprile 2023 la Banca Mondiale ha lanciato un fondo di preparazione alla pandemia da 10 miliardi di dollari, apparentemente destinato a preparare economicamente gli stati alla prossima pandemia. I media non ne hanno parlato quasi mai, anche se i soldi di questo fondo finiranno probabilmente per tornare a coloro che hanno tratto profitto dall’ultima pandemia (produttori occidentali di vaccini, test, ecc.).
L’evento è stato annunciato dal segretario generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), Ngozi Okonjo-Iweala, su Twitter: “Oggi la Banca Mondiale ha lanciato il fondo di preparazione alla pandemia da 10 miliardi di dollari sostenuto dal G20 e da TheIndPanel. In qualità di co-presidente del comitato di alto livello sul finanziamento della preparazione alla pandemia che ha raccomandato questo fondo, è un piacere vederlo nascere. Capitalizziamo il fondo!”

Che il denaro finisca di nuovo a Bill Gates e ad altri oligarchi statunitensi non sarebbe una sorpresa, perché Ngozi Okonjo-Iweala, segretario generale dell’Organizzazione mondiale del commercio, dal 2015 è anche presidente del consiglio di amministrazione della lobby delle vaccinazioni GAVI, fondata da Gates e da lui controllata.

Nel maggio 2023, anche la Fondazione Rockefeller, inosservata dai media, ha stretto un’alleanza con l’OMS, come ha scritto in un comunicato stampa. Ancora una volta, si trattava principalmente di pandemie, ma anche il cambiamento climatico non poteva essere lasciato fuori, come scrisse Rockefeller: “Il cambiamento climatico aumenta sia il rischio di un’altra pandemia globale sia la necessità di collaborare e condividere dati”, ha affermato il Dott. Rajiv Shah, presidente della Fondazione Rockefeller. “Fortunatamente, il Pandemic Hub dell’OMS ci sta già rendendo più intelligenti e sicuri aiutandoci a monitorare le minacce, trovare soluzioni e connettere paesi e continenti. Siamo orgogliosi di lavorare con l’Hub per ampliare la sua attenzione sulla prevenzione delle pandemie causate dai cambiamenti climatici”.

Per combattere la presunta “disinformazione”, l’OMS ha concordato diverse collaborazioni. Secondo il trattato sulla pandemia, gli Stati membri devono spiare i social media. Per la gestione dell’ “infodemia”, Google sta preparando un programma di censura sui temi sanitari. Nel “Progetto Mercury”, anch’esso fondato da Rockefeller e controllato e finanziato da Rockefeller, viene valutata e ulteriormente sviluppata l’accettazione delle misure da parte di diversi gruppi di popolazione.

L’elenco delle “alleanze” e dei progetti che le menti dietro l’OMS, ovvero le multinazionali e gli oligarchi statunitensi, stanno pianificando non è affatto completo. Ma ciò dimostra che le modifiche previste all’RSI e l’introduzione del trattato sulla pandemia sono un progetto perfettamente pianificato con dietro molto più di quanto sembri a prima vista.

L’appello ora pubblicato in 200 riviste specializzate a porre il cambiamento climatico sotto l’autorità dell’OMS non sorprende se si vede che gli oligarchi statunitensi si stanno preparando da mesi per rendere il cambiamento climatico una questione dell’OMS.

La “Lotta Contro il Cambiamento Climatico”

Ciò che viene venduto al pubblico come una presunta lotta al cambiamento climatico è soprattutto una cosa: un gigantesco modello di business. Questo è ovvio, perché le aziende guadagnano denaro da tutto ciò che viene fatto nel corso della presunta lotta contro il cambiamento climatico. Se le case hanno bisogno di essere meglio isolate, le aziende producono i materiali necessari. Se si promuovono le auto elettriche e le stazioni di ricarica, i produttori ci guadagnano. Quando vengono installate le turbine eoliche, i loro produttori guadagnano denaro. Quando si tratta di somme in gioco, non parliamo di miliardi, ma piuttosto di trilioni di dollari.

Bill Gates ha capito da tempo che si possono guadagnare molti soldi nella “lotta contro il cambiamento climatico”, ed è per questo che ha fondato nel 2015 – insieme ad altri miliardari (tra cui Jeff Bezos, Mike Bloomberg, Richard Branson, George Soros e Mark Zuckerberg) – il fondo di investimento “Breakthrough Energy”. Il fondo investe nelle aziende che traggono grandi guadagni dal cambiamento climatico. Bill Gates e i suoi amici sono pronti a convogliare i fondi del Green Deal dell’UE verso le aziende in cui hanno investito direttamente o tramite Breakthrough Energy.

Quando il presidente degli Stati Uniti Biden ha annunciato dopo la sua elezione il suo programma infrastrutturale da 1,2 trilioni di dollari, dove la protezione del clima dovrebbe svolgere un ruolo importante, Gates ha annunciato che ne avrebbe donato un miliardo. Questo gli ha procurato una buona risonanza ed era uno stratagemma di pubbliche relazioni. Bill Gates è coinvolto, tra l’altro, attraverso Breakthrough Energy nelle aziende che poi ottengono gli ordini e con l’investimento simbolico di un miliardo, Gates si è assicurato l’accesso agli oltre 1.000 miliardi che Biden vuole immettere nel programma.

Anche Bill Gates non ha lasciato nulla al caso quando ha fondato Breakthrough Energy, fondandola nello stesso evento in cui il presidente Obama ha annunciato la “Missione Innovazione” in cui molti paesi occidentali si sono uniti per raccogliere fondi da destinare alla lotta contro il cambiamento climatico. Non c’è stato nemmeno un tentativo di nascondere il fatto che Mission Innovation e Breakthrough Energy vanno di pari passo e che il cambiamento climatico è solo una scusa per incanalare trilioni di denaro pubblico a Gates e ai suoi colleghi da spendere nella cosiddetta lotta contro il cambiamento climatico. La lotta al cambiamento climatico è un modello di business, non riguarda il clima.

Bill Gates si è già assicurato i soldi dell’UE che Ursula von der Leyen vuole spendere per il suo “Green Deal” questo decennio. Parliamo di un trilione di euro. Von der Leyen e Gates stessi lo dicono con orgoglio, perché è stata annunciata una partnership tra il “Green Deal” dell’UE e il fondo di investimento Breakthrough Energy e von der Leyen e Gates hanno pubblicato insieme un simpatico video promozionale.

Il Ruolo Centrale dell’OMS

L’OMS è stata silenziosamente trasformata in uno strumento molto potente da Gates e altri oligarchi statunitensi. Attraverso il Regolamento sanitario internazionale, l’OMS è probabilmente l’unica organizzazione internazionale che ha il diritto di dire agli Stati membri cosa devono attuare non appena l’OMS dichiara una “emergenza sanitaria pubblica”. Poi l’OMS decide molto, compreso il controllo dei giganteschi flussi di denaro che finiscono nelle tasche degli oligarchi statunitensi. Il Covid-19 lo ha dimostrato in modo impressionante.

In questo contesto diventa chiaro quale sia lo scopo delle modifiche al RSI e al contratto pandemico. Il fatto che il cambiamento climatico debba ora essere trasferito all’autorità dell’OMS è una mossa “intelligente” che amplierà enormemente il potere dell’OMS, o meglio, dei suoi sostenitori.

Ma difficilmente ci si può aspettare una protesta pubblica perché, in primo luogo, quasi nessuno sa tutto questo, e in secondo luogo, l’opinione pubblica mondiale è distratta dalle guerre in Ucraina e in Medio Oriente.

Resta da sperare che la maggior parte degli stati globali capisca questo trucco e lo respinga nel prossimo incontro dell’OMS nel 2024. Altrimenti, l’OMS otterrà la “legge di abilitazione” definitiva e diventerà di fatto una sorta di “governo mondiale” una volta dichiarata un’emergenza sanitaria pubblica.

Articolo tradotto da Alessia C. F. 

Fonte originale: https://www.anti-spiegel.ru/2023/die-who-soll-die-klimakrise-als-gesundheitsnotstand-anerkennen/

Fonte: https://www.orazero.org/il-cetriolo-di-schrodinger

I VACCINI SONO UN'ILLUSIONE
La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale. Cosa possiamo fare per riconquistare la salute
di Tetyana Obukhanych

I Vaccini sono un'Illusione

La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale. Cosa possiamo fare per riconquistare la salute

di Tetyana Obukhanych

Questo libro spiega in maniera scientifica perché il sistema vaccinale è basato su falsi principi ed offre indicazioni su come rafforzare il sistema immunitario in modo naturale.

In seguito alla crescente preoccupazione in merito alla sicurezza dei vaccini, la nostra società si è divisa fra chi è a favore del loro impiego, e chi invece è contrario.

Nel dibattito in corso, però, abbiamo perso di vista un problema più grande: le campagne di vaccinazione cancellano la nostra immunità naturale e mettono a rischio la vita dei più piccoli.

L'immunologa Tetyana Obukhanych in questo libro espone i motivi per cui i vaccini non possono assicurarci un'immunità duratura dalle malattie infettive e sono pericolosi per la nostra salute. Basandosi su fonti scientifiche accreditate, quali PubMed (la banca dati medica più autorevole al mondo), l'autrice ci spiega in maniera chiara:

  • perché la vaccinazione antinfluenzale può essere definita come una roulette russa e quindi poco efficace
  • l'inesistenza dell'immunità di gregge
  • i motivi dell'esagerazione forzata dei problemi derivanti dalle malattie infettive naturali
  • quali sono i rimedi naturali per il rafforzamento dell'organismo come vitamina A, vitamina D, omeopatia
  • come i vaccini possono aprire la strada all'invasione di varie malattie: allergie, dermatiti, esofagiti, reazioni ai metalli pesanti che contengono, ecc.
  • e molto altro.

Un'indagine approfondita di tutte le fonti a disposizione sul tema dei vaccini e dell'immunità naturale.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *