Tutti i benefici dell’Acqua di Cumino

Conosciuta anche come Jal jeera, è il rimedio naturale ideale per sgonfiare, aumentare il senso di sazietà, eliminare le tossine e favorire la digestione.

Chi l’avrebbe mai detto che l’acqua di cumino si rivelasse una così grande alleata per la salute: originaria dell’India, e molto utilizzata in tutto il continente asiatico, è in grado di apportare al nostro organismo innumerevoli benefici. Da noi, i semi di cumino (dal sapore amaro e dall’odore forte e dolciastro, grazie al contenuto di oli) sono conosciuti quasi esclusivamente per il loro uso in ambito culinario, ma la Jal Jeera, così come è nota in India, è una bevanda che apporta notevoli vantaggi al corpo.

Le proprietà dell’Acqua di Cumino
Volete conoscere alcuni dei suoi più importanti benefici? Innanzitutto,…

Vai all’articolo

★ Dalla meditazione alla pratica della gratitudine, la dimostrazione di come la scienza sia oggi giunta a confermare la validità delle pratiche spirituali più diffuse in Occidente!
(+ in Regalo il libro "Il Mondo Felice non è Utopia")
È uscito il nuovo libro del famoso biologo e scienziato Rupert Sheldrake, in cui analizza 7 diverse pratiche, passando in rassegna gli studi scientifici sui loro effetti.
Alla fine di ciascun capitolo suggerisce due modi in cui il lettore potrà fare esperienza diretta di tali pratiche in prima persona.
In generale, le pratiche religiose e spirituali rendono le persone più sane, più felici e meno depresse. E sono proprio gli studi scientifici a dimostrarlo.
Combinare insieme scienza e spiritualità rappresenta una sfida straordinariamente moderna.
Dalla meditazione alla pratica della gratitudine, dai rituali al canto ai pellegrinaggi e ai luoghi sacri, dal contatto con la dimensione dell’oltreumano alla relazione con le piante, Sheldrake dimostra come la scienza sia oggi giunta a confermare e corroborare la validità e l’efficacia di queste pratiche.
Se acquisterai "Scienza e Pratiche Spirituali" su Il Giardino dei Libri riceverai in omaggio il libro "Il Mondo Felice Non È Utopia" di Corrado Malanga. In questo libro l'autore ci stupisce ancora una volta, dimostrando come un mondo felice non sia un sogno né un’utopia, ma un’idea concreta e realizzabile, alla portata di ognuno di noi. Non aspettare troppo, l'omaggio è valido solo fino ad esaurimento scorte. ›››

Impiego pratico dell’Aloe: apparato circolatorio linfatico, osteo articolare, cura della pelle

Dr. Angela Tabarrini
L’Aloe, con le sue innumerevoli proprietà antiinfiammatorie, antisettiche, antibatteriche, gastroprotettive, può trovare utilizzo in moltissime patologie e disturbi.
Ecco un comodo elenco delle patologie cui può essere utile un trattamento con l’Aloe.
Apparato digerente:
Alitosi: Nei casi in cui sia dovuta ad una infiammazione boccale, spalmare su denti e gengive il succo puro due volte al giorno. Nei casi in cui sia legata ad una cattiva digestione utilizzare il succo per via interna.
Appetito: Specialmente nei casi di inappetenza infantile. Utilizzare 25 ml prima dei pasti principali.
Colite: L’azione antinfiammatoria, disintossicante e lenitiva lo rendono un ottimo rimedio per tutti i problemi legati al colon di natura infiammatoria e dolorosa.
Diarrea: Sembrerebbe quasi un paradosso, ma la presenza di sostanze ad azione antibatterica, antisettica ed antinfiammatoria, rende l’aloe un valido aiuto anche in questo caso. Inoltre regolarizza le funzioni dell’apparato gastro-digerente e dell’organismo…

Vai all’articolo

Disintossicarsi… respirando

Il nostro respiro è fondamentale per il nostro benessere fisico, mentale ed emozionale. Lavorare con il respiro può essere il metodo più semplice ed efficace per riconquistare la salute e la guarigione.
Utilizzando tecniche di respirazione yoga si può, senza sforzo, disintossicarsi, bruciare grassi e aumentare il metabolismo. Infatti portando più ossigeno, vitamine e minerali vengono più facilmente assorbiti, i globuli bianchi si moltiplicano e il sistema linfatico ne risulta migliorato. Attraverso l’espirazione le tossine vengono rimosse dal flusso sanguigno che rivitalizza gli organi e migliora la chiarezza mentale…

Vai all’articolo

Stanchezza primaverile: sistema linfatico con troppe tossine

Ripulire il sistema linfatico

Sonnolenza e stanchezza, sono tra i tanti sintomi che porta la primavera. I mesi primaverili rappresentano il momento del risveglio, della messa in moto del nostro corpo. Come mai avviene questo?
Perché in questo periodo il corpo si risveglia, i processi di disintossicazione sono più intensi del solito e se ci sono tante tossine in circolo, si manifestano anche sintomi di stanchezza. L’accumulo nel sangue di una grande quantità di prodotti tossici (tossiemia) ci fa ammalare. Fra i tanti sintomi abbiamo la stanchezza, ma anche la fibromialgia, la sindrome da fatica cronica……

Vai all’articolo

Aceto di mele, vero medicinale naturale

Aceto di mele

L’aceto di mele biologico è un rimedio popolare dalle potentissime e straordinarie virtù terapeutiche.
Contiene acido acetico e acido malico – che possono aiutare a debellare dal corpo i funghi e i batteri e in questo modo darvi sollievo dai dolori – calcio, potassio, betacarotene, vitamina C, B1, B2, B6, biotina, acido folico, niacina, acido pantotenico, fosforo e magnesio.

L’acido malico disintossica in modo naturale il corpo e dissolve l’acido urico, i cui i cristalli si depositano delle giunture causando artrite. Agisce anche sui calcoli dei reni, ammorbidendoli e riducendone la dimensione, in modo che possano passare facilmente e senza dolore nel tubo dell’uretra fino alla vescica e poi essere espulsi dal corpo con l’urina, causando meno danni. L’aceto di mele lavora come un antibiotico naturale e un antibatterico tonico

Vai all’articolo

10 Disintossicanti Naturali

detox

di E. Group
Esistono molte tecniche ed integratori utili per la disintossicazione dell’organismo. Una di esse è nutrirsi con alimenti naturalmente disintossicanti. Ecco un elenco di alimenti disintossicanti integrabili alla nostra dieta.

  1. Frutta
    Ricca di liquidi, aiuta l’organismo a lavare via le tossine. E’ anche molto digeribile e ricca di antiossidanti, nutrienti, fibre e vitamine.
  2. Ortaggi verdi
    Alghe verdi, orzo, gramigna, cavoli, spinaci, spirulina, erba medica, bietole, rucola, o altre verdure a foglia verde, contribuiscono ad apportare clorofilla all’apparato digerente.

Vai all’articolo