Gli indios Macuxi dell’Amazzonia, sostengono che esiste un mondo inesplorato all’interno del nostro pianeta

E se il “Viaggio al centro della Terra”, il classico di Jules Verne, non fosse fantasia? E da qualche parte, un nuovo mondo fosse in attesa di essere esplorato?
Un luogo nelle profondità del nostro pianeta, in cui in qualche modo, alcuni e diversi esseri viventi abitano; un luogo che appartiene a culture e civiltà che non si sapeva nemmeno esistessero…
Gli indiani Macuxi, sono indiani che vivono in Amazzonia, in paesi come il Brasile, la Guyana e il Venezuela. Secondo le loro leggende, essi sono i discendenti dei “figli del Sole”, il creatore del fuoco e protettore della malattia e della “Terra interiore”.
Varie leggende orali raccontano di una voce proveniente dalla Terra. Nel 1907, i Macuxi entrarono in una sorta di caverna attirati da una voce e viaggiando per 13 o 15 giorni, raggiunsero l’interno. E lì, “dall’altra parte del mondo, nella terra interna”, scoprirono creature giganti alte anche 3-4 metri. Secondo i Macuxi a questi giganti era stato affidato il compito di monitorare il passaggio davanti all’ingresso e impedire agli stranieri di entrare nella “Terra cava”…

Vai all’articolo

IL PERCORSO DI RINASCITA SPIRITUALE DI UN'ALLIEVA VICINA A MAMANI, CURANDERO ANDINO!
Hernàn Huarache Mamani, Curandero e grande divulgatore della cultura andina, ci ha lasciato importanti insegnamenti. Tra questi, il legame intenso con Pachamama (la madre Terra), la sacralità dell'elemento femminile, la donna come maestra dell'amore, la capacità di dirigere l'energia e la connessione con le proprie radici.
Lisa Corrao, l'allieva a lui più vicina, ripercorre in questo nuovo libro il proprio percorso di rinascita spirituale grazie agli insegnamenti del maestro.
È un percorso di iniziazione al seguito degli insegnamenti di Mamani.
È un invito, rivolto a tutti coloro che cercano la guarigione emotiva, mentale e spirituale, ad avvicinarsi al patrimonio di sapienza antica che costituisce la preziosa eredità ricevuta da Mamani... ›››

Nephilim

L’appellativo Nephilim (in ebraico הנּפלים), presente nell’Antico testamento (Torah), in diversi libri non canonici del Giudaismo e in antichi scritti cristiani, si riferisce ad un popolo creato dall’incrocio tra i “figli di Dio” (benei elohim, בני האלהים) e le “figlie degli uomini” (vedi Genesi 6:1-8), o giganti che abitavano la terra di Canaan (Numeri 13:33).
Un termine simile ma con un suono diverso, viene utilizzato nel Libro di Ezechiele (32:27) e si riferisce ai guerrieri filistei morti. Nella Bibbia la parola nephilim viene spesso tradotta come “giganti” o “titani”, mentre in altre traduzioni si preferisce mantenere il termine nefilim. La radice dunque più accreditata è l’aramaica “naphil” che significa letteralmente “Giganti”.
Come dice la bibbia, i giganti erano inizialmente esseri umani. Alcune versioni parlano di eroi famosi, guerrieri caduti o ancora angeli caduti e un’ennesima traduzione potrebbe essere “quelli che sono precipitati”, giacché il nome deriva dalla radice semitica nafal, che significa cadere

Vai all’articolo

Le leggende dei nativi americani parlano di antiche razze di Giganti

Diverse tribù di nativi americani hanno tramandato leggende su antiche razze di giganti bianchi.
Daremo uno sguardo ad alcune di queste leggende, comprese quelle dei Choctaw e dei Comanche negli Stati Uniti, fino ad arrivare ai Manta nel Perù.
CHOCTAW

Horatio Bardwell Cushman, ha scritto nel suo libro “History of the Choctaw, Chickasaw, and Natchez Indians” (Storia degli Indiani Choctaw, Chickasaw, e Natchez): «Nella tradizione dei Choctaw si parla di una razza di giganti, che un tempo abitava l’attuale Tennessee, contro la quale i loro antenati avevano combattuto quando…

Vai all’articolo

I misteriosi Giganti delle Isole Salomone

isole salomone

Le isole Salomone sono uno stato insulare del Pacifico (circa 922 tra isole vulcaniche e atolli corallini) che si trova a est della Nuova Guinea e a nord est dell’Australia.

Tra le isole più conosciute, troviamo quella di Guadalcanal (la cui capitale è Honiara) ma anche Malaita, Santa Isabel, Choiseul, San Cristobal e Nuova Georgia. Dal 1978, le isole Salomone sono uno stato indipendente, pur facendo parte del Commonwealth britannico.
Quest’arcipelago della Melanesia si caratterizza non solo per la straordinaria bellezza delle spiagge, delle acque e per la vigoria e la diversità di una…

Vai all’articolo